Narrativa

NEL NOME DELLO ZIO

Piedimonte Stefano

Descrizione: Lo Zio è uno spietato boss della camorra. Ha però una fatale debolezza: "il Grande Fratello", di cui non si perde una puntata. Nemmeno se costretto a vivere in latitanza, braccato dall'agente di polizia Woody Alien, soprannominato così per la "bruttezza intellettualoide", che potrebbe incastrarlo grazie a un misterioso informatore. Allora i "guaglioni" dello Zio, scoperta l'identità del traditore, arruolano il pusher Anthony ­ ventenne incensurato, ma in compenso lampadato e depilato ­ per mandargli un messaggio dalla Casa. Dopo un estenuante addestramento, Anthony riesce a superare il provino ed entra nel cast...

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2012

ISBN: 9788860889416

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

A prescindere dalla pubblicità, dai commenti in rete e dalle interviste che l’autore ha rilasciato o vorrà rilasciare, “In nome dello zio” troverà sicuramente (giusta) fortuna grazie al passaparola, come avviene sempre per i buoni testi: mentre lo stai ancora leggendo, ti viene già voglia di consigliarlo agli amici.

Personalmente l’ho divorato in due giorni, per la comicità intelligente, il ritmo vivace, l’originalità della trama, la simpatia dei protagonisti… E potrei continuare.
Lo Zio del titolo è uno spietato boss dei Quartieri Spagnoli di Napoli che, a seguito di un blitz, è costretto a rintanarsi in un albergo di terz’ordine con la moglie Gessica.

I suoi feroci sodali riescono a scoprire chi lo ha tradito ed escogitano un piano geniale per svelargli il nome dell’infame informatore. Lo Zio infatti ha una grande debolezza, un’insolita ossessione: il Grande Fratello. Non ne perde una puntata.
Ecco dunque l’idea: far entrare un “guaglione” nella Casa così che, durante la diretta serale del giovedì, possa trasmettere al boss il messaggio rivelatore che gli salverà la vita.
Il ragazzo in questione è Antony, un tipo “alla moda e frizzantino”, che vi farà divertire con la teatralità dei suoi gesti e un look curato sì, ma in modo alquanto discutibile.

A occuparsi dell’addestramento del giovane pusher, basato per lo più su poesie e musica (molto) pop, è Peppino, detto o’ Fetente (i soprannomi scelti da Piedimonte e le relative motivazioni sono spassosissimi!). Grasso, cattivo e naturalmente armato, Peppino sottoporrà il povero Antony a prove umilianti e  punizioni ancor peggiori all’interno di un angusto seminterrato. L’obiettivo comunque verrà centrato: il ragazzo supererà le selezioni del GF e potrà scatenarsi in “balli afrodisiaci” davanti a milioni di telespettatori, sfoggiando una super-abbronzatura e presunte doti canore. Il vero scopo della sua  presenza in tv peró è un altro, ed Antony lo sa bene. Riuscirà a salvare lo Zio?

Brillante parodia della malavita campana sullo sfondo di una città problematica e meravigliosa, con una spumeggiante galleria di personaggi. Garantisco risate e un finale che soddisfa, e persino supera, le aspettative.

Consigliato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stefano

Piedimonte

Libri dallo stesso autore

Intervista a Piedimonte Stefano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

“Se cominci a dare un senso alle cose significa che stai invecchiando” Tony Pagoda è un cantante melodico con tanto passato alle spalle. La sua è stata la scena di un’Italia florida e sgangheratamente felice, tra Napoli, Capri e il mondo. È stato tutto molto facile e tutto all’insegna del successo. Ha avuto il talento, i soldi, le donne. E inoltre ha incontrato personaggi straordinari e miserabili, maestri e compagni di strada. Da tutti ha saputo imparare e ora è come se una sfrenata, esuberante saggezza si sprigionasse da lui senza fatica. Ne ha per tutti e, come un Falstaff contemporaneo, svela con comica ebbrezza di cosa è fatta la sostanza degli uomini, di quelli che vincono e di quelli che perdono. Quando la vita comincia a complicarsi, quando la scena muta, Tony Pagoda sa che è venuto il tempo di cambiare. Una sterzata netta. Andarsene. Sparire. Cercare il silenzio. Fa una breve tournée in Brasile e decide di restarci, prima a Rio, poi a Manaus, inebriato da una nuova libertà e ossessionato dagli scarafaggi. Ma per Tony Pagoda, picaro senza confini, non è finita. Dopo diciotto anni di umido esilio amazzonico qualcuno è pronto a firmare un assegno stratosferico perché torni in Italia. C’è ancora una vita che lo aspetta.

HANNO TUTTI RAGIONE

Sorrentino Paolo

Quando il piccolo Dito, di soli dieci anni, viene rapito e i suoi genitori fatti assassinare dal potente tiranno dell'isola di Santerra, sua sorella potrebbe cedere alla disperazione, oppure progettare liberazione e vendetta grazie all'immenso potere che sta crescendo dentro di lei. Ma perché un bambino come tanti dovrebbe costituire una minaccia per un sovrano che regna incontrastato ormai da un decennio? Iugerin cercherà di scoprirlo, e nel farlo imparerà a governare l'energia dell'universo che le permette di levitare, guarire, modificare la forma e la sostanza delle cose. Da una battaglia personale per scarcerare il fratello e vendicare i genitori, si troverà coinvolta in una vera e propria guerra per la liberazione dell'isola dal tiranno che la tiene soggiogata. Combatterà a fianco di eroi che mostreranno il loro lato oscuro e contro creature metà umane e metà ferro, acqua, terra, frutto dei crudeli esperimenti del re.

Energeia

Silvotti Alessandra

Come si può continuare a scrivere quando la morte ti ha sottratto la tua Musa? È questo l'interrogativo che, l'8 giugno 1290, tormenta Dante Alighieri, giovane poeta ancora alla ricerca di una sua voce, davanti alle spoglie di Beatrice Portinari. Da quel momento tutto cambierà: la sua vita come la sua poesia. Percorrendo le strade di Firenze, Dante rievoca le vicissitudini di un amore segnato dal destino, il primo incontro e l'ultimo sguardo, la malìa di una passione in virtù della quale ha avuto ispirazione e fama. È sgomento, il giovane poeta; e smarrito. Ma la sorte gli riserva altri strali. Mentre le trame della politica fiorentina minacciano dapprima i suoi affetti - dal rapporto con la moglie Gemma all'amicizia fraterna con Guido Cavalcanti - e poi la sua stessa vita, Dante Alighieri fa i conti con le tentazioni del potere e la ferita del tradimento, con l'aspirazione alla gloria letteraria e il timore di non riuscire a comporre il suo capolavoro... È un Dante intimo, rivelato nella sua fragilità ma anche nella potenza della sua visione del mondo, quello che Marco Santagata mette in scena in un romanzo che restituisce le atmosfere, le parole, le inquietudini di un Medioevo vivido e vicino. Il sommo poeta in tutta la sua umanità: lacerato dall'amore, tormentato dall'ambizione, ardentemente contemporaneo.

Come donna innamorata

Santagata Marco

Ritrovato nell'archivio di famiglia e presentato per la prima volta ai lettori, questo romanzo inedito di Giorgio Scerbanenco conserva intatto il fascino della sua scrittura ironica e una struttura appassionante da vero noir all'italiana. La vicenda di questo libro è essa stessa un romanzo: il manoscritto dell'«Isola degli Idealisti» scompare insieme ad altri testi nel 1943, quando la Mondadori, per la quale era stato scritto, sposta in tutta fretta i suoi uffici da Milano. Figura tra le opere in via di pubblicazione elencate da Scerbanenco per ottenere asilo in Svizzera, ed è l'unico ad essere stato ritrovato, in uno degli archivi che raccolgono le carte dello scrittore. Un romanzo ritrovato nello stile del migliore Scerbanenco: tagliente, incisivo, sensuale e pittorico. I protagonisti, il padre Antonio e i suoi figli Celestino e Carla, ricchi e raffinati medici, vivono circondati da domestici più o meno fidati in una casa su una piccola isola in mezzo a un lago, e qui si nutrono di arte e di cultura. La loro tranquillità viene disturbata da Guido e Beatrice, due ladri professionisti, che Celestino, appassionato di matematica e filosofia morale, decide di rieducare. Nonostante le apparenze, e malgrado le resistenze dei due ladri, l'esito di questo bizzarro esperimento sociale si dimostrerà imprevedibile: il disincanto dell'uno, la nostalgia di casa dell'altra si mescolano ai furti, alle piccole bugie e alle vere tragedie che intrecciano le storie di due famiglie così diverse.

L’isola degli idealisti

Scerbanenco Giorgio