Narrativa

Noi che ci vogliamo così bene

Serrano Marcela

Descrizione: Quattro amiche di lunga data decidono di fare una vacanza insieme. Lontano dai mariti, dai figli, dal lavoro, circondate dal paesaggio del Cile del Sud, si raccontano, senza inibizioni, le proprie personali esperienze.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 1996

ISBN: 9788807015014

Recensito da Erica Angelini

Le Vostre recensioni

Ho ricevuto questo libro come premio di un concorso vinto con il sito “i-libri” e, poiché credo che donare un libro sia uno dei regali migliori, che consente al lettore di ricevere tante emozioni in cambio, ho cercato di leggerlo con il cuore. Non ho faticato in questo, perché lo scorrere delle pagine ti obbliga a metterti in ascolto delle storie che l’autrice vuol raccontarci.

Ambientato nel Cile degli anni ’70 e ’80, “Noi che ci vogliamo così bene” narra le storie di quattro donne – Ana, Maria, Isabel e Sara – che nel 1990 decidono di prendersi una pausa dalla loro vita di tutti i giorni (fatta di famiglie, figli, mariti e lavoro) e concedersi una vacanza nella casa sul lago di Maria: una fuga per dedicarsi a se stesse e per raccontarsi.

Sarà  proprio in questo periodo che, tra passeggiate e momenti di riposo, si lasceranno andare a confessioni tra sole donne, che faranno diventare quella casa sul lago un vero e proprio contenitore di emozioni. Così, si susseguono un’infinità di aneddoti di vita, privata e pubblica, di un universo accomunato dall’amore e dal dolore che caratterizza le scene della quotidianità in un Cile devastato dalla guerra e dalle rigide convenzioni sociali, oppresso dalla violenta dittatura di Pinochet.

L’autrice è molto abile a descrivere e far entrare il lettore nell’universo femminile. Ognuna delle protagoniste ha una sua identità precisa: Sara, delusa dagli uomini ma alla perenne ricerca dell’amore della vita; Isabel, che si è annullata per il marito e si è impegnata tutto il tempo a tirare su una famiglia modello; Maria, anticonformista che diventa estremista politica e sceglie di vivere la propria vita senza legami stabili e, infine, Ana che ha razionalmente deciso di vivere la propria vita senza passioni, vivendo al riparo dai dolori.

Seguendo il filo logico dei ricordi che le legano, Ana – voce narrante del racconto – inizia a raccontarci le vite di tutte loro, partendo dall’infanzia e dagli eventi famigliari – che hanno formato il carattere e influenzato poi in età adulta le loro scelte.

Il libro, a tratti un po’ confuso, racconta un paese in fuga verso se stesso in cui le donne ne seguono l’esempio.

E’ scritto con uno stile riflessivo, lento, ma non certamente pesante.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcela

Serrano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serrano Marcela


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una piccola città di provincia. Una casa al limite della campagna. Un garage. Un gruppo di adolescenti che ogni martedì si incontra là sotto, per giocare di ruolo. Lo fanno per vent’anni, fino a diventare uomini fatti. Una forma di resistenza, un disperato tessere mondi, opposto a quella forza centripeta che, come il ‘Nulla’ della Storia infinita, divora il fuori, vaporizza le vite e le relazioni. Qualcuno lascia, qualcun altro rientra, c’è chi non ha più tempo e chi scopre di averne troppo. Se nella ‘stanza profonda’ i mondi fantastici diventano sempre più complessi e le schede-personaggio si accumulano, fuori la provincia italiana va dissipandosi. La piccola città perde di senso, di connessioni, il lavoro non c’è più o si atomizza in unità risibili; le identità faticano a coagularsi; lo spazio urbano si fa dormitorio. Un libro ibrido, una narrative non fiction, un po’ memoir e un po’ affresco sociale, che, tra drammi di provincia e viaggi nel cuore degli Stati Uniti, punta a raccontare la storia di un hobby nato in un garage e arrivato alla conquista del mondo, finendo per gettare le basi di un modello di realtà, quello basato sulla proiezione codificata del sé, che viviamo ogni giorno attraverso Facebook e gli altri social network. Vent’anni dopo, Il Trono di Spade, Il Signore degli Anelli, Word of Warcraft sono nomi globali, così come globale è diventata l’industria del videogioco, diretta filiazione di quella dei giochi di ruolo.

La stanza profonda

Santoni Vanni

Il sogno di una cosa

Pasolini Pier Paolo

"Questo breve e intenso primo libro di Erri De Luca porta già impressi in ogni frase - mi sembra - i segni di un vero scrittore: un tono di voce che appena si coglie diventa inconfondibile, e la integrità di uno sguardo che sa mettere nel giusto fuoco i pensieri e i sentimenti. Qui la memoria non è consolazione, ma è un dramma, e il tempo gioca un suo gioco crudele stabilendo distanze insormontabili tra chi narra e la materia del proprio racconto. Una luce bianca e densa come quella che filtra da nuvole alte bagna queste pagine. E la luce in cui il protagonista de "Il posto delle fragole" di Bergman vedeva i propri genitori ancor giovani intenti a pescare con la canna sulle rive di un lago. Leggendo questo libro che rievoca i momenti di un'infanzia trascorsa a Napoli e per sempre scomparsa, ho ripensato a quell'immagine struggente che dice con assoluta e trasparente immediatezza il dolore per la vita che tutto cancella e ci rende estranei a noi stessi e al nostro passato." (Raffaele La Capria)

NON ORA, NON QUI

De Luca Erri

Nell'estremo lembo della provincia ferrarese, dove il Po incontra il mare, Giovanni e Iolanda, fratelli e nemici, devono patteggiare per sopravvivere. La loro casa è nascosta nella golena; lì accanto il cimitero. Il Po e l'Adriatico scandiscono ore e stagioni come le campane a morto segnano i giorni dei protagonisti. Lui con un passato di ricoveri psichiatrici, lei priva di uno scopo e intenzionata a trovarne uno. Morendo, la madre ha lasciato dietro di sé le macerie di un morboso attaccamento alla figlia e Giovanni ora può finalmente far scontare alla sorella anni di materne angherie. Ma non sarà questo a innescare il meccanismo che li porterà allo scontro, perché mentre Giovanni trama Iolanda agisce: rimasta senza la madre da accudire, l'anziana donna cerca una bambola a cui prestare attenzioni:Francesca, una bambola viva. Sarà lei a riportare a galla il marcio che cova nel passato di Giovanni e Iolanda. Divisi seppur inscindibili, ma nella vecchia casa non c'è spazio per entrambi.

D’argine al male

Conventi Gaia