Narrativa

NIENT’ALTRO CHE AMARE

Di Cesare Amneris

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Cento Autori

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788897121428

Recensito da Monk

Le Vostre recensioni

Il romanzo d’esordio di Amneris Di Cesare, sebbene a tratti crudo e realistico, si può leggere come una fiaba. La protagonista Maria, detta “a’Zannuta” per via dei denti sporgenti, vive in un paesino arcaico e ottuso del Sud Italia, dove i pregiudizi sono più forti della compassione. A causa del suo fisico provocante, capace di risvegliare gli istinti più bassi negli uomini e il disprezzo nelle donne, e complice lo sguardo un po’ assente, Maria diventa la vittima designata di violenze, abusi e umiliazioni.

L’ignoranza è la prigione in cui l’eroina è rinchiusa e, come in una prigione, si perde il senso di causa ed effetto e si finisce con il subire il ritmo scandito da eventi predeterminati ad opera di un destino ineluttabile.

A una brutta, tutte le disgrazie che ci capitano nella vita è come se fossero meritate.

Maria non sa, però, odiare chi le fa del male, perché per lei gli esseri umani sono tutti degni di essere rispettati, soprattutto gliultimi, i reietti, come lei. Ed è fra questi che troverà conforto e comprensione; in questa fiaba crudele, forse, c’è spazio anche per eroi e principi azzurri.

Lo stile dell’autrice intreccia italiano e dialetto crotonese in una vivace alternanza di registri che aiuta ad immergersi nell’ambiente del racconto. Tuttavia la scelta di far narrare a Maria la sua storia in prima persona contrasta con l’uso di espressioni ricercate, che rischiano, in alcuni punti, di strappare il lettore all’immedesimazione in personaggi delineati come primitivi.

Avrebbe fatto piacere una maggiore cura nella revisione del testo, che presenta, qua e là, carenze dal punto di vista dell’uniformità redazionale e alcune ripetizioni, pur rimanendo complessivamente una lettura gradevole.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Amneris

Cesare

Di

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Cesare Amneris

Carl Streator è un uomo solitario. Ha quarant'anni, è vedovo e fa il giornalista. Mentre lavora a un reportage sulla sindrome della morte improvvisa di un neonato scopre qualcosa di terribile: la presenza in tutti i luoghi dove sono morti dei bambini piccoli del libro "Poesie e filastrocche da tutto il mondo", immancabilmente aperto su una nenia africana usata per dare la "dolce morte". Black comedy sulfurea ad alto contenuto nichilistico, Ninna nanna è una raggelante parabola sui pericoli di infezione psichica in un'epoca di proliferazione spropositata dell'informazione.

NINNA NANNA

Palahniuk Chuck

Alla vigilia del suo nono compleanno, la timida Rose Edelstein scopre improvvisamente di avere uno strano dono: ogni volta che mangia qualcosa, il sapore che sente è quello delle emozioni provate da chi l'ha preparato, mentre lo preparava. I dolci della pasticceria dietro casa hanno un retrogusto di rabbia, il cibo della mensa scolastica sa di noia e frustrazione; ma il peggio è che le torte preparate da sua madre, una donna allegra ed energica, acquistano prima un terrificante sapore di angoscia e disperazione, e poi di senso di colpa. Rose si troverà così costretta a confrontarsi con la vita segreta della sua famiglia apparentemente normale, e con il passare degli anni scoprirà che anche il padre e il fratello - e forse, in fondo, ciascuno di noi - hanno doni misteriosi con cui affrontare il mondo. Mescolando il realismo psicologico e la fiaba, la scrittura sensuale di Aimee Bender torna a regalarci una storia appassionante sulle sfide che ogni giorno ci pone il rapporto con le persone che amiamo.

L’INCONFONDIBILE TRISTEZZA DELLA TORTA AL LIMONE

Bender Aimee

Una delle espressioni più comuni nella nostra epoca, per asserire che il mondo oggi va meglio di allora, è: "Non siamo mica nel Medioevo!". Eppure quel periodo definito buio non lo era poi quanto si crede e si dice.Troviamo qui le storie di venticinque donne che furono regine, sante e streghe. Quello che accomuna tutte loro è il potere, più o meno grande, che giunsero ad avere, nonostante la dominanza maschile vigente allora in quasi tutti i campi. Queste donne del Medioevo raccontano una realtà diversa da quella che viene proposta nei libri di storia. Le regine governano su vasti territori e sottomettono uomini, le sante e le mistiche sono donne di notevoli doti intellettuali che apportano alla comunità il loro sapere e indirizzano le scelte dei potenti, le streghe sono contadine che conoscono l'arte medica, e quelli che noi chiamiamo "i rimedi della nonna". I racconti, sintetici e incisivi, mostrano come il "periodo di mezzo" debba esser conosciuto anche per la vivacità intellettuale delle donne di allora, riconoscendo la loro grande forza e importanza, in modo che si possa ristabilire, nella storia di questo periodo, il giusto "equilibrio di genere".

Di regine, di sante e di streghe

Franceschi Susanna Berti

Cresciuto senza madre, e dopo aver perduto il fratello maggiore - morto in circostanze misteriose -, nel giorno del funerale dell'amatissimo nonno, Marco Cinquedraghi riceve la notizia che gli cambierà la vita: deve lasciare Roma e partire per la Svizzera. È infatti giunto il momento di iscriversi all'Albion College, la scuola in cui, da sempre, si diplomano i membri della sua famiglia. Ma il blasonato collegio riserva molte sorprese. Tra duelli di spade e lezioni di filologia romanza, mistici poteri che riaffiorano e verità sepolte dal tempo che riemergono, Marco scoprirà il valore dell'amicizia e capirà che l'amore, quello vero, non si ottiene senza sacrificio. Nelle trame ordite dal più grande dei maghi e nell'eco di un amore indimenticabile si ridestano legami immortali, scritti nel sangue. Fino all'epilogo, tra le mura di un'antica abbazia, dove Marco conoscerà la strada che le stelle hanno in serbo per lui. Il destino di un re il cui nome è leggenda.

ALBION

Marconero Bianca