Narrativa

NIENT’ALTRO CHE AMARE

Di Cesare Amneris

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Cento Autori

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788897121428

Recensito da Monk

Le Vostre recensioni

Il romanzo d’esordio di Amneris Di Cesare, sebbene a tratti crudo e realistico, si può leggere come una fiaba. La protagonista Maria, detta “a’Zannuta” per via dei denti sporgenti, vive in un paesino arcaico e ottuso del Sud Italia, dove i pregiudizi sono più forti della compassione. A causa del suo fisico provocante, capace di risvegliare gli istinti più bassi negli uomini e il disprezzo nelle donne, e complice lo sguardo un po’ assente, Maria diventa la vittima designata di violenze, abusi e umiliazioni.

L’ignoranza è la prigione in cui l’eroina è rinchiusa e, come in una prigione, si perde il senso di causa ed effetto e si finisce con il subire il ritmo scandito da eventi predeterminati ad opera di un destino ineluttabile.

A una brutta, tutte le disgrazie che ci capitano nella vita è come se fossero meritate.

Maria non sa, però, odiare chi le fa del male, perché per lei gli esseri umani sono tutti degni di essere rispettati, soprattutto gliultimi, i reietti, come lei. Ed è fra questi che troverà conforto e comprensione; in questa fiaba crudele, forse, c’è spazio anche per eroi e principi azzurri.

Lo stile dell’autrice intreccia italiano e dialetto crotonese in una vivace alternanza di registri che aiuta ad immergersi nell’ambiente del racconto. Tuttavia la scelta di far narrare a Maria la sua storia in prima persona contrasta con l’uso di espressioni ricercate, che rischiano, in alcuni punti, di strappare il lettore all’immedesimazione in personaggi delineati come primitivi.

Avrebbe fatto piacere una maggiore cura nella revisione del testo, che presenta, qua e là, carenze dal punto di vista dell’uniformità redazionale e alcune ripetizioni, pur rimanendo complessivamente una lettura gradevole.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Amneris

Cesare

Di

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Cesare Amneris


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Giapponesi si nasce

Paolo Soldano

La fanfara di Bellano è nei guai. Evelindo Gavazzi – cui è affidato il delicato compito di suonare il bombardino nella fanfara che sul molo accoglie i viaggiatori che sbarcano a Bellano – non fa più parte dell’organico: è bloccato in casa a suon di sberle dalla novella sposa Noemi, che non sopporta che faccia tardi e torni a casa ubriaco. Almeno il cappello racconta le avventure della banda orfana di bombardino e della sua gloriosa rinascita. Protagonista del nuovo romanzo di Andrea Vitali è un’improbabile congrega di musicisti: il suonatore di cornetta Zaccaria Vergottini e la seconda cornetta Eumeo Vergottini, il clarino Guzzin (al secolo Augusto Boldoni), il basso Aurelio Leoni. E soprattutto Onorato Geminazzi, giunto nel borgo come in esilio dalla natía Menaggio: sarà proprio il Geminazzi – in seguito a un imprevisto intreccio di circostanze – l’artefice e protagonista della rinascita della banda e della sua trasformazione nel glorioso Corpo Musicale Bellanese. Tra gli altri protagonisti, oltre alla signora Estenuata, consorte del Geminazzi, ci sono il traghetto Patria, l’Amaro Grona, l'oste Bormida Pinìn, il paese di Bellano e le sue frazioni Obriaco, Lezzeno, Bonzeno, Biosio e Oro, il signor podestà e i Regi Carabinieri. C'è naturalmente anche il cappello, quello dell'uniforme della banda, al centro di mille e uno equivoci.

ALMENO IL CAPPELLO

Vitali Andrea

Lino Mastromarino dialoga con Lilly

Padre Matteo è stanco. Il suo sogno di pace, ciò in cui ha creduto e per cui ha combattuto, sembra essersi spento, sepolto dai conflitti, dal disinteresse di chi gli sta intorno. Per questo decide di abbandonare tutto: il ruolo di Custode di Terra Santa, la sua amata Gerusalemme. Lo hanno invitato a Roma e a Istanbul, e il viaggio potrebbe essere l'occasione per cambiare vita. Prima di partire, però, padre Matteo viene coinvolto in due strani incidenti. Inizialmente non se ne cura, ma quando un rabbino suo amico viene assassinato dopo avergli rivelato di essere sulle tracce dell'ultimo erede dei Camondo, potente famiglia ebrea sterminata ad Auschwitz, padre Matteo comprende di essere di fronte a una verità che fa paura a molti e che potrebbe mettere in pericolo la sua stessa vita.

L’erede del tempo

Scaglia Franco