oppure Registrati
Racconti

Lanciare pietre di Yves Bonnefoy

a cura di Bruno Elpis

Chi di noi non ha lanciato pietre sul pelo di uno specchio d’acqua?
Uno stagno?
O  un lago?
O addirittura il mare?
Per vederle rimbalzare almeno una volta. Magari sul profilo di un’onda.
Meglio due, tre, e più. Due, tre, e più e più volte sull’acqua.
Sentirsi soddisfatti per aver fatto rimbalzare materia solida sulla superficie liquida… una specie di miracolo!
Quando ho tentato di far rimbalzare un sasso sulla coltre dell’acqua, ho guardato la tavola del gioco che presuppone la sfida.
M’incuriosisco se è uno stagno.
Trattengo il fiato se è un lago.
Mi perdo, stranisco e affogo se si tratta del mare.
E naturalmente taccio ammirato se di quest’esperienza, puerile ma vitale, parla Yves Bonnefoy.

Fuori catalogo.

Bruno Elpis

____________________________________

Ed eravamo qui, nella notte, a lanciare pietre. A lanciarle più in alto, più lontano possibile, in questo bosco davanti a noi che così rapidamente correva giù per la discesa che era sotto i nostri piedi già simile a una forra, con il fragore dell’acqua a scorrere a un livello inferiore sotto gli alberi.

Pietre, grosse pietre che estraevamo dai cespugli, a fatica ma di fretta. Pietre grigie, pietre scintillanti nel buio.

Le sollevavamo a due mani, sopra le nostre teste. Com’erano pesanti così, più alte, più grandi di ogni altra cosa al mondo! Come le avremmo lanciate lontano, laggiù, dall’altro lato senza nome, nell’abisso in cui non c’è più né alto né basso né fragore delle acque né stella. E ci guardavamo ridendo nel chiarore della luna, che spuntava da ogni parte sotto la volta delle nubi.

Mani presto straziate, mani in sangue. Mani che scostavano radici, scavavano la terra, si ristringevano alla roccia che resisteva alla loro presa. E il sangue imporporava anche i nostri volti, ma sempre i nostri occhi si levavano dal suolo devastato verso altri occhi, ed era ancora questo riso.

Yves Bonnefoy, Le assi curve, Mondadori, pag. 216

Risultati immagini per bonnefoy assi curve

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati
Text selection is disabled by content protection wordpress plugin