Narrativa

Nel momento

De Carlo Andrea

Descrizione: Può succedere anche una sola volta nell'arco di tutta la vita: un frangente di improvvisa lucidità in cui il flusso delle cose si interrompe e la realtà si mostra senza veli. A Luca, che ha alle spalle un matrimonio fallito e vive una relazione ormai appiattita nella consuetudine, succede dopo una caduta da cavallo. In quell'istante egli capisce con dolorosa consapevolezza di essere perfettamente infelice. E da quel momento, unico e irripetibile, niente sarà più come prima.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: I tascabili di Andrea De Carlo

Anno: 2005

ISBN: 9788845234446

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nel momento di Andrea De Carlo è una spietata anatomia della crisi di un rapporto, che pone un drammatico interrogativo: come ripartire?

La crisi del rapporto

Esplode per caso, con un incidente (“La mattina del cinque marzo sono uscito da solo e di umore sospeso perché il tempo era brutto e perché avevo una strana curva nei pensieri, e il cavallo mi ha preso la mano”). Un’attività ordinaria (“Era uno degli aspetti dell’andare a cavallo che mi avevano affascinato fin dall’inizio: il dover stare in guardia ma non rigidi di tensione, attenti ai minimi segnali eppure parte di un equilibrio molto più ampio e mobile, dove nessun gesto può garantire effetti permanenti”), svolta da tempo (“Lavoravo con i cavalli già da cinque anni”)… Eppure è proprio quella l’occasione per ripensare al rapporto (“Ho provato a pensare a prima di Anna e a prima dei cavalli, e mi sono reso conto che non ero mai stato felice”) e al suo fallimento (“Non mi veniva in mente nessuna gioia non interrotta dal dovere, nessuna sorpresa non diluita dall’abitudine, nessuna allegria non velata dalla noia, nessuna fantasia non inchiodata a terra dal peso stolido della realtà”).

Il narratore s’imbatte in Alberta e Riccardo (“Li ho guardati, e sembravano fermi in un territorio di parole esaurite, uno di fronte all’altra in attesa di ispirazioni o di soccorsi esterni”) e anche in loro ravvisa il fallimento (“A distanza ravvicinata potevo vedere segni molto fisici del suo scontro con Alberta che da lontano mi era sembrato quasi astratto”) nel solito stile un po’ stralunato di Andrea De Carlo (“Ma il suo sguardo aveva una qualità da diagnosi veterinaria, e sembrava venato di un’insofferenza sedimentata strato a strato…”).

La crisi è ormai tematizzata (“Pensavo ai ruoli, e a come sono più forti delle persone: a come bloccano i punti di vista e stabilizzano i toni di voce, fabbricano ragioni e definiscono strategie permanenti di attacco e di difesa, fanno diventare sordi e insensibili”), la diagnosi è impietosa, anche se attutita dallo stile: “Il processo che porta due persone che un tempo non si conoscevano a parlarsi con un’esasperazione così intima e sommessa, da esseri simbiotici logarati dalla propria simbiosi. Pensavo alla colla invisibile che continua a legarli anche quando le ragioni creative e gioiose e ottimistiche del loro stare insieme si sono dissolte da un pezzo: ai filamenti resistenti di abitudine e familiarità e autoinganno, paura del vuoto”.

Il narratore la comunica al figlioletto: “Ognuno dei due pensa talmente di sapere come è fatto l’altro da non lasciarlo libero di essere in nessun altro modo”.

Come ripartire?

Per caso. Imbattendosi in Maria Chiara, la sorella di Alberta.
La soluzione forse sta in una forma di resistenza (“Facevo sbarramento per non lasciar passare nessuna immagine del centro di equitazione di Anna; volevo solo immagini con un arco di vita di meno di ventiquattr’ore”), che rende possibile la cristallizzazione del momento (“La mia percezione del momento era così viva e apprensiva e anche incredula, avevo una paura costante di scavalcare i suoi confini”) e il desiderio “di essere dentro un momento e non uscirne mai”.

Bruno Elpis

__________________________________________

Il sito di Andrea De Carlo

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Carlo

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Carlo Andrea

Londra. Un bambino dai capelli rossi è scomparso: il caso è su tutti i giornali, con tanto di dettagli macabri e orribili illazioni; la polizia è impotente; l'opinione pubblica è scossa. Frieda Klein, giovane psicanalista londinese, non potrebbe essere più lontana da tanto clamore. Il suo lavoro è già fin troppo intenso, con tutto il male di cui deve farsi carico esplorando la mente di persone turbate. La cronaca può aspettare. Finché arriva da lei un nuovo paziente, Alan. A quel punto, Frieda deve fare i conti con l'orrore della realtà più vera. Perché Alan, tormentato da inquietanti visioni, continua a vedere proprio il viso di un bambino dai capelli rossi...

IL PAZIENTE

French Nicci

L'esperienza dell'arcano che si insedia nella quotidianità e nella domesticità, fra suspance e realismo.

IL QUINTO FIGLIO

Lessing Doris

Due romanzi brevi, "Atti impuri" e "Amado mio", entrambi autobiografici, della prima giovinezza friulana; il secondo è già un racconto compiuto, chiuso nella vicenda di un incontro estivo, un amore scandaloso e apparentemente fallito, tra i balli pomeridiani, le spiagge selvatiche e gli ambienti de "Il sogno di una cosa". Il primo - che dello stesso tema è una variante sofferta - si presenta come testo restaurato, ricavato da tormentate stesure dattiloscritte, che rivelano un assillo più profondo, una scelta difficile di natura non soltanto personale ma ideologica. Con uno scritto di Attilio Bertolucci.

Amado mio

Pasolini Pier Paolo

«Un libro dolente e luminoso» - Michele Serra "Per molti versi, avrei preferito non dover pubblicare questo libro, che non esisterebbe se una delle mie scrittrici preferite - non posso nemmeno incominciare a spiegare l'importanza che ha avuto nella mia vita, professionale ma soprattutto personale, il suo 'Orto di un perdigiorno' - non si trovasse in condizioni di salute che non lasciano campo alla speranza. Eppure. 'L'orto di un perdigiorno' si chiudeva con una frase che mi è sempre sembrata un modello di vita, un obiettivo da raggiungere: "Ho la dispensa piena". Oggi questa dispensa, forse proprio grazie alla sua malattia, Pia ha trovato modo di aprircela, anzi di spalancarcela. E la scopriamo davvero piena di bellezza, di serenità, di quelle che James Herriot ha chiamato cose sagge e meravigliose, di un'altra speranza. È davvero un dono meraviglioso quello che in primo luogo Pia Pera ha fatto a se stessa e che poi, per nostra fortuna, dopo lunga riflessione ha deciso di condividere con i suoi lettori. Non posso aggiungere molto, se non raccomandare con tutto il mio cuore la lettura di un libro che, come pochi altri, ci aiuta a comprendere la straordinaria avventura di stare al mondo." (Luigi Spagnol)

Al giardino ancora non l’ho detto

Pera Pia