Narrativa

Io sono la neve

Laban Elizabeth

Descrizione: Tim, diciassette anni, albino, è un outsider, precipitato al prestigioso college di Irving per un solo semestre. Alla vigilia del suo arrivo a scuola conosce in aeroporto la bella Vanessa, ma l'incanto di quella notte si infrange contro il muro della realtà: Vanessa intesse una relazione clandestina con Tim ma non intende lasciare il suo Patrick. La tragedia si consuma durante la festa di fine anno: Tim, annebbiato dalle medicine che sta prendendo senza prescrizione, sale su una slitta trascinando con sé Vanessa, e finisce contro un albero. Lei entra in coma e lui perde la vista. È il materiale di partenza per quella che alla Irving diventerà una tradizione: il Tragedy Paper, la tesi di fine anno.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Narrativa Ragazzi

Anno: 2014

ISBN: 9788817072779

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Io sono la neve” di Elizabeth Laban si svolge alla Irving School, ove approda Tim Macbeth, un ragazzo albino che frequenterà il college per un semestre. Sulla scuola sembra incombere una maledizione (“La leggenda vuole che la ragazza abbia lanciato una maledizione sulla scuola, che ogni anno uno studente di quarta debba lasciare la scuola per un motivo imprevisto”).

La narrazione parte da una notte di neve d’ottobre e si conclude in un’altra notte di neve di marzo (“Star lì impalato in mezzo alla neve mi faceva sentire, sorprendentemente, parte del tutto invece che un’anomalia”): nella prima, Tim conosce la bella Vanessa, anche lei diretta al college. I due rimangono bloccati in aeroporto e passano insieme la notte in una camera d’albergo, dopo aver giocato sulla neve a costruire un igloo…
Nella notte finale, invece, si svolge il Grande Gioco: l’evento rappresenta il congedo di coloro che frequentano l’ultima classe. Patrick, il ragazzo-bullo di Vanessa, ha proposto la discesa in slitta dalla collina innevata: “Il Grande Gioco… sarà… una spedizione all’aperto”…

Il racconto si sviluppa mediante la tecnica del flash back: secondo la tradizione del college, ai ragazzi che frequentano l’ultimo anno viene assegnata una camera (“Gli unici che sapevano a chi andavano le stanze erano i neo diplomati”) ove trovano un “regalo” del precedente occupante (“E il tesoro che lo aspettava poteva essere qualunque cosa”); Duncan riceve i cd che Tim ha registrato (“Duncan sapeva chi aveva occupato quella stanza l’anno prima. Il ragazzo albino”). In essi sono esposti i fatti intervenuti nel semestre fatale…

Con semplicità ed efficacia, il romanzo tratta il tema della diversità (“Come sai, è piuttosto difficile non notarmi, e quando le persone mi vedono per la prima volta, si mettono a fissarmi”) e del bullismo;  l’ambiente conviviale della scuola (“Zitti e mosca”) per certi versi riecheggia “L’attimo fuggente”, soprattutto per la presenza di un docente – il professor Simon – impegnato a trasmettere agli studenti gli elementi culturali della tragedia: “Dall’ordine al caos e poi di nuovo all’ordine. Il professor Simon ve l’ha già spiegato?”. Dettando alcune regole:
“Definire la differenza, se credete ce ne sia una, tra un evento tragico e una tragedia.”
“Riflettere sulla differenza tra tragedia greca e tragedia in senso shakespeariano, se ce ne sono.”

I riti collettivi scandiscono i momenti di una storia drammatica, che galoppa verso un epilogo il cui presagio aleggia sin dalle prime pagine del libro.
Una storia coinvolgente, espressa in modo diretto, che ha i suoi picchi nell’atmosfera magica della neve.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elizabeth

Laban

Libri dallo stesso autore

Intervista a Laban Elizabeth


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una raccolta di poesie che racconta l'Amazzonia, una regione che rischia da sempre di essere annientata dalle violenze e dagli interessi di vecchi e di nuovi colonizzatori.

Amazzonia madre d’acqua

Theophilo Marcia

Dialogando con il figlio mai avuto, un uomo ripercorre la sua vita. Ma se a quel padre e a quel figlio dà la voce Erri De Luca, leparole nate dalla notte emanano luce. “Le parole, figlio, non inventano la realtà, che esiste comunque. Danno alla realtà la lucidità improvvisa, che le toglie la sua naturale opacità e così la rivela.” In una sera senza corrente elettrica, mentre rilegge Pinocchio, un uomo sente la presenza del figlio che non ha avuto, il figlio che la madre – la donna con cui in gioventù lo concepì – decise di abortire. Alla fiamma del camino, il figlio gli appare già adulto, e quella presenza basta “qui e stasera” a fare la sua paternità. Per tutta la notte al figlio “estratto da una cena d’inverno” lui racconta “un poco di vita scivolata”. E così ecco l’infanzia napoletana, la nostalgia della madre e del padre, il bisogno di andare via, di seguire la propria libertà – “lalibertà che ho conosciuto è stata andare e stare dove non potevo fare a meno” –, le guerre trascorse ma anche i baci che ha dato… e, a poco a poco che racconta, immagina le reazioni di questo figlio adulto, ciò che potrebbe dire, fino a che il figlio, da muto che era, prende la parola e inizia a dare voce alla propria curiosità (“a proposito di maschere, di che ti vestivi a Carnevale?”), punteggia il racconto del padre con domande e osservazioni, lo guida, aiuta a mettere i dettagli a fuoco, e si fa guidare. Il monologo iniziale diventa così un dialogo a due voci, che indaga su una vita, sugli affetti, sulle scelte fatte, sui libri letti e su quelli scritti, sull’importanza delle parole e delle storie. Un’indagine che, più che tracciare un bilancio, vuol essere scandaglio, ricerca intima – quasi una rivelazione –, che accoglie l’obiezione, è aperta all’errore, si china sull’inevitabilità di ciò che è stato e salva, tramanda le qualità emerse dai ricordi (“questa potrebbe essere una dote per me: imparare da qualunque esempio”)...

Il giro dell’oca

De Luca Erri

Il silenzio di Calli è popolato di immagini. Qualcosa di terribile le ha strappato la voce, ma non è riuscito a mettere a freno la sua fantasia. Il bosco è un rifugio per lei, ne conosce tutti gli angoli, sa dare un nome a ogni singolo rumore. Ma un giorno qualcuno la trascina fra quegli alberi così familiari, e per la prima volta si sente smarrita. Petra è la sua migliore amica, la compagna di giochi che la comprende alla perfezione. Qualcosa di molto più forte delle parole le unisce. Tutto accade una tranquilla mattina d'estate, e mentre sorge l'alba in una piccola cittadina dell'Iowa, due famiglie scoprono che le loro bambine sono scomparse. Antonia ha provato a essere la madre perfetta per Calli, nei limiti di un matrimonio che la lega a un uomo assente e spesso irascibile. E ora teme che in gioco ci sia ben altro che la voce di sua figlia. In un crescendo di tensione e colpi di scena, le due famiglie si confrontano con i propri limiti, con timori ancestrali e con il peso di segreti troppo difficili da rivelare, perché nulla è ciò che sembra... Una storia profonda raccontata, dove la fantasia e l'amicizia riescono a scalfire il più fìtto dei silenzi.

IL PESO DEL SILENZIO

Gudenkauf Heather

Scritto nel 1795 con il titolo di Elinor and Marianne, "Ragione e sentimento" viene pubblicato nel 1811. Come gli altri maggiori romanzi della Austen, descrive le vicende di un'anima ingenuamente romantica che, attraverso l'esperienza, giunge a comprendere infine la realtà dell'esistenza. Protagoniste sono le giovani sorelle Dashwood, Elinor e Marianne, che, alla morte del padre, sono costrette a fare i conti con le ristrettezze economiche nella loro nuova e modesta casa nel Devonshire. Qui conosceranno le pene e le gioie dell'amore e, imparando a conciliare la ragione con il sentimento, diventeranno donne. Attorno a questo processo di maturazione la Austen tesse una trama piena di grazia e ironia, in cui con la sua elegantissima prosa riesce ad analizzare e descrivere con straordinaria sottigliezza il contrasto e il dissidio tra istanze psicologiche e morali.

Ragione e sentimento

Austen Jane