Narrativa

Noi tre

Fortunato Mario

Descrizione: Gli anni Ottanta: la musica, i libri, le droghe, il sesso, l'amore, l'amicizia, la malattia, gli addii. "Avevano pochi mezzi, viaggiavano molto, se non altro con la fantasia, e consideravano la letteratura il proprio mondo, oltre che la principale ragion d'essere. E poiché avevano questo e quasi tutto in comune, si amarono come ci si ama da ragazzi, senza remore morali né pietà." Mario Fortunato, Pier Vittorio Tondelli, Filippo Betto. Gli anni Ottanta: la musica, i libri, le droghe, il sesso, l'amore, l'amicizia, la malattia, gli addii. "Compresi allora una cosa molto semplice e dolorosa: di tutti e tre, ero rimasto solo io, per compiere quel famoso passo verso il territorio sconosciuto del nostro passato. Pier e Filippo non c'erano più, dovevo accettarlo."

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: Narratori italiani

Anno: 2016

ISBN: 9788845282171

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Noi tre di Mario Fortunato

Nel ricordo dell’amicizia con Pier Vittori Tondelli Tondelli e Filippo Betto, Mario Fortunato traccia un ideale parallelismo con un’altra triade di scrittori (“La nostra santissima trinità era composta da Christopher Isherwood, Wystan Auden e Stephen Spender, in quest’ordine di importanza. Nei loro libri, ancora a distanza di tanto tempo, ritrovo biglietti e cartoline sia di Pier sia di Filippo…”). Ma il tono letterario del parallelismo si stempera pagina dopo pagina, sopraffatto dal rimpianto per le assenze.

Noi tre – più che tratteggiare le personalità dei due amici tragicamente scomparsi (“Filippo era sfuggente, complicato, camaleontico”) – è la raffigurazione di un rapporto complesso (“Noi tre costituivamo in fondo una piccola società segreta, o no?”) e complice (“Era sempre sottointeso che quanto dicevamo e facevamo tra di noi dovesse rimanere ignoto a chiunque altro, amanti inclusi”) in un’epoca inquieta (“Se nel presente il desiderio è la normalità, noi eravamo diversi. E irregolari, e molto orgogliosi di esserlo”) e drammaticamente minacciata (“Un male misterioso e acronimo, che andava pazzo per i giovani di talento”).

Di Tondelli viene delineata una rapida scansione delle opere e del Progetto under 25. Ma i ricordi commossi del tempo trascorso con lui s’impongono sulla produzione letteraria: il culmine dell’intesa in una serata in via Abbadesse (la casa milanese di Tondelli), una vacanza a Myconos (“Mariolain, erano anni che non mi divertivo tanto”)…

La pulsione a scrivere quest’opera è dichiarata nell’incipit (“In ogni amicizia si nasconde un rimorso”) e viene confermata nel finale: “Io sto usando il mio senso di colpa per non aver capito che, di ritorno da New York, Pier era già ostaggio del famoso acronimo e che Filippo – il nostro infelice wrong blond – portava in sé i germi di un’inquietudine mortale, che non ho mai cercato di lenire.”

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mario

Fortunato

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fortunato Mario

Il naufragio dell’essere

Maria ha superato da poco i quarant'anni, vive a Napoli, lavora come insegnante in una scuola serale e un giorno, al sesto mese appena di gravidanza, partorisce una bambina che viene subito ricoverata in terapia intensiva neonatale. Dietro l'oblò dell'incubatrice Maria osserva le ore passare su quel piccolo corpo come una sequenza di possibilità. Niente è piú come prima: si ritrova in un mondo strano di medicine, donne accoltellate, attese insensate sui divanetti della sala d'aspetto, la speranza di portare sua figlia fuori da lì. Nei giorni si susseguono le mense con gli studenti di medicina, il dialogo muto con i macchinari e soprattutto il suo lavoro: una scuola serale dove camionisti faticano su Dante e Leopardi per conquistarsi la terza media. La circonda e la tiene in vita un mondo pericolante: quello napoletano, dove la tragedia quotidiana si intreccia con la farsa, un mondo in cui il degrado locale è solo la lente d'ingrandimento di quello nazionale.

LO SPAZIO BIANCO

Parrella Valeria

RICORDATEVI DI ME

Clark Mary Higgins

Mauro Bignami, professore di filosofia, ha due amici che gestiscono un B&B ed ospitano alcuni americani che soggiornano nella loro struttura. Sul green del Golf Club di Pleasant Valley, un caddy viene colpito a morte da un fucile di precisione durante una partita di golf, e questo evento coinvolge direttamente uno degli ospiti del B&B. Bignami spinto da curiosità e senso della giustizia, si lascia coinvolgere in questa vicenda, correndo grossi rischi ma imprimendo alla torbida faccenda lo sviluppo conclusivo.

Trappola per lupi

Vallepiano Bruno