Giallo - thriller - noir

Nel silenzio della notte

Collaveri Diego

Descrizione: La promozione a ispettore che ha portato Claudia Draghi nella città di Livorno non è servita a cancellare il suo passato. Malvista per i suoi precedenti e osteggiata dalla mentalità sessista del nuovo superiore, trova conforto nell'amicizia di Dina, attempata vicina burbera e impicciona, appassionata di polizieschi. L'improvvisa sparizione di Mihaela, badante dell'anziana, da poco in Italia e in cerca di una vita migliore, porterà le due donne a inciampare in un'organizzazione criminale che riduce in schiavitù donne invisibili arrivate come clandestine. Il ritrovamento di alcuni resti disciolti nell'acido darà un risvolto ancora più macabro al mistero della scomparsa di Mihaela. Aiutate da Luciano Martelli, un vecchio poliziotto impopolare, Claudia e Dina proveranno a risolvere il caso, ma un'amara sorpresa le attende nel silenzio della notte.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Ugo Mursia Editore

Collana: Giungla gialla

Anno: 2021

ISBN: 9788842564133

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Diego Collaveri, Nel silenzio della notte, Mursia 2021

Diego Collaveri è stato musicista, arrangiatore e sceneggiatore. Docente saltuario di sceneggiatura e storia del cinema, è autore della saga del commissario Botteghi e di Fango. Ora per la casa editrice Mursia e per la collana Giungla Gialla, pubblica Nel silenzio della notte, un giallo ambientato a Livorno, di sicuro interesse e molto intrigante.

Protagonista della narrazione è Claudia Draghi che, promossa a ispettore e mal tollerata dai suoi stessi colleghi, non è mai riuscita a dimenticare un passato ostico. A Livorno le cose non cambiano poi molto e l’unica sua amico è Dina, una vicina di casa, arzilla vecchietta, molto impicciona e amante dei gialli (“Una signora anziana in piedi, aggrappata all’uscio come se avesse difficoltà. I bianchi capelli raccolti in una crocchia e addosso uno strano vestitino arancione con delle farfalle stampate, simile nel taglio a una cappina da lavoro, ma indossata con quella dignità che le persone di una certa età mantengono anche in ambiente casalingo”).

Dina ha una badante, che si occupa di lei, di nome Mihaela (“Avrà avuto poco più di 30 anni, lunghi capelli biondi e occhi talmente azzurri da apparire quasi trasparenti. Aveva un fisico decisamente prestante, nascosto sotto degli anonimi vestiti che sembravano di seconda mano. La poliziotta riconobbe le tipiche caratteristiche somatiche dell’est Europa, ma fu quando si incrociarono e ricevette uno storpiato buongiorno che ebbe conferma delle sue intuizioni”).

L’improvvisa sparizione di Mihaela costringe Dina a chiedere aiuto alla sua vicina di casa. Le indagini saranno irte di difficoltà, porteranno a scontrarsi con un’organizzazione criminale e metteranno entrambe in pericolo di vita. Riusciranno a trovare Mihaela ancora viva o avranno una brutta sorpresa che “le attende nel silenzio della notte”?

Il romanzo ruota attorno alle figure di queste tre donne che, nel silenzio della notte, chiedono pietà e misericordia a chi, scarso di sentimenti e di valori, non ha più nulla da perdere.

La lettura avvince, la trama è ben congegnata; i personaggi e le ambientazioni sono resi con particolare efficacia narrativa. Nel complesso il romanzo tiene con il fiato sospeso fino alla risoluzione finale. Tra i misteri, il male compie i suoi misfatti segnando per sempre le vite umane.
Consigliato!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Diego

Collaveri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Collaveri Diego

Bristol, anni '80. Tar vuole fuggire da casa e soprattutto da suo padre, e Gemma, che lo ama benché contrastata dalla famiglia, decide di andare con lui. Ben presto si ritrovano a precipitare nella spirale dell'eroina, della quale pensavano di potersi liberare in ogni momento con la sola forza di volontà. Questa è la loro storia: una lotta costante per procurarsi l'eroina, a qualunque costo, sfidando la prigione e la morte; ma è anche una storia di rinascita e riscatto, di scelte coraggiose per liberarsi della dipendenza e di un nuovo inizio. Un diario a più mani, sullo sfondo di una Bristol cupa e notturna, tra case occupate e ritrovi punk. Età di lettura: da 13 anni.

Storia d’amore e perdizione

Burgess Melvin

Durante una cena in un'elegante casa di Greenwich un amico di un amico dei padroni di casa si alza da tavola e non torna più. Si scopre che si è chiuso nella stanza degli ospiti e non ha la minima intenzione di uscire. Perché ha preso questa decisione? Cosa spera di ottenere? E soprattutto chi è Miles Garth? Gen, la padrona di casa, si mette alla ricerca di amici e parenti del suo ospite indesiderato che possano convincerlo a desistere dal suo proposito inspiegabile. Comincia così una carrellata di personaggi, ricordi, situazioni buffe o commoventi che prendono spunto dalla presenza/assenza di Miles, ma in realtà sono un'occasione per la scrittrice di esplorare vari aspetti della vita quotidiana nell'Inghilterra di oggi. Una scrittura divertente e divertita, una girandola di giochi di parole e rimandi che vanno da Shakespeare al punk passando per i musical e le canzoni dell'Eurofestival. Il nuovo splendido romanzo di Ali Smith cerca di rispondere a una domanda semplicissima: perché siamo qui?

C’E’ MA NON SI

Smith Ali

Venezia 1604. Una gondola fende l’acqua nera come il petrolio. La lanterna dell’imbarcazione illumina fiocamente il volto pensieroso di Paul Pindar, mercante dell’onorevole Compagnia del Levante. L’uomo si trova ormai a Venezia da diversi mesi e consuma le sue notti e il suo denaro tra gioco d’azzardo e cortigiane. Ma niente riesce a fargli dimenticare Celia, la sua promessa sposa, rapita dai turchi per la sua pelle di luna e i biondi capelli. La sua bellezza l’ha resa una delle favorite del sultano. Ma ora il suo destino è sconosciuto. Nessuno sa se sia ancora rinchiusa tra i cancelli dorati dell’harem di Costantinopoli, un mondo proibito e impenetrabile, o se sia scomparsa per sempre. Eppure, proprio quando Paul ha quasi perso la speranza di rincontrarla, ecco che fra le calli veneziane inizia a serpeggiare una voce sempre più insistente. Si dice che in città sia nascosta una misteriosa pietra, “L’Azzurro” del sultano, un diamante blu dal valore inestimabile appartenuto al sovrano di Costantinopoli. Pindar non ha dubbi: deve impossessarsene a tutti i costi. E’ convinto che il gioiello lo ricondurrà in qualche modo a celia. Ma la strada è irta di pericoli. Perché molti altri sono disposti a uccidere pur di averlo. L’unica in grado di aiutarlo è Annetta, una monaca che si trovain un convento di clausura nella laguna veneziana. Il suo è un passato oscuro, indissolubilmente legato al’harem. Pindar deve incontrarla e parlarle, almeno una volta. Niente è come sembra tra gli intricati corridoi del convento e dietro le grate delle celle monacali, che nascondono pericoli, rame silenziose e lotte di potere. E mentre l’ossessione del mercante per il misterioso diamante aumenta sempre più, diventa chiaro che ci sono altre forze segrete in gioco. Il diamante è reale o si tratta solo di un tranello per trascinarlo verso la rovina?

Il diamante dell’harem

Hickman Katie

Piccola Tigre non è una tigre come le altre: è curiosa, fa molte domande, mette in discussione quello che la natura le offre e che i suoi simili semplicemente accettano. Piccola Tigre apre gli occhi e scopre la meraviglia della luce. Tende le orecchie e scopre la vasta gamma dei rumori della Taiga. Quando, molto presto, le si fa chiara la forza che compete a una tigre, inizia a cibarsi di altri animali. Ma con qualche dubbio. Impara a distaccarsi da sua madre, a viaggiare da sola, sino ad avventurarsi fuori dai confini della Taiga, in cui è nata e da cui le altre tigri non usciranno mai. E, così, grazie a questa sua curiosità, infine, scopre anche l'uomo. L'hanno avvertita che dall'uomo bisogna guardarsi. Ma lei vuole conoscerlo. Con l'uomo, Piccola Tigre scopre l'essere più inquietante e mutevole, da amare e da cui difendersi. E da qui in poi la sua vita non sarà più la stessa.

La tigre e l’acrobata

Tamaro Susanna