Narrativa

NINA DEI LUPI

Bertante Alessandro

Descrizione: Trascorsi tre anni dalla Sciagura che ha distrutto la civiltà, nel piccolo borgo di Piedimulo, una comunità di contadini sopravvissuti vive nascosta, protetta dai grandi massi di una frana. Oltre il villaggio, verso l'alta montagna, c'è il ruscello e oltre ancora i lupi. Scampata dalla metropoli in fiamme, Nina ha dodici anni. Persi i genitori durante gli anni della ferocia, ora vive con i nonni. Ma la ragazzina riconosce i segnali nel cielo e sa che un oscuro nemico sta bussando di nuovo alle porte. Nina sarà costretta a crescere in fretta, a vivere tra i lupi e - dopo la riconquista del villaggio caduto in mano a una falange di mercenari - a essere la protagonista della rinascita di quella comunità autarchica e pacifica.

Categoria: Narrativa

Editore: Marsilio

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788831708579

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Nina è la magia del coraggio e della vita in un mondo travolto dalla violenza di uomini vili e dalla distruzione irreversibile. Nina è la rinascita possibile.

Sfuggita alla follia brutale dei “predoni”, al massacro della sua comunità, alla vile esecuzione dei suoi familiari, Nina viene accolta dall’abbraccio forte e protettivo di Alessio, rifugiatosi tra le montagne per sopravvivere alla sciagura.

Il ritorno alla natura è la sola strada per la salvezza di fronte alla necrosi della civiltà, all’egoismo e alla stupidità degli uomini, al fallimento di politiche economiche aggressive, al selvaggio sfruttamento delle risorse naturali a vantaggio di pochi e al progressivo impoverimento delle terre e dei popoli. E’ il punto di inizio dopo la fine.

Non vi sono cause esterne alla distruzione. La fine del mondo arriva dall’interno: le sue radici sono nella mente dell’uomo esasperato, avvilito, frustrato ed impoverito. Vittima della sua stessa natura. La recessione, la disoccupazione, la povertà ne saranno solo la causa scatenante, la scintilla in una polveriera.

Andavamo al supermercato a riempire i nostri carrelli […]. Eravamo l’Occidente noi, eravamo le democrazie sane del benessere per tutti […] della propaganda spontanea, della convinzione, del buonsenso criminale. La crisi non poteva essere davvero una cosa pericolosa […]. Invece il nostro mondo era già marcescente. I politici sorridevano incoscienti, ci ripetevano che bisognava avere fiducia, di non perdere l’ottimismo.[…] Non eravamo abituati alla miseria. […] Reagimmo come dei selvaggi che non hanno conosciuto la civiltà. […] in pochi giorni tornammo indietro di millenni“.

Nelle pagine scritte da Alessandro Bertante si respira forte la catastrofe, prendono forma gli incubi peggiori degli uomini. E’ la fine del mondo così come te la immagini: non quella che arriva dalla natura, ma quella ancor più assurda e spietata degli uomini, capaci di annientare in poco tempo ogni traccia di crescita e cultura. La paura della fine, della sciagura imminente te la senti addosso, feroce ed incomprensibile come gli stupri ed i massacri.

Ripiombati in un passato selvaggio, è la natura con le sue rigide regole a scandire il tempo della rinascita. Dopo il buio ed il freddo dell’inverno, la primavera della civiltà è inevitabile almeno quanto il susseguirsi delle stagioni. Nina – grazie all’aiuto e all’amore di Alessio – impara ad ascoltare la natura e a rispettarne i ritmi, per diventarne parte, sopravvivere in essa e trasformarsi in leggenda.

Bertante è un maestro di magia e di parole. Nel suo romanzo – che oggi ci appare come un amaro presagio – la realtà ed il mito si confondono sapientemente creando atmosfere apocalittiche. Nel buio di una notte sospesa tra il canto delle streghe ed il freddo della Tramontana Nera, orfano di dio e della luce della luna, il lettore – travolto dai fantasmi di paure ancestrali – cercherà rifugio nella natura dei boschi, preferendo alla follia e al lamento di uomini malvagi il rassicurante ululato dei lupi, creature – da sempre – ardite ed eroiche.

Io sono una lacrima, che il sole lascia cadere/Io sono un infante, chi oltre a me?/ Io sono la regina, chi oltre a me? Io sono il grembo, di ogni madre“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Bertante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bertante Alessandro

Per fare bene il mestiere di malato bisogna essere sani! È questa la paradossale conclusione a cui giunge la narratrice di questa complessa storia di malattia. Il mestiere di malato richiede infatti "mente lucida, nervi saldi, grande pazienza". Quel "mondo dei sani", che è stato il suo fino a poco tempo prima, diventa ora un territorio nuovo, estraneo, da scoprire, da esplorare. Nulla è più indicativo di questo sconvolgimento relazionale del rapporto con le badanti, e a ragione la narratrice dedica ad esso molte pagine. "Badante" non è una professione né un mestiere; non è in genere neanche una scelta, un progetto di vita. Si tratta di donne costrette ad abbandonare casa e affetti per necessità economica; donne per le quali l'assistito rappresenta più che una persona un'opportunità economica. Denuncia con intenzionale consapevolezza le difficoltà in cui incorre quotidianamente l'ammalato cronico: nella relazione con il sistema sanitario e l'apparato medico, con l'assistenza privata, con il mondo esterno e nella gestione delle vita quotidiana. La malattia diventa veicolo di indagine e di crescita interiore.

YURI E IL MISTERO DELLE SCARPE BLU

Magro Elvira

Una nuova primavera si affaccia, e tenta uomini e donne con i suoi profumi, ma anche il male è nell'aria. Manca una settimana a Pasqua nella Napoli del 1932. Al Paradiso, esclusiva casa di tolleranza nella centralissima via Chiaia, Vipera, la prostituta piú famosa, è ritrovata morta, soffocata con un cuscino. L'ultimo cliente sostiene di averla lasciata ancora viva, il successivo di averla trovata già morta. Chi l'ha uccisa, e perché? Ricciardi deve districarsi in un groviglio di sentimenti e motivazioni. Avidità, frustrazione, invidia, bigottismo. Amore. La scoperta di passioni insospettabili si accompagna alla rivelazione di una città molto diversa da come appare. Sotto i nostri occhi prendono forma, vivissimi e veri, illuminati da dettagli sorprendenti, sorretti da una genuina vocazione narrativa, i mercati, i vicoli, le strade, i mestieri, la rete rigogliosa dei commerci vecchi e nuovi, accanto alla vigliaccheria e al coraggio, alle violenze arroganti di chi pensa già di essere impunito per sempre perché indossa una camicia nera. Tanto che uno dei compagni di Ricciardi, il dottor Modo, vecchio estimatore di Vipera, finisce per cacciarsi in un guaio molto serio... E il romanzo, come non mai, sembra costruirsi da solo, incantevole e potente, sotto le mani abili di chi sa dosare e mescolare gli ingredienti piú diversi, come accade nelle vere ricette del periodo pasquale di cui è insaporita la storia.

Vipera

De Giovanni Maurizio

Il bar Novecento, di fronte allo stadio San Paolo, è un’istituzione, un punto di riferimento dove passare intere giornate. Non solo per commentare le partite, né per il caffè di Mario, né per la bellezza di Paola, la cassiera che fa girare la testa a chiunque. Al bar Novecento si va soprattutto per parlare con O’ Professore, l’uomo che da trent’anni siede allo stesso tavolino sul fondo della sala, e giorno dopo giorno raccoglie palpitanti racconti di epiche sfide, confessioni di figli tornati in città per esaudire l’ultimo desiderio del padre morente, richieste di consigli su amori infelici. A ciascuno di loro, O’ Professore saprà rivolgere profetiche, illuminanti parole sul senso della vita.

Il resto della settimana

De Giovanni Maurizio

Torna finalmente disponibile “Il male naturale” di Giulio Mozzi. un libro di racconti bello e intenso, scritto da quello che è oggi in Italia il maestro riconosciuto della forma breve. Pubblicato originariamente nel 1998, “Il male Naturale” è straordinario per lo sguardo che contiene: uno sguardo attentissimo alle cose che crediamo di conoscere (l'amore, l'amicizia, il dolore dell'abbandono, la speranza negli eventi che verranno) e che, messe in pagina da Mozzi, ci sembra di capire per la prima volta. In ogni momento siamo lì, con i suoi personaggi, e attraverso le loro vite sentiamo che la nostra si fa più ricca di esperienza e di sentimento. I temi a volte sgradevoli - la pedofilia, la morte in giovane età, l'alcolismo e altri ancora - portarono il libro a un fraintendimento e a una interpellanza parlamentare promossa da un deputato che lo giudicò “a carattere pornografico". La conseguenza fu che la Mondadori privò del suo sostegno il volume, facendolo sparire dalle librerie e privando i lettori della possibilità di leggere un libro che è, semplicemente, molto bello. Per questo Laurana Editore ritiene che sia un atto di civiltà ripubblicarlo: per restituirlo ai suoi destinatari, cui in questi lunghi anni non è potuto giungere. Questa nuova edizione è corredata da due testi scritti appositamente: uno dello stesso Mozzi, che racconta cosa accadde nel 1998, e uno scritto di Demetrio Paolin, che delinea l'importanza di Mozzi come scrittore-maestro per la generazione successiva.

Il male naturale

Mozzi Giulio