Classici

Le anime morte

Gogol' Nikolaj Vasil'evič

Descrizione: La storia di Cicikov, geniale artista del raggiro, antieroe plebeo che insegue il pallido miraggio degli ideali borghesi: il suo viaggio alla ricerca di "anime morte" per ottenere aiuti finanziari dallo Stato è, come ha scritto Michail Bachtin, "un'allegra marcia carnevalesca nell'inferno", in cui tutti i valori sono capovolti in un avvolgente e paradossale realismo negativo: il benessere, la famiglia, la rispettabilità, ciò cui Cicikov aspira di più si tingono di grottesco, e la sua storia e quella dei personaggi da lui incontrati si rivelano come altrettante tappe di un epos mancato, di una gigantesca parodia omerica che anticipa le avventure di altri illustri antieroi del romanzo moderno.

Categoria: Classici

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2007

ISBN: 9788806189396

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Le anime morte, nonostante sia un’opera incompleta, resta ugualmente un capolavoro della letteratura mondiale ed un grande esempio di comicità letteraria.

Siamo nella Russia post-napoleonica, tra gli anni ’20 e ’30, e qui, un personaggio arguto ma a volte eccessivo, Pavel Ivanovic Cicikov, fa la sua misteriosa comparsa nella città di N., dove immediatamente prende a frequentare tutta la società bene. Non c’è burocrate, aristocratico o borghese che non sia ammaliato dal fascino, dall’eleganza, dal garbo del nuovo arrivato. Tutto sembra procedere nel migliore dei modi, ma nessuno dei vari ospiti si chiede chi mai sia questo personaggio, che ruolo svolga nella società e perché mai sia capitato proprio in città. Questioni che giustamente il lettore si sta già ponendo da qualche pagina, quando, superato il primo capitolo, nel secondo comincia a chiedersi quale sia la missione dell’eroe di questo romanzo (ma sarebbe meglio dire poema, come lo stesso Gogol’ definisce la sua opera). Presto comunque l’autore ci consente di conoscere lo scopo di questo personaggio: Cicikov gira tra i proprietari terrieri per acquistare anime morte, ovvero servitori della gleba deceduti, che comunque gravano sulle tasse dei rispettivi padroni fino al momento del successivo censimento di anime.

Tali censimenti infatti si ripetevano dopo un arco di tempo considerevole, sicché i padroni erano comunque tenuti a pagare le tasse per coloro che burocraticamente risultavano ancora vivi.

Ma ecco che appare Cicikov, avvolto da una luce salvifica, pronto a farsi carico di quelle anime pur di alleggerire il peso economico che grava sulle spalle dei barin. Soltanto a circa metà dell’opera si scopre per quale motivo il protagonista sia immerso in questa attività “commerciale”; poi però la seconda parte presenta delle lacune.

Le pagine scorrono e sembrano dissolversi tra le mani del lettore, che inizialmente può spaventarsi per la mole del libro (come del resto accade spesso con i grandi della letteratura russa).

Le descrizioni della campagna raggiungono indubbiamente picchi di liricità, ma non sono paragonabili alle pagine in cui viene raccontata la società russa, tutte impregnate di un profondo senso comico. Gogol’ riesce infatti a descrivere in maniera eccezionalmente divertente anche quei momenti che potrebbero risultare più noiosi e per questo il suo poema e i suoi racconti vengono presi ad esempio da Vladimir Jakovlevič Propp nel saggio Il comico e il riso.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vasil'evič

Nikolaj

Gogol'

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gogol' Nikolaj Vasil'evič

«In questo ultimo quarto di secolo 15.384 volte la Comunità di Sant’Egidio, direttamente e con l’aiuto di tanti, ha favorito l’incontro con un condannato a morte. […] Chi scrive? Anche giovanissimi, quindicenni, studenti e classi intere che scoprono già da teenager un mondo complesso, meno in bianco e nero. È l’empatia. Studenti universitari, ma anche famiglie in cui genitori e figli leggono e scrivono insieme le lettere. E diventa come un’adozione a distanza, un pezzo di famiglia che sta in un punto oscuro del mondo.» Dalla prefazione di Mario Marazziti. James Aren Duckett è detenuto nell'FSP (Florida State Prison) dal 30 giugno 1988, a seguito della condanna per lo stupro e l'uccisione di una bambina di 11 anni. In questi 33 anni, Jim, così lo chiamano gli amici e i suoi cari, lotta con i suoi legali per affermare la propria innocenza e per evidenziare le incongruenze e i malfunzionamenti del sistema giudiziario (e carcerario) degli Stati Uniti d'America. Oltre alla sua storia, la corrispondenza con l'autrice, iniziata nel 2012 e tuttora attiva, svela pensieri, paure e riflessioni di Jim, eternamente sospeso tra l'attesa di un responso e la vita in un carcere di massima sicurezza. Una preziosa testimonianza, la sua, che impone il rifiuto dell'idea che la Giustizia passi attraverso la pena di morte.

La seconda lettera

Bellotti Laura

Gli uomini muoiono e non sono felici. Un'opera teatrale di estrema tensione, in cui il delirio del potere e l'utopia della verità vengono esemplificati dal tragico destino di un imperatore pazzo e crudele.

Caligola

Camus Albert

Il fantasma di un uomo politico osserva il proprio funerale dall'alto: nella sua regione, e soprattutto nella sua città, era noto come Diecipercento, Dieci per intimi e familiari. Tra i volti in chiesa, il fantasma riconosce Margherita, una nipote fuggita anni prima lontano dalla famiglia. La donna, che non crede alla versione ufficiale della morte dello zio, è tornata in incognito per cercare la verità. Nei giorni seguenti il fantasma di Diecipercento segue Margherita nella sua indagine, nella speranza di scoprire l'identità del suo assassino. La ricerca, però, si complica e diventa esplorazione delle memorie e confronto tra i valori che dividono i due protagonisti.

DIECIPERCENTO E LA GRAN SIGNORA DEI TONTI

Di Martino Antonella

Una donna viene trovata morta nel proprio appartamento in via Prima Cappella, ai piedi del Sacro Monte. Si tratta di Milva Rossi, psichiatra. A rinvenire il corpo, Susanna, la figlia di quattordici anni. La donna ha la gola squarciata. L'assassino non ha lasciato tracce, tranne una propria fugace apparizione davanti alla telecamera del condominio: si tratta di una donna dai capelli lunghi e scuri. È l'unico indizio per la polizia che comincia a indagare. Da questo momento ha inizio la caccia al killer che vede scendere in prima linea il P.M. Elena Macchi, affiancata dal commissario Auteri e dal vicecommissario Pozzi. Si indaga nella cerchia delle amicizie e dei colleghi di lavoro della vittima, nonché nella vita dell'ex marito e della sua nuova compagna. È in questa occasione che Elena Macchi conosce Athena Bini, giovane psicologa, nonché ex allieva della vittima. Athena prende in carico Susanna e la segue nel suo percorso di psicoterapia, per aiutarla a superare il trauma della morte della madre. Mentre la polizia brancola nel buio, un altro omicidio sconvolge la tranquillità della provincia di Varese. Le indagini portano ancora alla misteriosa donna dai capelli neri. Ulteriori ricerche conducono Elena Macchi nel borgo di Castiglione Olona, dove il dottor Del Fante la attende per parlare della sua collaborazione con la collega Rossi. Si fa strada così l'ipotesi che la donna dai capelli neri possa essere un'ex paziente della prima vittima e che abbia agito per vendetta. Ma la catena degli omicidi pare non doversi fermare. La situazione è forse sfuggita di mano alla killer...

Il passato non muore

Veroni Laura