Giallo - thriller - noir

NINNA NANNA

Palahniuk Chuck

Descrizione: Carl Streator è un uomo solitario. Ha quarant'anni, è vedovo e fa il giornalista. Mentre lavora a un reportage sulla sindrome della morte improvvisa di un neonato scopre qualcosa di terribile: la presenza in tutti i luoghi dove sono morti dei bambini piccoli del libro "Poesie e filastrocche da tutto il mondo", immancabilmente aperto su una nenia africana usata per dare la "dolce morte". Black comedy sulfurea ad alto contenuto nichilistico, Ninna nanna è una raggelante parabola sui pericoli di infezione psichica in un'epoca di proliferazione spropositata dell'informazione.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Piccola Biblioteca Oscar

Anno: 2002

ISBN: 9788804549970

Trama

Le Vostre recensioni

La presenza del libro “Poesie e filastrocche da tutto il mondo”, aperto su una cantilena africana usata per dare la “dolce morte” è la coincidenza agghiacciante che emerge dall’indagine del giornalista Carl Streator, incaricato di scrivere un reportage sulle numerose inspiegabili “morti in culla”.

Il canto è un’arma micidiale: basta recitarla a voce alta o anche solo ripeterla nella mente “dirigendola” verso qualcuno per procurargli la morte.

Qui si parla del potere di vita e di morte. Di una morte fredda, pulita, senza spargimento di sangue, facile, alla portata di chiunque. Di tutti...”

Quello di Palahniuk è il romanzare della poliedricità. Il metafisico diventa strumento per l’esaltazione del nichilismo, la corsa verso il nulla sembra essere un profetico monito per il lettore, una richiesta di attenzione verso le manipolazioni di una società dell’informazione troppo veloce nei suoi ritmi da non poter essere più controllata, “Immagina una peste che ti può essere trasmessa attraverso le orecchie… immagina un’idea che occupa la tua mente come una città“, in un dilagare di fobie e follie, morbo letale che implode nell’intimità dell’umanità, fino a giungere sotto forma di antica nenia a sopprimere i figli prima che possano diventare Uomini.

Così è per questa fredda, incruenta morte che si diffonde come un morbo inconsapevole, una pestilenza silenziosa, che tarlo inestirpabile si insinua nella mente di Carl Streator, il giornalista, che ama il silenzio, si imbatte in tutto l’orrore visionario di un mondo appestato da fobie, insicurezze, forze oscure, ricordi, rimpianti e amore irrazionale. “Uccidere una persona che si ama non è il peggio che le si possa fare”.

Carl diventa, più o meno involontariamente, un giustiziere in possesso di un potere sciamanico, in una società malata che dovrebbe essere annientata per risorgere dalle ceneri, impara a controllare il suo potere, lo fa nel tentativo di rimuovere e distruggere la causa del caos che genera rumore e che non fa pensare, che immobilizza, “forse non finiamo all’inferno per quello che facciamo. Forse finiamo all’inferno per quello che non facciamo. Per le cose che lasciamo a metà.”

Portandosi dietro il lutto di moglie e figlia, Streator costituisce una nuova ‘famiglia’ nella quale trovano posto Helen Hoover Boyle, agente immobiliare specializzata in compravendita di case infestate da “presenze”, che nella ricerca esoterica aspira a trovare un modo per riportare in vita il figlio misteriosamente morto e ibernato, l’assistente di Helen, l’aspirante strega Mona Sabbat, con il suo ragazzo Oyster, eco-terrorista che vive di truffe e di ricatti.

Insieme si imbarcano in una odissea in giro per gli USA con lo scopo di togliere di torno tutte le copie del libro dalle biblioteche, nel timore che il mortale virus verbale si diffonda fino a cancellare ogni forma di vita umana.

“Ninna Nanna” è un’indagine psicologica fatta attraverso l’avventura metropolitana, che nell’intrecciarsi di vita e di morte si sublima nella passione, ma è anche una nenia a volte purificatoria che si abbatte impietosa sul male.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Chuck

Palahniuk

Libri dallo stesso autore

Intervista a Palahniuk Chuck


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Testo oltraggioso e umoristico, che vorrebbe restituire dignità ad alcune figure e tipi umani stigmatizzati dallo status quo: il ruffiano, il porco maschilista, il poliziotto corrotto, lo speculatore ecc.

Difendere l’indifendibile

Block Walter

California, 1999. Daniel Raymond Pell per i media è il "figlio di Manson": affascinante e sinistramente carismatico, al pari del suo predecessore ha incantato, sedotto e plagiato i giovani adepti della sua setta. E con la complicità di uno di essi ha sterminato un'intera famiglia. Nessuno dei due però si è accorto che la notte del massacro, confusa in mezzo alle bambole, una bambina dormiva tranquilla nel suo lettino. Otto anni dopo Pell sta scontando la condanna a vita in un carcere di massima sicurezza per l'efferata carneficina e deve essere processato di nuovo perché vari indizi lo collegano a un altro delitto del passato rimasto irrisolto. Condotto in tribunale, è interrogato dall'agente del California Bureau of Investigation Kathryn Dance, esperta in cinesica. Kathryn è uno dei pochi poliziotti in grado di interpretare il linguaggio non verbale e di capire se testimoni e sospetti dicono la verità. E non sbaglia mai. Questa volta, però, il suo compito è davvero arduo, perché deve confrontarsi con un osso duro, un killer dall'intelligenza quasi sovrumana, un abile manipolatore della volontà altrui. E quando, dopo un sottile gioco di parole, sguardi, gesti, Kathryn scalfisce l'assoluta compostezza di Pell e intuisce un diabolico trucco, è troppo tardi: il "figlio di Manson" è evaso dal tribunale. Comincia la caccia...

LA BAMBOLA CHE DORME

Deaver Jeffery

Nella Germania della Seconda guerra mondiale, quando ogni cosa è in rovina, una bambina di nove anni, Liesel, inizia la sua carriera di ladra. All'inizio è la fame a spingerla, e il suo bottino consiste in qualche mela, ma poi il vero, prezioso oggetto dei suoi furti sono i libri. Perché rubarli significa salvarli, e soprattutto salvare se stessa. Liesel infatti sta fuggendo dalle rovine della sua casa e della sua famiglia, accompagnata dal fratellino più piccolo e diretta al paese vicino a Monaco dove l'aspetta la famiglia che li ha adottati. Nell'inverno gelido e bianco di neve, il bambino non ce la fa, ed è proprio vicino alla sua tomba che lei trova il primo libro. Il secondo, invece, lo salva dal fuoco di uno dei tanti roghi accesi dai nazisti. Col passare del tempo il numero dei libri cresce e le parole diventano compagne di viaggio, ciascuna testimone di eventi terribili ai quali la bambina sopravvive, protetta da quei suoi immortali, straordinari, amorevoli angeli custodi.

Storia di una ladra di libri

Zusak Markus

Dopo "Non chiamarmi zingaro", Petruzzelli prosegue il suo viaggio alla ricerca degli ultimi, coloro che sono ai margini, che non hanno potere né voce, e nemmeno rappresentanza, ma solo la vita, la vita nuda. Leggere le loro testimonianze procura un effetto di straniamento perché non siamo abituati a misurarci con una dimensione totalmente altra: non consumistica, assoluta, povera, esclusivamente valoriale. Il libro è il racconto del periplo di geografie umane che l’autore ha fatto attraversando l’Europa e il Mediterraneo, a cominciare da Mauthausen per andare poi in Marocco, Algeria, Israele, Palestina, e tornare in Italia, alla ricerca di un’umanità autentica. “Ho vissuto un’infanzia di umiliazioni, insulti e disprezzo, rubando, fumando kif, bevendo, frequentando prostitute, prostituendomi io stesso. A sette anni ero già adulto” racconta Mohamed Choukri, analfabeta fino all’età di vent’anni, oggi considerato uno dei maggiori scrittori del Marocco. “E’ tutto allo sfascio. Noi in alpeggio andiamo anche a fare pulizia, a tagliare le erbacce. Siamo noi e questo ragazzo che teniamo in vita quei posti. Siamo soli. Resistiamo, ma per quanto?” racconta Cristina, pastora sarda. E chi è Zeidan? Un muratore palestinese che sta costruendo il Muro, quello tra Israele e Palestina, che lo chiuderà al mondo, ma che in questo momento gli dà da vivere. Sul Muro c’è scritto: “To exist is to resist”. Petruzzelli ricompone il quadro di un’umanità ferita ma non senza speranza. Le vite degli ultimi ci aiutano a immaginare un altro futuro. Possibile.

Gli ultimi

Petruzzelli Pino