Narrativa

Io sono la neve

Laban Elizabeth

Descrizione: Tim, diciassette anni, albino, è un outsider, precipitato al prestigioso college di Irving per un solo semestre. Alla vigilia del suo arrivo a scuola conosce in aeroporto la bella Vanessa, ma l'incanto di quella notte si infrange contro il muro della realtà: Vanessa intesse una relazione clandestina con Tim ma non intende lasciare il suo Patrick. La tragedia si consuma durante la festa di fine anno: Tim, annebbiato dalle medicine che sta prendendo senza prescrizione, sale su una slitta trascinando con sé Vanessa, e finisce contro un albero. Lei entra in coma e lui perde la vista. È il materiale di partenza per quella che alla Irving diventerà una tradizione: il Tragedy Paper, la tesi di fine anno.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Narrativa Ragazzi

Anno: 2014

ISBN: 9788817072779

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Io sono la neve” di Elizabeth Laban si svolge alla Irving School, ove approda Tim Macbeth, un ragazzo albino che frequenterà il college per un semestre. Sulla scuola sembra incombere una maledizione (“La leggenda vuole che la ragazza abbia lanciato una maledizione sulla scuola, che ogni anno uno studente di quarta debba lasciare la scuola per un motivo imprevisto”).

La narrazione parte da una notte di neve d’ottobre e si conclude in un’altra notte di neve di marzo (“Star lì impalato in mezzo alla neve mi faceva sentire, sorprendentemente, parte del tutto invece che un’anomalia”): nella prima, Tim conosce la bella Vanessa, anche lei diretta al college. I due rimangono bloccati in aeroporto e passano insieme la notte in una camera d’albergo, dopo aver giocato sulla neve a costruire un igloo…
Nella notte finale, invece, si svolge il Grande Gioco: l’evento rappresenta il congedo di coloro che frequentano l’ultima classe. Patrick, il ragazzo-bullo di Vanessa, ha proposto la discesa in slitta dalla collina innevata: “Il Grande Gioco… sarà… una spedizione all’aperto”…

Il racconto si sviluppa mediante la tecnica del flash back: secondo la tradizione del college, ai ragazzi che frequentano l’ultimo anno viene assegnata una camera (“Gli unici che sapevano a chi andavano le stanze erano i neo diplomati”) ove trovano un “regalo” del precedente occupante (“E il tesoro che lo aspettava poteva essere qualunque cosa”); Duncan riceve i cd che Tim ha registrato (“Duncan sapeva chi aveva occupato quella stanza l’anno prima. Il ragazzo albino”). In essi sono esposti i fatti intervenuti nel semestre fatale…

Con semplicità ed efficacia, il romanzo tratta il tema della diversità (“Come sai, è piuttosto difficile non notarmi, e quando le persone mi vedono per la prima volta, si mettono a fissarmi”) e del bullismo;  l’ambiente conviviale della scuola (“Zitti e mosca”) per certi versi riecheggia “L’attimo fuggente”, soprattutto per la presenza di un docente – il professor Simon – impegnato a trasmettere agli studenti gli elementi culturali della tragedia: “Dall’ordine al caos e poi di nuovo all’ordine. Il professor Simon ve l’ha già spiegato?”. Dettando alcune regole:
“Definire la differenza, se credete ce ne sia una, tra un evento tragico e una tragedia.”
“Riflettere sulla differenza tra tragedia greca e tragedia in senso shakespeariano, se ce ne sono.”

I riti collettivi scandiscono i momenti di una storia drammatica, che galoppa verso un epilogo il cui presagio aleggia sin dalle prime pagine del libro.
Una storia coinvolgente, espressa in modo diretto, che ha i suoi picchi nell’atmosfera magica della neve.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elizabeth

Laban

Libri dallo stesso autore

Intervista a Laban Elizabeth


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Pirandello, Luigi – LA GIARA (Novelle per un anno, 1917)

Un albergo isolato, tre insegnanti, il problema della gestione della classe. Sono questi gli elementi che danno vita ai dialoghi rappresentati in questo libro, nel quale Tuffanelli immagina tre insegnanti rinchiusi per una settimana in un albergo a discutere su come gestire la classe. Ogni giorno viene affrontato un nuovo argomento: il ruolo e della responsabilità sociale dell’insegnante, i problemi di stress e di autostima, l’autorevolezza dell’insegnante, la programmazione e i diversi modi di fare lezione, le dinamiche di classe e le strategie per governarle, i saperi, le abilità e le competenze, i modi diversi di valutare e i rapporti che intessono la funzione docente. I tre attori — un giovane laureato, un’insegnante di scuola secondaria di primo grado ottimista e fiduciosa e un professore di filosofia che ha perso l’entusiasmo per il suo lavoro — aiuteranno insegnanti e educatori a riflettere su un tema difficile e poco affrontato come la gestione della classe in modo ironico e leggero.

La gestione della classe

Tuffanelli Luigi Ianes Dario

Cantico di borgata

Vergoni Gianfranco

Adam ogni giorno ricomincia da capo: un treno diverso, un'università diversa, una donna diversa. Il lunedì parte da Milano all'alba, aspetta la coincidenza a Tortona e va a insegnare ebraico ad Alessandria; poi, se i preliminari con Paola procedono senza intoppi, riesce a rientrare in tempo per fare la spesa e preparare la cena per la moglie Hhava. Il martedì a Bergamo potrebbe anche non andare, il compenso per le sue lezioni è troppo basso, ma a Bergamo c'è Monica, con il suo naso semitico, i suoi riccioli rossi, la sua voce roca, il suo accento irresistibile. Il mercoledì a Pavia lo aspetta la collega Teresa, il giovedì a Treviso fa l'amore con Fernanda nel locale caldaia, il venerdì a Verona sale nel monolocale di Sasha con una fetta di torta altoatesina, ma il sabato finalmente si riposa. Il sabato Adam corre sul lungomare di Levante, si ferma a scrivere una poesia al bar Sereno, sveglia la moglie con il profumo dei biscotti appena sfornati. Ogni settimana si ripete come una giostra infinita, come un viaggio in tondo da un microcosmo all'altro. Finché un giorno, del tutto inaspettata, si apre anche per lui una via di fuga: la speranza di un'unica vita, di un mondo solo, dove potersi abbandonare in pace. "Bar Atlantic" è la storia di un precario della scuola, della vita, dell' amore: di un casalingo inquieto che venera sua moglie e ha un'amante diversa in cinque città.

BAR ATLANTIC

Osimo Bruno