Giallo - thriller - noir

Noli me tangere

Camilleri Andrea

Descrizione: Laura è giovane, bella e molto amata. Ha sposato un famoso scrittore che la venera, lei stessa scrive, va a teatro, è un’esperta storica dell’arte. E’ capace di concedersi emozioni intense con altri uomini, senza farsi travolgere dal senso di colpa. E’ generosa di sé e delle proprie ricchezze. Ma, in certi momenti, su di lei cala un cono d’ombra. “Ho il ghibli” dice, secondo l’immagine evocata da uno dei suoi amanti: perché davvero è come se si alzasse nel suo cuore il temibile vento del deserto, che la prostra e la costringe a giorni di reclusione durante i quali nessuno deve azzardarsi a toccarla. Poi torna la bonaccia, e Laura è di nuovo la donna volubile ma anche luminosa che tutti ammirano. Fino a che, una notte, Laura scompare. Incontrando chi l’ha conosciuta, presto il commissario Maurizi – incaricato delle indagini sulla sua sparizione – capirà che di Laura, come di una divinità antica, ognuno ricorda un volto diverso. Al primo sguardo sembra una donna facile, che non vuole perdere una sola occasione. E invece le tracce che portano a lei sono quelle invisibili lasciate dalle domande che si è posta senza tregua, dalla tensione bruciante nascosta in ogni suo gesto. Proprio come nel movimento dei corpi al centro dell’affresco del Beato Angelico che Laura stessa aveva saputo interpretare con una intuizione straordinaria, quello dedicato alle parole che Gesù dice a Maria Maddalena dopo essere risorto: Noli me tangere, Non toccarmi…

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori italiani

Anno: 2016

ISBN: 9788804661870

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Noli me tangere è la scena che ritrae Gesù risorto e la Maddalena (“A Pisa c’è un affresco di Ghetto di Jacopo; a Milano, proprio al Castello Sforzesco, è conservato quello del Bramantino; a Padova c’è un meraviglioso Giotto nella Cappella degli Scrovegni; a Murano ce n’è un altro del Salviati e infine al Prado c’è il Correggio… alla National Gallery c’è il Noli me tangere di Tiziano”), ed è il nomignolo che venne affibbiato a Laura, la protagonista di questo romanzo di Andrea Camilleri, quando all’Università si laureò con una tesi sull’opera omonima del Beato Angelico (“Noli me tangere è il nome di un affresco dell’Angelico in San Marco”).

Il romanzo ha la forma del diario che, dal 5/6/2010 al 5/7/2010  con qualche flash back e qualche pagina senza data, racconta la misteriosa sparizione di Laura e la conseguente indagine condotta dal commissario Maurizi, ingaggiato dal marito  (“Quando ci siamo sposati Laura aveva trentun anni e io sessantacinque”), uno scrittore di successo, molto innamorato della moglie (“Se la signora gli avesse detto de magnasse un bacherozzo, quello se lo magnava senza manco mettece er sale”).

(Tiziano)

Dalle indagini emerge il profilo di una donna complicata: soggetta a crisi frequenti, che lei chiamava “il ghibli” (“Ascoltava se stessa, i suoi pensieri, il suo corpo”), scrittrice lei stessa (“Un vero colpo di fulmine. Come successe al povero Carducci con Annie Vivanti…”), strana sia nel rapporto con i numerosi amanti sia nella concezione del  denaro (“E’ una dilapidatrice”), variamente giudicata da chi la conosceva (“A me… è parsa sempre una donna superficiale, volubile, incapace di grandi sentimenti, dal sesso un po’ troppo facile…”).

(Giotto)

Sulla sparizione aleggia un sospetto (“Un ingegnoso espediente pubblicitario per il lancio del romanzo d’esordio”), ma poi i fatti evolvono (“Ha chiuso il conto con la sua banca… Quasi centocinquantamila euro”) anche in modo drammatico (“E’ precipitata da un ponte piuttosto alto di una strada secondaria che porta a Pisa”), nonostante gli avvistamenti si susseguano (“Pisa, Padova e Murano”).

L’interpretazione dell’opera artistica (“Ma si sono già toccati!”), una poesia di Dino Campana (“Nel gran nulla”) e un libro (“Un lavoro teatrale di Eliot, Cocktail Party”) sono gli indizi che conducono all’interpretazione finale di una personalità tormentata e di un’impegnativa scelta di vita…

Bruno Elpis

(Beato Angelico)

Ecco qui il sito personale dell’autore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Camilleri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Camilleri Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ad Agrumeta, tranquilla cittadina nella provincia di Bari, da anni non si ricordava un dicembre così caldo. Ma a surriscaldare il clima generale è soprattutto la rivoluzione rosa delle giovani e agguerrite protagoniste di una nuova stagione politica. Nessuno si sarebbe però aspettato che nell’occhio del ciclone finisse anche la questura, dove è da poco stata nominata commissario Lolita Lobosco, detta Lolì: 36 anni di procace femminilità che si sprigiona dagli occhi arabi, dai lunghi capelli e da una quinta di reggiseno, tutto frutto di mamma-natura, che negli uomini evoca la perfezione dei frutti mediterranei. Ma fin dai primi giorni la nuova arrivata dovrà vedersela con maldicenze e avversari influenti. A peggiorare la situazione le viene affidato un caso che mette a rischio anche la sua vita privata: Stefano Benedetto Morelli, rampante dentista quarantenne accusato di violenza sessuale. E a lui basta uno sguardo, e quell’inconfondibile profumo di arancia che emana dal corpo di Lolì, perché si risvegli il ricordo di un imbarazzante passato comune.

LA CIRCONFERENZA DELLE ARANCE

Genisi Gabriella

Il carnevale dei delitti

Elpis Bruno

Il romanzo, che valse a Pasolini un processo per pornografia e il ruolo di provocatore della società perbenista, racconta la giornata di un gruppo di giovanissimi sottoproletari romani. Mossi da esigenze primordiali (la fame, la paura, la ricerca di solidarietà), i "ragazzi di vita" sciamano dalle borgate della Roma anni Cinquanta verso il centro, in un itinerario picaresco fatto di molteplici incontri, di eventi comici, tragici, grotteschi. I giovani alternano una violenza gratuita a una generosità patetica, compiendo una sorta di rito iniziatico in una Roma contradditoria. Il romanzo viene ripubblicato in occasione dei trent'anni dalla morte di Pier Paolo Pasolini.

Ragazzi di vita

Pasolini Pier Paolo

Oxford, oggi. Kendra Van Zant è una studentessa americana che si trova in Inghilterra per scrivere la tesi sulla seconda guerra mondiale. È così che conosce Isabel McFarland, un'anziana pittrice sopravvissuta ai bombardamenti di Londra. Ma quella che sembra una semplice intervista diventerà un racconto pieno di sorprese: Isabel ha infatti diversi segreti da rivelare, a cominciare dalla sua vera identità... Londra, 1940. Mentre la città è ridotta in macerie dalle bombe della Luftwaffe, centinaia di bambini vengono evacuati nelle campagne, in cerca di un rifugio sicuro. È il destino delle sorelle Emmy e Julia Downtree, che si ritrovano in un cottage sulle colline dei Cotswolds, mentre Anna, la loro madre, rimane a lavorare a Londra. Emmy ha solo quindici anni, ma è cresciuta in fretta e si prende cura della sorellina e della casa con quieta determinazione... almeno finché la signora Crofton, proprietaria del Primrose Bridal, non le offre l'opportunità di diventare la sua apprendista. Per Emmy, quel negozio è un autentico paradiso, anche perché disegnare abiti da sposa è da sempre il suo sogno. Ma lavorare lì significa tornare a Londra, di nascosto dalla madre, mettere Emmy in pericolo e rischiare la vita. La guerra non perdona: costrette a separarsi, le due sorelle andranno incontro a destini diversi. E l'unico scopo di Emmy sarà ritrovare Julia...

Il segreto di Isabel

Meissner Susan