Narrativa

Nati due volte

Pontiggia Giuseppe

Descrizione: Amaro e drammatico, grottesco e comico, ironico e appassionato, sempre lucidissimo, "Nati due volte" racconta il rapporto di un padre con il figlio disabile. Guidandolo attraverso gli scogli della vita, il padre apprende dal giovane l'arte di vivere non per essere «normali», ma per essere solo se stessi. Attorno ai due protagonisti si muove una folla di personaggi che incarnano le diverse reazioni di fronte all'handicap: l'impreparazione e il cinismo, l'imbarazzo e la stupidità, ma anche l'amore sconfinato e la solidarietà altruistica. Perché i bambini disabili «nascono due volte: la prima li vede impreparati al mondo, la seconda è affidata all'amore e all'intelligenza degli altri».

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Oscar moderni. Cult

Anno: 2021

ISBN: 9788804734932

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nati due volte di Giuseppe Pontiggia

Nati due volte – considerato il capolavoro di Giuseppe Pontiggia – nel 2021 viene pubblicato in nuova edizione tra gli Oscar Mondadori.

La storia a molti è ormai nota.

Le difficoltà del parto hanno gravi conseguenze sulla salute del secondo figlio del narratore (“tetraparesi spastica distonica”), un insegnante che è completamente impreparato di fronte alla nascita di un figlio “diverso”: ed è per questo che la tragedia impone ai protagonisti una condizione di Nati due volte.

La seconda nascita è infatti quella della consapevolezza rispetto alla disabilità, una coscienza conseguita attraverso un tortuoso percorso di maturazione, irto di ostacoli: inizialmente le dolorose scoperte sulla patologia del figlio, l’angoscia di preventivarne l’evoluzione futura, la scoperta delle peculiarità di Paolo, le difficoltà pratiche da risolvere per assicurare al portatore di handicap ciò che per gli altri è scontato (“Che tipo di favore?… Editoriale…”), la battaglia contro i pregiudizi (“Se qualcuno usa come epiteto spregiativo spastico o mongoloide, si può essere certi che nessuno della sua famiglia lo è. Le disgrazie, fra i tanti effetti, ne hanno alcuni linguistici immediati…”) e molto altro.

Con ritmo scorrevole e tonalità di amara ironia, fluiscono personaggi talvolta surreali, i diversi atteggiamenti con i quali i familiari – il narratore, la moglie Franca, l’altro figlio Alfredo – affrontano la disabilità, le sorprese che lo stesso Paolo riserva (“Va a scuola in go-kart. Il go-kart è stata un’idea di Franca”), le sue domande spiazzanti e sorprendenti (“Ma anche tu diventerai così?”), le malattie – come la demenza del suocero e l’afasia del cognato operato alla gola – che assumono una fisionomia diversa dinnanzi alla disabilità di Paolo…

La particolarità dello stille di Pontiggia in questa storia molto efficace e avvincente sta forse nell’intensità dei dialoghi, sempre coordinati dai retropensieri del narratore in una sorta di analisi freudiana che decodifica e smaschera ogni ipocrisia.

Bruno Elpis

___________________________________

Leggi la recensione a La morte in banca di Giuseppe Pontiggia cliccando qui

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuseppe

Pontiggia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pontiggia Giuseppe

Non tutti i luoghi sono casa; ma "l'appartamento del silenzio", un'elegante dimora in centro città, lo diventa per Beppe Novari, dopo anni di abbandono per strane dicerie. È proprio grazie a questo appartamento che i personaggi del romanzo si incontrano: personalità e vite diverse che dall'unione riescono a salvarsi, riunendosi attorno a un fuoco familiare. Insieme, riusciranno a ricucire le loro vite e quelle di chi, prima, ha abitato le stanze di quella bella e un po' sinistra dimora, trasformando il silenzio in gioia.

L’appartamento del silenzio

Verdoliva Gianni

L’amore dietro ogni cosa a teatro

Ciò che avviene fuori di noi può passare senza lasciare traccia, o modificare per sempre la traiettoria della nostra vita. L'autobiografia di ciascun italiano è una scheggia impazzita nell'autobiografia del Paese. "Il 22 giugno 1974, al settantottesimo minuto di una partita di calcio, sono diventato comunista". Sono i Mondiali del '74, ai quarti di finale si gioca una partita storica: Germania Ovest contro Germania Est. Un bambino di dieci anni, seduto davanti alla televisione insieme a suo padre, si rende conto tutt'a un tratto di tifare per la squadra sbagliata. "Mentre lo stadio ammutolisce, tra la poltrona di mio padre e la mia, un piccolo muro, invisibile e incompreso, comincia a venire su, come se fossimo nel centro di Berlino". Francesco Piccolo ha scritto un romanzo personale e politico, divertente, serissimo, provocatorio, per raccontare la storia d'amore irrisolvibile che lega ogni uomo al suo tempo. Perché in fondo la nostra vita è il modo che scegliamo ogni giorno per partecipare al mondo.

Il desiderio di essere come tutti

Piccolo Francesco

"Torino di carta" è una guida letteraria della città e dei suoi quartieri, un'escursione narrativa per le strade di Torino, raccontata attraverso le opere di grandi scrittori, classici della letteratura italiana del Novecento e romanzi di autori contemporanei. Uno strumento per orientarsi attraverso le molteplici storie che, seppure in periodi differenti, hanno Torino come protagonista. Da Edmondo De Amicis fino alla produzione letteraria degli ultimi anni, la città viene ridisegnata e presentata intercettando e restituendo al lettore il punto di osservazione e lo stile di ogni autore. Tra gli scrittori che popolano la Torino di carta incontrerete: De Amicis, Natalia Ginzburg, Pavese, Calvino, Levi, Arpino, Fruttero & Lucentini, Oggero, Pandiani, Frascella, Perissinotto, Culicchia, Remmert. Il volume si apre con una prefazione di Alice Avallone e contiene in allegato la mappa letteraria di Torino con l'indicazione dei luoghi chiave delle opere passate in rassegna.

Torino di carta

Chiappori Alessandra