Narrativa

Nessuno può sfrattarci dalle stelle

Cugia Diego

Descrizione: La notte in cui in Sudafrica muore Mandela, Massimo Cruz è uno dei centoventi milioni di europei caduti in povertà. Dopo un passato come stella del varietà televisivo ha perso tutto. Ora è solo, in un casale nel bosco, con l’unica compagnia di due cani lupo e una pecora domestica, a aspettare che, all’alba, il padrone di casa e l’ufficiale giudiziario arrivino a rendere esecutivo lo sfratto. Scende le scale e trova un piccolo intruso. Sulle prime pensa a un ladruncolo. Ma chi è davvero quel bimbo che dice di chiamarsi come lui e sembra possedere una saggezza fuori dal comune? E quella del piccolo sosia non è che la prima delle imprevedibili visite che Massimo Cruz riceverà quella notte... Sospeso tra il Canto di Natale di Dickens e la magia del Piccolo Principe, Cugia scrive un libro meraviglioso e inatteso come il più bello dei regali. Una favola incantata che contiene una parte di confessione autobiografica e una riflessione sul destino.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Anno: 2015

ISBN: 9788804655763

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Diego Cugia sceglie un titolo d’effetto, Nessuno può sfrattarci dalle stelle, per un’opera – un po’ fiaba e un po’ no – che i-libri indica ai suoi lettori come proposta per il periodo natalizio.

È notte (“Nel gran luccichio di pianto e stelle mi sentivo solo e senza patria”). Massimo Pietro Cruz è solo nel casolare (“Scoprirmi separato dal cielo, era questo l’apartheid che mi faceva maggiormente soffrire”). Attende di essere sfrattato dall’ufficiale giudiziario, la mattina. Ma in quell’ultima notte avviene una specie di miracolo. Compare un bambino (“Sembrava un bambino dipinto all’acquerello”): vivace nel comportamento (“Penne alle prugne – ha esultato. – Le ho inventate io!”), incisivo nelle affermazioni, curioso, creativo… al protagonista ricorda tanto qualcuno (“Ora era identico a mio padre a otto anni in una foto che tenevo in camera da letto sul comò”)… possibile che sia proprio lui?
Chi era veramente? Io stesso da piccolo? E com’era possibile che mi fossi sdoppiato…? O era il fantasma di Massimo, il mio fratellino…?”

La notte procede a colpi di sorprese, al punto che Massimo Pietro all’apice del dissesto finanziario pensa “che per tutti a questo mondo c’è una notte di riscossa”.
Intanto il casale si trasforma in una grande festa stile Folies Bergère: ce n’è per tutti i gusti (“Lo zio Paolo e lo zio Efisio… si erano accontentati di giocare a poker in modalità gratuita”) e la famiglia Cruz si ricompone in modo metafisico fin dai primordi.
Era lo show che avevo sempre desiderato scrivere”: con l’orchestra di Duke Ellington, Yves Montand come interprete d’eccezione, Astor Piazzolla a suonare Libertango, Louis Armstrong e Jim Morrison ad animare quello che ormai è divenuto un tangodromo.

Guizzante, commovente, questa riedizione riveduta, corretta e adattata del Piccolo Principe è un’opera destinata a colpire al cuore, tanto più in un periodo come questo, quando i giorni sanno essere magici, crudeli, agrodolci… un periodo nel quale “è inutile barricarsi alle periferie dell’esistenza, c’è sempre una notte in cui te stesso ti trova”.

“Straordinaria, la vita. Se non mi avesse tolto tutto, non avrei potuto ricevere in dono una notte come quella.”

Auguri!

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Diego

Cugia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cugia Diego


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Che si fa quando si ha il cuore spezzato? Si telefona alla migliore amica, si mangia cioccolato e ci si macera nel proprio dolore. Solo che Gwendolyn, viaggiatrice nel tempo suo malgrado, dovrebbe conservare tutte le sue energie per altre cose: sopravvivere, per esempio. Perché la trappola che il temibile conte di Saint Germain ha costruito nel passato è pronta a scattare nel presente. E per riuscire a trovare la soluzione dell'oscuro segreto, Gwen e Gideon, fra un litigio e l'altro, dovranno buttarsi a capofitto nei secoli passati cercando di schivare pericoli mortali.

GREEN

Gier Kerstin

Tre viaggi nel corso di un anno. Turchia, Iraq, Siria, per documentare la vita della resistenza curda in una delle zone calde meno spiegate dai media mainstream. Zerocalcare realizza un lungo racconto, a tratti intimo, a tratti corale, nel quale l'esistenza degli abitanti del Rojava (una regione il cui nome non si sente mai ai telegiornali) emerge come un baluardo di estrema speranza per tutta l'umanità.

Kobane calling

Zerocalcare

L'epoca di "Io, Pablo e le cacciatrici di eredità" è la nostra e i valori sono quelli del passato, dove, fusi abilmente in un miscuglio esiziale, percepiamo materiali letterari, stili di vita, vocazioni e talenti inespressi. Banda non propone una tesi all'incompiuto, ma ne esalta nella forma l'ardire; ricordando, analizza e ripensa negli ambienti, riportandoci agli affetti personali, non scheda indizi, ma ci immerge nel linguaggio. La storia centrale è il frutto di un raggiro, è un percorso di doppiezza, dove ogni gesto romantico nasconde un sotterfugio e dove il protagonista si fa amare, pur di vivere un'insperata seconda giovinezza, accetta, e noi empaticamente con lui, le artefatte seduzioni di due compagne con cui parure per un lungo viaggio. Due femmine gravide di rimpianto che, in omaggio alla legge estetica del dislocamento, sfruttano il loro sapore esotico per compensare le inadeguatezze di ruolo e rango. Le frasi non dette, o le attese attenzioni spontanee e disinteressate, sfumano la riduzione di una presenza a progetto e l'esistenza diviene simbolo del possesso. Banda fa sì che non si abbia bisogno di fornire una ragione alla conclusione: il viaggio "Merano - Mirano", dove lo slittamento di vocale fornisce lo straniamento di non luogo e non tempo. I rituali ipocriti della vita familiare, approntano un magistrale teatro del vero più coerente e efficace del reale.

Io, Pablo e le cacciatrici di eredità

Banda Alessandro

In questo lavoro l'Autore racconta gli anni Ottanta, una stagione magica per la boxe. Un decennio segnato dalle imprese di Marvin Hagler. Protagonista di mitiche sfide con Thomas Hearns, Roberto Duran, John Mugabi, Ray Leonard. Erano gli anni in cui un italiano, il pugliese Vito Antuofermo, riusciva a conquistare il titolo dei medi e Mike Tyson diventava il più giovane campione del mondo nella storia dei massimi. Torromeo ho visto tre indimenticabili riprese tra Hagler ed Hearns, assistito al tragico balletto di Trevor Berbick, messo ko da Mike Tyson. Era a bordo ring quando Hagler ha sofferto contro Juan Domingo Roldan, ma poi l´ha distrutto come solo lui sapeva fare. La battaglia di Marvin contro John Mugabi l´ha guardata davanti alla tv. In quei giorni era a Sanremo prima, e a Montecarlo poi, per raccontare il vittorioso assalto di Patrizio Oliva al mondiale dei superleggeri. Ospite di Roberto Duran nella sua casa di Miami, ho passeggiato nell´inferno di Brownsville, a Brooklyn, dove Mike Tyson è nato. Ha viaggiato con Ray Boom Boom Mancini dopo la tragedia della morte di Duk Koo Kim. Ha parlato con Thomas Hearns nello scenario di una Detroit in piena crisi economica. L'Autore racconto i magici anni Ottanta. La linea guida è la rincorsa di Marvin Hagler e Sugar Ray Leonard verso la grande sfida. Un match, datato 6 aprile 1987, che ha saputo conservare intatto negli anni un alone di mistero. Il libro svela vicende e segreti di quel periodo indimenticabile, quando la boxe era una cosa seria.

Meraviglioso

Torromeo Dario