Giallo - thriller - noir

NON ABBASTANZA MORTA. Le inchieste di Nero Wolf

Stout Rex

Descrizione: L’America è in guerra. Archie Goodwin, braccio destro di Wolfe, è stato richiamato alle armi e, incredibile a dirsi, anche il pigro, cinico Wolfe ha deciso di dare il suo contributo alla patria arruolandosi. Con gravi pericoli per la sua mole, in compagnia del suo fido cuoco Fritz Brenner, l’illustre detective si addestra ogni giorno, incurante delle richieste di Lily Rowan, un’attraente ragazza che cerca di convincerlo a proteggere la sua amica Ann Amory, in pericolo per aver scoperto qualcosa di terribile su una certa persona. Peccato per Ann, soprattutto, che verrà trovata da Lily Rowan con una sciarpa azzurra stretta intorno al collo... «non abbastanza morta». Nel secondo caso, Wolfe, diventato consulente dell’esercito, indaga sulla morte del capitano Cross per conto del colonnello Ryder, che cadrà vittima di una «trappola esplosiva » in una fase cruciale delle indagini.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Beat

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788865590508

Trama

Le Vostre recensioni

Lo confesso, questa è stata la mia prima volta con Rex Stout. Finora mi ero limitata a sentirne parlare o a guardare con scetticismo l’ultima recente versione televisiva del suo mitico Nero Wolfe.

Leggere Non abbastanza morta è stata una sorpresa prevedibilmente piacevole. Quando ci si avvicina a mostri sacri della scrittura come Stout, spesso lo si fa con timore reverenziale, aspettandosi un linguaggio pomposo e atmosfere da club d’elite: non è questo il caso.

Già dalle prime pagine è immediata la sensazione per il lettore di essere di casa; un ospite ben accolto e a proprio agio tra personaggi animati da una personalità spumeggiante e da un’ironia sottile e a dir poco travolgente.  

Il primo dei due racconti che compongono il volume, e al quale dà anche il titolo, è Non abbastanza mortaQui troviamo la situazione in casa Wolfe ben diversa da quella che il lettore è abituato ad aspettarsi. Durante la guerra Archie Goodwin, come sempre voce narrante del racconto, arruolato nell’esercito americano, torna a casa con la missione di convincere il suo ex datore di lavoro ad accettare di divenire consulente dell’esercito. Durante il viaggio di ritorno incontra una vecchia amica Lily Rowan, la quale lo prega di aiutare la giovane Ann Amory che si trova in serie difficoltà. Archie accetta ripromettendosi di confrontarsi sul caso con Nero Wolfe, ma al suo rientro a casa lo scenario che trova è del tutto inaspettato. Wolfe infatti non si occupa più delle sue amate orchidee, non beve più birra e non gusta le pietanze cucinategli da Fritz. Il frigorifero è vuoto, le orchidee sono seccate e Wolfe veste un vecchio maglione preso dai cassetti di Goodwin che gli conferisce un aspetto al limite del ridicolo. Goodwin appurerà che Wolfe non è uscito di senno, bensì si è convinto di aver trovato il metodo per porre fine alla guerra contro i tedeschi ed ha cominciato un allenamento intensivo per raggiungere il suo scopo. Dunque toccherà ad Archie, questa volta, tentare di aiutare la bella Ann Amory e fare in modo che Wolfe accetti di essere coinvolto nelle indagini quando, purtroppo, ella verrà uccisa.

Nel secondo racconto, Trappola esplosiva, Wolfe è divenuto consulente dell’esercito e, per conto del colonnello Ryder, indaga sull’omicidio del capitano Cross. Purtroppo però lo stesso colonnello Ryder resterà ucciso dall’esplosione di una bomba a mano conservata nel cassetto della sua scrivania.

I due romanzi brevi Non abbastanza morta  e Trappola esplosiva furono pubblicati per la prima volta nel 1944.  Vengono riproposti oggi dalla Beat Edizioni, preceduti da un’entusiasta prefazione di Giancarlo De Cataldo.

Rex Stout nacque a Noblesville, Stati Uniti, nel 1886 e morì a Danbury nel 1975. Già da piccolissimo dimostrò di avere gran talento per l’arte letteraria, anche se iniziò a scrivere per riviste e giornali solo nel 1912. Scrisse invece il suo primo romanzo, non giallo, dopo essere rimasto vittima del tracollo di Wall Street del 1929. Fu in quell’anno, infatti, che pubblicò con discreto successo How Like a God, seguito nel 1934 dal primo volume delle indagini di Nero Wolfe, Fer-de-lanceFu un successo esplosivo, poi ripetuto per tutti i successivi quarantadue romanzi che vedono come protagonisti la coppia Wolfe-GoodwinNel 1959 Rex Stout fu premiato con il Mistery Writers of America Grand Master mentre durante il Boucheron 2000, la più grande convention per la letteratura, fu nominato Miglior Giallista del Secolo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rex

Stout

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stout Rex

Ogni donna è una voce, uno sguardo, una sensibilità unica e irripetibile. Lo sono anche Gesuina, Maria e Lori, una nonna, una madre e una figlia forzate dalle circostanze a convivere in una casa stregata dall'assenza prolungata di un uomo. Tanto Gesuina, più di sessant'anni e un'instancabile curiosità per il gioco dell'amore, è aperta e in ascolto del mondo, quanto Maria, sua figlia, vorrebbe fuggire la realtà, gli occhi persi tra le carte di traduttrice e i sentimenti rarefatti rivolti a un altrove lontano. Il ponte tra questi due universi paralleli è Lori, sedici anni fatti di confusione e rivolta, che del cuore conosce solo il ritmo istintivo dell'adolescenza. Ma il fragile equilibrio che regola la quotidianità di queste tre generazioni è destinato a incrinarsi quando un uomo irrompe nelle loro vite, e ristabilirne uno nuovo significherà abbandonarsi alla forma più pura di passione, quella per la libertà. Tre donne illumina i percorsi nascosti e gli equilibri impossibili del desiderio, li fotografa con un taglio inedito che ne coglie le delicate sfumature in tutte le età della vita.

Tre donne

Maraini Dacia

Napoli, così, non l'avevamo vista mai. Una città borghese, inospitale e caotica, cupa e distratta, dove ognuno sembra preso dai propri affari e pronto a defilarsi. È esattamente questo che permette a un killer freddo e metodico di agire indisturbato, di mischiarsi alla folla come fosse invisibile. "Il Coccodrillo" lo chiamano i giornali: perché, come il coccodrillo quando divora i propri figli, piange. E del resto, come il coccodrillo, è una perfetta macchina di morte: si apposta, osserva, aspetta. E quando la preda è a tiro, colpisce. Tre giovani, di età e provenienza sociale diverse, vengono trovati morti in tre differenti quartieri, freddati dal colpo di un'unica pistola. L'ispettore Giuseppe Lojacono è l'unico che non si ferma alle apparenze, sorretto dal suo fiuto e dalla sua stessa storia triste. È appena stato trasferito a Napoli dalla Sicilia. Un collaboratore di giustizia lo ha accusato di passare informazioni alla mafia e lui, stimato segugio della squadra mobile di Agrigento, ha perso tutto, a cominciare dall'affetto della moglie e della figlia. Un paria, ecco cos'è diventato, un uomo inutile e inutilizzato, seduto a una scrivania vuota e impegnato in sanguinose sfide a scopa con il computer. È il giovane sostituto procuratore incaricato delle indagini, la bella e scontrosa Laura Piras, a decidere di dargli un'occasione, colpita dal suo spirito di osservazione. E così Lojacono, a dispetto di gerarchie e punizioni, l'aiuterà a trovare il collegamento, apparentemente inesistente, tra i delitti. A scorgere il filo rosso che conduce a un dolore bruciante, a una colpa non redimibile, a un amore assoluto e struggente: perché con il suo volto luminoso o con la sua maschera più terribile, è l'amore a racchiudere il senso dei nostri giorni. In una Napoli sempre più nera e indecifrabile, si fronteggiano due figure solitarie, mosse da una determinazione incrollabile. Come in uno specchio, l'investigatore e il killer. Un nuovo capitolo dell'eterna lotta tra il bene e il male. Maurizio de Giovanni, noto al grande pubblico per le indagini del commissario Ricciardi, dà vita a un nuovo personaggio, tenebroso e umanissimo, destinato a far breccia nel cuore dei lettori, e a una storia che si inoltra con passo spedito nei meandri di una città splendida e dannata. Una storia che sembrava attendere la sua scrittura tesa, il suo sguardo coraggioso, la sua abilità di narratore per essere raccontata.

Il metodo del coccodrillo

De Giovanni Maurizio

Questo libro conduce il lettore attraverso i mille modi che utilizziamo per distorcere e tradire le nostre emozioni. Attraverso strategie provenienti dalla Psicoterapia Sensomotoria e dalle pratiche di mindfulness, si suggeriscono chiavi di lettura ed esercizi pratici per diventare più padroni delle sensazioni fisiche, del corpo e del nostro mondo emotivo, imparando ad affrontare quello che ci spaventa in modo graduale ed efficace.

Paura di sentire

Giannantonio Michele

Succede in Provenza, d'autunno, stagione che mescola le prime umide nebbie con un lungo strascico di calore quasi estivo. I borghi e le ville si stanno vuotando di abitanti e turisti. Ancora un grande evento però si prepara. Quasi a sorpresa, sul locale campo di aviazione, si terrà il concerto di una celebre band inglese, i Bebonkers, un po' per fini umanitari, un po' per celebrare il terzo matrimonio di Nick Cruickshank, vocalist del gruppo e carismatico leader. I preparativi fervono, tutti organizzati con piglio fermo da Aileen, futura moglie di Nick. In paese c'è una gelateria gestita da Milena Migliari, una giovane donna italiana che i gelati li crea, li pensa, li esperimenta con tensione d'artista. Un rovello continuo che ruota attorno all'equilibrio instabile del gelato, alla sua imperfetta meraviglia perché concepita per essere consumata o per liquefarsi, per non durare. Milena ha detto addio agli uomini e convive da qualche anno con Viviane. Un rapporto solido, quasi a compensare l'evanescenza dei gelati, l'appoggio di una donna stabile e forte, al punto che, tra qualche giorno, Milena si sottoporrà alla fecondazione assistita. Eppure, in fondo, Milena non ha voglia di farlo davvero questo passo che forse non ha proprio deciso. Incerta senza confessarselo, Milena. Come Nick, che si domanda da quando il suo rapporto con Aileen ha perso l'incanto dei primi tempi.

L’imperfetta meraviglia

De Carlo Andrea