Narrativa

Noi tre

Fortunato Mario

Descrizione: Gli anni Ottanta: la musica, i libri, le droghe, il sesso, l'amore, l'amicizia, la malattia, gli addii. "Avevano pochi mezzi, viaggiavano molto, se non altro con la fantasia, e consideravano la letteratura il proprio mondo, oltre che la principale ragion d'essere. E poiché avevano questo e quasi tutto in comune, si amarono come ci si ama da ragazzi, senza remore morali né pietà." Mario Fortunato, Pier Vittorio Tondelli, Filippo Betto. Gli anni Ottanta: la musica, i libri, le droghe, il sesso, l'amore, l'amicizia, la malattia, gli addii. "Compresi allora una cosa molto semplice e dolorosa: di tutti e tre, ero rimasto solo io, per compiere quel famoso passo verso il territorio sconosciuto del nostro passato. Pier e Filippo non c'erano più, dovevo accettarlo."

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: Narratori italiani

Anno: 2016

ISBN: 9788845282171

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Noi tre di Mario Fortunato

Nel ricordo dell’amicizia con Pier Vittori Tondelli Tondelli e Filippo Betto, Mario Fortunato traccia un ideale parallelismo con un’altra triade di scrittori (“La nostra santissima trinità era composta da Christopher Isherwood, Wystan Auden e Stephen Spender, in quest’ordine di importanza. Nei loro libri, ancora a distanza di tanto tempo, ritrovo biglietti e cartoline sia di Pier sia di Filippo…”). Ma il tono letterario del parallelismo si stempera pagina dopo pagina, sopraffatto dal rimpianto per le assenze.

Noi tre – più che tratteggiare le personalità dei due amici tragicamente scomparsi (“Filippo era sfuggente, complicato, camaleontico”) – è la raffigurazione di un rapporto complesso (“Noi tre costituivamo in fondo una piccola società segreta, o no?”) e complice (“Era sempre sottointeso che quanto dicevamo e facevamo tra di noi dovesse rimanere ignoto a chiunque altro, amanti inclusi”) in un’epoca inquieta (“Se nel presente il desiderio è la normalità, noi eravamo diversi. E irregolari, e molto orgogliosi di esserlo”) e drammaticamente minacciata (“Un male misterioso e acronimo, che andava pazzo per i giovani di talento”).

Di Tondelli viene delineata una rapida scansione delle opere e del Progetto under 25. Ma i ricordi commossi del tempo trascorso con lui s’impongono sulla produzione letteraria: il culmine dell’intesa in una serata in via Abbadesse (la casa milanese di Tondelli), una vacanza a Myconos (“Mariolain, erano anni che non mi divertivo tanto”)…

La pulsione a scrivere quest’opera è dichiarata nell’incipit (“In ogni amicizia si nasconde un rimorso”) e viene confermata nel finale: “Io sto usando il mio senso di colpa per non aver capito che, di ritorno da New York, Pier era già ostaggio del famoso acronimo e che Filippo – il nostro infelice wrong blond – portava in sé i germi di un’inquietudine mortale, che non ho mai cercato di lenire.”

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mario

Fortunato

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fortunato Mario

Pubblicato per la prima volta nel 1959, Una vita violenta venne giudicato dalla critica uno dei romanzi più importanti del dopoguerra. Lungi dal servire effetti coloriti e pittoreschi, il gergo fu utilizzato qui da Pasolini per dare una rappresentazione "lucida e spietata, delle persone e degli atti, dell'ambiente e delle fatalità" (Carlo Emilio Gadda) delle borgate romane. Il romanzo racconta la vera storia della vita breve, vissuta con passione, di Tommaso Puzilli, un giovane sottoproletario dei sobborghi romani. I piccoli furti, i rapporti con omosessuali, i vagabondaggi notturni, fino alla tragedia finale: il ritratto di un gruppo che vive al di fuori di ogni ordinamento sociale che lo possa condizionare. Con la prefazione di Vincenzo Cerami.

UNA VITA VIOLENTA

Pasolini Pier Paolo

ome si gioca a nascondino da soli? Un bambino ricerca un riparo dalla morte del padre e trova nell'aria le voci dei matti, degli animali, dei vecchi e delle donne che popolano i luoghi marginali di una sperduta valle di montagna. Riti collettivi di addio all'inverno, campane ferme, racconti orali, cadute, incantamenti e ossessioni animano il romanzo d'esordio di Sergio Peter che, ispirandosi alla lezione del Celati di "Narratori delle pianure" e del Calvino delle "Città invisibili", dà vita a un ritorno a casa che è anche viaggio iniziatico nei territori della memoria.

Dettato

Peter Sergio

I diciannove racconti di questo libro sono accomunati dalla rappresentazione di personaggi non totalmente preparati a vivere, 'perplessi' nei confronti delle certezze degli “altri”: se questi non si pongono neppure il problema di come stiano vivendo, i protagonisti fanno della loro debolezza la forza con cui condurre un'esistenza più lucida e vincente. Nella narrazione emerge il tema del lavoro vissuto come una sorta di nemico, quello che si compie ma che non si vorrebbe compiere. In questo dissidio troviamo la figura dell'artista, con le sue idiosincrasie verso la cieca logica di mercato. Ai torti subìti dalla società, la 'generazione di perplessi' risponde con una sproporzionata e clamorosa violenza oppure non reagisce affatto, lasciandosi trascinare dallo scorrere degli eventi. Attingendo da vari stili letterari, dal minimalismo al postmoderno, i racconti creano uno stile unico e originale, una voce assolutamente riconoscibile nel panorama letterario italiano.

Generazione di perplessi

Saporito Roberto

Claudio Roveri è un informatore medico scientifico. Conduce una vita di apparenze. Apparentemente è un professionista affermato, ha una famiglia felice, nessun motivo per non sentirsi soddisfatto. In realtà le cose non vanno così bene. Claudio Roveri cova il disagio. Odia Bologna, che è diventata una città così diversa da come se la ricordava. Negri, punkabbestia e zingari ai semafori, e quella sensazione di degrado che ha ogni volta che cammina per il centro. Claudio odia, ma non fa nulla. Si rifugia nella famiglia, negli amici di sempre, nel lavoro. Fino a quando decide di reagire, assecondando la sua vera natura. Asciutto, affilato, coinvolgente, “Non fare la cosa giusta” conferma il talento di Alessandro Berselli e la sua capacità di non fermarsi allo sguardo superficiale della contemporaneità.

NON FARE LA COSA GIUSTA

Berselli Alessandro