Giallo - thriller - noir

Nell’ombra e nella luce

De Cataldo Giancarlo

Descrizione: Torino 1821. Nel clima turbolento del primo Ottocento, due fratelli di famiglia aristocratica, entrambi ufficiali dei carabinieri, compiono scelte radicalmente opposte: uno si schiera con i liberali, l'altro con i conservatori favorevoli alla restaurazione. Ventotto anni dopo i loro figli si incontreranno sul campo di battaglia di Novara, e in nome del sogno di unità nazionale ricomporranno una frattura che pareva insanabile.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Einaudi

Collana: Einaudi. Stile libero big

Anno: 2014

ISBN: 9788806221843

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nell’ombra e nella luce”, per mano di Giancarlo De Cataldo, si svolge l’indagine di “Emiliano Mercalli di Saint-Just, giovane capitano dei carabinieri reali”.

Tutto comincia (meglio sarebbe dire prosegue) nel 1848, durante un’operazione militare, quando il capitano s’imbatte nuovamente ne “il Diaul, con il suo becco d’uccello, il lungo mantello nero, i capelli sciolti sulle spalle”: un feroce assassino mascherato che si abbatte su donne sventurate, preferibilmente prostitute, a sfogare insani istinti sadici.
Ma il nuovo delitto è alquanto strano, perché “il Diaul è tuttora ristretto presso il regio manicomio, nel reparto degli alienati furiosi”.
La narrazione retroagisce all’autunno del 1846, quando Emiliano – con l’intraprendente e intuitivo medico Gualtiero Lancefroid – si era occupato del primo assassinio commesso al Valentino: “Si trattava di una prostituta alquanto nota, la Rosìn.”
L’indagine allora aveva individuato nel pittore Tobias Zevi di Samuele il responsabile degli atroci femminicidi. Il nuovo delitto del 1848 conferma che probabilmente è stato commesso un terribile errore di valutazione…

Nel romanzo, un motivo d’interesse è rappresentato dall’intreccio tra l’ottocentesca vicenda proto-poliziesca e i personaggi nei quali ci siamo imbattuti grazie ai libri di storia: Carlo Alberto, il delfino Vittorio Emanuele (“Si diceva che non passasse giorno senza che il delfino non sacrificasse qualche nobildonna sull’altare della sua lussuria”) e il conte di Cavour (“Io credo che anche questo Diaul sia una questione politica”), che agiscono in controluce sull’opposizione reazionaria da un lato, repubblicana dall’altro (“Qui sotto c’è sicuramente lo zampino dei mazziniani”), nelle evoluzioni del costume risorgimentale (“Da Vienna era arrivato un nuovo ballo. Su chiamava valzer e aveva il merito, ma secondo alcuni la colpa, di accorciare pericolosamente la distanza fra i danzatori, favorendo contatti sin troppo espliciti fra il cavaliere e la dama”).

La storia scorre veloce: il personaggio di Mercalli è piuttosto smussato rispetto all’acume del Lancefroid (che per certi versi ricorda l’Auguste Dupin di Poe), ma si riscatta in un finale scoppiettante che lo vede sfidare la gravità terrestre nei cieli di Torino (su una mongolfiera) all’epoca della prima guerra d’indipendenza…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giancarlo

Cataldo

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Cataldo Giancarlo

Jeremy Rifkin spiega come allo schiudersi del nuovo secolo "l'Internet delle cose", una nuova realtà in via di formazione, stia dando luce a un inedito sistema economico, basato sulla "condivisione collaborativa" e destinato a mutare radicalmente il nostro modo di vivere. Questa infrastruttura intelligente, composta dall'Internet delle comunicazioni, la nascente Internet dell'energia e l'Internet della logistica, è destinata a spingere la produttività fino al punto in cui il costo marginale della produzione di numerosi beni e servizi sarà quasi azzerato. Nei prossimi anni il vortice del costo marginale zero trascinerà con sé quasi ogni settore dell'economia generando un'economia ibrida, in parte orientata al mercato capitalistico e in parte alla condivisione collaborativa, con ricadute sociali notevolissime. In questo nuovo mondo il capitale sociale è non meno importante del capitale finanziario, la libertà di accesso prevale sulla proprietà, la cooperazione soppianta la concorrenza e al "valore di scambio" nel mercato capitalista va sempre più sostituendosi il "valore di condivisibilità" nel comune spazio collaborativo. Nell'immediato futuro il capitalismo rimarrà tra noi, con un ruolo sempre più circoscritto fino a scomparire nella seconda metà del XXI secolo. Stiamo per entrare in un mondo che ha trasceso i mercati, per imparare a vivere gli uni accanto agli altri in uno spazio di condivisione collaborativa caratterizzato da una sempre più profonda interdipendenza.

La società a costo marginale zero

Rifkin Jeremy

Tiziano Ferro nasce a Latina il 21 febbraio del 1980. A cinque anni riceve come regalo di Natale una tastiera: con quella scrive e compone le sue prime canzoni, due delle quali saranno inserite nell'album Nessuno è solo. Durante l'adolescenza prende lezioni di chitarra, canto, pianoforte, batteria, entra nel Coro Gospel di Latina. A ottobre 2001 esce per la Emi il suo primo album Rosso relativo, lanciato dal singolo Xdono. Ottiene un successo pressoché immediato - anche a livello internazionale. Vince il Premio Italiano della Musica come Artista rivelazione del 2001 e nell'estate 2002 il premio come Miglior Artista Esordiente al Festivalbar. Nell'autunno 2003 esce il secondo album, anticipato dal singolo Xverso, dal titolo autobiografico di 111, che prende il nome dal peso del cantante raggiunto durante l'adolescenza. Grazie a numerosi singoli (tra cui Sere nere), ottiene risultati straordinari, rimanendo ai vertici della classifica italiana per quattordici mesi. Nell'estate 2004 un nuovo tour lo porta in giro per l'Italia, con il tutto esaurito. In quell'anno, vince il premio MTv Europe Music Awards come Miglior artista italiano, il Premios Oye! come Miglior cantante Pop latino maschile, riceve il premio Billboard Latin Music Awards come miglior brano Pop latino dell'anno. L'album Nessuno è solo esce nel giugno 2006: è preceduto dal brano Stop!Dimentica ed è pubblicato in quarantaquattro Paesi, sbancando le classifiche europee e sudamericane.

TRENT’ANNI E UNA CHIACCHIERATA CON PAPA’

Ferro Tiziano

Pubblicato nel 1942, "Lo straniero" è un classico della letteratura contemporanea: protagonista è Meursault, un modesto impiegato che vive ad Algeri in uno stato di indifferenza, di estraneità a se stesso e al mondo. Un giorno, dopo un litigio, inesplicabilmente Meursault uccide un arabo. Viene arrestato e si consegna, del tutto impassibile, alle inevitabili conseguenze del fatto - il processo e la condanna a morte - senza cercare giustificazioni, difese o menzogne. Meursault è un eroe "assurdo", e la sua lucida coscienza del reale gli permette di giungere attraverso una logica esasperata alla verità di essere e di sentire.

Lo straniero

Camus Albert

Il sogno di una cosa

Pasolini Pier Paolo