Novità

Non avremmo mai dovuto

Bonafini Francesca, Falconi Caterina

Descrizione: E’ stato dimostrato da ricerche approfondite condotte sul campo che ogni marito fedifrago, quando si rivolge alla propria amante, attinge, più o meno inconsapevolmente, a un repertorio consolidato, una sorta di serbatoio dell’inconscio collettivo adulterino. E’ come se i traditori avessero accesso a un manuale segreto in cui sono racchiuse le frasi utili a innamorare, rabbonire, turlupinare le malcapitate, nel tentativo di perpetrare all’infinito la bigamia. Le amanti, nei primi tempi della relazione (e talvolta per un periodo molto lungo prima di insospettirsi), ascoltano con orecchie vergini le asserzioni del fedifrago, credendo nell’esclusività di quelle parole e ignorando che si tratta invece di formule condivise da tutta la categoria dei traditori. Tali formule corrispondono a enunciati standard – con variazioni idiosincratiche minime – che accompagnano ogni fase della relazione: dalle sperticate dichiarazioni d’amore alle promesse di un futuro diverso, passando attraverso i ripensamenti (guarda caso, sempre post-coitali) nonché i moniti, le precisazioni, le preoccupazioni, le giustificazioni, le gelosie, le autocommiserazioni, le fantasie poligame, le pietose o impietose descrizioni opportunistiche della legittima consorte e delle copule coniugali, le esaltazioni appassionate del polimorfo sesso extraconiugale, e infine, i finti abbandoni e le nuove epifanie. Qualunque sia la verità scientifica in proposito, a partire da oggi ogni donna possiede uno strumento indispensabile di difesa personale, perché il manuale del fedifrago non è più segreto: è qui, tra le vostre mani, sotto i vostri occhi, affinché vi possa essere di aiuto e conforto. Le mogli sapranno finalmente cosa raccontano i mariti alle amanti. Le amanti si accorgeranno di non essere sole, ma di subire insieme a migliaia di altre tapine un’ineluttabile logosfera comune. E infine, i fedifraghi dotati di intelligenza e umorismo potranno ridere di sé, ma forse chissà, talvolta anche riflettere.

Categoria: Novità

Editore: Ad est dell'equatore

Collana: Extras

Anno: 2015

ISBN: 9788895797588

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Il 24 giugno esce in libreria “Non avremmo mai dovuto di Francesca Bonafini e Caterina Falconi, un manuale per difendersi dai mariti fedifraghi, edito dalla casa editrice “Ad est dell’equatore”.

Le donne scopriranno un repertorio dell’inconscio collettivo sull’adulterio da cui è possibile difendersi, perché non è un fatto scientifico ma è comunque vero che da sempre gli uomini attingono a un manuale non scritto di scuse e bugie per nascondere la relazione clandestina e perpetrare l’amata poligamia. In questo prezioso formulario tutto maschile “brillano” enunciati standard come dichiarazioni d’amore esagerate, promesse di un futuro diverso, ripensamenti e richieste di perdono, giustificazioni, scene di gelosia, fantasie poligame, descrizioni opportunistiche, finti abbandoni e magiche apparizioni. Per ognuna di esse c’è un utile approfondimento con casistiche davvero divertenti.

Non avremmo mai dovuto – unico frasario semiserio del fedifrago italiano” è un tesoro prezioso per ogni donna, uno strumento efficace di difesa personale più violento e simpatico di qualsiasi arte marziale. Le mogli sapranno in che modo i loro mariti parlano alle amanti e queste ultime non si sentiranno più sole. Dal canto loro i mariti potranno trarre un utile insegnamento, guardandosi allo specchio e, soprattutto, cercando di sforzarsi per trovare scuse più originali.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 3 commenti )

Il frasario essenziale del fedifrago: la rassegna stampa | Francesca Bonafini

[…] I Libri: “Non avremmo mai dovuto – unico frasario semiserio del fedifrago italiano è un tesoro prezioso per ogni donna, uno strumento efficace di difesa personale più violento e simpatico di qualsiasi arte marziale.” (Alessandra Allegretti) […]

Il frasario essenziale del fedifrago: da oggi in libreria | Francesca Bonafini

[…] I Libri: “Non avremmo mai dovuto – unico frasario semiserio del fedifrago italiano è un tesoro prezioso per ogni donna, uno strumento efficace di difesa personale più violento e simpatico di qualsiasi arte marziale.” (Alessandra Allegretti) […]

È in arrivo il frasario essenziale del fedifrago: dal 24 giugno in libreria | Francesca Bonafini

[…] I Libri: “Non avremmo mai dovuto – unico frasario semiserio del fedifrago italiano è un tesoro prezioso per ogni donna, uno strumento efficace di difesa personale più violento e simpatico di qualsiasi arte marziale.” (Alessandra Allegretti) […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Falconi

Francesca,

Bonafini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bonafini Francesca, Falconi Caterina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Se c'è una parola che mi pervade l'animo quando penso a O, questa è pudore. Sarebbe troppo arduo motivarla. E quel vento che corre incessante, che attraversa tutte le stanze. Così soffia anche in O uno spirito, non saprei dir quale, sempre puro e violento, senza tregua, senza ombre. Uno spirito decisivo, che nulla può turbare, né i sospiri né gli onori, né l'estasi né la nausea. L'Histoire d'O, dall'inizio alla fine, procede come un'azione travolgente. Evoca un discorso più che una mera effusione; una lettera più che un diario intimo. Ma a chi è indirizzata la lettera? E chi vuole persuadere il discorso? A chi domandarlo? Non so neppure chi lei sia." (Jean Paulhan)

HISTOIRE D’O

Réage Pauline

Antonio Magnano, giovane seduttore catanese, non riesce a consumare il suo matrimonio con la bella ereditiera Barbara di cui è forse troppo innamorato. Nel clima di machismo che impera tra le due guerre lo scandalo scoppia rapidamente. Il più amaro e significativo romanzo di Vitaliano Brancati (1907-1954).

IL BELL’ANTONIO

Brancati Vitaliano

Ernesto Cervicati si è sempre occupato di zia Antonia. L'ha tenuta in casa finché lei - ormai anziana - non ha preferito trasferirsi nella Casa di Riposo di Bellano, un po' per non gravare troppo sul nipote, un po' per pudore. Antonio, fratello di Ernesto, della zia non ne ha mai voluto sapere, impegnato com'è con sua moglie Augusta, vogliosa e ossigenata. Finché un giorno Antonio non decide che è venuto il momento di occuparsi dell'anziana parente. Certo, non è ricca, ma si può sempre sperare in qualche briciola di eredità...

ZIA ANTONIA SAPEVA DI MENTA

Vitali Andrea

RICORDATEVI DI ME

Clark Mary Higgins