Narrativa

Nel momento

De Carlo Andrea

Descrizione: Può succedere anche una sola volta nell'arco di tutta la vita: un frangente di improvvisa lucidità in cui il flusso delle cose si interrompe e la realtà si mostra senza veli. A Luca, che ha alle spalle un matrimonio fallito e vive una relazione ormai appiattita nella consuetudine, succede dopo una caduta da cavallo. In quell'istante egli capisce con dolorosa consapevolezza di essere perfettamente infelice. E da quel momento, unico e irripetibile, niente sarà più come prima.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: I tascabili di Andrea De Carlo

Anno: 2005

ISBN: 9788845234446

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nel momento di Andrea De Carlo è una spietata anatomia della crisi di un rapporto, che pone un drammatico interrogativo: come ripartire?

La crisi del rapporto

Esplode per caso, con un incidente (“La mattina del cinque marzo sono uscito da solo e di umore sospeso perché il tempo era brutto e perché avevo una strana curva nei pensieri, e il cavallo mi ha preso la mano”). Un’attività ordinaria (“Era uno degli aspetti dell’andare a cavallo che mi avevano affascinato fin dall’inizio: il dover stare in guardia ma non rigidi di tensione, attenti ai minimi segnali eppure parte di un equilibrio molto più ampio e mobile, dove nessun gesto può garantire effetti permanenti”), svolta da tempo (“Lavoravo con i cavalli già da cinque anni”)… Eppure è proprio quella l’occasione per ripensare al rapporto (“Ho provato a pensare a prima di Anna e a prima dei cavalli, e mi sono reso conto che non ero mai stato felice”) e al suo fallimento (“Non mi veniva in mente nessuna gioia non interrotta dal dovere, nessuna sorpresa non diluita dall’abitudine, nessuna allegria non velata dalla noia, nessuna fantasia non inchiodata a terra dal peso stolido della realtà”).

Il narratore s’imbatte in Alberta e Riccardo (“Li ho guardati, e sembravano fermi in un territorio di parole esaurite, uno di fronte all’altra in attesa di ispirazioni o di soccorsi esterni”) e anche in loro ravvisa il fallimento (“A distanza ravvicinata potevo vedere segni molto fisici del suo scontro con Alberta che da lontano mi era sembrato quasi astratto”) nel solito stile un po’ stralunato di Andrea De Carlo (“Ma il suo sguardo aveva una qualità da diagnosi veterinaria, e sembrava venato di un’insofferenza sedimentata strato a strato…”).

La crisi è ormai tematizzata (“Pensavo ai ruoli, e a come sono più forti delle persone: a come bloccano i punti di vista e stabilizzano i toni di voce, fabbricano ragioni e definiscono strategie permanenti di attacco e di difesa, fanno diventare sordi e insensibili”), la diagnosi è impietosa, anche se attutita dallo stile: “Il processo che porta due persone che un tempo non si conoscevano a parlarsi con un’esasperazione così intima e sommessa, da esseri simbiotici logarati dalla propria simbiosi. Pensavo alla colla invisibile che continua a legarli anche quando le ragioni creative e gioiose e ottimistiche del loro stare insieme si sono dissolte da un pezzo: ai filamenti resistenti di abitudine e familiarità e autoinganno, paura del vuoto”.

Il narratore la comunica al figlioletto: “Ognuno dei due pensa talmente di sapere come è fatto l’altro da non lasciarlo libero di essere in nessun altro modo”.

Come ripartire?

Per caso. Imbattendosi in Maria Chiara, la sorella di Alberta.
La soluzione forse sta in una forma di resistenza (“Facevo sbarramento per non lasciar passare nessuna immagine del centro di equitazione di Anna; volevo solo immagini con un arco di vita di meno di ventiquattr’ore”), che rende possibile la cristallizzazione del momento (“La mia percezione del momento era così viva e apprensiva e anche incredula, avevo una paura costante di scavalcare i suoi confini”) e il desiderio “di essere dentro un momento e non uscirne mai”.

Bruno Elpis

__________________________________________

Il sito di Andrea De Carlo

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Carlo

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Carlo Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una raccolta di paradossali colloqui di lavoro, domande singolari, annunci bizzarri. Consigli utili per districarsi fra i "lei è troppo per la nostra azienda", i "lei è una persona instabile, ha viaggiato troppo" e i "dobbiamo tornare tutti all'agricoltura". Un modo per riflettere, sorridendo, sui cambiamenti del mondo del lavoro e della nostra società, ma soprattutto per non arrendersi di fronte all'incertezza. Mal comune, mezzo gaudio? Forse, ma anche consapevolezza che dalla crisi si esce solo credendo in se stessi e nelle proprie capacità. Il libro è diviso in tre parti, suddivise a loro volta in capitoli. La prima parte è intitolata "Dei colloqui e degli altri demoni". La seconda: "Storie di ordinaria follia lavorativa". La terza: "Lavoro o son desto?". Qui sono raccolti una serie di consigli su come sopravvivere ai colloqui, agli stage, nonché una guida semiseria per capire quando è ora di darsela a gambe e fuggire dagli annunci-truffa.

Papà mi presti i soldi che devo lavorare?

Bottone Alessia

Domande e risposte con Emma Cleave: il PEN come sceglie i libri da supportare?

Fratelli d'Italia... ma sarà poi vero? Perché, festeggiati i centocin-quant'anni dall'Unità d'Italia, il conflitto fra Nord e Sud pare aver superato il livello di guardia. Per Pino Aprile, pugliese doc, la storia di oggi è ancora quella di ieri. Ripercorrendo gli eventi di quella che per alcuni fu conquista, per altri liberazione, l'autore porta alla luce una serie di fatti, volutamente rimossi nella retorica dell'unificazione, che aprono una nuova, sconvolgente finestra sulla facciata del trionfalismo nazionalistico.

Terroni

Aprile Pino

Un biondino con un hobby particolare, una donna mozzafiato con un piccolo segreto, la vittima di un’ingiustizia, due studenti coinquilini, tre pusher, una tossica, un boss della mala di Milano e un poliziotto cocainomane, sono i personaggi di questo noir al cardiopalma. Un intreccio adrenalinico di eventi, che ha per sfondo una metropoli notturna e la sua fauna multiforme, si dipana senza tregua alcuna. Mariani vi pone, con la sua narrazione, in un vagone delle montagne russe da cui è impossibile scendere.

Rollercoaster

Mariani Andrea