Narrativa

Nessuno può sfrattarci dalle stelle

Cugia Diego

Descrizione: La notte in cui in Sudafrica muore Mandela, Massimo Cruz è uno dei centoventi milioni di europei caduti in povertà. Dopo un passato come stella del varietà televisivo ha perso tutto. Ora è solo, in un casale nel bosco, con l’unica compagnia di due cani lupo e una pecora domestica, a aspettare che, all’alba, il padrone di casa e l’ufficiale giudiziario arrivino a rendere esecutivo lo sfratto. Scende le scale e trova un piccolo intruso. Sulle prime pensa a un ladruncolo. Ma chi è davvero quel bimbo che dice di chiamarsi come lui e sembra possedere una saggezza fuori dal comune? E quella del piccolo sosia non è che la prima delle imprevedibili visite che Massimo Cruz riceverà quella notte... Sospeso tra il Canto di Natale di Dickens e la magia del Piccolo Principe, Cugia scrive un libro meraviglioso e inatteso come il più bello dei regali. Una favola incantata che contiene una parte di confessione autobiografica e una riflessione sul destino.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Anno: 2015

ISBN: 9788804655763

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Diego Cugia sceglie un titolo d’effetto, Nessuno può sfrattarci dalle stelle, per un’opera – un po’ fiaba e un po’ no – che i-libri indica ai suoi lettori come proposta per il periodo natalizio.

È notte (“Nel gran luccichio di pianto e stelle mi sentivo solo e senza patria”). Massimo Pietro Cruz è solo nel casolare (“Scoprirmi separato dal cielo, era questo l’apartheid che mi faceva maggiormente soffrire”). Attende di essere sfrattato dall’ufficiale giudiziario, la mattina. Ma in quell’ultima notte avviene una specie di miracolo. Compare un bambino (“Sembrava un bambino dipinto all’acquerello”): vivace nel comportamento (“Penne alle prugne – ha esultato. – Le ho inventate io!”), incisivo nelle affermazioni, curioso, creativo… al protagonista ricorda tanto qualcuno (“Ora era identico a mio padre a otto anni in una foto che tenevo in camera da letto sul comò”)… possibile che sia proprio lui?
Chi era veramente? Io stesso da piccolo? E com’era possibile che mi fossi sdoppiato…? O era il fantasma di Massimo, il mio fratellino…?”

La notte procede a colpi di sorprese, al punto che Massimo Pietro all’apice del dissesto finanziario pensa “che per tutti a questo mondo c’è una notte di riscossa”.
Intanto il casale si trasforma in una grande festa stile Folies Bergère: ce n’è per tutti i gusti (“Lo zio Paolo e lo zio Efisio… si erano accontentati di giocare a poker in modalità gratuita”) e la famiglia Cruz si ricompone in modo metafisico fin dai primordi.
Era lo show che avevo sempre desiderato scrivere”: con l’orchestra di Duke Ellington, Yves Montand come interprete d’eccezione, Astor Piazzolla a suonare Libertango, Louis Armstrong e Jim Morrison ad animare quello che ormai è divenuto un tangodromo.

Guizzante, commovente, questa riedizione riveduta, corretta e adattata del Piccolo Principe è un’opera destinata a colpire al cuore, tanto più in un periodo come questo, quando i giorni sanno essere magici, crudeli, agrodolci… un periodo nel quale “è inutile barricarsi alle periferie dell’esistenza, c’è sempre una notte in cui te stesso ti trova”.

“Straordinaria, la vita. Se non mi avesse tolto tutto, non avrei potuto ricevere in dono una notte come quella.”

Auguri!

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Diego

Cugia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cugia Diego


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quando Eleonora e Chirú s'incontrano, lui ha diciotto anni e lei venti di piú. Le loro vite sembrano non avere niente in comune. Eppure è con naturalezza che lei diventa la sua guida, e ogni esperienza che condividono - dall'arte alla cucina, dai riti affettivi al gusto estetico - li rende piú complici. Eleonora non è nuova a quell'insolito tipo di istruzione. Nel suo passato ci sono tre allievi, due dei quali hanno ora vite brillanti e grandi successi. Che ne sia stato del terzo, lei non lo racconta volentieri. Eleonora offre a Chirú tutto ciò che ha imparato e che sa, cercando in cambio la meraviglia del suo sguardo nuovo, l'energia di tutte le prime volte. È cosí che salgono a galla anche i ricordi e le scorie della sua vita, dall'infanzia all'ombra di un padre violento fino a un presente che sembra riconciliato e invece è dominato dall'ansia del controllo, proprio e altrui. Chirú, detentore di una giovinezza senza piú innocenza, farà suo ogni insegnamento in modo spietato, regalando a Eleonora una lezione difficile da dimenticare. Michela Murgia torna al romanzo, e lo fa con coraggio, raccontando la tensione alla manipolazione che si nasconde anche nel piú puro dei sentimenti. Negli occhi di Eleonora e Chirú è scritta la distanza fra quello che sentiamo di essere e ciò che pensiamo di dovere al mondo: l'amore è la piú deformante delle energie, può chiederci addirittura di sacrificare noi stessi.

Chirù

Murgia Michela

Lanciare pietre di Yves Bonnefoy

Pubblicato per la prima volta nel 1959, Una vita violenta venne giudicato dalla critica uno dei romanzi più importanti del dopoguerra. Lungi dal servire effetti coloriti e pittoreschi, il gergo fu utilizzato qui da Pasolini per dare una rappresentazione "lucida e spietata, delle persone e degli atti, dell'ambiente e delle fatalità" (Carlo Emilio Gadda) delle borgate romane. Il romanzo racconta la vera storia della vita breve, vissuta con passione, di Tommaso Puzilli, un giovane sottoproletario dei sobborghi romani. I piccoli furti, i rapporti con omosessuali, i vagabondaggi notturni, fino alla tragedia finale: il ritratto di un gruppo che vive al di fuori di ogni ordinamento sociale che lo possa condizionare. Con la prefazione di Vincenzo Cerami.

UNA VITA VIOLENTA

Pasolini Pier Paolo

Dura la vita per gli dei dell'Olimpo nel XXI secolo: nessuno crede più in loro, e si sono ridotti a vivere stipati in uno sgangherato condominio di North London, dove manca spesso l'acqua calda. E che dire del mestiere che sono costretti a svolgere per campare? Artemide, la dea della caccia, ora è ridotta a fare la dog sitter, mentre la splendida Afrodite, dea dell'amore, lavora per una chat line erotica. Ma quando due innamorati hanno bisogno di loro...

PER L’AMOR DI UN DIO

Phillips Marie