Giallo - thriller - noir

NON ABBASTANZA MORTA. Le inchieste di Nero Wolf

Stout Rex

Descrizione: L’America è in guerra. Archie Goodwin, braccio destro di Wolfe, è stato richiamato alle armi e, incredibile a dirsi, anche il pigro, cinico Wolfe ha deciso di dare il suo contributo alla patria arruolandosi. Con gravi pericoli per la sua mole, in compagnia del suo fido cuoco Fritz Brenner, l’illustre detective si addestra ogni giorno, incurante delle richieste di Lily Rowan, un’attraente ragazza che cerca di convincerlo a proteggere la sua amica Ann Amory, in pericolo per aver scoperto qualcosa di terribile su una certa persona. Peccato per Ann, soprattutto, che verrà trovata da Lily Rowan con una sciarpa azzurra stretta intorno al collo... «non abbastanza morta». Nel secondo caso, Wolfe, diventato consulente dell’esercito, indaga sulla morte del capitano Cross per conto del colonnello Ryder, che cadrà vittima di una «trappola esplosiva » in una fase cruciale delle indagini.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Beat

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788865590508

Trama

Le Vostre recensioni

Lo confesso, questa è stata la mia prima volta con Rex Stout. Finora mi ero limitata a sentirne parlare o a guardare con scetticismo l’ultima recente versione televisiva del suo mitico Nero Wolfe.

Leggere Non abbastanza morta è stata una sorpresa prevedibilmente piacevole. Quando ci si avvicina a mostri sacri della scrittura come Stout, spesso lo si fa con timore reverenziale, aspettandosi un linguaggio pomposo e atmosfere da club d’elite: non è questo il caso.

Già dalle prime pagine è immediata la sensazione per il lettore di essere di casa; un ospite ben accolto e a proprio agio tra personaggi animati da una personalità spumeggiante e da un’ironia sottile e a dir poco travolgente.  

Il primo dei due racconti che compongono il volume, e al quale dà anche il titolo, è Non abbastanza mortaQui troviamo la situazione in casa Wolfe ben diversa da quella che il lettore è abituato ad aspettarsi. Durante la guerra Archie Goodwin, come sempre voce narrante del racconto, arruolato nell’esercito americano, torna a casa con la missione di convincere il suo ex datore di lavoro ad accettare di divenire consulente dell’esercito. Durante il viaggio di ritorno incontra una vecchia amica Lily Rowan, la quale lo prega di aiutare la giovane Ann Amory che si trova in serie difficoltà. Archie accetta ripromettendosi di confrontarsi sul caso con Nero Wolfe, ma al suo rientro a casa lo scenario che trova è del tutto inaspettato. Wolfe infatti non si occupa più delle sue amate orchidee, non beve più birra e non gusta le pietanze cucinategli da Fritz. Il frigorifero è vuoto, le orchidee sono seccate e Wolfe veste un vecchio maglione preso dai cassetti di Goodwin che gli conferisce un aspetto al limite del ridicolo. Goodwin appurerà che Wolfe non è uscito di senno, bensì si è convinto di aver trovato il metodo per porre fine alla guerra contro i tedeschi ed ha cominciato un allenamento intensivo per raggiungere il suo scopo. Dunque toccherà ad Archie, questa volta, tentare di aiutare la bella Ann Amory e fare in modo che Wolfe accetti di essere coinvolto nelle indagini quando, purtroppo, ella verrà uccisa.

Nel secondo racconto, Trappola esplosiva, Wolfe è divenuto consulente dell’esercito e, per conto del colonnello Ryder, indaga sull’omicidio del capitano Cross. Purtroppo però lo stesso colonnello Ryder resterà ucciso dall’esplosione di una bomba a mano conservata nel cassetto della sua scrivania.

I due romanzi brevi Non abbastanza morta  e Trappola esplosiva furono pubblicati per la prima volta nel 1944.  Vengono riproposti oggi dalla Beat Edizioni, preceduti da un’entusiasta prefazione di Giancarlo De Cataldo.

Rex Stout nacque a Noblesville, Stati Uniti, nel 1886 e morì a Danbury nel 1975. Già da piccolissimo dimostrò di avere gran talento per l’arte letteraria, anche se iniziò a scrivere per riviste e giornali solo nel 1912. Scrisse invece il suo primo romanzo, non giallo, dopo essere rimasto vittima del tracollo di Wall Street del 1929. Fu in quell’anno, infatti, che pubblicò con discreto successo How Like a God, seguito nel 1934 dal primo volume delle indagini di Nero Wolfe, Fer-de-lanceFu un successo esplosivo, poi ripetuto per tutti i successivi quarantadue romanzi che vedono come protagonisti la coppia Wolfe-GoodwinNel 1959 Rex Stout fu premiato con il Mistery Writers of America Grand Master mentre durante il Boucheron 2000, la più grande convention per la letteratura, fu nominato Miglior Giallista del Secolo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rex

Stout

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stout Rex


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una raccolta di paradossali colloqui di lavoro, domande singolari, annunci bizzarri. Consigli utili per districarsi fra i "lei è troppo per la nostra azienda", i "lei è una persona instabile, ha viaggiato troppo" e i "dobbiamo tornare tutti all'agricoltura". Un modo per riflettere, sorridendo, sui cambiamenti del mondo del lavoro e della nostra società, ma soprattutto per non arrendersi di fronte all'incertezza. Mal comune, mezzo gaudio? Forse, ma anche consapevolezza che dalla crisi si esce solo credendo in se stessi e nelle proprie capacità. Il libro è diviso in tre parti, suddivise a loro volta in capitoli. La prima parte è intitolata "Dei colloqui e degli altri demoni". La seconda: "Storie di ordinaria follia lavorativa". La terza: "Lavoro o son desto?". Qui sono raccolti una serie di consigli su come sopravvivere ai colloqui, agli stage, nonché una guida semiseria per capire quando è ora di darsela a gambe e fuggire dagli annunci-truffa.

Papà mi presti i soldi che devo lavorare?

Bottone Alessia

La vita di Alice è apparentemente perfetta: 28 anni, un lavoro a tempo indeterminato e un fidanzato che ama, ricambiata. Non le resta che cercare casa e fare dei figli, guadagnandosi il paradiso terrestre di una vita normale. Eppure di perfetto non c’è nulla. Il surreale sarcasmo di Alice fa scoprire al lettore situazioni che suo malgrado conosce fin troppo bene, nascoste dietro la maschera della normalità di un’ordinaria giornata in ufficio. Il badge che scandisce malignamente il tempo. La routine del ritmo aziendale che diventa ossessione. Le manie degli impiegati a un passo dalla psicosi. La sindrome antisociale dell’open-space. Le figure clownesche dei capufficio, tronfi della loro incompetenza. I giorni che invece di allargarsi in un presente vivo si spengono con monotonia uno sull’altro. Le pause – pausa-mela, pausa aria, pausa-sclero – sono le uniche boccate di sollievo. Finché Alice non scopre la pausa-papera! Osservando da dietro la recinzione dell’azienda i pennuti che vivono liberi nel loro stagno, ad Alice si rivela una nuova filosofia di vita, una possibilità di salvezza, di liberazione…

ALICE IN GABBIA

Gasbarro Arianna

Il boulevard... delle ossa" è una nuova puntata della serie "I Nuovi Misteri di Parigi", con Nestor Burma nei panni dell'investigatore fuori dagli schemi. Questa volta il detective privato della Fiat Lux, accompagnato dalla fidata segretaria Hélène che avrà un ruolo di primissimo piano, ci porta alla scoperta del centralissimo XI arrondissement, dove si troverà coinvolto in una vicenda del tanto inedita quanto mai complicata e movimentata che ha come protagonisti un mercante di diamanti ebreo, la malavita cinese, un giro di prostitute russe d'alto bordo che porta fino a Shangai, ma anche scheletri femminili con una gamba sola e cadaveri che non si rivelano tali fino in fondo.

Il boulevard delle ossa

Malet Leo

"La memoria custodisce ciò che sceglie di custodire. Come il sogno, anche la memoria cerca di attribuire agli eventi un qualche significato." Aharon Appelfeld in questo libro autobiografico accetta infine il confronto con la propria memoria. Impresa dolorosa che scortica l'anima perché la sua memoria nasconde l'esperienza di un'infanzia spezzata dall'orrore della Storia, nasconde la solitudine di un bambino costretto a vagare da solo per mesi nei boschi con l'incubo di essere riconosciuto, nasconde il suo peregrinare per mezza Europa fino all'arrivo in Israele e il suo difficile inserimento in una nuova realtà. Appelfeld sfida il dolore e disseppellisce quei ricordi che per poter continuare a vivere aveva spinto nelle zone buie e cieche della propria memoria, ci racconta la lotta di un ragazzo che ricostruisce la propria identità a partire dallo sradicamento degli affetti, della cultura, della lingua.

STORIA DI UNA VITA

Appelfeld Aharon