Narrativa

NARCOPOLIS

Thayil Jeet

Descrizione: Nel cuore della Bombay degli anni ottanta, in Suklaji Street, una strada di bordelli e di poveri coperti di stracci, capita un giorno Dom Ullis, un cristiano siriano che si è messo nei guai a New York ed è stato rispedito nella turbolenta metropoli indiana per rimettersi in sesto.

Categoria: Narrativa

Editore: Neri Pozza

Collana: Bloom

Anno: 2012

ISBN: 9788854505117

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

Bombay è la città e Shuklaji Street è la via in cui il destino si compie.

Lì dove stanze claustrofobiche si trasformano in bordelli e chandu khana – fumerie d’oppio – si consumano le vite di Rashid, Dimple, Rumi, Bengali e Mr Lee.

Nella Bombay dell’autore Jeet Thayil, la realtà è un sogno che trabocca e dilata prospettive e percezioni, trasformando gli uomini in mostri senza testa destinati alla reincarnazione e le hijra – eunuchi – come Dimple, nella donna Zinat dalle forme sinuose sotto la sari.

Dimple, abbandonato e poi evirato in un bordello di Bombay, consegnato come hijra alla schiavitù di una tai, verrà poi introdotto ai segreti dell’amore, della morte, dell’oppio e della lettura dall’anziano Mr Lee, ex ufficiale dell’esercito cinese esperto di chandu. Segreti che riscatteranno Dimple, rendendolo la regina del khana di Rashid e del suo servo fedele Bengali.

Bombay con le sue strade di mendicanti e ammalati, prostitute, assassini, fanatici e spacciatori è la città invisibile, in cui i personaggi reali e surreali di queste pagine si nascondono, predati e annullati dal tempo e dagli eventi. Non c’è traccia nel romanzo della città dei turisti e dei santoni, dei pacifisti e degli asceti a cui ci hanno abituato. I pochi occidentali descritti sono comparse, uomini e donne privi di storia od eroinomani defunti.

Le stanze dell’oppio prima e della polvere – l’eroina – dopo, sono il rifugio poetico di anime perdute, il preludio alla morte, la dimensione onirica in cui trovare il significato profondo delle cose. Fuori, la politica e la religione sono sovrastrutture generatrici di menzogne e violenza, fisiologicamente corrotte, mostri mutanti capaci di fagocitare le speranze e annientare le coscienze.

Per ogni felicità esiste un’infelicità uguale e contraria. Poi diedi un lungo tiro di charas e la stanza si riempì di luce. Tutto era trasparente. La pelle delle braccia sottile come carta. Mi guardai dentro alla carne e vidi le ossa che si muovevano avvolte in guaine rosa traslucide […] Fumavamo quell’hashish lurido, charas nero di Bombay, […] e fumavamo l’eroina sparsa sulla stagnola. Dicevamo quelle parole, le parole meravigliose prive di significato e d’importanza. […] Ridevamo senza ragione e interrompevamo le risate con il silenzio. […] Tutto era illuminato di significati”.

In questa confusione necessaria almeno quanto il Caos delle origini matura la riflessione di un lettore dapprima rapito e narcotizzato dal flusso delle parole, immobilizzato dal fumo del khana, e quindi liberato da quello stesso io narrante che si era impegnato fin dall’inizio a ripercorrere, attraverso il racconto, la storia di Narcopolis.

Per quanto surreali possano apparire le storie narrate da Thayil, il mondo in cui esse si compiono è profondamente reale. Per quanto consumate siano le esistenze di alcuni personaggi, le stesse tradiscono una bellezza ed un fascino sconcertanti, capaci di suscitare in chi legge autentica assuefazione.

Non smise d’indossare sari, che le coprivano le gambe ma lasciavano scoperta la pancia, una parte intima che dovrebbero vedere solo mariti e amanti. Aveva imparato a tirare il corpetto sui fianchi, e si era abituata a piegarsi in avanti come per caso, ma di proposito, lasciando che il pallu si scostasse un poco sulla pelle […] Non smise di portare la sari. Cambiava costume a seconda di chi voleva essere, Dimple o Zinat, hindu o musulmana”.

Una cosa è certa: é difficile entrare a Narcopolis, almeno quanto uscirne e salvarsi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jeet

Thayil

Libri dallo stesso autore

Intervista a Thayil Jeet

La moderna relazione uomo-animale domestico affonda le radici in secoli di convivenza e oggi è sempre più regolata dalla legge: gli animali da compagnia sono considerati soggetti partecipi della società, con diritti e doveri, come ogni altro «cittadino». Chi vive con animali da affezione deve, non solo per legge, rispettare le regole civili e prestare attenzione ai bisogni del suo migliore amico, provvedendo alle necessarie cure del caso, anche rispondere per i loro comportamenti. In questa guida è possibile trovare tutto quello che c’è da sapere per vivere in famiglia, in condominio e in società con il proprio animale: dalle fondamentali leggi e diritti ormai acquisiti dagli animali d’affezione, ai loro rapporti sociali (iscrizione all’anagrafe canina, vita in condominio, rumori molesti...); dalle responsabilità e rischi connessi al possesso alle potenzialità e vantaggi delle assicurazioni pensate appositamente per loro; fino alle utili indicazioni da consultare prima delle vacanze o di un viaggio «in compagnia», con una lista delle principali strutture pet-friendly.

Animali in famiglia

Catapano Claudia

Cape May, New Jersey, autunno 1986. Un uomo siede nella veranda di una casa che si affaccia sulla baia del Delaware. Vent'anni addietro è stato un musicista "quasi" famoso e, per un tempo brevissimo, ha assaporato l'inebriante essenza della celebrità, prima di rendersi conto di avere altre aspirazioni, di voler percorrere un sentiero solitario per raggiungere il proprio "paradiso". Per anni si è lasciato scivolare addosso le opportunità e le illusioni dell'esistenza, ha aspettato, sicuro che, alla fine, la "grande occasione" si sarebbe presentata. Ed è proprio ciò che è accaduto, alcune ore prima: all'improvviso, la porta del paradiso si è socchiusa. Lei si è finalmente accorta dei suoi innumerevoli messaggi ed è andata a cercarlo: è arrivata fin lì, gli ha parlato, gli ha dato un appuntamento. S'incontreranno alle undici del giorno dopo nella piccola stazione di Cape May: è da lì che inizierà il suo viaggio verso il futuro. Adesso lui deve soltanto sistemare alcune cose e "far passare la notte": domattina ci saranno soltanto la strada lungo il mare, la ricerca di un parcheggio, la stazione, i binari, una locomotiva e... lei. Sì, lei.

DOVE IO NON SONO

D'Amico Ilaria

Un negozio di scarpe in cui scorrono sogni proibiti e aspirazioni segrete. Una festa esclusiva e due sorellastre crudeli. Un fratello combinaguai e una portinaia adorabile come fata madrina. Se Cenerentola vivesse ai giorni nostri, probabilmente dovrebbe scegliere fra il principe dei suoi sogni conosciuto via mail e un vicino molto sexy ma molto meno romantico. E di sicuro non si accontenterebbe di una scarpetta che non abbia almeno un tacco quindici. Una commedia romantica per sorridere, emozionarsi e sognare. Perché andare alla ricerca dell’anima gemella e andare alla ricerca della scarpa giusta non è poi tanto diverso. E Mara Roberti ci insegna che con un paio di scarpe da sogno ai tuoi piedi, nessun desiderio è impossibile.

LE SCARPE SON DESIDERI

Roberti Mara

Yambo, il protagonista del romanzo, si risveglia dopo un incidente e scopre di aver perso la memoria. Non la memoria che i neurologi chiamano “semantica” (egli ricorda tutto di Giulio Cesare e sa recitare tutte le poesie che ha letto in vita sua), bensì quella “autobiografica”: non sa più il proprio nome, non riconosce la moglie e le figlie, non ricorda nulla della sua infanzia. La moglie lo convince a tornare nella casa di campagna, dove ha conservato i libri e i giornali letti da ragazzo, i quaderni di scuola, i dischi ascoltati allora. Così, in un immenso solaio, l’uomo rivive la storia della propria generazione, arrestandosi soltanto di fronte a due vuoti ancora nebbiosi: le tracce di un’esperienza atroce vissuta negli anni della resistenza e l’immagine vaga di una ragazza amata a sedici anni e poi perduta.

La misteriosa fiamma della regina Loana

Eco Umberto