Teatro

Natale in casa Cupiello

De Filippo Eduardo

Descrizione: Si avvicina il Natale, e come ogni anno Luca Cupiello si accinge a preparare il presepe nonostante l'insofferenza di sua moglie Concetta e suo figlio Tommasino. Per Luca il presepe rappresenta una priorità assoluta del suo vivere quotidiano, ma in realtà la quiete famliare è turbata da un dramma che sua moglie Concetta - chissà come - riesce a tenere nascosto al marito. La figlia di Luca e Concetta, Ninuccia è sposata con Nicolino, un facoltoso commerciante, ma non lo ama, ed anzi ha intenzione di fuggire con il suo amante, Vittorio Elia, comunicando la sua decisione al marito per lettera. Concetta riesce a strappare dalle mani di Ninuccia la lettera, per impedire che il peggio accada, ma nella confusione - e senza sapere nulla - Luca consegna la missiva al genero...

Categoria: Teatro

Editore: Einaudi

Collana: Collezioni di teatro

Anno: 1997

ISBN: 9788806065447

Recensito da Anna Maria Balzano

Le Vostre recensioni

La comicità e l’ironia tipiche delle commedie di Eduardo, anche qui come altrove, alleggeriscono, ma non nascondono le miserie in cui si dibattono i personaggi, anzi accentuano l’amarezza che alberga nell’animo di ognuno al punto che a volte si ha l’impressione che l’amore possa tramutarsi in odio sia pure momentaneo.

La famiglia Cupiello, dunque, non è affatto la famiglia ideale, il modello a cui fare riferimento. La figura del pater familias è sminuita, ha perso autorevolezza. Lucariello, infatti, viene continuamente sopportato da una moglie disincantata e consapevole di essere il vero asse portante della casa. Egli, dunque, non riscuote più quel rispetto che ritiene gli sia dovuto. Il figlio lazzarone ricava qualche guadagno da piccoli furti, per lo più a spese dello zio Pasquale. La figlia Ninuccia, “maritata” con un commerciante, tanto benestante quanto ignorante, è eternamente insoddisfatta e alla ricerca del grande amore fuori del matrimonio. Ed è la stessa istituzione del matrimonio che qui viene messa in discussione, come in altre opere di Eduardo. Basti pensare a Filumena Marturano. Non si può negare che le esperienze personali dell’autore abbiano in gran parte influenzato la sua produzione artistica.

L’immagine della sacra famiglia, dunque, così idilliacamente rappresentata dalle artistiche statuine napoletane, fa da contraltare a quella reale, costituita da esseri umani in lotta perenne con i problemi quotidiani.  La ripetuta domanda (“Te piace ‘o presepio?”) che Lucariello pone al figlio Tommasino e la sua caparbia indispettita e dispettosa risposta (“No”) sottolineano il conflitto generazionale che impedisce a padre e figlio di comunicare. Solo di fronte al pericolo reale di poter perdere il genitore, Tommasino recupererà quella tenerezza d’animo, che d’altra parte era sopita in ogni personaggio.

Non solo dunque una commedia divertente che sopravvive al tempo, perché gli affanni dell’animo, come quelli contingenti della miseria, non hanno età, ma un’opera ricca di tradizione, perché eredita e sviluppa in modo originale ciò che era stato proprio del teatro di Scarpetta e del teatro napoletano in generale.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eduardo

Filippo

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Filippo Eduardo

Terzo incontro del Circolo de i-LIBRI: Il vangelo secondo Gesù Cristo di Josè Saramago

E’ colpa del cuore

Indro Pezzolla

Robert Langdon, professore di simbologia e iconologia religiosa a Harvard, è stato invitato all'avveniristico museo Guggenheim di Bilbao per assistere a un evento unico: la rivelazione che cambierà per sempre la storia dell'umanità e rimetterà in discussione dogmi e principi dati ormai come acquisiti, aprendo la via a un futuro tanto imminente quanto inimmaginabile. Protagonista della serata è Edmond Kirsch, quarantenne miliardario e futurologo, famoso in tutto il mondo per le sbalorditive invenzioni high-tech, le audaci previsioni e l'ateismo corrosivo. Kirsch, che è stato uno dei primi studenti di Langdon e ha con lui un'amicizia ormai ventennale, sta per svelare una stupefacente scoperta che risponderà alle due fondamentali domande: da dove veniamo? E, soprattutto, dove andiamo? Mentre Langdon e centinaia di altri ospiti sono ipnotizzati dall'eclatante e spregiudicata presentazione del futurologo, all'improvviso la serata sfocia nel caos. La preziosa scoperta di Kirsch, prima ancora di essere rivelata, rischia di andare perduta per sempre. Scosso e incalzato da una minaccia incombente, Langdon è costretto a un disperato tentativo di fuga da Bilbao con Ambra Vidal, l'affascinante direttrice del museo che ha collaborato con Kirsch alla preparazione del provocatorio evento. In gioco non ci sono solo le loro vite, ma anche l'inestimabile patrimonio di conoscenza a cui il futurologo ha dedicato tutte le sue energie, ora sull'orlo di un oblio irreversibile. Percorrendo i corridoi più oscuri della storia e della religione, tra forze occulte, crimini mai sepolti e fanatismi incontrollabili, Langdon e Vidal devono sfuggire a un nemico letale il cui onnisciente potere pare emanare dal Palazzo reale di Spagna, e che non si fermerà davanti a nulla pur di ridurre al silenzio Edmond Kirsch. In una corsa mozzafiato contro il tempo, i due protagonisti decifrano gli indizi che li porteranno faccia a faccia con la scioccante scoperta di Kirsch... e con la sconvolgente verità che da sempre ci sfugge.

Origin

Brown Dan

Amaro e drammatico, grottesco e comico, ironico e appassionato, sempre lucidissimo, "Nati due volte" racconta il rapporto di un padre con il figlio disabile. Guidandolo attraverso gli scogli della vita, il padre apprende dal giovane l'arte di vivere non per essere «normali», ma per essere solo se stessi. Attorno ai due protagonisti si muove una folla di personaggi che incarnano le diverse reazioni di fronte all'handicap: l'impreparazione e il cinismo, l'imbarazzo e la stupidità, ma anche l'amore sconfinato e la solidarietà altruistica. Perché i bambini disabili «nascono due volte: la prima li vede impreparati al mondo, la seconda è affidata all'amore e all'intelligenza degli altri».

Nati due volte

Pontiggia Giuseppe