Narrativa

Nessuno può sfrattarci dalle stelle

Cugia Diego

Descrizione: La notte in cui in Sudafrica muore Mandela, Massimo Cruz è uno dei centoventi milioni di europei caduti in povertà. Dopo un passato come stella del varietà televisivo ha perso tutto. Ora è solo, in un casale nel bosco, con l’unica compagnia di due cani lupo e una pecora domestica, a aspettare che, all’alba, il padrone di casa e l’ufficiale giudiziario arrivino a rendere esecutivo lo sfratto. Scende le scale e trova un piccolo intruso. Sulle prime pensa a un ladruncolo. Ma chi è davvero quel bimbo che dice di chiamarsi come lui e sembra possedere una saggezza fuori dal comune? E quella del piccolo sosia non è che la prima delle imprevedibili visite che Massimo Cruz riceverà quella notte... Sospeso tra il Canto di Natale di Dickens e la magia del Piccolo Principe, Cugia scrive un libro meraviglioso e inatteso come il più bello dei regali. Una favola incantata che contiene una parte di confessione autobiografica e una riflessione sul destino.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Anno: 2015

ISBN: 9788804655763

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Diego Cugia sceglie un titolo d’effetto, Nessuno può sfrattarci dalle stelle, per un’opera – un po’ fiaba e un po’ no – che i-libri indica ai suoi lettori come proposta per il periodo natalizio.

È notte (“Nel gran luccichio di pianto e stelle mi sentivo solo e senza patria”). Massimo Pietro Cruz è solo nel casolare (“Scoprirmi separato dal cielo, era questo l’apartheid che mi faceva maggiormente soffrire”). Attende di essere sfrattato dall’ufficiale giudiziario, la mattina. Ma in quell’ultima notte avviene una specie di miracolo. Compare un bambino (“Sembrava un bambino dipinto all’acquerello”): vivace nel comportamento (“Penne alle prugne – ha esultato. – Le ho inventate io!”), incisivo nelle affermazioni, curioso, creativo… al protagonista ricorda tanto qualcuno (“Ora era identico a mio padre a otto anni in una foto che tenevo in camera da letto sul comò”)… possibile che sia proprio lui?
Chi era veramente? Io stesso da piccolo? E com’era possibile che mi fossi sdoppiato…? O era il fantasma di Massimo, il mio fratellino…?”

La notte procede a colpi di sorprese, al punto che Massimo Pietro all’apice del dissesto finanziario pensa “che per tutti a questo mondo c’è una notte di riscossa”.
Intanto il casale si trasforma in una grande festa stile Folies Bergère: ce n’è per tutti i gusti (“Lo zio Paolo e lo zio Efisio… si erano accontentati di giocare a poker in modalità gratuita”) e la famiglia Cruz si ricompone in modo metafisico fin dai primordi.
Era lo show che avevo sempre desiderato scrivere”: con l’orchestra di Duke Ellington, Yves Montand come interprete d’eccezione, Astor Piazzolla a suonare Libertango, Louis Armstrong e Jim Morrison ad animare quello che ormai è divenuto un tangodromo.

Guizzante, commovente, questa riedizione riveduta, corretta e adattata del Piccolo Principe è un’opera destinata a colpire al cuore, tanto più in un periodo come questo, quando i giorni sanno essere magici, crudeli, agrodolci… un periodo nel quale “è inutile barricarsi alle periferie dell’esistenza, c’è sempre una notte in cui te stesso ti trova”.

“Straordinaria, la vita. Se non mi avesse tolto tutto, non avrei potuto ricevere in dono una notte come quella.”

Auguri!

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Diego

Cugia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cugia Diego


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

I segreti di Roma racchiude un'insospettabile antologia di storie, una galleria di personaggi e di vicende. Sono le pietre e gli oggetti stessi a parlare, in uno snodarsi ininterrotto di ricordi: dal mito di Romolo e Remo alle origini della città, alla gloria intrisa di sangue del Rinascimento; dalla spregiudicatezza di Cesare alla tenebrosa genialità di Caravaggio; dal fascino di Lucrezia Borgia, alla procace sensualità di Anna Fallarino, marchesa Casati Stampa di Soncino, che fu al centro di uno dei più scabrosi delitti del dopoguerra. Rifacendosi alla storia di Roma, ma anche ad alcune esperienze personali vissute in momenti cruciali della nostra epoca (dall'occupazione nazista al boom degli anni Sessanta), Augias ricava da questa congerie di persone e di fatti il racconto complessivo di una città contraddittoria, insieme metropoli e villaggio, dove ogni sentimento umano - l'ardimento e la codardia, la generosità e l'ignavia, l'intraprendenza e la mollezza - ha trovato gli interpreti e la scena per la sua rappresentazione.

I SEGRETI DI ROMA

Augias Corrado

Oltre 3.500 anni fa, il Sole diede vita a una bambina, Hatshepsut, figlia minore del Faraone. La piccola era fuori dal comune, era agile e aveva doti magiche. Quando sua sorella maggiore morì, fu lei a dover sposare Thutmosis, figlio illegittimo del Faraone, assicurando così una discendenza al sangue divino. La figlia del mattino, «uno dei più bei romanzi storici sulla vita nell’antico Egitto» («The New York Book Review»), racconta le vicissitudini di Hatshepsut, la prima donna faraone, che intorno all’anno 1500 a.C. governò brillantemente per oltre due decenni. A partire dalla descrizione dell’infanzia di Hatshepsut, la sua ascesa al potere, il suo amore impossibile con l’architetto di corte e, infine, il suo assassinio, Pauline Gedge ha scritto un romanzo epico, accuratamente basato su fatti storici, ricco di aneddoti sulla vita a Tebe, sul solare mondo egiziano in tutto il suo splendore.

La figlia del mattino

Gedge Pauline

Nonostante l'avversione dell'investigatrice Stella Spada ad uscire dalle mura della città di Bologna, in questa nuova indagine si sposta a Badi, un paese dell'Appennino bolognese sul lago di Suviana. Qui è stata chiamata ad indagare sulla morte di alcuni componenti della famiglia Doria, trovati annegati nel lago. Nel frattempo ha alcuni altri casi da portare a termine, come ad esempio la sparizione del nano Orfeo dall'aiuola della Arena Orfeonica. Attorno a lei molti personaggi e molti misteri famigliari. Stella dice di essere cambiata, o almeno ci sta provando, ma sarà vero?

Il nano rapito

Lusetti Lorena

Mario e Cristiana hanno superato i sessant'anni e sono divorziati da quindici. Lui è un ingegnere idraulico che si è appena trasferito a Rio de Janeiro con una giovane moglie e un figlio di poco più di un anno. Lei è rimasta a Roma con i loro due figli ormai grandi e un secondo, felice matrimonio. Un giorno, Cristiana riceve una strana lettera di Mario dal Brasile. Le scrive che si sta sentendo vecchio, che vorrebbe ritrovare un po' della perduta giovinezza scambiandosi delle lettere con lei. Dice che solo così, tornando indietro con chi si è stati giovani davvero, si può esserlo ancora. Ma quali sono, in realtà, le sue intenzioni? Attraverso le risposte di Cristiana, il lettore vedrà sfilare davanti ai suoi occhi, insieme alla storia del loro amore naufragato, i tic e i malesseri di un'intera generazione: le false utopie, la crisi del rapporto tra uomo e donna, le rivoluzioni fallite, il terrorismo, la fede politica, i molti ideali sfumati per non lasciare spazio ad altro che alla banale concretezza. E poi i rancori, i tradimenti reciproci, tutte le cose non dette che finalmente tornano a galla in modo violento, brutale, sempre senza pietà. Fino a una vera e propria resa dei conti nella quale tutte le carte, ormai, sono in tavola.

Ti spiego

Petri Romana