Narrativa

Nessuno può sfrattarci dalle stelle

Cugia Diego

Descrizione: La notte in cui in Sudafrica muore Mandela, Massimo Cruz è uno dei centoventi milioni di europei caduti in povertà. Dopo un passato come stella del varietà televisivo ha perso tutto. Ora è solo, in un casale nel bosco, con l’unica compagnia di due cani lupo e una pecora domestica, a aspettare che, all’alba, il padrone di casa e l’ufficiale giudiziario arrivino a rendere esecutivo lo sfratto. Scende le scale e trova un piccolo intruso. Sulle prime pensa a un ladruncolo. Ma chi è davvero quel bimbo che dice di chiamarsi come lui e sembra possedere una saggezza fuori dal comune? E quella del piccolo sosia non è che la prima delle imprevedibili visite che Massimo Cruz riceverà quella notte... Sospeso tra il Canto di Natale di Dickens e la magia del Piccolo Principe, Cugia scrive un libro meraviglioso e inatteso come il più bello dei regali. Una favola incantata che contiene una parte di confessione autobiografica e una riflessione sul destino.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Anno: 2015

ISBN: 9788804655763

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Diego Cugia sceglie un titolo d’effetto, Nessuno può sfrattarci dalle stelle, per un’opera – un po’ fiaba e un po’ no – che i-libri indica ai suoi lettori come proposta per il periodo natalizio.

È notte (“Nel gran luccichio di pianto e stelle mi sentivo solo e senza patria”). Massimo Pietro Cruz è solo nel casolare (“Scoprirmi separato dal cielo, era questo l’apartheid che mi faceva maggiormente soffrire”). Attende di essere sfrattato dall’ufficiale giudiziario, la mattina. Ma in quell’ultima notte avviene una specie di miracolo. Compare un bambino (“Sembrava un bambino dipinto all’acquerello”): vivace nel comportamento (“Penne alle prugne – ha esultato. – Le ho inventate io!”), incisivo nelle affermazioni, curioso, creativo… al protagonista ricorda tanto qualcuno (“Ora era identico a mio padre a otto anni in una foto che tenevo in camera da letto sul comò”)… possibile che sia proprio lui?
Chi era veramente? Io stesso da piccolo? E com’era possibile che mi fossi sdoppiato…? O era il fantasma di Massimo, il mio fratellino…?”

La notte procede a colpi di sorprese, al punto che Massimo Pietro all’apice del dissesto finanziario pensa “che per tutti a questo mondo c’è una notte di riscossa”.
Intanto il casale si trasforma in una grande festa stile Folies Bergère: ce n’è per tutti i gusti (“Lo zio Paolo e lo zio Efisio… si erano accontentati di giocare a poker in modalità gratuita”) e la famiglia Cruz si ricompone in modo metafisico fin dai primordi.
Era lo show che avevo sempre desiderato scrivere”: con l’orchestra di Duke Ellington, Yves Montand come interprete d’eccezione, Astor Piazzolla a suonare Libertango, Louis Armstrong e Jim Morrison ad animare quello che ormai è divenuto un tangodromo.

Guizzante, commovente, questa riedizione riveduta, corretta e adattata del Piccolo Principe è un’opera destinata a colpire al cuore, tanto più in un periodo come questo, quando i giorni sanno essere magici, crudeli, agrodolci… un periodo nel quale “è inutile barricarsi alle periferie dell’esistenza, c’è sempre una notte in cui te stesso ti trova”.

“Straordinaria, la vita. Se non mi avesse tolto tutto, non avrei potuto ricevere in dono una notte come quella.”

Auguri!

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Diego

Cugia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cugia Diego


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Angela Greganti è una transessuale elegante e di fascino. Una sera, partecipando a una festa che raduna il jet-set televisivo e istituzionale, assiste alla violenza compiuta da un importante uomo politico ai danni di una ragazza. L'impulsiva reazione di Angela, con le inevitabili conseguenze, porta a una fuga che si trasforma anche in un viaggio interiore. Un ritratto, impietosamente realistico, della società contemporanea, in cui si mescolano "alto e basso bordo", per scoprirsi fra loro non molto diversi e niente affatto distanti. È una protagonista ritratta con forza e sensibilità, nella quale il lettore finirà per trovare inevitabilmente una forse inaspettata immedesimazione.

ALI E CORAZZA

Trovato Daniele

Dai poemi omerici alla fantascienza contemporanea, dai testi sacri ai fumetti, passando per tutti i capisaldi della nostra educazione alla lettura (dai "Ventimila leghe sotto i mari" ad "Alice nel paese delle meraviglie", dal "Milione" di Marco Polo a Tolkien), l'umanità ha continuamente inventato terre immaginarie e leggendarie, proiettando lì desideri, sogni, utopie, incubi troppo ingombranti e impegnativi per il nostro limitato mondo reale. Umberto Eco ci conduce in un vero e proprio viaggio illustrato in queste terre lontane e sconosciute, facendoci scoprire da chi sono abitate, quali passioni le attraversano, quali eroi le abitano e, soprattutto, quale importanza rivestono per noi. Un percorso erudito e godibile insieme che accosta testi antichi e medievali a testi contemporanei, film a poemi, fumetti a romanzi che hanno segnato la sensibilità e la formazione di tutti noi.

Storia delle terre e dei luoghi leggendari

Eco Umberto

Platone è un bassotto dal pelo duro e la coda a pennello. Un cane da salotto, di quelli nati per fare compagnia agli uomini. A Yuri, per esempio, studente di filosofia «con gli occhiali perennemente appannati». Ma durante le vacanze Yuri segue la sua Ada su una nave da crociera, lasciando il bassotto alle cure del portiere. E proprio nella solitudine della notte di Natale avviene per Platone l'incontro che gli cambierà la vita. Nella cantina del palazzo, il Tatuato - cranio rasato e muscoli da sollevatore di pesi - nasconde scatoloni pieni di animali di contrabbando: scimmie, iguane, serpenti a sonagli, una saggia tartaruga leopardo di nome Leo, e lei, la Regina, una giovanissima levriera afghana, «poco piú che un gomitolo di neve». Per Platone è il colpo di fulmine. Ma il cuore della Regina è altezzoso, e neanche le canzoni che il bassotto intona giorno e notte per tenerle compagnia riescono a conquistarla. A raccontarci questa storia tenera e profonda, dal suo osservatorio speciale tra le foglie di un albero, un pappagallo che conosce tutte le lingue del mondo, e tutte le pieghe dell'anima. Melania Mazzucco ci appassiona e ci commuove col piú classico dei generi, regalandoci una favola intensa e luminosa sul coraggio dei propri sogni e sulla magia che a volte la vita regala - come a Laika, il cane astronauta che diventò una stella.

IL BASSOTTO E LA REGINA

Mazzucco Melania G.

Otto incontri, otto amori, otto situazioni in cui carnalità e passione erotica prendono il sopravvento su qualunque altro sentire. Otto uomini senza nome, quasi senza volto, otto racconti che si incrociano lasciando all'alternanza libera di gesti, di azioni e di accoppiamenti, il compito di rivelare il segreto di ogni avvicinamento sessuale. Un diario erotico che ricostruisce il profilo di una passione erotica e sentimentale, senza caricarla di troppi significati sottintesi, ma anzi lasciando che la fisicità pura prenda lentamente il sopravvento, celebrando la gioia della carnalità al femminile, la bellezza del corpo maschile, la magia dell'avvicinamento, della seduzione e della sessualità umana.

AMORI

Reyes Alina