Narrativa

NARCOPOLIS

Thayil Jeet

Descrizione: Nel cuore della Bombay degli anni ottanta, in Suklaji Street, una strada di bordelli e di poveri coperti di stracci, capita un giorno Dom Ullis, un cristiano siriano che si è messo nei guai a New York ed è stato rispedito nella turbolenta metropoli indiana per rimettersi in sesto.

Categoria: Narrativa

Editore: Neri Pozza

Collana: Bloom

Anno: 2012

ISBN: 9788854505117

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

Bombay è la città e Shuklaji Street è la via in cui il destino si compie.

Lì dove stanze claustrofobiche si trasformano in bordelli e chandu khana – fumerie d’oppio – si consumano le vite di Rashid, Dimple, Rumi, Bengali e Mr Lee.

Nella Bombay dell’autore Jeet Thayil, la realtà è un sogno che trabocca e dilata prospettive e percezioni, trasformando gli uomini in mostri senza testa destinati alla reincarnazione e le hijra – eunuchi – come Dimple, nella donna Zinat dalle forme sinuose sotto la sari.

Dimple, abbandonato e poi evirato in un bordello di Bombay, consegnato come hijra alla schiavitù di una tai, verrà poi introdotto ai segreti dell’amore, della morte, dell’oppio e della lettura dall’anziano Mr Lee, ex ufficiale dell’esercito cinese esperto di chandu. Segreti che riscatteranno Dimple, rendendolo la regina del khana di Rashid e del suo servo fedele Bengali.

Bombay con le sue strade di mendicanti e ammalati, prostitute, assassini, fanatici e spacciatori è la città invisibile, in cui i personaggi reali e surreali di queste pagine si nascondono, predati e annullati dal tempo e dagli eventi. Non c’è traccia nel romanzo della città dei turisti e dei santoni, dei pacifisti e degli asceti a cui ci hanno abituato. I pochi occidentali descritti sono comparse, uomini e donne privi di storia od eroinomani defunti.

Le stanze dell’oppio prima e della polvere – l’eroina – dopo, sono il rifugio poetico di anime perdute, il preludio alla morte, la dimensione onirica in cui trovare il significato profondo delle cose. Fuori, la politica e la religione sono sovrastrutture generatrici di menzogne e violenza, fisiologicamente corrotte, mostri mutanti capaci di fagocitare le speranze e annientare le coscienze.

Per ogni felicità esiste un’infelicità uguale e contraria. Poi diedi un lungo tiro di charas e la stanza si riempì di luce. Tutto era trasparente. La pelle delle braccia sottile come carta. Mi guardai dentro alla carne e vidi le ossa che si muovevano avvolte in guaine rosa traslucide […] Fumavamo quell’hashish lurido, charas nero di Bombay, […] e fumavamo l’eroina sparsa sulla stagnola. Dicevamo quelle parole, le parole meravigliose prive di significato e d’importanza. […] Ridevamo senza ragione e interrompevamo le risate con il silenzio. […] Tutto era illuminato di significati”.

In questa confusione necessaria almeno quanto il Caos delle origini matura la riflessione di un lettore dapprima rapito e narcotizzato dal flusso delle parole, immobilizzato dal fumo del khana, e quindi liberato da quello stesso io narrante che si era impegnato fin dall’inizio a ripercorrere, attraverso il racconto, la storia di Narcopolis.

Per quanto surreali possano apparire le storie narrate da Thayil, il mondo in cui esse si compiono è profondamente reale. Per quanto consumate siano le esistenze di alcuni personaggi, le stesse tradiscono una bellezza ed un fascino sconcertanti, capaci di suscitare in chi legge autentica assuefazione.

Non smise d’indossare sari, che le coprivano le gambe ma lasciavano scoperta la pancia, una parte intima che dovrebbero vedere solo mariti e amanti. Aveva imparato a tirare il corpetto sui fianchi, e si era abituata a piegarsi in avanti come per caso, ma di proposito, lasciando che il pallu si scostasse un poco sulla pelle […] Non smise di portare la sari. Cambiava costume a seconda di chi voleva essere, Dimple o Zinat, hindu o musulmana”.

Una cosa è certa: é difficile entrare a Narcopolis, almeno quanto uscirne e salvarsi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jeet

Thayil

Libri dallo stesso autore

Intervista a Thayil Jeet

Palermo, Borgo Vecchio. Thomas Giuliani è un commissario della omicidi. Quasi ogni mattina lascia che il rasoio di Filippo Bonanno gli lisci le guance in una bottega di barbiere benedetta dagli sbirri e dalla mafia. Sono gli ultimi giorni di servizio per il commissario Giuliani ma il suo telefono non cessa di squillare. Tra la munnizza, un ragazzino ha trovato il corpo di una donna. Violentata, sodomizzata con una bottiglia di vetro. Una lama le ha spento la vita. C'è un cadavere che aspetta giustizia e la giustizia corre dietro a tre Drughi, dei malacarne che hanno consacrato la loro vita alla violenza. Thomas Giuliani è la sintesi di una Palermo piena di ombre mai esplorate, di ghetti periferici e di vite consumate sull'asfalto tra le disillusioni e la precarietà degli affetti. Da Mezzanotte a zero è il tempo del dolore e di una vendetta consumata negli angoli bui di una città livida.

Da mezzanotte a zero

Zingales Vitobenicio

Thomas Jay è uno scrittore di culto. Dal chiuso di una cella racconta la sua incredibile storia ad Ailie, una studentessa che sta scrivendo una tesi sulla sua opera. Dopo un'infanzia povera ma fantasiosa, accanto a una nonna rivoluzionaria e una zia amorevole, Thomas Jay viene spedito in America. A dodici anni entra per la prima volta in riformatorio; trova il modo di scappare e si rifugia nella lavanderia di Max. Maestro silenzioso e discreto, Max accende nel ragazzo l'amore per la letteratura ma soprattutto lo incoraggia a scrivere. Anche il critico Samuel Atkinson crede in lui e fa pubblicare il suo romanzo “In the Dim, in the Light”, destinato a diventare una pietra miliare della narrativa contemporanea. Carattere inquieto e ribelle, Thomas Jay passa l'intera giovinezza fuggendo da un riformatorio all'altro per approdare al carcere, quello vero, e all'ergastolo. Intanto i suoi romanzi, eccezionali allegorie della vita, incantano il mondo. «Chi lo incontra firma un contratto con l'eternità», dice il professor Hatkinson ad Ailie per metterla in guardia dal suo scrittore preferito. Ma Ailie si è innamorata di Thomas Jay prima ancora di conoscerlo e vuole raccogliere i suoi ricordi e l'ultimo, estremo desiderio d'amore. Un romanzo commovente che parla di libri. E soprattutto del potere delle parole, dell'anima di chi le ha scritte e di chi le legge.

Thomas Jay

Libutti Alessandra

LA CURA DELLE PAROLE

Piazza Tania

Cordelia, la più piccola delle sorelle Andreas, riceve un giorno per posta le seguenti righe: Andiamo, su, a pregare gli dei per nostra madre che è presa dalle doglie. La lettera reca la firma di James Andreas, genitore di Cordelia e di Rosalinda e Bianca, docente di letteratura inglese al Barnwell College con un chiodo fisso in testa: William Shakespeare. Avvolta dalle tempeste di sabbia dei versi shakespeariani sin da piccola, con un padre bizzarro, dotto e ossessivo che comunica quasi soltanto attraverso la lingua del genio di Stratford-upon-Avon, Cordelia comprende all'istante il contenuto di quelle righe: la madre è così gravemente malata che occorre subito tornare a Barnwell, la ridente cittadina del Midwest americano dove le tre sorelle hanno vissuto i giorni felici dell'infanzia e dell'adolescenza. Questo è, almeno, quello che Rose, Bean e Cordy, in momenti diversi, decideranno ciascuna per sé: tornare a casa per poi ripartire verso un'altra grande avventura della loro giovane vita. In realtà, a spingerle a fare immediato ritorno a Barnwell è il loro fallimento, la necessità di allontanarsi da un'esistenza sull'orlo del naufragio. Ritornate a Barnwell, le tre sorelle si ritrovano a fare i conti con il loro passato e la loro storia presente. La lunga estate al capezzale della madre le pone, infatti, irrimediabilmente davanti al destino comune che le lega, come le sorelle fatali, le tre streghe del Macbeth, l'opera che ha accompagnato la loro meravigliosa e incomparabile infanzia.

LE SORELLE FATALI

Brown Eleanor