Narrativa

NANA’ A MILANO

Arrighi Cletto

Descrizione: "Dunque realismo! - proclama l'autore nella premessa al suo romanzo - E realismo vuol dire verità, vuol dire ricerca di ciò che veramente succede, sia pur doloroso e brutto; vivisezione, fisiologia palpitante, studio della vita quale essa si mostra, senza rispetti umani e senza reticenze." E l'esortazione è decisamente messa in atto nelle pagine del volume, che sono dense di vividi personaggi - primo fra tutti, la camaleontica protagonista Nanà, che, partita da Parigi, Arrighi fa capitare "per caso a Milano sullo scorcio del 1869" - e che fotografano un mondo, quello della Milano della seconda metà dell'Ottocento, con la lucidità di chi non è disposto a nascondere proprio nulla. "...Nanà giunta a Milano non era più né poteva essere più la stessa donna ch'ella era a Parigi. Io l'ho conosciuta nei pochi mesi che stette nella mia città, l'ho studiata e ho trovato che il mutamento avvenuto in lei era cosa degnissima di studio attento e profondo, e che il mondo milanese che s'aggirava intorno a lei sarebbe stato un vero peccato mortale se lo si fosse trascurato e non si fosse pensato da alcuno a portarlo innanzi ai lettori, fotografato a caldo in una fisiologia di costumi contemporanei."

Categoria: Narrativa

Editore: Modern Languages

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788849305661

PRIMA EDIZIONE

NANA’ A MILANO

Editore:

Anno: 1880

Info:

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

 

Nell’ottobre del 1866, moriva in Milano di pneumonite il vedovo conte Guglielmo O’Stiary dopo una fiera malattia di cinque giorni. Lasciava un milione al suo unico figlio Enrico, di passa vent’anni, col patto espresso nel testamento, ch’egli non potesse andar in possesso assoluto e dispotico della sostanza se non compiuti i ventiquattro, come portava la legge che vigeva al tempo degli Austriaci.”

Il romanzo è ambientato nella Milano dell’Ottocento.

Nanà (proprio la Nanà di Emile Zolà – almeno così ci dice l’autore), dopo aver abbandonato Parigi ed aver passato un periodo a Firenze, decise infine di recarsi a Milano, con l’idea questa volta di lasciarsi dietro il passato e costruirsi una vita nuova, conoscere un uomo, tra i mille che come sempre l’avrebbero corteggiata, e sposarlo. Se poi quest’uomo fosse stato anche un nobile, tanto di guadagnato. Certamente a Nanà non sarebbe dispiaciuto esser chiamata contessa. Sicuramente però il suo marito ideale avrebbe dovuto essere benestante, anzi, ricco!
Il conte Enrico O’Stiary avrebbe certamente potuto essere un buon partito per Nanà, che era inconsapevole della clausola per cui Enrico non avrebbe ricevuto la sostanza del padre prima del compimento del ventiquattresimo anno di età, ed ignara, inoltre, che tra i diciotto (data del ritorno di Enrico a Milano) e i ventiquattro anni, Enrico aveva sperperato il patrimonio firmando cambiali a non finire per finanziare la sua costosa vita. Certamente le amicizie non lo avevano aiutato. Tornato a Milano dopo un lungo periodo nell’esercito, Enrico non avrebbe cercato la vita di lusso, se non vi si fosse trovato coinvolto per via del marchese Sappia (suo amico) che lo aveva introdotto negli ambienti che contano della città.
Come tutti gli uomini che lei incontrava, anche Enrico non poteva non innamorarsi di Nanà, seppur fosse sin da bambino promesso alla bella Elisa.
Un simpatico intreccio che definirei a lieto fine. Il linguaggio è ovviamente un po’ arcaico, ma vale comunque la pena riscoprire questo romanzo rimasto un po’ dimenticato. Come gli altri segnalati ultimamente, anche questo è disponibile on-line gratuitamente, essendo le opere dell’Arrighi nel pubblico dominio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cletto

Arrighi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Arrighi Cletto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sullo sfondo di una Lione degli anni sessanta, le vite di Jean ed Eloise vengono intrecciate da un filo invisibile e allo stesso tempo separate da un muro sottile, che divide i loro appartamenti un tempo uniti. Non si conoscono, eppure la vita dell'uno entra in quella dell'altra attraverso i suoni, i rumori e le parole che il muro lascia filtrare. Sono anime logorate dalla solitudine, dall'attesa dei rispettivi amori e oscurate dalle loro esistenze, come il sole a mezzanotte.

Come il sole a mezzanotte

Warner Jason

Buenos Aires, 2001. Perla Correa è sempre riuscita a ingannare tutti quelli che la circondano. Ogni mattina si sveglia e lucida la sua superficie di studentessa modello, bella ragazza radiosa, irreprensibile figlia di buona famiglia. Sua madre è avvolta di bellezza e foulard importati e suo padre è un uomo forte e fiero nella sua uniforme militare perfettamente stirata. Perla è sempre stata considerata molto fortunata ad averli come genitori. Eppure questa è solo una maschera che la ragazza indossa per nascondere il dubbio che le si agita dentro, e sul quale invano tenta di chiudere gli occhi. Un dubbio che si nutre di mezze frasi delle compagne di classe, sguardi impauriti dei vicini, libri di storia sui "desaparecidos" che suo padre le ha tassativamente proibito di leggere. Ma una notte, mentre è sola in casa, un uomo entra nel suo salotto. Sembra solo, disperato e affamato. È lì per raccontarle una storia. Una storia che narra di due ragazzi giovani che si amavano, di pesanti stivali neri che sfondano la porta di casa, di un carcere senza scampo e di un ultimo volo sul Rio de La Piata. E che incendia la vita perfetta di Perla riducendola in fumo. Inizia così un viaggio che la costringe a confrontarsi con la vera sé stessa e con la storia più dolorosa del suo paese. Dove solo il fuoco del coraggio che ha sempre nascosto tra le pieghe di una falsa tranquillità l'aiuterà a rinascere una seconda volta dalle sue ceneri.

LA RAGAZZA DAI CAPELLI DI FIAMMA

De Robertis Carolina

Liber è un uomo in fuga, anzi no, è un uccello. Liber è un uomo libero, anzi no, è un assassino. Liber è uno solo, anzi no, Liber sono tanti. Un personaggio ricorrente, che come nei sogni attraversa città e dimensioni, tracciando ogni volta una storia diversa. Si ramificano così molteplici possibilità di vita e di narrazione. Liber è un personaggio che fugge dalle situazioni difficili, dai ricordi dolorosi, dalle città caotiche, ma ogni fuga non è altro che l'inizio di un viaggio. E così Liber sfugge alle trame dei racconti, si maschera da vecchio, da uomo volante, da miglioratore del mondo, da bambino sognante. Ogni alter ego racconta una storia in più. Trasformarsi, mutare, viaggiare, raccontare: tutto ciò permette a Liber di tenere fede al suo nome, di restare un essere libero.

Tanti modi di fuggire da una città

Casacca Stefano

Fiore, Marilena, Luisa, Elisabetta, Rirì: donne forti, deboli, dal passato tormentato, donne diverse che incrociano i loro destini. In questo libro fatto di incontri e rimandi, dove ciascun personaggio si specchia nel fondo della propria anima e si rispecchia negli sguardi altrui, Caterina Falconi ha ritratto un microcosmo di provincia intessuto di amori divenuti cenere, famiglie disfunzionali, fantasmi sempre all'erta: c'è la dottoressa in crisi, la vecchia maestra prigioniera dei ricordi, l'ex infermiera stanca della routine. Gli uomini, sì, ci sono, ma sullo sfondo. Figure marginali che pure tutto muovono, passioni e gelosie. "Sotto falsa identità" è un romanzo sulla ricerca del proprio vero sé - mortificato dalle delusioni, perduto assieme al tempo e alla giovinezza - che solleva il velo delle finzioni quotidiane, costringendo ciascun personaggio a fare i conti con un presente bislacco e maltrattato, in cui nulla o quasi è andato come ci si attendeva. È, insomma, un libro che racconta fratture e riconciliazioni, un agrodolce inno alla speranza, la narrazione della seconda chance che ci aspetta.

Sotto falsa identità

Falconi Caterina