Romance

Nella spira di una conchiglia

Spes Ilaria

Descrizione: Anna, una donna sensibile che ama il bello e ricerca i sapori autentici e indecifrabili della vita; Pietro, un nuovo collega arrivato da circa un anno nello studio di architetto dove entrambi lavorano. Tra loro due si sviluppa un complesso e inconfessato rapporto d'amicizia e d'attrazione. Anna e Pietro sono diventati due labirinti comunicanti così emozionanti e coinvolgenti da far paura, soprattutto a lui, già legato sentimentalmente a un'altra donna. Poi arriva l'estate e Anna si concede una lunga vacanza in un borgo di mare un po' aspro e selvaggio del Ponente ligure. Lì si nutre dei colori e della voce del mare e tesse una trama di rapporti delicati con altre persone. Tutto sembra procedere per il meglio fino a che una svolta dai contorni incerti e drammatici la strapperà da quei luoghi e da quei legami appena sbocciati. Senza una parola. In un allontanamento improvviso ingoiato da un temporale.

Categoria: Romance

Editore: Macabor

Collana: Nodi

Anno: 2019

ISBN: 9788885582675

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Ilaria Spes, Nella spira di una conchiglia, Macabor 2019.

Ilaria Spes, insegnante di lettere, dopo aver pubblicato alcune raccolte di poesie, approda alla narrativa: Nella spira di una conchiglia è un libro di grande emozione e di assoluto lirismo.

Con una prosa raffinata e poetica, il testo racconta la storia di Anna, giovane dai sentimenti profondi e intensi,  innamorata – forse senza speranza  – di Pietro, un collega di lavoro al quale la donna è  legata da un sentimento difficile e contrastato: Sofferenza per il vuoto che sentiva dentro, delusione perché Pie­tro non dimostrava l’onestà di riconoscere il sentimento auten­tico e incondizionato che li aveva avvicinati e non sembrava ca­pace di quella libertà e creatività indispensabili a custodirlo, curarlo e farlo vivere, tra altri e altro, nel mondo.

La vacanza che Anna si concede a Riva Ligure e nella riviera del ponente ligure (“Da una parte una fila di case caratteristiche: i tipici color pa­stello, l’intonaco e le ringhiere consumate e scrostate dal tempo e dall’azione erosiva del mare e del vento. Terrazze, balconi e logge intersecati. Tende da sole, panni stesi, vasi fioriti e anziani seduti. Affacciati sulla strada ristoranti, bar, gelaterie, kebab, camerieri, in­segne luminose e musica. Sull’altro lato i dehors con i tavolini e i turisti. Poi la passeggiata lungomare, le palme, i lampioni, le panchine, il muretto gremito di persone…  Finalmente la spiag­gia, il porticciolo e il mare…”) è occasione per approfondire un sentimento dalle mille sfumature e complessità. Lì, complice la bellezza dei luoghi, Anna cerca di ritrovare se stessa e di superare ferite e dolori (“Anna faticava a concentrarsi sulla lettura, cercava la tessera erme­neutica che le avrebbe consentito di comprendere appieno l’espressione con cui la vita si era svelata quel pomeriggio”) ascoltando le voci: “Quella lontana di Pietro e quella più vicina  del mare, ormai custo­dite nel suo cuore come nella spira di una conchiglia.”

La lettura di questo romanzo non può che essere emozionante e intensa. Il linguaggio lirico caratterizza la narrazione, concentrata sull’introspezione di un’anima sofferente e delicata, che trascina il lettore nei cieli alti e assoluti della poesia. Tra le pennellate colorate dell’ambientazione marina, si delinea il ritratto affascinante di una donna, alla quale non possiamo che guardare con simpatia e incanto.

_________________________________________________

Giovedì 27 febbraio 2020 Ilaria Spes presenterà Nella spira di una conchiglia presso la Biblioteca Civica Internazionale di Bordighera

Riascolta l’intervento di Ilaria Spes a Radio CiaoComo cliccando qui

Leggi l’intervista a Ilaria Spes realizzata da Matilde Bella

D – Il suo racconto è ambientato in luoghi da lei conosciuti e che hanno avuto particolare importanza nella sua vita?
R – Le vicende del romanzo si dispiegano nel Ponente ligure, lungo la sua costa e nei suoi borghi più suggestivi, a partire da quello un po’ defilato e selvaggio dove io trascorro buona parte dell’estate.
Pertanto i paesaggi descritti sono a me molto cari e noti e in particolare mi è caro quel mare che instancabilmente ascolto e guardo e con il quale dialogo incessantemente.

D – Il suo amore per la poesia l’ha aiutata a descrivere così delicatamente emozioni e sentimenti profondi e complessi?
R – La poesia è una radice di vita, una rosa a maggio, una camelia d’inverno, c’è sempre una gemma sui suoi rami. Ha uno sguardo profondo, mille interessi, ama e vuole scoprire e conoscere tutto. Ciò che si vede e ciò che è nascosto. E forse questo mio habitus, questa sensibilità, quest’andare oltre mi ha guidato e accompagnato nella descrizione della protagonista e dei personaggi del romanzo.

D – Nelle situazioni sorprendenti e inattese presenti nella storia sembra esserci un legame tra l’imprevedibilità del mare e quella della vita. C’è questo subliminale accostamento?
R – Quanto di noi è sommerso forse ci avvicina all’universo, a un principio comune, a una sete comune, radicata, primigenia, inestinguibile. L’ammirazione estatica, che ogni uomo prova di fronte al mare, ai suoi moti, alla sua immensità, testimonia il legame profondo e intimo che unisce l’animo umano al mare. Pensiamo a quanto ci somiglia la quiete del mare come la sua festosa e vigorosa allegria, il suo impeto e il suo grido più alto. Pensiamo a quanto somiglia al nostro animo quell’orizzonte entro il quale naufraghiamo e che pur non ci basta. Ecco, se pensiamo a ciò, ogni accostamento tra la natura dell’uomo a quella del mare risulta fondato e possibile. 

D – Ha un altro progetto letterario in cantiere?
R – Per me scrivere, in particolare scrivere testi poetici, non fa mai parte di un progetto, è piuttosto un accadere, un’emozione, un contatto di cuore tra me e qualsivoglia essere vivente, detto animato o inanimato. Rimane invece nel cassetto un’opera di narrativa già ben avviata, dal tema delicato e complesso, che ancora non mi sento di concludere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ilaria

Spes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Spes Ilaria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Andrea Campi è un professionista serio. Giovane avvocato nella sede milanese del prestigioso studio legale internazionale Flacker Grunthurst and Kropper, si occupa di importanti operazioni societarie per conto dei più grandi colossi industriali. Aveva ambizioni, aveva amici, aveva una ragazza. Ora ha prospettive. Lavora fino a notte fonda, mangia pizza e sushi sulla scrivania, vive con un bonsai e parla con il muro. Le giornate scorrono tra pause alla macchinetta del caffè, redazione di contratti e riunioni interminabili, fino al giorno in cui Andrea si trova coinvolto in un nuovo progetto particolarmente delicato. Le responsabilità si moltiplicano, come pure le ore di lavoro e i deliri di un capo sempre su di giri. È l’inizio di un turbine di eventi e incontri che investe l’immobile routine di Andrea spazzandone via certezze ed equilibri. Tra una vita privata sempre più a rotoli e la catastrofe lavorativa incombente, Andrea arriverà a fare i conti con la sua vita, l’unica professione per la quale non ha mai sostenuto un colloquio.

Studio illegale

Baccomo Federico

Il secondo regno dantesco "dove l'umano spirito si purga / e di salire al ciel diventa degno", è, dei tre, quello che porta nella sua struttura, sia fisica sia morale, la maggiore novità d'invenzione, tanto da poter dire che esso è un mondo, nel suo aspetto e nel suo spirito, soltanto dantesco. Circola per tutto il Purgatorio un'atmosfera difficilmente definibile, come di raccolto incanto, che coglie il lettore fin dall'inizio e l'accompagna fino alle soglie del Paradiso: attingere lo spirito di quella delicatissima aura che tutto avvolge è la via per intendere il Purgatorio dantesco nella profonda bellezza che lo distingue.

La divina commedia

Alighieri Dante

Un tango sulla Senna è una raccolta di racconti folgoranti, un inno alle trascurabili (ma fondamentali) gioie della vita, quelle che ci rendono liberi anche nei momenti più tragici della nostra Storia. Piaceri come un mojito bevuto in un bistrot, la sorpresa di un temporale improvviso, l’impercettibile movimento delle labbra di un bambino che impara a leggere, un pomeriggio al mare prolungato all’infinito; piaceri grandi come la nostalgia, l’amore, la felicità. Sono tanti i buoni motivi per stare al mondo: li conosciamo e sappiamo che esistono, ma non sembrano mai tanto belli come quando ce li racconta Philippe Delerm.

Un tango sulla Senna e altre piccole gioie di questo mondo

Delerm Philippe

Claudio Volpe, giovane scrittore, dialoga con una delle più note e apprezzate intellettuali italiane nel mondo, Dacia Maraini, sull’attuale e complesso tema del fine vita. Attraverso un confronto su eutanasia, suicidio assistito, testamento biologico e accanimento terapeutico, questo testo cerca di comprendere il “diritto di morire”, antitesi al “dovere di vivere”, che finisce spesso per dimenticarsi della sacralità della vita umana. Emergono riflessioni profonde e ad ampio raggio: dalla concezione odierna della morte fino al dogma scientifico della curabilità di qualunque malattia e, dunque, dell’immortalità; dalla carenza normativa italiana alle soluzioni adottate dalla Svizzera, che già da settant’anni riconosce la pratica legale dell’eutanasia; dal racconto della propria visione della morte fino alla narrazione dei casi di cronaca più attuali come quello di dj Fabo e della scrittrice francese Michèle Causse che, a settantaquattro anni, ha praticare il suicidio assistito pur non essendo malata.

Il diritto di morire

Maraini Dacia