Classici

Le anime morte

Gogol' Nikolaj Vasil'evič

Descrizione: La storia di Cicikov, geniale artista del raggiro, antieroe plebeo che insegue il pallido miraggio degli ideali borghesi: il suo viaggio alla ricerca di "anime morte" per ottenere aiuti finanziari dallo Stato è, come ha scritto Michail Bachtin, "un'allegra marcia carnevalesca nell'inferno", in cui tutti i valori sono capovolti in un avvolgente e paradossale realismo negativo: il benessere, la famiglia, la rispettabilità, ciò cui Cicikov aspira di più si tingono di grottesco, e la sua storia e quella dei personaggi da lui incontrati si rivelano come altrettante tappe di un epos mancato, di una gigantesca parodia omerica che anticipa le avventure di altri illustri antieroi del romanzo moderno.

Categoria: Classici

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2007

ISBN: 9788806189396

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Le anime morte, nonostante sia un’opera incompleta, resta ugualmente un capolavoro della letteratura mondiale ed un grande esempio di comicità letteraria.

Siamo nella Russia post-napoleonica, tra gli anni ’20 e ’30, e qui, un personaggio arguto ma a volte eccessivo, Pavel Ivanovic Cicikov, fa la sua misteriosa comparsa nella città di N., dove immediatamente prende a frequentare tutta la società bene. Non c’è burocrate, aristocratico o borghese che non sia ammaliato dal fascino, dall’eleganza, dal garbo del nuovo arrivato. Tutto sembra procedere nel migliore dei modi, ma nessuno dei vari ospiti si chiede chi mai sia questo personaggio, che ruolo svolga nella società e perché mai sia capitato proprio in città. Questioni che giustamente il lettore si sta già ponendo da qualche pagina, quando, superato il primo capitolo, nel secondo comincia a chiedersi quale sia la missione dell’eroe di questo romanzo (ma sarebbe meglio dire poema, come lo stesso Gogol’ definisce la sua opera). Presto comunque l’autore ci consente di conoscere lo scopo di questo personaggio: Cicikov gira tra i proprietari terrieri per acquistare anime morte, ovvero servitori della gleba deceduti, che comunque gravano sulle tasse dei rispettivi padroni fino al momento del successivo censimento di anime.

Tali censimenti infatti si ripetevano dopo un arco di tempo considerevole, sicché i padroni erano comunque tenuti a pagare le tasse per coloro che burocraticamente risultavano ancora vivi.

Ma ecco che appare Cicikov, avvolto da una luce salvifica, pronto a farsi carico di quelle anime pur di alleggerire il peso economico che grava sulle spalle dei barin. Soltanto a circa metà dell’opera si scopre per quale motivo il protagonista sia immerso in questa attività “commerciale”; poi però la seconda parte presenta delle lacune.

Le pagine scorrono e sembrano dissolversi tra le mani del lettore, che inizialmente può spaventarsi per la mole del libro (come del resto accade spesso con i grandi della letteratura russa).

Le descrizioni della campagna raggiungono indubbiamente picchi di liricità, ma non sono paragonabili alle pagine in cui viene raccontata la società russa, tutte impregnate di un profondo senso comico. Gogol’ riesce infatti a descrivere in maniera eccezionalmente divertente anche quei momenti che potrebbero risultare più noiosi e per questo il suo poema e i suoi racconti vengono presi ad esempio da Vladimir Jakovlevič Propp nel saggio Il comico e il riso.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vasil'evič

Nikolaj

Gogol'

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gogol' Nikolaj Vasil'evič


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Chi è Siddharta? È uno che cerca, e cerca soprattutto di vivere intera la propria vita. Passa di esperienza in esperienza, dal misticismo alla sensualità, dalla meditazione filosofica alla vita degli affari, e non si ferma presso nessun maestro, non considera definitiva nessuna acquisizione, perché ciò che va cercato è il tutto, il misterioso tutto che si veste di mille volti cangianti. E alla fine quel tutto, la ruota delle apparenze, rifluirà dietro il perfetto sorriso di Siddharta, che ripete il "costante, tranquillo, fine, impenetrabile, forse benigno, forse schernevole, saggio, multirugoso sorriso di Gotama, il Buddha, quale egli stesso l'aveva visto centinaia di volte con venerazione". Siddharta è senz'altro l'opera di Hesse più universalmente nota. Questo breve romanzo di ambiente indiano, pubblicato per la prima volta nel 1922, ha avuto infatti in questi ultimi anni una strepitosa fortuna. Prima in America, poi in ogni parte del mondo, i giovani lo hanno riscoperto come un loro testo, dove non trovavano solo un grande scrittore moderno ma un sottile e delicato saggio, capace di dare, attraverso questa parabola romanzesca, un insegnamento sulla vita che evidentemente i suoi lettori non incontravano altrove.

SIDDHARTA

Hesse Hermann

Jonathan Livingston è un gabbiano che abbandona la massa dei comuni gabbiani per i quali volare non è che un semplice e goffo mezzo per procurarsi il cibo e impara a eseguire il volo come atto di perizia e intelligenza, fonte di perfezione e di gioia. Diventa così un simbolo, la guida ideale di chi ha la forza di ubbidire alla propria legge interiore; di chi prova un piacere particolare nel far bene le cose a cui si dedica. E con Jonathan il lettore viene trascinato in un'entusiasmante avventura di volo, di aria pura, di libertà.

IL GABBIANO JONATHAN LIVINGSTON

Bach Richard

Narra la vita di Ghada Karmi, medico palestinese che trascorre l'infanzia in un sobborgo benestante di Gerusalemme. Quando la famiglia è costretta a fuggire in Inghilterra a causa delle crescenti violenze degli ebrei nei confronti della popolazione araba, Ghada deve imparare a convivere con la perdita del paese in cui è nata, sostituito da Israele. La scelta di privilegiare l'identità inglese è naturale e all'inizio risolutiva. Quando sceglie di sposare un inglese, Ghada è costretta a difendere il suo matrimonio agli occhi della famiglia tradizionalista, difendendo allo stesso tempo la fittizia identità inglese che ha attribuito a se stessa. Ben presto le contraddizioni di una tale decisione esplodono in tutta la loro violenza: durante la guerra dei Sei giorni Ghada farà i conti con l'indifferenza, o addirittura l'ostilità, di tutti quelli che credeva vicini. Convinta di dover cercare se stessa scavando nel passato, Ghada si getta anima e corpo nell'impegno politico: negli anni Settanta inizia a lottare per far sentire la voce dimenticata degli esuli palestinesi, si reca nei campi profughi dove lavora come medico, e alla fine torna addirittura a vivere in Siria. Incapace di sentirsi "a casa" dovunque provi, Ghada decide alla fine di visitare i luoghi della sua infanzia. Solo dopo questo viaggio capirà che non esiste per lei alcun posto dove fermarsi: che non sarà mai un'inglese, non potrà mai tornare in Palestina, e non appartiene per intero nemmeno al mondo arabo.

Alla ricerca di Fatima. Una storia palestinese

Karmi Ghada

È un Pasolini che si abbandona a momenti di vera e propria gioia quello che tra il giugno e l’agosto del 1959, al volante di una Fiat 1100, percorre la «lunga strada di sabbia», da Ventimiglia a Palmi e poi, spinto da una specie di «ossessione deliziosa», fino al comune siciliano più meridionale, per risalire infine la costa orientale e arrivare a Trieste. A La Spezia, da dove parte per San Terenzo e Lerici, sente che sta per avere inizio una fra le domeniche più belle della sua vita; a Livorno, non lascerebbe mai «l’enorme lungomare, pieno di ragazzi e marinai, liberi e felici»; e, finalmente, al Circeo: «Il cuore mi batte di gioia, di impazienza, di orgasmo. Solo, con la mia millecento e tutto il Sud davanti a me. L’avventura comincia». A commissionargli il viaggio è stata la rivista «Successo», che pubblicherà il reportage in tre puntate fra luglio e settembre, e Pasolini, spiaggia dopo spiaggia, incontra amici intellettuali e personaggi noti, si lascia incantare dalla gente semplice dei paeselli più remoti (a Portopalo «la gente è tutta fuori, ed è la più bella gente d’Italia, razza purissima, elegante, forte e dolce») e, portandosi in giro il suo entusiasmo per la scoperta, il suo sguardo emozionato e insieme acuto di futuro regista, annota scorci e impressioni tanto potenti da restituirci un quadro dell’Italia di allora: un’Italia in cui il boom economico, solo presagito, non riesce ancora ad avere la meglio sulla felicità del sogno pasoliniano d’innocenza.

La lunga strada di sabbia

Pasolini Pier Paolo