Saggi

Nella testa degli adolescenti

Crone Eveline

Descrizione: Eveline Crone, studiosa di psicologia dello sviluppo, spiega sulla base delle ricerche più recenti delle neuroscienze le logoranti turbolenze che si verificano durante la pubertà. E mostra con esempi illuminanti come il comportamento, spesso terribilmente irritante, dei più giovani dipenda da un processo molto particolare: la progressiva riorganizzazione del cervello durante l'adolescenza. Crone non solo fa capire perché ragazzi e ragazze sono così inclini a eccessi e sbalzi emotivi e a comportamenti pericolosi, finendo non di rado per essere disorientati o bruciarsi, ma mostra anche i limiti e le opportunità propri di questa fase della vita. Un libro chiaro e tranquillizzante per insegnanti, educatori e genitori, che non riescono più a capire i loro figli. Un libro che promuove la comprensione e la pazienza, ma solleva anche interrogativi su come gli adulti possono trattare con gli adolescenti nel modo più adeguato.

Categoria: Saggi

Editore: Apogeo

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788850330560

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

 

L’adolescenza è il momento in cui si esce dal bozzolo della famiglia, cambiamento che porta spesso conflittualità. Il corpo si trasforma, compaiono i primi brufoli, le bombardate ormonali causano scompiglio. L’umore va dietro a queste trasformazioni: i ragazzi sono lunatici, trasgressivi a prescindere, ostili con i genitori, difficili da capire perché non fanno il minimo sforzo di comunicazione.

La visione che molti adulti hanno dell’adolescenza è proprio questa, dove prevalgono gli aspetti negativi, perché sono i più delicati da gestire. Una concezione molto umorale e fisica, che lascia poco spazio alla comprensione.

Eveline Crone cerca di farci entrare nella testa degli adolescenti, per capirli un po’ più profondamente. Non vuole giustificarne i comportamenti eccessivi, ma piuttosto approfondire le ipotetiche ragioni fisiologiche che potrebbero nascondersi dietro la stranezza adolescenziale.

Recenti studi basati sulle moderne tecnologie diagnostiche hanno dimostrato che il cervello ha fasi di crescita finora ignorate e che, per esempio, la sua evoluzione nei ragazzi dai 12 ai 20 anni è molto complessa.

In questo periodo si affina la capacità del ragionamento a lungo termine, che aiuta nelle decisioni importanti e distoglie da azioni avventate. Si sviluppa il “cervello sociale” che porta a preferire il gruppo di amici alla famiglia. Nel “cervello emozionale” non è ancora sviluppata definitivamente la capacità di comprendere le emozioni altrui. I ragazzi hanno dimostrato un gusto particolare per le emozioni forti perché trattengono con più difficoltà gli impulsi.

Il piccolo saggio è molto interessante, perché amplia la valutazione del comportamento dei giovani, aiuta i genitori a trovare una via alternativa per comunicare coi propri figli, getta le basi per teorie che potrebbero migliorarne la formazione.

Si afferma con decisione l’aspetto meno valutato di questo periodo, che nel bene o nel male rimane unico e rimpianto da molti. Un capitolo è infatti dedicato al “cervello creativo”, che proprio in questo momento dà vita ai talenti. Non si parla di piccoli Mozart o precoci Einstein, si dimostra che alcuni ragazzi hanno una forte capacità imprenditoriale perché sviluppano più facilmente idee innovative. Alcuni hanno un grande talento sportivo, perché il corpo ha una grandissima energia in potenza. Molti dimostrano un forte talento politico per la naturale propensione alla novità.

Le idee degli adolescenti non si devono necessariamente rifiutare a priori come ingenue e impraticabili, perché il loro cervello è ancora aperto a uno spirito di ricerca, che può condurre a nuovi modi creativi di vedere le cose, che nel cervello di un adulto a volte sono bloccati da una visione riduttiva, a tunnel.”

In questi tempi così critici sembra una buona prospettiva!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eveline

Crone

Libri dallo stesso autore

Intervista a Crone Eveline


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lou Bertignac ha dodici anni: la sua famiglia, chiusa nel ricordo inconfessabile di una tragedia del passato, vive in un silenzio opprimente, mentre a scuola la sua intelligenza fuori dal comune l'ha portata in una classe avanzata, piena di studenti più grandi che non hanno nulla a che spartire con lei. Incapace di creare una relazione con chiunque, Lou passa la maggior parte del suo tempo libero a vivere le emozioni degli altri: guarda il calcio in televisione per osservare la gioia dei giocatori, spia le persone per strada e, soprattutto, frequenta le stazioni ferroviarie parigine perché in quei luoghi si concentra l'emozione di amanti che si salutano, di famiglie rimaste a lungo separate, di amici che si ritrovano. È proprio qui, alla stazione di Austerlitz, che Lou trova, tra la folla, una ragazza appena più grande di lei, Nolwenn, che si è lasciata alle spalle un passato difficile e ora vive da randagia. Tra le due, nel tempo di uno sguardo, si crea un'intesa speciale, che nessuna delle due aveva mai trovato prima. Due ragazze totalmente sole, diverse ma destinate, in qualche modo, a riconoscersi tra la folla della città, finiranno così per stringere un'amicizia che, nata lentamente, arriverà a cambiare la loro vita e il loro mondo. La vicenda, drammatica eppure lieve, di due vite chiamate a intrecciarsi e, se non a salvarsi, almeno a trovare nuove speranze.

GLI EFFETTI SECONDARI DEI SOGNI

Vigan Delphine, de

Senso è la storia di una relazione, di un tradimento, di un inganno, di una vendetta, sullo sfondo della terza guerra di indipendenza. Racconto insolito, che andrà incontro a un altrettanto insolito destino, ripropone l'intelaiatura del melodramma ma ne snatura implicitamente i contenuti e gli effetti; dissacra le certezze morali e le illusioni sentimentali; destabilizza le attese e spiazza il lettore. Viene a lungo trascurato dalla critica e dal pubblico: è il film di Luchino Visconti con Alida Valli e Farley Granger ad assicurargli un'inattesa notorietà, peraltro alterandone radicalmente la prospettiva storica e l'impianto drammatico. L'analisi proposta da Clotilde Bertoni si inoltra nelle dissonanze del testo letterario, per poi metterlo in parallelo con il film, illuminandone le diverse peculiarità.

Senso

Boito Camillo

Otto monologhi al femminile. Una suora assatanata, una donna ansiosa e una donna in carriera, una vecchia bisbetica e una vecchia sognante, una giovane irrequieta, un'adolescente crudele e una donna-lupo. Un continuum di irose contumelie, invettive, spasmi amorosi, bamboleggiamenti, sproloqui, pomposo sentenziare, ammiccanti confidenze, vaneggiamenti sessuali, sussurri sognanti, impettite deliberazioni. Uno "spartito" di voci, un'opera unica, fra teatro e racconto. Una folgorazione. Tra un monologo e l'altro, sei poesie e due canzoni.

LE BEATRICI

Benni Stefano

Quando Karl bussa alla porta di un famoso scrittore anziano per chiedergli aiuto, quest'ultimo d'istinto lo respinge, preso com'è dal lutto per la morte della moglie. Ma Karl è persuasivo, oltre che insistente: ha bisogno della sua complicità per far capire a Fiorella, la ragazza di cui è innamorato, gran lettrice e fan dello scrittore, che è in grado di esprimersi con le parole. Cosa per lui difficile, dal momento che ha lasciato la scuola (fa l'idraulico) e si porta dietro gli strascichi di una profonda sfiducia in se stesso. La sfida segreta per la conquista di Fiorella crea fra i due un legame d'amicizia sempre più forte, che aiuterà il vecchio a riemergere dalla depressione e il ragazzo a trovare la sua strada nel mondo, anche se questo vuol dire rinunciare alla ragazza dei suoi sogni.

MUOIO DALLA VOGLIA DI CONOSCERTI

Chambers Aidan