oppure Registrati
Giallo - thriller - noir

SUSSURRI

a cura di Sara Barbieri

La ventinovenne Hilary Thomas, arrivata al successo dopo un’infanzia e un’adolescenza difficili, viene aggredita nella sua villa di Beverly Hills da un maniaco omicida. L’apparente invulnerabilità dell’uomo, che continua a perseguitarla nonostante lei creda di averlo ucciso, costringe la ragazza ad affrontare gli incubi del passato e a scavare in una realtà che si rivelerà allucinante.

Esistono forze, nella mente umana, al confronto delle quali le scosse telluriche sono carezze e le urla di morte soltanto sussurri“: ecco il principio da cui parte l’autore Dean Ray Koontz per sviluppare un racconto teso, serrato e realmente sconvolgente, delineando le esistenze tragiche, penose e disturbanti dei suoi personaggi. Koontz, autore precoce e molto prolifico (già a otto anni inizia a scrivere, vendendo i suoi lavori ai familiari e arrivando a pubblicare, dagli anni Ottanta a oggi, circa una novantina di titoli), si concentra principalmente, in questo romanzo, sulla figura dell’assassino, Bruno Frye: partendo da un classico dell’intreccio thriller (una donna aggredita da un maniaco), lo scrittore attua un totale capovolgimento di prospettiva con l’avanzare della vicenda, analizzando il passato dell’uomo e i traumi che lo hanno costretto a diventare un mostro. Bruno è il cardine della storia, colui che costringe gli altri protagonisti, ossessionandoli e tornando, più forte della morte, ad indagare nel suo e nel loro passato, guidando noi e loro nella progressiva comprensione della sua tragica esistenza.

Sussurri è, a tratti, un po’ debole a livello di costruzione narrativa, forse a causa dell’eccessivo numero di personaggi che Koontz non rinuncia a dotare di un background complesso e problematico; ma la potenza espressiva di Frye, che davvero “buca la pagina”, contribuisce a regalarci una delle figure di serial killer più dolenti e affascinanti della letteratura thriller.

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati
Text selection is disabled by content protection wordpress plugin