Narrativa

Noi che ci vogliamo così bene

Serrano Marcela

Descrizione: Quattro amiche di lunga data decidono di fare una vacanza insieme. Lontano dai mariti, dai figli, dal lavoro, circondate dal paesaggio del Cile del Sud, si raccontano, senza inibizioni, le proprie personali esperienze.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 1996

ISBN: 9788807015014

Recensito da Erica Angelini

Le Vostre recensioni

Ho ricevuto questo libro come premio di un concorso vinto con il sito “i-libri” e, poiché credo che donare un libro sia uno dei regali migliori, che consente al lettore di ricevere tante emozioni in cambio, ho cercato di leggerlo con il cuore. Non ho faticato in questo, perché lo scorrere delle pagine ti obbliga a metterti in ascolto delle storie che l’autrice vuol raccontarci.

Ambientato nel Cile degli anni ’70 e ’80, “Noi che ci vogliamo così bene” narra le storie di quattro donne – Ana, Maria, Isabel e Sara – che nel 1990 decidono di prendersi una pausa dalla loro vita di tutti i giorni (fatta di famiglie, figli, mariti e lavoro) e concedersi una vacanza nella casa sul lago di Maria: una fuga per dedicarsi a se stesse e per raccontarsi.

Sarà  proprio in questo periodo che, tra passeggiate e momenti di riposo, si lasceranno andare a confessioni tra sole donne, che faranno diventare quella casa sul lago un vero e proprio contenitore di emozioni. Così, si susseguono un’infinità di aneddoti di vita, privata e pubblica, di un universo accomunato dall’amore e dal dolore che caratterizza le scene della quotidianità in un Cile devastato dalla guerra e dalle rigide convenzioni sociali, oppresso dalla violenta dittatura di Pinochet.

L’autrice è molto abile a descrivere e far entrare il lettore nell’universo femminile. Ognuna delle protagoniste ha una sua identità precisa: Sara, delusa dagli uomini ma alla perenne ricerca dell’amore della vita; Isabel, che si è annullata per il marito e si è impegnata tutto il tempo a tirare su una famiglia modello; Maria, anticonformista che diventa estremista politica e sceglie di vivere la propria vita senza legami stabili e, infine, Ana che ha razionalmente deciso di vivere la propria vita senza passioni, vivendo al riparo dai dolori.

Seguendo il filo logico dei ricordi che le legano, Ana – voce narrante del racconto – inizia a raccontarci le vite di tutte loro, partendo dall’infanzia e dagli eventi famigliari – che hanno formato il carattere e influenzato poi in età adulta le loro scelte.

Il libro, a tratti un po’ confuso, racconta un paese in fuga verso se stesso in cui le donne ne seguono l’esempio.

E’ scritto con uno stile riflessivo, lento, ma non certamente pesante.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcela

Serrano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serrano Marcela


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nei suoi bestseller (Il Codice da Vinci, Angeli e demoni e Il simbolo perduto), Dan Brown ha mescolato in modo magistrale storia, arte, codici e simboli. In questo nuovo e avvincente thriller, ritorna ai temi che gli sono più congeniali per dare vita al suo romanzo più esaltante. Robert Langdon, il professore di simbologia di Harvard, è il protagonista di un'avventura che si svolge in Italia, incentrata su uno dei capolavori più complessi e abissali della letteratura di ogni tempo: l'"Inferno" di Dante. Langdon combatte contro un terribile avversario e affronta un misterioso enigma che lo proietta in uno scenario fatto di arte classica, passaggi segreti e scienze futuristiche. Addentrandosi nelle oscure pieghe del poema dantesco, Langdon si lancia alla ricerca di risposte e deve decidere di chi fidarsi... prima che il mondo cambi irrimediabilmente.

Inferno

Brown Dan

In una cittadina della provincia inglese, presso una famiglia bigotta che l'ha adottata, Jeanette vive la sua "diversità" che la spinge ad amare una coetanea senza alcuna malizia. Ma la gente si chiede: sfortunata vittima o creatura malvagia? Il primo romanzo della Winterson, al quale è stato assegnato il prestigioso premio letterario Whitebread Award.

NON CI SONO SOLO LE ARANCE

Winterson Jeanette

Un mazzo di rose rosse senza biglietto. Regali sulla porta di casa. Lettere sotto il tergicristallo... Lo psichiatra Jan Forstner è l'oggetto delle attenzioni insistenti di una sconosciuta. All'inizio pensa si tratti dei sentimenti innocui di una paziente. Ma quando un amico giornalista, che stava per fargli delle rivelazioni sconvolgenti che lo riguardavano da vicino, viene trovato barbaramente ucciso, Forster capisce di essere il bersaglio finale di una pazza omicida. Una stalker che non si ferma davanti a nulla pur di ottenere ciò che vuole...

FOLLIA PROFONDA

Dorn Wulf

"Non si cura per quello che si sa o che si crede di sapere. Si cura e si può soltanto curare per quello che si è!". Sono le parole del magistrato a Giulia, giovane chirurgo in carriera, dopo un tragico incidente segnato dall'arroganza del suo sapere. Fino a quel momento Giulia è stata tutto: bella, determinata, rampante con la spocchia di un cognome che conta. Per lei il malato non è stato mai il fine, ma soltanto un mezzo per dimostrare la sua abilità in sala operatoria, per tenere alta la media dei suoi successi. Poi l'incidente di percorso, l'umiliazione del tribunale, il riaffiorare di altre tragiche vicende. È un mondo che crolla, che le fa il vuoto intorno, la umilia, mette a nudo le sue fragilità, la spinge a Grado, nella villa di famiglia, al riparo dalle ansie della madre e dai maldestri tentativi del marito di starle accanto, e dove ritrova casualmente Paolo, il cugino fidato, il compagno di giochi di un tempo. Villa Flavia è piena di ricordi per entrambi: le faide di famiglia, i primi amori di lei, le sue minigonne, quella spider rossa in attesa al cancello ogni sera, e lui che aspettava il suo rientro fino a notte fonda, disposto ad amarla "anche soltanto per amore".

L’ARROGANZA DEL CUORE

Calandra Claudio