Giallo - thriller - noir

Noli me tangere

Camilleri Andrea

Descrizione: Laura è giovane, bella e molto amata. Ha sposato un famoso scrittore che la venera, lei stessa scrive, va a teatro, è un’esperta storica dell’arte. E’ capace di concedersi emozioni intense con altri uomini, senza farsi travolgere dal senso di colpa. E’ generosa di sé e delle proprie ricchezze. Ma, in certi momenti, su di lei cala un cono d’ombra. “Ho il ghibli” dice, secondo l’immagine evocata da uno dei suoi amanti: perché davvero è come se si alzasse nel suo cuore il temibile vento del deserto, che la prostra e la costringe a giorni di reclusione durante i quali nessuno deve azzardarsi a toccarla. Poi torna la bonaccia, e Laura è di nuovo la donna volubile ma anche luminosa che tutti ammirano. Fino a che, una notte, Laura scompare. Incontrando chi l’ha conosciuta, presto il commissario Maurizi – incaricato delle indagini sulla sua sparizione – capirà che di Laura, come di una divinità antica, ognuno ricorda un volto diverso. Al primo sguardo sembra una donna facile, che non vuole perdere una sola occasione. E invece le tracce che portano a lei sono quelle invisibili lasciate dalle domande che si è posta senza tregua, dalla tensione bruciante nascosta in ogni suo gesto. Proprio come nel movimento dei corpi al centro dell’affresco del Beato Angelico che Laura stessa aveva saputo interpretare con una intuizione straordinaria, quello dedicato alle parole che Gesù dice a Maria Maddalena dopo essere risorto: Noli me tangere, Non toccarmi…

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori italiani

Anno: 2016

ISBN: 9788804661870

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Noli me tangere è la scena che ritrae Gesù risorto e la Maddalena (“A Pisa c’è un affresco di Ghetto di Jacopo; a Milano, proprio al Castello Sforzesco, è conservato quello del Bramantino; a Padova c’è un meraviglioso Giotto nella Cappella degli Scrovegni; a Murano ce n’è un altro del Salviati e infine al Prado c’è il Correggio… alla National Gallery c’è il Noli me tangere di Tiziano”), ed è il nomignolo che venne affibbiato a Laura, la protagonista di questo romanzo di Andrea Camilleri, quando all’Università si laureò con una tesi sull’opera omonima del Beato Angelico (“Noli me tangere è il nome di un affresco dell’Angelico in San Marco”).

Il romanzo ha la forma del diario che, dal 5/6/2010 al 5/7/2010  con qualche flash back e qualche pagina senza data, racconta la misteriosa sparizione di Laura e la conseguente indagine condotta dal commissario Maurizi, ingaggiato dal marito  (“Quando ci siamo sposati Laura aveva trentun anni e io sessantacinque”), uno scrittore di successo, molto innamorato della moglie (“Se la signora gli avesse detto de magnasse un bacherozzo, quello se lo magnava senza manco mettece er sale”).

(Tiziano)

Dalle indagini emerge il profilo di una donna complicata: soggetta a crisi frequenti, che lei chiamava “il ghibli” (“Ascoltava se stessa, i suoi pensieri, il suo corpo”), scrittrice lei stessa (“Un vero colpo di fulmine. Come successe al povero Carducci con Annie Vivanti…”), strana sia nel rapporto con i numerosi amanti sia nella concezione del  denaro (“E’ una dilapidatrice”), variamente giudicata da chi la conosceva (“A me… è parsa sempre una donna superficiale, volubile, incapace di grandi sentimenti, dal sesso un po’ troppo facile…”).

(Giotto)

Sulla sparizione aleggia un sospetto (“Un ingegnoso espediente pubblicitario per il lancio del romanzo d’esordio”), ma poi i fatti evolvono (“Ha chiuso il conto con la sua banca… Quasi centocinquantamila euro”) anche in modo drammatico (“E’ precipitata da un ponte piuttosto alto di una strada secondaria che porta a Pisa”), nonostante gli avvistamenti si susseguano (“Pisa, Padova e Murano”).

L’interpretazione dell’opera artistica (“Ma si sono già toccati!”), una poesia di Dino Campana (“Nel gran nulla”) e un libro (“Un lavoro teatrale di Eliot, Cocktail Party”) sono gli indizi che conducono all’interpretazione finale di una personalità tormentata e di un’impegnativa scelta di vita…

Bruno Elpis

(Beato Angelico)

Ecco qui il sito personale dell’autore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Camilleri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Camilleri Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Non si cura per quello che si sa o che si crede di sapere. Si cura e si può soltanto curare per quello che si è!". Sono le parole del magistrato a Giulia, giovane chirurgo in carriera, dopo un tragico incidente segnato dall'arroganza del suo sapere. Fino a quel momento Giulia è stata tutto: bella, determinata, rampante con la spocchia di un cognome che conta. Per lei il malato non è stato mai il fine, ma soltanto un mezzo per dimostrare la sua abilità in sala operatoria, per tenere alta la media dei suoi successi. Poi l'incidente di percorso, l'umiliazione del tribunale, il riaffiorare di altre tragiche vicende. È un mondo che crolla, che le fa il vuoto intorno, la umilia, mette a nudo le sue fragilità, la spinge a Grado, nella villa di famiglia, al riparo dalle ansie della madre e dai maldestri tentativi del marito di starle accanto, e dove ritrova casualmente Paolo, il cugino fidato, il compagno di giochi di un tempo. Villa Flavia è piena di ricordi per entrambi: le faide di famiglia, i primi amori di lei, le sue minigonne, quella spider rossa in attesa al cancello ogni sera, e lui che aspettava il suo rientro fino a notte fonda, disposto ad amarla "anche soltanto per amore".

L’ARROGANZA DEL CUORE

Calandra Claudio

Tutto ha inizio quando la protagonista regala ad un mendicante un diario al posto della solita moneta. E qui si apre l'universo di una ragazza che potrebbe essere definita una "giovane Werther del XXI secolo", ma molto innamorata della vita al punto da volerla afferrare nella sua pienezza. "L'uomo ha infinitamente bisogno dell'uomo". Questo è il messaggio forte che Meri ci vuole dare, ed è il messaggio che tutti dovrebbero avere bene in mente, senza finire per dividere ciò che va unito.

IL MENDICANTE DI PENSIERI

Nigro Meri

Nella sua nota al lettore, Alessandro Soldati avverte: "Quello che hai in mano non è un romanzo sugli aeroplani e sugli aviatori che ci stanno dentro. Se cerchi dettagli tecnici, descrizioni minuziose di manovre ardite, coni di scarico che sputano fiamme e, soprattutto, se cerchi gente risoluta, pronta ad accogliere il destino sparandogli un missile sui denti, credo che finirai per rimanere deluso. Io ho preferito raccontare gli uomini e le donne che stanno 'dentro' agli aviatori. Visti da fuori hanno un certo fascino eroico per chi li apprezza, mentre sono stupide macchine da guerra per chi li detesta. Ho avuto l'onore ed il privilegio di essere uno di loro, perciò non cado in nessuna delle due semplificazioni, e voglio mostrare che sono molto di più: sono persone".

Andrà bene di sicuro

Soldati Alessandro

In un caffè di Lahore, nel vecchio mercato di Anarkali, un giovane pakistano, Changez, racconta la propria storia a un cittadino americano incontrato apparentemente per caso. È la storia della sua ascesa come brillante analista finanziario a New York, del suo amore tragico per una bella e fragile fanciulla, e della sua caduta in disgrazia nei mesi successivi all'Undici settembre. Cos'è successo all'America? Cos'è successo a Changez? La sete di vendetta americana sembra averlo trasformato, controvoglia, in un pericoloso fondamentalista. E forse l'incontro nel caffè del vecchio mercato non è avvenuto per caso. "Una scrittura stupenda - che gioia imbattersi in una prosa tanto intelligente, in una simile chiarezza di pensiero e di esposizione - e una struttura impeccabile. L'autore sa avvitare le spire della suspense senza che il lettore se ne renda conto, dando vita a una storia di enorme tensione".

IL FONDAMENTALISTA RILUTTANTE

Hamid Mohsin