Giallo - thriller - noir

NEKROS

Ciaccio Ugo

Descrizione: Napoli, Eremo dei Camaldoli; Vinicio Lamia, editore fallito e morfinomane, scopre l'archetipo di tutti i libri sacri, Nekros. "É il più sconosciuto dei testi poiché contiene la chiave di tutti gli altri; è alla portata di chiunque ma nessuno sa dove sia". Pubblicarlo sarà pericoloso: niente inchiostro né carta, solo sangue e pelle umana. Un vecchio avventuriero gesuita, una vedova avvenente e un amico ben armato, lo seguiranno per aiutarlo; o per impedirgli di rivoluzionare ogni principio teologico.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Bietti

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788882482350

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

«Esiste un testo che si può trovare ovunque, eppure è il più occulto e sconosciuto di tutti, poiché contiene la chiave di tutti gli altri; è alla portata di chiunque ma nessuno ha idea di dove sia e si perderebbe inutilmente un tempo infinito a cercarlo ove non è, qualora se ne supponesse l’esistenza».

Si tratta del Necronomicon, uno pseudobiblium, ovvero “un testo inesistente citato in libri reali”.

Di questo volume si ha traccia in molti libri nel corso dei secoli, ma nessuno sa dove si trovi. E’ un libro dei morti di origini antichissime che si dice essere rilegato in pelle umana.

Supponete che qualcuno sia riuscito a trovare questo libro misterioso: in molti sarebbero disposti a tutto pur di averlo, anche ad uccidere.

Apollo Carli, amante di libri rari e restauratore per la Biblioteca Nazionale di Napoli, contatta Vinicio Làmia, proprietario della Lamiarum edizioni, per proporgli la pubblicazione di un manoscritto. Prima ancora che Vinicio potesse incontrarlo, però, Carli viene misteriosamente ucciso.

Il caso non sembra dare adito a particolari sospetti. Probabilmente un omicidio avvenuto nel corso di un furto in appartamento, questo è quanto la polizia potrebbe pensare dell’accaduto. Al contrario, Vinicio Làmia si convince che l’omicidio sia in qualche modo connesso con il libro che Carli era andato a proporgli alcuni giorni addietro; non un suo manoscritto, ma un testo antico, almeno questo è quanto Carli aveva lasciato scritto in un messaggio lasciato alla casa editrice.

Ugo Ciaccio, autore di questo romanzo, riesce a costruire una trama avvincente basandosi sulla vera storia del Necronomicon (vera per modo di dire, ovviamente). Un ottimo esordio.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ugo

Ciaccio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ciaccio Ugo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una volta Ella era una ragazza spensierata, aperta, sempre pronta a sorridere e a infrangere le regole per provare nuove emozioni. Lei e Micha erano grandi amici, e insieme formavano una splendida coppia. Ma una notte accadde qualcosa di terribile, che sconvolse le loro vite e distrusse irrimediabilmente la loro amicizia. Poi Ella andò al college, lasciandosi tutto alle spalle, chiudendosi in se stessa. Nascose il suo segreto al mondo e si trasformò in una ragazza ligia, riservata, senza sogni e senza desideri. Ora però sono iniziate le vacanze estive ed Ella sta per tornare a casa. Ma non immagina che Micha la sta aspettando. Micha sa tutto di lei, conosce i suoi più intimi segreti, ed è deciso a disseppellire i fantasmi del passato e a far sì che Ella ritorni la ragazza vivace e allegra che era un tempo, la ragazza che lui ama e amerà per sempre.

NON LASCIARMI ANDARE

Sorensen Jessica

Quando, puntando il telescopio contro il cielo, Galileo Galilei edificava le basi della teoria destinata a rivoluzionare il modo di concepire l’universo, l’astronomo sapeva che, per affermare la sua dignità di uomo di scienza, avrebbe dovuto fronteggiare i pregiudizi di una vetusta tradizione e i minacciosi strali della Chiesa, ancora convinta di poter dominare la sete di sapere con le torture e i roghi accesi dalla Santa Inquisizione. Gli strali della Curia romana, insieme allo zelo oscurantista dei gesuiti, rivivono nel grande romanzo di Jacob Popper: ricostruzione quanto mai avvincente e accurata degli uomini che, nel clima arroventato del Diciassettesimo secolo, opposero la loro stessa vita alla feroce politica dei tribunali della fede, acerrimi nemici di ogni cambiamento. In un affresco costruito con rara sapienza, tra le pagine di “Ereticus” sfilano, insieme a Galileo Galilei, Marina, la concubina dell’astronomo, Simon Marius, l’alchimista e fra’ Paolo Sarpi, il monaco scettico. Mentre le figure di Filippo Salviati, scienziato progressista, e Giovan Francesco Sagredo, nobile veneziano di idee illuminate, danno un corpo e un’anima alle voci contenute nel “Dialogo su i massimi sistemi”, il libro di Galileo messo all’indice nel 1633, la furia del papato irrompe sulla nuova scienza. E se gli irrequieti studenti di Padova sono pronti persino a sguainare la spada per difendere la concezione copernicana della Terra, Galileo resta solo con la sua ultima profezia, alla ricerca di una verità nemica di ogni dogma, eternamente straniera ad ogni scuola di pensiero e a qualunque confessione religiosa.

Ereticus

Popper Jacob

Jocelyn ha passato i cinquanta e come Jane Austen, la sua scrittrice preferita, non si è mai sposata anche se sa tutto dell'amore e del corteggiamento. Per risollevare l'umore di Sylvia, amica del cuore fin da quando era ragazzina, appena separata, la donna ha un'idea geniale: fondare un club del libro, il Jane Austen Book Club. Chiama perciò a raccolta le amiche più care che, come lei, amano la Austen. Unico problema: ognuna di loro ama la grande scrittrice a modo suo...

Jane Austen Book Club

Fowler Karen Joy

Venezia 1894. Un incontro fortuito. 36 anni lei, 31 lui. Duse e d’Annunzio attraverseranno insieme 10 burrascosi anni. Un breve tratto, ma per entrambi capitale: sia perché, col tempo, il Vate si sarebbe ravveduto, rimpiangendola; sia perché quella con d’Annunzio è la sola convivenza della Diva che, sul viale del tramonto, parrà prediligere la compagnia di giovani donne. Questo narra la vulgata confermata da oltre un secolo. Se corrispondono al vero passione, tradimenti e umiliazioni, sono da ribaltare i ruoli: fu lui la vittima e lei il carnefice. È quanto emerge dai numerosi documenti, sottoposti a nuovo esame con un’avvertenza: a varare la favola dei divi amanti fu Gabriele per suo tornaconto.

Più che l’amore

Andreoli Annamaria