Giallo - thriller - noir

NINNA NANNA

Palahniuk Chuck

Descrizione: Carl Streator è un uomo solitario. Ha quarant'anni, è vedovo e fa il giornalista. Mentre lavora a un reportage sulla sindrome della morte improvvisa di un neonato scopre qualcosa di terribile: la presenza in tutti i luoghi dove sono morti dei bambini piccoli del libro "Poesie e filastrocche da tutto il mondo", immancabilmente aperto su una nenia africana usata per dare la "dolce morte". Black comedy sulfurea ad alto contenuto nichilistico, Ninna nanna è una raggelante parabola sui pericoli di infezione psichica in un'epoca di proliferazione spropositata dell'informazione.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Piccola Biblioteca Oscar

Anno: 2002

ISBN: 9788804549970

Trama

Le Vostre recensioni

La presenza del libro “Poesie e filastrocche da tutto il mondo”, aperto su una cantilena africana usata per dare la “dolce morte” è la coincidenza agghiacciante che emerge dall’indagine del giornalista Carl Streator, incaricato di scrivere un reportage sulle numerose inspiegabili “morti in culla”.

Il canto è un’arma micidiale: basta recitarla a voce alta o anche solo ripeterla nella mente “dirigendola” verso qualcuno per procurargli la morte.

Qui si parla del potere di vita e di morte. Di una morte fredda, pulita, senza spargimento di sangue, facile, alla portata di chiunque. Di tutti...”

Quello di Palahniuk è il romanzare della poliedricità. Il metafisico diventa strumento per l’esaltazione del nichilismo, la corsa verso il nulla sembra essere un profetico monito per il lettore, una richiesta di attenzione verso le manipolazioni di una società dell’informazione troppo veloce nei suoi ritmi da non poter essere più controllata, “Immagina una peste che ti può essere trasmessa attraverso le orecchie… immagina un’idea che occupa la tua mente come una città“, in un dilagare di fobie e follie, morbo letale che implode nell’intimità dell’umanità, fino a giungere sotto forma di antica nenia a sopprimere i figli prima che possano diventare Uomini.

Così è per questa fredda, incruenta morte che si diffonde come un morbo inconsapevole, una pestilenza silenziosa, che tarlo inestirpabile si insinua nella mente di Carl Streator, il giornalista, che ama il silenzio, si imbatte in tutto l’orrore visionario di un mondo appestato da fobie, insicurezze, forze oscure, ricordi, rimpianti e amore irrazionale. “Uccidere una persona che si ama non è il peggio che le si possa fare”.

Carl diventa, più o meno involontariamente, un giustiziere in possesso di un potere sciamanico, in una società malata che dovrebbe essere annientata per risorgere dalle ceneri, impara a controllare il suo potere, lo fa nel tentativo di rimuovere e distruggere la causa del caos che genera rumore e che non fa pensare, che immobilizza, “forse non finiamo all’inferno per quello che facciamo. Forse finiamo all’inferno per quello che non facciamo. Per le cose che lasciamo a metà.”

Portandosi dietro il lutto di moglie e figlia, Streator costituisce una nuova ‘famiglia’ nella quale trovano posto Helen Hoover Boyle, agente immobiliare specializzata in compravendita di case infestate da “presenze”, che nella ricerca esoterica aspira a trovare un modo per riportare in vita il figlio misteriosamente morto e ibernato, l’assistente di Helen, l’aspirante strega Mona Sabbat, con il suo ragazzo Oyster, eco-terrorista che vive di truffe e di ricatti.

Insieme si imbarcano in una odissea in giro per gli USA con lo scopo di togliere di torno tutte le copie del libro dalle biblioteche, nel timore che il mortale virus verbale si diffonda fino a cancellare ogni forma di vita umana.

“Ninna Nanna” è un’indagine psicologica fatta attraverso l’avventura metropolitana, che nell’intrecciarsi di vita e di morte si sublima nella passione, ma è anche una nenia a volte purificatoria che si abbatte impietosa sul male.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Chuck

Palahniuk

Libri dallo stesso autore

Intervista a Palahniuk Chuck

Indagini di routine per l'investigatore privato genovese Michele Astengo. Ma alcuni piccoli dettagli della sua vita stanno per cambiare. Il suo lavoro ha una svolta inaspettata dopo un tragico fatto di cronaca che si accende a pochi passi dal suo ufficio in Salita San Matteo. Qualcosa che ben presto finisce col rientrare nella sua sfera di competenza nell'istante in cui un certo Gilberto Ruggeri, importante imprenditore locale, gli chiede di recuperare alcune carte conservate in uno schedario all'interno del Credito Navale Genovese. Un incarico non semplice per Astengo, soprattutto perché dalle informazioni raccolte dal fido Corrado, qualcosa non è ben chiaro sull'operato di quella banca. Mentre il rapporto con la sua assistente Dalia ha degli sviluppi inaspettati, Michele Astengo si trova nuovamente invischiato in un meccanismo che mette in gioco più di quello che sembra. Perché la vita di numerosi imprenditori finisce in rovina dopo essere diventati clienti della Cre.Na.Ge? Morti sospette, forze oscure strisciano nella mente di Michele Astengo, mentre Genova si mette in maschera, assumendo il suo aspetto più inquietante. Un'indagine che porterà Michele Astengo a smarrire anche sé stesso, facendo riemergere frammenti della sua vita che teneva sepolti. La suggestione può essere l'ultimo passo verso la fine.

Dare e avere

Novelli & Zarini

Canti orfici

Ungheria, 1611. L'alba illumina l'imponente castello di Csejthe. Nella torre più alta, una donna elegante, austera e vestita completamente di nero è sveglia da ore. Sta fissando, attraverso una piccola feritoia nel muro, un pezzo di cielo che volge all'azzurro mentre le stelle lentamente scompaiono. Sa che quello squarcio di cielo è l'unica cosa che riuscirà a guardare per il resto della sua vita. L'ultima pietra che, per decreto del palatino, la condanna a essere murata viva in quella stanza è appena stata posata. Ma la contessa Erzsébet Bathory non ha nessuna intenzione di accettare supinamente il destino che le viene imposto. Non l'ha mai fatto nella sua vita. Erzsébet è solo una bambina innamorata dei libri quando, nella dimora in Transilvania dove vive insieme alla sua famiglia, assiste ad atti di violenza indicibili. Atti che la segnano nel profondo e che non potrà mai dimenticare. Neanche quando, a soli undici anni, è costretta a sposare l'algido, freddo e violento Ferenc Nadasdy; Un uomo sempre lontano, più interessato alla guerra e alle scorribande che a lei. Erzsébet è sola, la responsabilità dei figli e dell'ordine nel castello di Sarvar è tutta sulle sue spalle. Spetta a lei gestire alleanze politiche e lotte di potere. Questo le procura non pochi nemici e coincide con l'emergere dell'anima più nera della donna. Strane voci iniziano a spargersi sul suo conto. Sparizioni di serve torturate e uccise, nobildonne svanite nel nulla. Si tratta di una cospirazione? O siamo di fronte a una donna malvagia e perversa? O il male è l'unico modo per Erzsébet di sopravvivere e lottare in un mondo dominato dagli uomini?

La contessa nera

Johns Rebecca

RINASCIMENTO PRIVATO

Bellonci Maria