Giallo - thriller - noir

NON ABBASTANZA MORTA. Le inchieste di Nero Wolf

Stout Rex

Descrizione: L’America è in guerra. Archie Goodwin, braccio destro di Wolfe, è stato richiamato alle armi e, incredibile a dirsi, anche il pigro, cinico Wolfe ha deciso di dare il suo contributo alla patria arruolandosi. Con gravi pericoli per la sua mole, in compagnia del suo fido cuoco Fritz Brenner, l’illustre detective si addestra ogni giorno, incurante delle richieste di Lily Rowan, un’attraente ragazza che cerca di convincerlo a proteggere la sua amica Ann Amory, in pericolo per aver scoperto qualcosa di terribile su una certa persona. Peccato per Ann, soprattutto, che verrà trovata da Lily Rowan con una sciarpa azzurra stretta intorno al collo... «non abbastanza morta». Nel secondo caso, Wolfe, diventato consulente dell’esercito, indaga sulla morte del capitano Cross per conto del colonnello Ryder, che cadrà vittima di una «trappola esplosiva » in una fase cruciale delle indagini.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Beat

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788865590508

Trama

Le Vostre recensioni

Lo confesso, questa è stata la mia prima volta con Rex Stout. Finora mi ero limitata a sentirne parlare o a guardare con scetticismo l’ultima recente versione televisiva del suo mitico Nero Wolfe.

Leggere Non abbastanza morta è stata una sorpresa prevedibilmente piacevole. Quando ci si avvicina a mostri sacri della scrittura come Stout, spesso lo si fa con timore reverenziale, aspettandosi un linguaggio pomposo e atmosfere da club d’elite: non è questo il caso.

Già dalle prime pagine è immediata la sensazione per il lettore di essere di casa; un ospite ben accolto e a proprio agio tra personaggi animati da una personalità spumeggiante e da un’ironia sottile e a dir poco travolgente.  

Il primo dei due racconti che compongono il volume, e al quale dà anche il titolo, è Non abbastanza mortaQui troviamo la situazione in casa Wolfe ben diversa da quella che il lettore è abituato ad aspettarsi. Durante la guerra Archie Goodwin, come sempre voce narrante del racconto, arruolato nell’esercito americano, torna a casa con la missione di convincere il suo ex datore di lavoro ad accettare di divenire consulente dell’esercito. Durante il viaggio di ritorno incontra una vecchia amica Lily Rowan, la quale lo prega di aiutare la giovane Ann Amory che si trova in serie difficoltà. Archie accetta ripromettendosi di confrontarsi sul caso con Nero Wolfe, ma al suo rientro a casa lo scenario che trova è del tutto inaspettato. Wolfe infatti non si occupa più delle sue amate orchidee, non beve più birra e non gusta le pietanze cucinategli da Fritz. Il frigorifero è vuoto, le orchidee sono seccate e Wolfe veste un vecchio maglione preso dai cassetti di Goodwin che gli conferisce un aspetto al limite del ridicolo. Goodwin appurerà che Wolfe non è uscito di senno, bensì si è convinto di aver trovato il metodo per porre fine alla guerra contro i tedeschi ed ha cominciato un allenamento intensivo per raggiungere il suo scopo. Dunque toccherà ad Archie, questa volta, tentare di aiutare la bella Ann Amory e fare in modo che Wolfe accetti di essere coinvolto nelle indagini quando, purtroppo, ella verrà uccisa.

Nel secondo racconto, Trappola esplosiva, Wolfe è divenuto consulente dell’esercito e, per conto del colonnello Ryder, indaga sull’omicidio del capitano Cross. Purtroppo però lo stesso colonnello Ryder resterà ucciso dall’esplosione di una bomba a mano conservata nel cassetto della sua scrivania.

I due romanzi brevi Non abbastanza morta  e Trappola esplosiva furono pubblicati per la prima volta nel 1944.  Vengono riproposti oggi dalla Beat Edizioni, preceduti da un’entusiasta prefazione di Giancarlo De Cataldo.

Rex Stout nacque a Noblesville, Stati Uniti, nel 1886 e morì a Danbury nel 1975. Già da piccolissimo dimostrò di avere gran talento per l’arte letteraria, anche se iniziò a scrivere per riviste e giornali solo nel 1912. Scrisse invece il suo primo romanzo, non giallo, dopo essere rimasto vittima del tracollo di Wall Street del 1929. Fu in quell’anno, infatti, che pubblicò con discreto successo How Like a God, seguito nel 1934 dal primo volume delle indagini di Nero Wolfe, Fer-de-lanceFu un successo esplosivo, poi ripetuto per tutti i successivi quarantadue romanzi che vedono come protagonisti la coppia Wolfe-GoodwinNel 1959 Rex Stout fu premiato con il Mistery Writers of America Grand Master mentre durante il Boucheron 2000, la più grande convention per la letteratura, fu nominato Miglior Giallista del Secolo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rex

Stout

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stout Rex


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il bar Novecento, di fronte allo stadio San Paolo, è un’istituzione, un punto di riferimento dove passare intere giornate. Non solo per commentare le partite, né per il caffè di Mario, né per la bellezza di Paola, la cassiera che fa girare la testa a chiunque. Al bar Novecento si va soprattutto per parlare con O’ Professore, l’uomo che da trent’anni siede allo stesso tavolino sul fondo della sala, e giorno dopo giorno raccoglie palpitanti racconti di epiche sfide, confessioni di figli tornati in città per esaudire l’ultimo desiderio del padre morente, richieste di consigli su amori infelici. A ciascuno di loro, O’ Professore saprà rivolgere profetiche, illuminanti parole sul senso della vita.

Il resto della settimana

De Giovanni Maurizio

«Lui non aveva paura della morte, non aveva paura di niente.» Lui è Willy l’Olandese, un vecchio killer implacabile. Un gigante silenzioso e in apparenza indifferente a tutto come un dio nordico. Quando arriva nella valle presso il grande lago del Norditalia che ogni anno è la sua meta estiva, in una pensione dove fa da cameriera la bella Adriana, non sa di avere appuntamento con il destino. Il telefono ha squillato in una casa a pochi chilometri da lì e un altro killer, un trentenne sfigurato al volto da un remoto incidente d’auto, ha ricevuto l’incarico di ucciderlo. Tutta la storia si svolge nell’arco di 24 ore, ma la tensione monta capitolo dopo capitolo nell’attesa del momento fatale: lo scontro fra due killer professionisti, due terribili macchine di morte. E tra loro l’inquietudine di Adriana, che senza saperlo ne deciderà le sorti. Tutt’intorno uno scenario affascinante: un piccolo paese rivierasco, le acque buie del grande lago, e una valle profonda, percorsa da un torrente gelido. Un paesaggio che sta per essere contaminato dall’approssimarsi del Male. Con rara potenza, Montanari ci restituisce il clima feroce e geometrico di Durrenmatt e del grande noir americano immergendoli nel contesto della provincia italiana, fino a creare un contrasto sorprendente e irresistibile.

La perfezione

Montanari Raul

Succede in Provenza, d'autunno, stagione che mescola le prime umide nebbie con un lungo strascico di calore quasi estivo. I borghi e le ville si stanno vuotando di abitanti e turisti. Ancora un grande evento però si prepara. Quasi a sorpresa, sul locale campo di aviazione, si terrà il concerto di una celebre band inglese, i Bebonkers, un po' per fini umanitari, un po' per celebrare il terzo matrimonio di Nick Cruickshank, vocalist del gruppo e carismatico leader. I preparativi fervono, tutti organizzati con piglio fermo da Aileen, futura moglie di Nick. In paese c'è una gelateria gestita da Milena Migliari, una giovane donna italiana che i gelati li crea, li pensa, li esperimenta con tensione d'artista. Un rovello continuo che ruota attorno all'equilibrio instabile del gelato, alla sua imperfetta meraviglia perché concepita per essere consumata o per liquefarsi, per non durare. Milena ha detto addio agli uomini e convive da qualche anno con Viviane. Un rapporto solido, quasi a compensare l'evanescenza dei gelati, l'appoggio di una donna stabile e forte, al punto che, tra qualche giorno, Milena si sottoporrà alla fecondazione assistita. Eppure, in fondo, Milena non ha voglia di farlo davvero questo passo che forse non ha proprio deciso. Incerta senza confessarselo, Milena. Come Nick, che si domanda da quando il suo rapporto con Aileen ha perso l'incanto dei primi tempi.

L’imperfetta meraviglia

De Carlo Andrea

È nel Sahara più profondo la soluzione all'enigma delle origini della civiltà egizia? È lì che bisogna andare per trovare le tracce delle conoscenze «soprannaturali» che gli egizi avevano in materia di astronomia e di astrologia? E quello che sostiene Robert Bauval che, sovvertendo le tesi dell’archeologia accademica, trova sorprendenti collegamenti fra gli antichi egizi e una popolazione nera che è vissuta nel Sahara migliaia di anni prima dell'ascesa dei faraoni e che ha edificato dei complessi megalitici misteriosi. La scoperta recente di località come Gilf Kebir, Uwainat e Nabta Playa dimostra, a differenza di quanto Hanno sempre ritenuto gli egittologi «ufficiali», che gli egizi si sono spinti a distanze «impossibili» e hanno intessuto relazioni con regni dell'Africa subsahariana di cui restano tracce nei geroglifici ritrovati nelle piramidi. Ma quale segreto condividevano queste popolazioni e quella egizia? Qual è il significato astronomico dei complessi megalitici e del posizionamento delle piramidi? Quale messaggio hanno voluto trasmettere ai posteri? Unendo storiografia, archeologia, linguistica, archeoastronomia e lo studio dell'allineamento dei grandi edifici egizi, Bauval scrive un capitolo affascinante e assolutamente inedito su una civiltà che ancora conserva molti misteri irrisolti.

Il mistero della genesi

Brophy Thomas