Narrativa

NEL NOME DELLO ZIO

Piedimonte Stefano

Descrizione: Lo Zio è uno spietato boss della camorra. Ha però una fatale debolezza: "il Grande Fratello", di cui non si perde una puntata. Nemmeno se costretto a vivere in latitanza, braccato dall'agente di polizia Woody Alien, soprannominato così per la "bruttezza intellettualoide", che potrebbe incastrarlo grazie a un misterioso informatore. Allora i "guaglioni" dello Zio, scoperta l'identità del traditore, arruolano il pusher Anthony ­ ventenne incensurato, ma in compenso lampadato e depilato ­ per mandargli un messaggio dalla Casa. Dopo un estenuante addestramento, Anthony riesce a superare il provino ed entra nel cast...

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2012

ISBN: 9788860889416

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

A prescindere dalla pubblicità, dai commenti in rete e dalle interviste che l’autore ha rilasciato o vorrà rilasciare, “In nome dello zio” troverà sicuramente (giusta) fortuna grazie al passaparola, come avviene sempre per i buoni testi: mentre lo stai ancora leggendo, ti viene già voglia di consigliarlo agli amici.

Personalmente l’ho divorato in due giorni, per la comicità intelligente, il ritmo vivace, l’originalità della trama, la simpatia dei protagonisti… E potrei continuare.
Lo Zio del titolo è uno spietato boss dei Quartieri Spagnoli di Napoli che, a seguito di un blitz, è costretto a rintanarsi in un albergo di terz’ordine con la moglie Gessica.

I suoi feroci sodali riescono a scoprire chi lo ha tradito ed escogitano un piano geniale per svelargli il nome dell’infame informatore. Lo Zio infatti ha una grande debolezza, un’insolita ossessione: il Grande Fratello. Non ne perde una puntata.
Ecco dunque l’idea: far entrare un “guaglione” nella Casa così che, durante la diretta serale del giovedì, possa trasmettere al boss il messaggio rivelatore che gli salverà la vita.
Il ragazzo in questione è Antony, un tipo “alla moda e frizzantino”, che vi farà divertire con la teatralità dei suoi gesti e un look curato sì, ma in modo alquanto discutibile.

A occuparsi dell’addestramento del giovane pusher, basato per lo più su poesie e musica (molto) pop, è Peppino, detto o’ Fetente (i soprannomi scelti da Piedimonte e le relative motivazioni sono spassosissimi!). Grasso, cattivo e naturalmente armato, Peppino sottoporrà il povero Antony a prove umilianti e  punizioni ancor peggiori all’interno di un angusto seminterrato. L’obiettivo comunque verrà centrato: il ragazzo supererà le selezioni del GF e potrà scatenarsi in “balli afrodisiaci” davanti a milioni di telespettatori, sfoggiando una super-abbronzatura e presunte doti canore. Il vero scopo della sua  presenza in tv peró è un altro, ed Antony lo sa bene. Riuscirà a salvare lo Zio?

Brillante parodia della malavita campana sullo sfondo di una città problematica e meravigliosa, con una spumeggiante galleria di personaggi. Garantisco risate e un finale che soddisfa, e persino supera, le aspettative.

Consigliato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stefano

Piedimonte

Libri dallo stesso autore

Intervista a Piedimonte Stefano

Un amore romantico e infinito, capace di pazientare, con fede incrollabile, per "cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni, notti comprese". Tanto deve infatti aspettare Florentino Aziza, poeta e proprietario della Compagnia Fluviale del Caribe, prima di poter finalmente vedere realizzato il suo sogno con Fermina Daza, la più bella ragazza della Colombia. La cronaca di una lunga e fiduciosa attesa, di un desiderio che non si sopisce ma viene accresciuto dagli anni, superando tutti gli ostacoli. Una storia d'amore e di speranza con la quale, per una volta, Márquez abbandona la sua abituale inquietudine e il suo impegno di denuncia sociale, per raccontare un'affascinante epopea di passione e di ottimismo. Un romanzo atipico e splendido da cui emergono il gusto intenso per una narrazione corposa e fiabesca, le colorate descrizioni dell'assolato Caribe e della sua gente.

L’amore ai tempi del colera

Márquez Gabriel García

Il professor David Lurie è allontanato dalla sua professione per aver sedotto una studentessa. Rifugiatosi in campagna dalla figlia, deve affrontare la violenza carnale che tre uomini esercitano sulla ragazza e il pericoloso prezzo che i bianchi devono pagare in cambio del diritto alla terra. Vincitore del Booker Prize 1999, Vergogna mette in scena la trasformazione del Sud Africa post-apartheid: un mondo ancora irrisolto e indeterminato come i personaggi di Coetzee, come il loro destino.

Vergogna

Coetzee John Maxwell

Protetti e intoccabili. Sono 2 milioni di italiani divisi nelle 25 sacche di privilegio degli ordini professionali. Avvocati, ingegneri, psicologi, medici, farmacisti, notai, giornalisti, chimici, commercialisti... Rappresentano il 12,5 per cento del Pil. Hanno enti previdenziali propri, che gestiscono un tesoro di 40 miliardi di euro investiti in immobili e titoli finanziari. Il solo patrimonio dell'ordine dei medici vale 9,3 miliardi di euro. 4,5 quello degli avvocati; 4,3quello di architetti e ingegneri. Il presidente della Cassa dei medici guadagna circa 10.000 euro lordi al mese più 600 euro a ogni riunione a cui partecipa. L’élite al comando annovera 18,000 persone, impegnate in quotidiani giochi di potere, lotte interne, investimenti occulti, vere e proprie azioni di spionaggio e controspionaggio. Questo libro entra per la prima volta dentro gli ordini, ne racconta il funzionamento, i soldi e i traffici finanziari, gli scandali e le inchieste, i poteri forti che li animano, tra logge massoniche e gruppi religiosi come Opus Dei e Comunione e Liberazione, la presenza in Parlamento. Un sistema che risale a più di un secolo fa. Ancora oggi potentissimo e mai raccontato.

I veri intoccabili

Stefanoni Franco

L'amore coniugale è la storia di un uomo che cerca al tempo stesso di essere buon marito e buon scrittore, finendo col fallire entrambi gli obbiettivi: il fallimento erotico-sentimentale da un lato e il fallimento letterario dall'altro. Il contrasto tra vita affettiva e vita culturale è affrontato in tutta la sua crudezza, con la tipica capacità di Moravia di raccontare, senza reticenze, e di fare emergere un discorso civile e morale. Pubblicato per la prima volta nel 1949, è tra i romanzi più vivi e impegnati di Moravia.

L’amore coniugale

Moravia Alberto