Teatro

Natale in casa Cupiello

De Filippo Eduardo

Descrizione: Si avvicina il Natale, e come ogni anno Luca Cupiello si accinge a preparare il presepe nonostante l'insofferenza di sua moglie Concetta e suo figlio Tommasino. Per Luca il presepe rappresenta una priorità assoluta del suo vivere quotidiano, ma in realtà la quiete famliare è turbata da un dramma che sua moglie Concetta - chissà come - riesce a tenere nascosto al marito. La figlia di Luca e Concetta, Ninuccia è sposata con Nicolino, un facoltoso commerciante, ma non lo ama, ed anzi ha intenzione di fuggire con il suo amante, Vittorio Elia, comunicando la sua decisione al marito per lettera. Concetta riesce a strappare dalle mani di Ninuccia la lettera, per impedire che il peggio accada, ma nella confusione - e senza sapere nulla - Luca consegna la missiva al genero...

Categoria: Teatro

Editore: Einaudi

Collana: Collezioni di teatro

Anno: 1997

ISBN: 9788806065447

Recensito da Anna Maria Balzano

Le Vostre recensioni

La comicità e l’ironia tipiche delle commedie di Eduardo, anche qui come altrove, alleggeriscono, ma non nascondono le miserie in cui si dibattono i personaggi, anzi accentuano l’amarezza che alberga nell’animo di ognuno al punto che a volte si ha l’impressione che l’amore possa tramutarsi in odio sia pure momentaneo.

La famiglia Cupiello, dunque, non è affatto la famiglia ideale, il modello a cui fare riferimento. La figura del pater familias è sminuita, ha perso autorevolezza. Lucariello, infatti, viene continuamente sopportato da una moglie disincantata e consapevole di essere il vero asse portante della casa. Egli, dunque, non riscuote più quel rispetto che ritiene gli sia dovuto. Il figlio lazzarone ricava qualche guadagno da piccoli furti, per lo più a spese dello zio Pasquale. La figlia Ninuccia, “maritata” con un commerciante, tanto benestante quanto ignorante, è eternamente insoddisfatta e alla ricerca del grande amore fuori del matrimonio. Ed è la stessa istituzione del matrimonio che qui viene messa in discussione, come in altre opere di Eduardo. Basti pensare a Filumena Marturano. Non si può negare che le esperienze personali dell’autore abbiano in gran parte influenzato la sua produzione artistica.

L’immagine della sacra famiglia, dunque, così idilliacamente rappresentata dalle artistiche statuine napoletane, fa da contraltare a quella reale, costituita da esseri umani in lotta perenne con i problemi quotidiani.  La ripetuta domanda (“Te piace ‘o presepio?”) che Lucariello pone al figlio Tommasino e la sua caparbia indispettita e dispettosa risposta (“No”) sottolineano il conflitto generazionale che impedisce a padre e figlio di comunicare. Solo di fronte al pericolo reale di poter perdere il genitore, Tommasino recupererà quella tenerezza d’animo, che d’altra parte era sopita in ogni personaggio.

Non solo dunque una commedia divertente che sopravvive al tempo, perché gli affanni dell’animo, come quelli contingenti della miseria, non hanno età, ma un’opera ricca di tradizione, perché eredita e sviluppa in modo originale ciò che era stato proprio del teatro di Scarpetta e del teatro napoletano in generale.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eduardo

Filippo

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Filippo Eduardo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Anna, in seguito a un fortuito errore durante un'operazione di neurochirurgia, non riesce più a parlare del proprio passato: ogni volta che è chiamata a farlo si esprime con un linguaggio onirico, privo di riferimenti comprensibili. Ezio, brillante neurologo responsabile dell'errore chirurgico, è colpito e amareggiato dalla patologia di Anna. I due si frequentano, si innamorano, ma il mistero della donna persiste, e diventa per il medico un'irrinunciabile ossessione: più si avvicina all'enigma, più questo si nasconde dietro una fitta rete di coincidenze. È Anna a non saper comunicare il proprio passato o è Ezio a non saperlo comprendere? Gli amanti si inseguono dall'Italia a Berlino, tra sospetti, eminenti psichiatri e rapporti epistolari, correndo affiancati, come rette parallele, a costruire il percorso di un amore impossibile; per scoprire che la loro storia si può leggere da una parte o dall'altra, proprio come un palindromo.

Anna. Storia di un palindromo

D'Isa Francesco

Una serie di racconti brevi dove si ritrovano gli elementi che compongono l'archetipo Borges: gli specchi, i labirinti, le tigri, il Don Chisciotte riscritto ma identico di Pierre Menard, la memoria inarrestabile e tormentosa di Funes.

Finzioni

Borges Jorge Luis

È notte e la nebbia è illuminata a tratti dai fari delle macchine che sfrecciano accanto a lei. Letty si asciuga l’ennesima lacrima e preme ancora più forte il piede sull’acceleratore. Deve correre il più lontano possibile, fuggire da tutti i suoi sbagli, è la cosa migliore per tutti. Perché la sua vita è stata difficile, ha inanellato una serie di errori uno dietro l’altro e adesso tutte le sue paure sono tornate a tormentarla, senza lasciarle una via di scampo. Intanto, ormai molte miglia lontano, i suoi due figli, Alex e la piccola Luna, stanno dormendo serenamente. Non sanno che la mamma li ha lasciati da soli nel loro letto, schiacciata dal terrore di non essere una buona madre. Convinta che senza di lei Alex e Luna saranno più felici. Quando Alex si sveglia e si accorge che Letty non c’è più, capisce che non deve farsi prendere dal panico. Deve occuparsi della sorellina e seguire le regole. Perché Alex ha quindici anni ed è solo un ragazzino, ma è dovuto crescere in fretta per aiutare sua madre Letty e i suoi occhi troppo spesso tristi. A volte guarda verso il cielo e sogna di volare via, in un posto dove l’azzurro del cielo li possa di nuovo colorare di felicità. La sua passione sono la matematica e lo studio delle rotte migratorie degli uccelli. Da loro ha imparato che non importa quanto voli lontano, c’è sempre un modo per tornare a casa. Alex sa che deve trovare il modo di far tornare anche la sua mamma. Solo lui può farlo, solo lui può curare le sue ali ferite e farle spiccare di nuovo il volo. Perché anche quando l’orientamento è perso, l’amore può farci ritrovare la rotta verso il nostro cuore. Questa è la storia di un amore immenso e imperfetto, come la vita. Questa è la storia della paura di una madre e del coraggio di un figlio. Questa è la storia di come anche un solo abbraccio può scacciare dal cuore la solitudine.

Le ali della vita

Diffenbaugh Vanessa

Un liceo, una ragazza e un vampiro irresistibile: non troppo originale come inizio per un romanzo, si potrebbe pensare. Tuttavia questo libro lascia l'orda di fan di Twilight interdetta sin dall'inizio. Jessica Packwood, una semplice liceale patita di matematica, entra nel panico quando, a pochi mesi dal suo diciottesimo compleanno, un ragazzo rumeno, Lucius Vladescu, compare sulla sua soglia per informarla che lui e lei sono entrambi vampiri (appartenenti alle due più potenti e rivali famiglie) e sono promessi sposi sin dalla nascita. Come se non bastasse, i suoi genitori adottivi confermano la versione del ragazzo, ribadendo che anche i suoi veri genitori fossero, di fatto, dei vampiri. Lucius inizia un corteggiamento serrato nei confronti della sua promessa, ma dopo essere stato rifiutato più volte, rivolge le sue attenzioni verso la bellissima cheerleader della scuola. Jessica si trova così a dover lottare per riconquistare il suo principe, evitare una guerra fra vampiri e salvare l'anima del suo Lucius dalla dannazione eterna. Titolo originale: ''Jessica's Guide to Dating on the Dark Side'' (2009).

PROMESSI VAMPIRI

Fantaskey Beth