Narrativa

Nel silenzio delle nostre parole

Sparaco Simona

Descrizione: È quasi mezzanotte e una nebbia sottile avvolge la metropoli addormentata. In un palazzo di quattro piani, dentro un appartamento disabitato, un frigorifero va in cortocircuito. Le fiamme, lente e invisibili dall'esterno, iniziano a divorare ciò che trovano. Due piani più in alto, Alice scivola nel sonno mentre aspetta il ritorno di Matthias, il ragazzo che ama con una passione per lei nuova e del quale non è ancora riuscita a parlare a sua madre, che abita lontano e vorrebbe sapere tutto di lei. Anche Bastien, il figlio della signora che occupa un altro degli interni, da troppi mesi ormai avrebbe qualcosa di cruciale da rivelare alla madre, ma sa che potrebbe spezzarle il cuore e non trova il coraggio. È un altro tipo di coraggio quello che invece manca a Polina, ex ballerina classica, incapace di accettare il proprio corpo dopo la maternità, tantomeno il pianto incessante del suo bambino nella stanza accanto. Giù in strada, nel negozio di fronte, Hulya sta pensando proprio a lei, come capita sempre più spesso, senza averglielo mai confessato, ma con una voglia matta di farlo. Per tutti loro non c'è più tempo: un mostro di fuoco sta per stravolgere ogni prospettiva, costringendoli a scelte estreme per colmare quei silenzi, o per dare loro un nuovo significato. Simona Sparaco indaga i momenti terribili in cui la vita e la morte si sfiorano diventando quasi la stessa cosa, e in cui le distanze che ci separano dagli altri vengono abbattute dall'amore più assoluto, quello che non conosce condizioni. Vincitore del premio DeA Planeta 2019.

Categoria: Narrativa

Editore: De Agostini

Collana: Narrativa italiana

Anno: 2019

ISBN: 9788851171209

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nel silenzio delle nostre parole di Simona Sparaco studia la complessità di tre rapporti madre-figlio cogliendone l’intensità in una situazione limite: la catastrofe causata da un incendio, che cristallizza l’evoluzione del rapporto in un attimo tragico e finale.

La vicenda s’ispira al rogo della Grenfell Tower di Londra: la storia narra le ultime ore trascorse dai protagonisti prima che divampi l’inferno in un palazzo di Berlino (“Al momento l’interno 3B era vuoto, ma non inerte… Il frigorifero era rimasto acceso… alcune anomalie nel fusibile e nei cavi della morsettiera  dell’alimentazione costante”).

Alice è una studentessa di architettura, vive la sua storia d’amore con il tedesco Matthias, incarna il sogno di emancipazione e libertà della madre (“Mamma mi chiama tante di quelle volte che ho tutto il diritto di non rispondere”).

Naima è vittima di una malattia degenerativa e non si rassegna all’apparente devianza del figlio Bastien (“Anche stasera non riuscirai a pronunciare quelle sei fatidiche parole?”), che forse ha patito l’eccessiva complicità dei genitori, dalla quale si è sentito escluso.

La ballerina Polina è vittima della depressione post-partum  (“Polina non aveva mai attaccato Janis al seno. Si era rifiutata sin dal primo giorno”) e non riesce ad accettare che il neonato Janis abbia stravolto la sua vita (“Un intruso”).

In servizio nello späti di fronte al palazzo, Hulya coltiva una passione saffica per Polina e rappresenta l’occhio che indaga, osserva, registra gli eventi (“Forse ancora più del rugby, a Hulya piaceva osservare la gente, immaginare le loro storie… L’umanità che si raccoglieva intorno a uno späti era variegata…”).

La tragedia dell’incendio agirà da detonatore di sentimenti forti, che – sotto la pressione della tragedia – sovvertiranno il loro corso e la loro direzione. Per affermare il principio della proclamazione dell’amore: “Quante parole ci diciamo che sono solo silenzio? Perché vorremmo dirne altre ma non ne abbiamo il coraggio di dargli voce… E qualche volta il silenzio delle nostre parole si fa così assordante che ho bisogno di una via di fuga”.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Simona

Sparaco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sparaco Simona


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Susie, tredicenne, e stata assassinata da un serial killer che abita a due passi da casa. E' stata adescata da quest'uomo dall'aria perbene, che la stupra, poi fa a pezzi il cadavere e nasconde i resti in cantina. A raccontarci l'orrendo omicidio e la stessa Susie, di cui Alice Sebold riesce a ricostruire in modo sorprendente pensieri e fantasie.

AMABILI RESTI

Sebold Alice

Scegliere di vivere ciò che si è: può sembrare semplice ma è una delle decisioni più complicate della vita di ognuno. Eppure questa è la scelta che tutti siamo, prima o poi, chiamati ad affrontare se vogliamo arrivare un po' più vicino alla felicità. Questo libro è la storia di una ricerca, il viaggio verso sé e gli altri di chi, costretto ad affermare se stesso ogni giorno, decide di trasformare ciò che poteva sembrare un problema, in un vantaggio. Crescere in una famiglia un po' speciale, scoprire la propria sessualità, innamorarsi, perdersi per poi ritrovarsi, diventare adulti e, infine, genitori; le tappe più importanti della vita affrontate dal punto di vista di una donna che ama le donne, e che sulla naturalezza delle proprie emozioni, sulla consapevolezza di sé, e la convinzione che l'omosessualità non debba essere considerata un problema, ha costruito tutta la sua battaglia di civiltà. "T'innamorerai senza pensare..." è una frase della canzone Figlia che il padre di Francesca, il cantautore Roberto Vecchioni, le ha dedicato quando è nata.

T’innamorerai senza pensare

Vecchioni Francesca

"[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Il cappotto blu

Balzano Anna Maria

Dancing Paradiso è un locale notturno di una crudele metropoli, dove “non bisogna essere buoni per entrare / prendono anche le carogne / e qualche volta le fanno cambiare”. È in quel locale che un angelo custode – “Angelo angelica” – tenta di far confluire i cinque protagonisti di questa narrazione in versi: Stan, il pianista triste, che prepara un ultimo concerto per Bill, l’amico batterista morente in ospedale, Amina, giovane profuga che ha perso la madre passando il confine. Ed Elvis, un grottesco obeso hacker chiuso in casa da anni, forse mitomane, forse assassino, La poetessa Lady raffinata e ubriacona, ossessionata dal suicidio. Cinque “creature della notte / senza un rifugio nel mondo / mannari senza luna”, di cui a poco a poco, mentre si avvicina la serata al Dancing, scopriamo la storia grazie al racconto condotto per loro voce. Assoli malinconici, struggenti, comici, crudeli, furibondi. Costretti alla solitudine, ciascuno di loro sembra aver perso ogni speranza. A vegliare perché possano incontrarsi, perché possano unire voci e musica in un racconto polifonico che indichi una possibile via di salvezza, l’angelo/a caduto dal cielo per stare con gli uomini, un angelo straccione dalle ali sporche di fango, lui stesso solo fra i soli.

Dancing Paradiso

Benni Stefano