Teatro

Natale in casa Cupiello

De Filippo Eduardo

Descrizione: Si avvicina il Natale, e come ogni anno Luca Cupiello si accinge a preparare il presepe nonostante l'insofferenza di sua moglie Concetta e suo figlio Tommasino. Per Luca il presepe rappresenta una priorità assoluta del suo vivere quotidiano, ma in realtà la quiete famliare è turbata da un dramma che sua moglie Concetta - chissà come - riesce a tenere nascosto al marito. La figlia di Luca e Concetta, Ninuccia è sposata con Nicolino, un facoltoso commerciante, ma non lo ama, ed anzi ha intenzione di fuggire con il suo amante, Vittorio Elia, comunicando la sua decisione al marito per lettera. Concetta riesce a strappare dalle mani di Ninuccia la lettera, per impedire che il peggio accada, ma nella confusione - e senza sapere nulla - Luca consegna la missiva al genero...

Categoria: Teatro

Editore: Einaudi

Collana: Collezioni di teatro

Anno: 1997

ISBN: 9788806065447

Recensito da Anna Maria Balzano

Le Vostre recensioni

La comicità e l’ironia tipiche delle commedie di Eduardo, anche qui come altrove, alleggeriscono, ma non nascondono le miserie in cui si dibattono i personaggi, anzi accentuano l’amarezza che alberga nell’animo di ognuno al punto che a volte si ha l’impressione che l’amore possa tramutarsi in odio sia pure momentaneo.

La famiglia Cupiello, dunque, non è affatto la famiglia ideale, il modello a cui fare riferimento. La figura del pater familias è sminuita, ha perso autorevolezza. Lucariello, infatti, viene continuamente sopportato da una moglie disincantata e consapevole di essere il vero asse portante della casa. Egli, dunque, non riscuote più quel rispetto che ritiene gli sia dovuto. Il figlio lazzarone ricava qualche guadagno da piccoli furti, per lo più a spese dello zio Pasquale. La figlia Ninuccia, “maritata” con un commerciante, tanto benestante quanto ignorante, è eternamente insoddisfatta e alla ricerca del grande amore fuori del matrimonio. Ed è la stessa istituzione del matrimonio che qui viene messa in discussione, come in altre opere di Eduardo. Basti pensare a Filumena Marturano. Non si può negare che le esperienze personali dell’autore abbiano in gran parte influenzato la sua produzione artistica.

L’immagine della sacra famiglia, dunque, così idilliacamente rappresentata dalle artistiche statuine napoletane, fa da contraltare a quella reale, costituita da esseri umani in lotta perenne con i problemi quotidiani.  La ripetuta domanda (“Te piace ‘o presepio?”) che Lucariello pone al figlio Tommasino e la sua caparbia indispettita e dispettosa risposta (“No”) sottolineano il conflitto generazionale che impedisce a padre e figlio di comunicare. Solo di fronte al pericolo reale di poter perdere il genitore, Tommasino recupererà quella tenerezza d’animo, che d’altra parte era sopita in ogni personaggio.

Non solo dunque una commedia divertente che sopravvive al tempo, perché gli affanni dell’animo, come quelli contingenti della miseria, non hanno età, ma un’opera ricca di tradizione, perché eredita e sviluppa in modo originale ciò che era stato proprio del teatro di Scarpetta e del teatro napoletano in generale.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eduardo

Filippo

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Filippo Eduardo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La quiete caotica di Milano viene sconvolta dall'invasione di miriadi di topi: per risolvere il maligno problema interviene un personaggio inquietante, dotato di un carisma perverso e ammaliante, capace di un potere al di là di ogni immaginazione. La sua vendetta porterà gli incubi umani a livelli insostenibili: egli verrà a mostrare quanto la paura possa farsi realtà e rendersi manifesta in luoghi a noi familiari, magari seduta accanto a noi su un vagone della metropolitana, o nascosta nella musica di una notte maledetta. Dentro una storia che attraversa continenti e secoli, che trasforma l'eternità in un singulto d'amore, conosceremo un personaggio pericoloso e struggente, che calca le sue orme crepuscolari a perseguire un solo scopo, l'unico che gli permette di non soccombere alla Vita: nutrirsi di Bellezza. Il Grande Notturno è già in mezzo a noi.

IL GRANDE NOTTURNO

Delacroix Ian

Dario Villalta ha due grandi passioni nella vita: le vedove e i maestri del Rinascimento. Finito in una galleria d'arte milanese dov'è costretto a vendere opere contemporanee che disprezza incontrando inoltre grandi difficoltà nel reperire l'oggetto della sua stravagante passione amorosa, langue finché dal Sud arriva Vera Gallo, che è non solo una vedova devota, ma anche - parrebbe proprietaria di una inestimabile scultura di santo di Mantegna. Vera sembra dunque in grado di appagare al massimo grado entrambe le passioni del gallerista; ma non è tutto oro quel che luccica, e avremo modo di accertarcene nella girandola dì avvenimenti che si origina dalle ristrettezze in cui precipita la polputa vedova, ormai ridotta sul lastrico. Nel frattempo incontreremo una variopinta galleria di irresistibili personaggi, dal trance-psicanalista Aaron Kaminsky al padre di lui Shloime, mago e guaritore; dallo stravagante inventore Carmine Palomino alla languida pasticcerà Ritarosa Latella; dall'oligarca russo Viktor Aleksandrovic Dudorov all'esuberante Maria Sofia Madrasca, chef misconosciuta benché detentrice del segreto del pacchero estremo.

LA VEDOVA, IL SANTO E IL SEGRETO DEL PACCHERO ESTREMO

Cappelli Gaetano

La formula del radium, un libro con una annotazione a matita che rimanda a un altro libro che contiene l'elenco di quattro ville storiche di Bologna e del suo territorio: Villa Aldini, Villa delle Rose, Casa Beroaldo e la Rocchetta Mattei. Questo è ciò che hanno in mano un fotografo conosciuto come "Duescatti" e un ricercatore universitario di nome Rosas, detto "il talpone". E con queste tracce Rosas arriva a un episodio storico documentato: un furto di radium commesso dall'esercito tedesco all'ospedale Sant'Orsola nel luglio 1944. Radium sottratto ai malati e destinato alla macchina bellica di Hitler. Solo che, arrivati a questo punto, Duescatti trova una morte orribile a Casa Beroaldo e Sarti Antonio, sergente, si trova di fronte a una scena del delitto enigmatica, mentre Rosas, che in Questura viene indicato come colpevole della morte del fotografo, è misteriosamente scomparso...

DELITTI DI GENTE QUALUNQUE

Macchiavelli Loriano

Si dice che si vive una volta sola, ma purtroppo non sempre è così

Paul A. Valenti