Narrativa

NARCOPOLIS

Thayil Jeet

Descrizione: Nel cuore della Bombay degli anni ottanta, in Suklaji Street, una strada di bordelli e di poveri coperti di stracci, capita un giorno Dom Ullis, un cristiano siriano che si è messo nei guai a New York ed è stato rispedito nella turbolenta metropoli indiana per rimettersi in sesto.

Categoria: Narrativa

Editore: Neri Pozza

Collana: Bloom

Anno: 2012

ISBN: 9788854505117

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

Bombay è la città e Shuklaji Street è la via in cui il destino si compie.

Lì dove stanze claustrofobiche si trasformano in bordelli e chandu khana – fumerie d’oppio – si consumano le vite di Rashid, Dimple, Rumi, Bengali e Mr Lee.

Nella Bombay dell’autore Jeet Thayil, la realtà è un sogno che trabocca e dilata prospettive e percezioni, trasformando gli uomini in mostri senza testa destinati alla reincarnazione e le hijra – eunuchi – come Dimple, nella donna Zinat dalle forme sinuose sotto la sari.

Dimple, abbandonato e poi evirato in un bordello di Bombay, consegnato come hijra alla schiavitù di una tai, verrà poi introdotto ai segreti dell’amore, della morte, dell’oppio e della lettura dall’anziano Mr Lee, ex ufficiale dell’esercito cinese esperto di chandu. Segreti che riscatteranno Dimple, rendendolo la regina del khana di Rashid e del suo servo fedele Bengali.

Bombay con le sue strade di mendicanti e ammalati, prostitute, assassini, fanatici e spacciatori è la città invisibile, in cui i personaggi reali e surreali di queste pagine si nascondono, predati e annullati dal tempo e dagli eventi. Non c’è traccia nel romanzo della città dei turisti e dei santoni, dei pacifisti e degli asceti a cui ci hanno abituato. I pochi occidentali descritti sono comparse, uomini e donne privi di storia od eroinomani defunti.

Le stanze dell’oppio prima e della polvere – l’eroina – dopo, sono il rifugio poetico di anime perdute, il preludio alla morte, la dimensione onirica in cui trovare il significato profondo delle cose. Fuori, la politica e la religione sono sovrastrutture generatrici di menzogne e violenza, fisiologicamente corrotte, mostri mutanti capaci di fagocitare le speranze e annientare le coscienze.

Per ogni felicità esiste un’infelicità uguale e contraria. Poi diedi un lungo tiro di charas e la stanza si riempì di luce. Tutto era trasparente. La pelle delle braccia sottile come carta. Mi guardai dentro alla carne e vidi le ossa che si muovevano avvolte in guaine rosa traslucide […] Fumavamo quell’hashish lurido, charas nero di Bombay, […] e fumavamo l’eroina sparsa sulla stagnola. Dicevamo quelle parole, le parole meravigliose prive di significato e d’importanza. […] Ridevamo senza ragione e interrompevamo le risate con il silenzio. […] Tutto era illuminato di significati”.

In questa confusione necessaria almeno quanto il Caos delle origini matura la riflessione di un lettore dapprima rapito e narcotizzato dal flusso delle parole, immobilizzato dal fumo del khana, e quindi liberato da quello stesso io narrante che si era impegnato fin dall’inizio a ripercorrere, attraverso il racconto, la storia di Narcopolis.

Per quanto surreali possano apparire le storie narrate da Thayil, il mondo in cui esse si compiono è profondamente reale. Per quanto consumate siano le esistenze di alcuni personaggi, le stesse tradiscono una bellezza ed un fascino sconcertanti, capaci di suscitare in chi legge autentica assuefazione.

Non smise d’indossare sari, che le coprivano le gambe ma lasciavano scoperta la pancia, una parte intima che dovrebbero vedere solo mariti e amanti. Aveva imparato a tirare il corpetto sui fianchi, e si era abituata a piegarsi in avanti come per caso, ma di proposito, lasciando che il pallu si scostasse un poco sulla pelle […] Non smise di portare la sari. Cambiava costume a seconda di chi voleva essere, Dimple o Zinat, hindu o musulmana”.

Una cosa è certa: é difficile entrare a Narcopolis, almeno quanto uscirne e salvarsi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jeet

Thayil

Libri dallo stesso autore

Intervista a Thayil Jeet


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

I fantasmi

Un giorno nella vita del giovane miliardario Eric Packer. Un'odissea contemporanea, surreale, sullo sfondo di un'oscura minaccia e del crollo dei mercati mondiali. Dopo Underworld e Body Art, DeLillo ci offre un romanzo caustico e affascinante, ambientato in un presente che è già futuro. «Il futuro è sempre qualcosa di integro e uniforme. Nel futuro saremo tutti alti e felici» disse lei. «Ecco perché il futuro fallisce. Fallisce sempre. Non potrà mai essere il luogo crudele e felice in cui vogliamo trasformarlo».

COSMOPOLIS

DeLillo Don

Tirannico e orgoglioso primo scalpellino d' America, il vecchio Nick Molise è di nuovo in crisi con la moglie. Nessuno dei figli ha voglia di intervenire; d'altronde Nick, che sarebbe stato un uomo più felice se non avesse avuto famiglia... i suoi quattro figli erano i chiodi che lo tenevano crocifisso a mia madre, non ha intenzione di chiedere nulla a nessuno, tanto più che se la spassa a meraviglia con i vecchi amici e, nonostante l'età, coltiva un mucchio di progetti. Può divertirsi, sbevazzare e gloriarsi quanto gli pare del suo grande passato (la città di San Elmo era il suo Louvre, il suo museo a cielo aperto offerto agli occhi del mondo). Il sogno, neppure troppo segreto, sarebbe una tribù di figli-muratori seguaci della sua arte, mentre gli tocca fare i conti con un frenatore di treni, un funzionarietto di banca e uno scrittore. In barba alla propria innata pigrizia, Henry - alias John Fante - lascia moglie e figli, si imbarca su un aereo e si tuffa alla volta dei genitori; giunto a San Elmo, il padre lo prende in contropiede, invitandolo a un'impresa assurda quanto inutile: costruire un essiccatoio per pelli di cervo, in una località impervia a duemila metri di altezza. Henry in un primo tempo esita, poi acconsente, attratto dalla banda di squinternati confratelli del babbo...

La confraternita del Chianti

Fante John

La guerra è conclusa e Clary è tornata a New York, intenzionata a diventare una Cacciatrice di demoni a tutti gli effetti. E finalmente può dire al mondo che Jace è il suo ragazzo. Ma ogni cosa ha un prezzo. C'è qualcuno che si diverte a uccidere gli Shadowhunters, e ciò causa fra Nascosti e Cacciatori tensioni che potrebbero portare a una seconda, sanguinosa guerra. Simon, il migliore amico di Clary, non può aiutarla. Sua madre ha scoperto che è un vampiro e lui non ha più una casa. E come se non bastasse, esce con due ragazze bellissime e pericolose, nessuna delle quali sa dell'altra. Quando anche Jace si allontana senza darle spiegazioni, Clary si trova costretta a penetrare nel cuore di un mistero che teme di svelare fino in fondo: forse è stata lei a mettere in moto la terribile catena di eventi che potrebbe farle perdere tutto ciò che ama. Jace compreso. Amore. Sangue. Tradimento. Vendetta. La posta in gioco non è mai stata così alta per gli Shadowhunters... Età di lettura: da 12 anni.

Shadowhunters. Città degli angeli caduti

Clare Cassandra