Narrativa

Nati due volte

Pontiggia Giuseppe

Descrizione: Amaro e drammatico, grottesco e comico, ironico e appassionato, sempre lucidissimo, "Nati due volte" racconta il rapporto di un padre con il figlio disabile. Guidandolo attraverso gli scogli della vita, il padre apprende dal giovane l'arte di vivere non per essere «normali», ma per essere solo se stessi. Attorno ai due protagonisti si muove una folla di personaggi che incarnano le diverse reazioni di fronte all'handicap: l'impreparazione e il cinismo, l'imbarazzo e la stupidità, ma anche l'amore sconfinato e la solidarietà altruistica. Perché i bambini disabili «nascono due volte: la prima li vede impreparati al mondo, la seconda è affidata all'amore e all'intelligenza degli altri».

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Oscar moderni. Cult

Anno: 2021

ISBN: 9788804734932

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nati due volte di Giuseppe Pontiggia

Nati due volte – considerato il capolavoro di Giuseppe Pontiggia – nel 2021 viene pubblicato in nuova edizione tra gli Oscar Mondadori.

La storia a molti è ormai nota.

Le difficoltà del parto hanno gravi conseguenze sulla salute del secondo figlio del narratore (“tetraparesi spastica distonica”), un insegnante che è completamente impreparato di fronte alla nascita di un figlio “diverso”: ed è per questo che la tragedia impone ai protagonisti una condizione di Nati due volte.

La seconda nascita è infatti quella della consapevolezza rispetto alla disabilità, una coscienza conseguita attraverso un tortuoso percorso di maturazione, irto di ostacoli: inizialmente le dolorose scoperte sulla patologia del figlio, l’angoscia di preventivarne l’evoluzione futura, la scoperta delle peculiarità di Paolo, le difficoltà pratiche da risolvere per assicurare al portatore di handicap ciò che per gli altri è scontato (“Che tipo di favore?… Editoriale…”), la battaglia contro i pregiudizi (“Se qualcuno usa come epiteto spregiativo spastico o mongoloide, si può essere certi che nessuno della sua famiglia lo è. Le disgrazie, fra i tanti effetti, ne hanno alcuni linguistici immediati…”) e molto altro.

Con ritmo scorrevole e tonalità di amara ironia, fluiscono personaggi talvolta surreali, i diversi atteggiamenti con i quali i familiari – il narratore, la moglie Franca, l’altro figlio Alfredo – affrontano la disabilità, le sorprese che lo stesso Paolo riserva (“Va a scuola in go-kart. Il go-kart è stata un’idea di Franca”), le sue domande spiazzanti e sorprendenti (“Ma anche tu diventerai così?”), le malattie – come la demenza del suocero e l’afasia del cognato operato alla gola – che assumono una fisionomia diversa dinnanzi alla disabilità di Paolo…

La particolarità dello stille di Pontiggia in questa storia molto efficace e avvincente sta forse nell’intensità dei dialoghi, sempre coordinati dai retropensieri del narratore in una sorta di analisi freudiana che decodifica e smaschera ogni ipocrisia.

Bruno Elpis

___________________________________

Leggi la recensione a La morte in banca di Giuseppe Pontiggia cliccando qui

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuseppe

Pontiggia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pontiggia Giuseppe

"Una delle poche cose, anzi forse la sola ch'io sapessi di certo era questa: che mi chiamavo Mattia Pascal', è l'incipit del romanzo più noto di Luigi Pirandello: Il fu Mattia Pascal (1904). In esso è contenuta la cellula generativa dell'intero libro. Quando lo scrisse, lo scrittore siciliano ne sapeva quanto chi, scorse queste prime righe, si predispone alla lettura. Scelti nome e cognome, cominciano le peripezie del personaggio, il quale presto si trova in una situazione simile a quella dell'autore: deve lui stesso dare vita a "un uomo inventato". Durante questa vera e propria avventura dei nomi, il libro assume la sua forma pienamente novecentesca, nella quale autobiografia e biografia immaginaria si confondono. Consanguineo di quelli che saranno i sei personaggi in cerca d'autore, Mattia Pascal sembra a tratti lanciare messaggi al lettore perché lo liberi dal vincolo cartaceo e dunque dalla sua muta solitudine.

Il fu Mattia Pascal

Pirandello Luigi

REGINALD E TINA: SIAMO IN UN LIBRO!

Willems Mo

Boston, 1975. In un quartiere popolare della città tre ragazzini – Sean, Jimmy e Dave – fanno a botte in mezzo alla strada. Una macchina con a bordo due uomini, due poliziotti all’apparenza, accosta, fermandosi a un passo da loro. Quando uno degli agenti gli ordina di salire, Dave non ha il coraggio di rifiutarsi e, singhiozzando, prende posto sul sedile posteriore. E scompare. Per quattro, terribili giorni. Venticinque anni dopo Dave è accusato di omicidio. La vittima è la figlia di Jimmy, e Sean è incaricato delle indagini. Per loro è giunto il momento di fare i conti con un passato ingiusto e con l’agghiacciante episodio che ha sfregiato per sempre le loro anime.

MYSTIC RIVER

Lehane Dennis

L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DELL’ESSERE

Kundera Milan