Giallo - thriller - noir

NEKROS

Ciaccio Ugo

Descrizione: Napoli, Eremo dei Camaldoli; Vinicio Lamia, editore fallito e morfinomane, scopre l'archetipo di tutti i libri sacri, Nekros. "É il più sconosciuto dei testi poiché contiene la chiave di tutti gli altri; è alla portata di chiunque ma nessuno sa dove sia". Pubblicarlo sarà pericoloso: niente inchiostro né carta, solo sangue e pelle umana. Un vecchio avventuriero gesuita, una vedova avvenente e un amico ben armato, lo seguiranno per aiutarlo; o per impedirgli di rivoluzionare ogni principio teologico.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Bietti

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788882482350

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

«Esiste un testo che si può trovare ovunque, eppure è il più occulto e sconosciuto di tutti, poiché contiene la chiave di tutti gli altri; è alla portata di chiunque ma nessuno ha idea di dove sia e si perderebbe inutilmente un tempo infinito a cercarlo ove non è, qualora se ne supponesse l’esistenza».

Si tratta del Necronomicon, uno pseudobiblium, ovvero “un testo inesistente citato in libri reali”.

Di questo volume si ha traccia in molti libri nel corso dei secoli, ma nessuno sa dove si trovi. E’ un libro dei morti di origini antichissime che si dice essere rilegato in pelle umana.

Supponete che qualcuno sia riuscito a trovare questo libro misterioso: in molti sarebbero disposti a tutto pur di averlo, anche ad uccidere.

Apollo Carli, amante di libri rari e restauratore per la Biblioteca Nazionale di Napoli, contatta Vinicio Làmia, proprietario della Lamiarum edizioni, per proporgli la pubblicazione di un manoscritto. Prima ancora che Vinicio potesse incontrarlo, però, Carli viene misteriosamente ucciso.

Il caso non sembra dare adito a particolari sospetti. Probabilmente un omicidio avvenuto nel corso di un furto in appartamento, questo è quanto la polizia potrebbe pensare dell’accaduto. Al contrario, Vinicio Làmia si convince che l’omicidio sia in qualche modo connesso con il libro che Carli era andato a proporgli alcuni giorni addietro; non un suo manoscritto, ma un testo antico, almeno questo è quanto Carli aveva lasciato scritto in un messaggio lasciato alla casa editrice.

Ugo Ciaccio, autore di questo romanzo, riesce a costruire una trama avvincente basandosi sulla vera storia del Necronomicon (vera per modo di dire, ovviamente). Un ottimo esordio.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ugo

Ciaccio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ciaccio Ugo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"... La noia implica un'analisi sconsolata dei danni causati all'uomo dalla tecnologia e, sembra, insanabili politicamente e clinicamente..." (dall'introduzione di Michel David) Considerato come il cardine di una ideale trilogia iniziatasi con i memorabili Indifferenti e conclusa con La vita interiore, La noia (1960) ci offre un ritratto profondo e spietato di un individuo senza strutture, senza appoggi, alienato dalla vita sociale. E' una storia di crisi, di fallimenti, di delusioni. Analizzato nei suoi tre aspetti, di artista, di uomo, di amante, il protagonista finisce per scontrarsi inevitabilmente con la realtà; una realtà che in modo tautologico si nega, perche a conclusione di ogni tentativo (ad esempio di raggiungere la donna amata) si erge sempre lo stesso assioma: la realtà è la realtà.

La noia

Moravia Alberto

Vic Gamalero è un ragazzo nevrotico e geniale: ossessionato dal denaro, incapace di distinguere la linea che separa la gratuità dell'affetto dalla pervasiva presenza dei soldi, se ne fa prestare continuamente da genitori, amici, fidanzate, sconosciuti, provando ogni volta qualcosa di simile al sentimento amoroso. Imbastisce menzogne di ogni genere, inventa e veste molteplici identità (si improvvisa giornalista e impresario teatrale, si spaccia per architetto e consulente d'impresa), nessuna delle quali pare essere definitiva; nel frattempo, la sua natura camaleontica e la sua stupefacente capacità di entrare nelle vite degli altri lo portano a contatto con persone di ogni tipo: disadattati, miliardari, attori precari, recuperatrici di credito, giovani di buona famiglia, eroine del volontariato. Fino a quando, tra truffe e debiti accumulati in modo sempre più disordinato, Vic si ritroverà sull'orlo del baratro. Scritto con una lingua rapida e avvincente, tra dialoghi battenti, scene indimenticabili e squarci di pura comicità, “Il mio impero è nell'aria” è il ritratto di un formidabile antieroe italiano del terzo millennio: cattolico, borghese ma sempre ai margini della convivenza civile, il suo rapporto patologico col denaro lo conduce nelle viscere di un paese che proprio del denaro - il suo desiderio, la sua cronica mancanza o la sua scandalosa abbondanza - sembra aver fatto una malattia inguaribile.

IL MIO IMPERO E’ NELL’ARIA

Ricuperati Gianluigi

Il giovane Pietro Brusio, studente di legge e scrittore in erba nella scenografica Catania di metà Ottocento, rimane affascinato dall'elegante contessa di Prato Narcisa Valdesi, trovandosene perdutamente innamorato e sull'orlo della disperazione per l'irraggiungibilità di tal donna che «vivea pei piaceri, della quale il lusso era il bisogno come l'aria è il bisogno dell'uomo». Superando con il suo genio artistico le convenzioni sociali si introduce a pieno titolo in quel mondo aristocratico fin allora a lui precluso e riesce a vincere il cuore della donna, fino ad un epilogo inaspettato e tragico.

Una peccatrice

Verga Giovanni

In occasione del giorno della memoria, un diario di ricordi sull'occupazione. Pagine di memoria da custodire e tramandare. Roma, 1943. I tedeschi occupano la “città aperta”. Il diario di un bambino tiene traccia di quei giorni terribili e degli anni che seguirono. I bombardamenti, i rastrellamenti, il papà partigiano e la Resistenza, la Liberazione e la lenta ripresa del dopoguerra vengono raccontati con un'impronta serena, senza polemiche, come solo un bambino potrebbe fare.

LA BICICLETTA DI MIO PADRE

Roccheggiani Fabrizio