Narrativa

Nessuno si salva da solo

Mazzantini Margaret

Descrizione: Delia e Gaetano erano una coppia. Ora non lo sono più, e stasera devono imparare a non esserlo. Si ritrovano a cena, in un ristorante all'aperto, poco tempo dopo aver rotto quella che fu una famiglia. Lui si è trasferito in un residence, lei è rimasta nella casa con i piccoli Cosmo e Nico. Delia e Gaetano sono ancora giovani - più di trenta, meno di quaranta, un'età in cui si può ricominciare. La loro carne è ancora calda e inquieta. Sognano la pace ma sono tentati dall'altro e dall'altrove. Ma dove hanno sbagliato? Il fatto è che non lo sanno. La passione dell'inizio e la rabbia della fine sono ancora pericolosamente vicine. Cresciuti in un'epoca in cui tutto sembra già essere stato detto, si scambiano parole che non riescono a dare voce alle loro solitudini, alle loro urgenze, perché nate nelle acque confuse di un analfabetismo affettivo. Eppure parole capaci di bagliori improvvisi, che sanno toccare il nucleo ustionante dei ricordi, mettere in scena sul palcoscenico quieto di una sera d'estate il dramma senza tempo dell'amore e del disamore. Margaret Mazzantini ci consegna un romanzo che è l'autobiografia sentimentale di una generazione. La storia di cenere e fiamme di una coppia contemporanea con le sue trasgressioni ordinarie, con la sua quotidianità avventurosa. Una coppia come tante, come noi. Contemporaneamente a noi.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno: 2011

ISBN: 9788804608653

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Le persone dovrebbero lasciarsi prima di arrivare a quel punto. [..]. Perché poi ti resta addosso troppo male. Invece non succede: si arriva fino in fondo, si scola tutta la merda, anche quella che non vi spetta […] No, non bisognerebbe arrivare dove sono arrivati loro. Ai primi sintomi bisogna andarsene, lasciare il campo. Tanto non va meglio, va peggio e peggio…“.

Delia e Gaetano la merda l’hanno conosciuta. Quella dei giorni senza un senso, senza uno scopo se  non quello di ferirsi fino a vedersi sanguinare. Quella delle parole di vetri rotti che non ti aspetti dalla persona che, un giorno, hai amato così tanto da credere che non sarebbe mai finita.

Il loro amore l’hanno sentito uscire dalle cose, la passione l’hanno bevuta tutta senza perdere una goccia. Poi un giorno la vita si è mangiata tutto, anche l’amore, “come una risacca brutta”.

Delia e Gaetano non hanno più nulla da salvare del loro matrimonio. I loro bambini, “le braccia molli del loro disastro“, sono cuccioli dimenticati che osservano – già grandi – il delirio di quei due individui fragili e indifesi persi alla deriva di uno spietato disamore.

L’ultima cena viene servita ai protagonisti del nuovo romanzo di Margaret Mazzantini al tavolo di un ristorante. E il lettore – seduto allo stesso tavolo – prende parte alla tragedia.

Tu, Gaetano, ci provi a capire quando è stato che tutto è cambiato: ora è troppo difficile andare avanti. Non ce la fai a fare a meno di lei, fuori da quella casa che hai imparato a odiare ma che, ora, ti manca. Tanto valeva non incontrarla, Delia, lei con il suo sguardo che “ti guarda e non ti lascia“, una donna di cui potevi sentire “la sostanza della sua persona profonda, potevi sentire il rumore come del mare nelle grotte“. Poi un giorno lei ha smesso di farti sentire “l’eroe di una sceneggiata temeraria” e l’hai tradita. Le avevi promesso che non l’avresti mai fatto: è successo e, come molti, hai iniziato a vivacchiare nella menzogna. Ora però, a questo tavolo, sei un mendicante: elemosini un suo sguardo, una parola, una carezza.

Tu, Delia, non vuoi capire. Ti basta disprezzarlo quest’uomo che non abbassa la tavoletta e che  non ti perdoni di avere amato. Non era per te. Però ci hai visto l’incantesimo perché tutto quello che volevi era illuderti: vi siete amati ovunque senza curarvi degli altri, perché eravate speciali, insieme, migliori della “gente”. Ora, invece, non reggete neppure il confronto con quell’anziana coppia seduta all’altro tavolo. Loro almeno ci hanno provato. E ora come lo racconti ai tuoi figli che non c’è più niente da salvare? Cosmo e Nico, i vostri figli, hanno già capito e questo ti fa male.

Si guardano Delia e Gaetano ma non si vedono più. Sconfitti dalla vita e dalla loro solitudine: delusi, incattiviti, sopraffatti dal rancore ed incapaci di amare di nuovo.

A innamorarsi non ci pensa. L’amore è morto.[…] Sono caduti dalla roccia più alta lui e Delia, e sotto l’acqua era poca. […] Certo è stato un bel salto. Cazzo come ci credevano, di trovarsi sotto un oceano sterminato, tutto per loro“.

Margaret Mazzantini ci trascina alla deriva con i suoi protagonisti. Il lettore fatica a risalire in superficie, travolto dalle onde della rassegnazione disperante di Gaetano e Delia, impotenti di fronte alla fine della loro storia. Le parole dell’autrice non lasciano dubbi: non si sa come inizi né come finisca, l’amore, ma certamente si è corresponsabili del logoramento, della mutilazione, del progressivo inaridimento. Non ci sono antidoti al veleno del disamore, ma una cosa è certa: non si può pensare di venirne fuori con la facilità con cui ci si è entrati. Forse si può tentare di salvare qualcosa ma, in ogni caso, nessuno si salva da solo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Margaret

Mazzantini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mazzantini Margaret


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Napoli, marzo 1931, mentre un inverno particolarmente rigido tiene la città stretta in una morsa di gelo, un assassinio scuote l'opinione pubblica per la ferocia con cui il crimine è perpetrato e per la notorietà del morto. Il grande tenore Arnaldo Vezzi viene trovato cadavere nel suo camerino al Teatro San Carlo prima della rappresentazione de "I Pagliacci", la gola squarciata da un frammento acuminato dello specchio andato in pezzi. Artista di fama mondiale, amico del Duce, uomo egoista e meschino: a ricostruire la personalità della vittima e a risolvere il caso è chiamato il commissario Luigi Alfredo Ricciardi, in forza alla Squadra Mobile della Regia Questura di Napoli. Investigatore anomalo, mal sopportato dai superiori per la sua insofferenza agli ordini e temuto dai sottoposti per il suo carattere chiuso ed enigmatico, Ricciardi coltiva nel suo animo tormentato un segreto inconfessabile: fin da bambino "vede i morti" - ma solo chi muore di morte violenta - , coglie la loro immagine nell'ultimo momento di vita e ascolta le ultime parole, "il Fatto" come lo chiama lui, lo aiuta nelle indagini. Affiancato dal brigadiere Maione, il commissario interroga il personale del San Carlo, incontra l'affascinante Livia e ascolta le considerazioni di Don Pierino; comprende che molti avrebbero avuto un buon movente per uccidere Vezzi. Interprete del disagio della città, attento alle esigenze dei più deboli, Ricciardi risolve brillantemente il caso seguendo il suo senso di giustizia.

Il senso del dolore

De Giovanni Maurizio

Giulia, diciotto anni, la passione per il canto a tenerla viva, ha una famiglia spezzata alle spalle e un fratello, Davide, come una piccola luce nelle ore di buio. Roman, diciotto anni anche lui, dopo l’infanzia trascorsa in una terra straniera vive un presente di clandestino, fatto di piccoli furti e giornate senz’amore. I loro mondi, opposti e lontani, finiscono per scontrarsi, poi incontrarsi, tra le corsie di un supermercato: in un pomeriggio cometanti altri sembra possibile dimenticare la solitudine grazie ad un amore pulito, capace di annullare pregiudizi e paure. Mentre, fuori, la tv continua a creare star, mostri, casi di cronaca, e nel bar sotto casa italiani e stranieri paiono decisi a non volersi capire. Matteo De Simone, giovane scrittore torinese, con “I denti guasti”, sua seconda prova, dimostra talento ed uso sapiente della lingua, abile nel raccontare il nostro presente, quello italiano impastato di mass media e scontri di civiltà, per narrarci un’atipica storia d’amore nata in fretta e troppo in fretta svanita nel nulla: sullo sfondo personaggi nudi, crudi, veri, emblemi di una società complicata e qualunquista tratteggiati con intelligenza e passione. “I denti guasti”, romanzo costruito su di affetti complicati e conflitti irrisolti, stupirà per lo sguardo luci do dell’autore, capace di raccontare le fragilità di Giulia e Roman, così come le nostre, senza banali e scontate divisioni tra bene e male.

DENTI GUASTI

De Matteo Simone

La mattina del 24 marzo 1946 Alexander Alekhine, campione del mondo di scacchi, celebre anche per la singolare crudeltà del suo gioco e l’eccentrica personalità, venne trovato privo di vita nella sua stanza d’albergo, a Estoril. Il medico che assisté all’autopsia certificò che la morte era avvenuta per asfissia, provocata da un pezzo di carne cruda conficcatosi nella laringe. “Non è stato rilevato alcunché di sospetto che possa far pensare a un suicidio, né tantomeno a un omicidio” dichiarò. Ma come mai una simile precisazione? Forse perché le foto del cadavere potevano far pensare a una messinscena? Solo un romanziere appassionato di scacchi come Maurensig poteva provare a rispondere a queste domande.

Teoria delle ombre

Maurensig Paolo

"È la storia di un uomo e di sua moglie, di come diventano genitori di un bellissimo bambino": questa - per usare le parole di Fante in una lettera alla madre - l'idea portante di "Full of life". Ma, come in tutti i romanzi del grande narratore americano, è molto difficile riassumere le invenzioni, l'ironia, le meraviglie della sua scrittura: si può solo goderne il divertimento e la forza che la ispirano. Pubblicato nel 1952 e qualche anno dopo adattato per il cinema (con tanto di nomination all'Oscar per la migliore sceneggiatura), è il libro più comico e autobiografico scritto da John Fante, il suo ultimo romanzo prima del lungo silenzio durato oltre venticinque anni. E dunque ecco John e sua moglie Joyce alle prese con l'arrivo del loro primo figlio, l'improvviso attacco di una schiera di voraci termiti alla loro casa di Los Angeles, il soccorso di papà Nick, il "più grande muratore della California", e ancora una serie interminabile di piccole disavventure e litigate, tra lacrime, sorrisi, crisi mistiche e formidabili bevute di vino.

Full of life (Una vita piena)

Fante John