Narrativa

Non c’è dolcezza

Ibrahimi Anilda

Descrizione: Arlind non è ancora nato che già la vita si prende gioco di lui. Sua madre Lilla ha sognato che partorirà un'altra femmina, la quarta. Perciò ha promesso di darla in adozione alla cognata Eleni, che non può avere figli. Ma quando nascerà un maschio, Arlind, Lilla rinuncerà lo stesso a lui, perché in un villaggio albanese venir meno alla parola data attira la cattiva sorte. Arlind cresce con un profondo senso di smarrimento, che diventa a poco a poco dolore, e poi odio profondo. Unico punto di riferimento, il nonno Kristo che gli insegna "il discreto rumore del perdono". Nel frattempo un'onda travolge il mondo attorno a lui: il crollo dei regimi dell'Est. Cambia il mondo dei vivi, ma anche quello dei morti: e chi è stato creduto morto, si scopre essere vivo.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Coralli

Anno: 2012

ISBN: 9788806209117

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Un’amicizia che attraversa il tempo, un patto scellerato e un Paese nel pieno dei suoi cambiamenti politici e sociali.

Sono questi gli ingredienti del terzo romanzo della scrittrice albanese Anilda Ibrahimi, già autrice dei due libri di successo Rosso come una sposa (2008) e L’amore e gli stracci del tempo(2009), sempre editi da Einaudi.

Lila ed Eleni crescono insieme nel piccolo villaggio di Urta, nella campagna albanese. Condividono sogni e amori, come quello per il giovane Andrea, destinato però ad un’altra donna.

Dopo la partenza di Lila per la capitale, l’insegnamento in una scuola elementare, il matrimonio con Niko, il fratello di Andrea, e tre gravidanze, le loro esistenze prendono direzioni diverse. Eleni rimane infatti nel villaggio, aggrappata ai proprio sogni irrealizzati e con un occhio alla capitale, dove la sua amica sembra aver invece trovato la sua strada. Nonostante il matrimonio con Andrea, rimasto nel frattempo vedovo e ancora legato alla moglie perduta, Eleni non riesce a rimanere incinta.

Così Lila, in attesa di quella che lei crede essere la quarta femmina, decide – in uno slancio di generosità per l’amica di un tempo – di “donare” la propria bambina ad Eleni e al cognato Andrea.

Il giorno della nascita, però, Lila scopre che il nascituro è un bambino a cui darà il nome di Arlind. Nello stesso istante in cui il piccolo si attacca al seno di sua madre, qualcosa si spezza dentro Lila che scopre di non essere pronta a cedere il proprio bambino. Per tenere fede alla promessa fatta, la donna, dopo tre mesi in cui accudirà e allatterà il figlio, accompagnerà però Arlind ad Urta per consegnarlo ai suoi nuovi genitori.

La scelta di Lila rappresenterà per le donne la condanna ad una condivisione forzata, quella di Arlind, da cui Lila non riuscirà mai a staccarsi e di cui Eleni non si sentirà mai veramente madre.

Lila rimane vittima della sua stessa scelta, avventata e innaturale, privandosi di un figlio solo per tenere fede ad un patto senza senso. Eleni pagherà a caro prezzo il suo desiderio di maternità, accettando di accogliere tra le sue braccia il figlio dell’amica.

Quando si stacca dal figlio, Lila si guarda intorno impaurita. Allunga le mani e con gli occhi prega Eleni di ridarglielo indietro. Eleni la esaudisce, poggia delicatamente il bambino su quelle braccia scheletriche. Lila lo avvicina al viso e lo annusa sul collo, dietro l’orecchio, la nuca. Cerca di conservarne l’odore. Quando Eleni riprende il bambino, Lila si accascia a terra e alza le mani vuote verso il cielo […]. Le braccia di Lila non sono più la sua culla, d’ora in poi lei sarà solo una zia, una zia che vive nella capitale e che viene in visita come tutti gli zii del mondo. Arlind non dovrà sapere del suo dolore. Quel dolore che ora la sviscera […] Un filo che la lega al suo bambino, e alla vita […] Arlind si sveglia, piange. Eleni lo prende in braccio. Timida, amorevole. Lui cerca il seno. Lei lo allontana con dolcezza e gli offre il biberon pieno di latte. Lui lo rifiuta e tenta di attaccarsi al seno come ha sempre fatto.

Una trama decisamente “tagliente”: il passaggio di mani del bambino tra le due madri è qualcosa di tremendamente doloroso e crudele. Il pianto inconsolabile del bambino che cerca il seno di sua madre assente e la disperazione impotente di Eleni che prova, invano, a sostituirsi a Lila è straziante. L’autrice riesce, con poche e incisive righe, a dare forma al dramma che ha tutto il sapore di una tragedia classica, inevitabile, terrificante, maledetta. Il legame di sangue, insuperabile anche dall’affetto più profondo, diventa per due donne – per chi lo ha tradito e per chi lo ha ignorato – la condanna all’infelicità.

La scrittura, nel complesso, risulta ingenua e acerba, a tratti poco credibile. Dialoghi approssimativi e risvolti spesso retorici della trama.

Il libro riesce, se pur a fatica, a decollare, complice la forza degli argomenti trattati.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Anilda

Ibrahimi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ibrahimi Anilda

Le tre minestre che danno il titolo a questo libro rappresentano in realtà tre ministre, come Vitali ribattezza segretamente le zie che hanno accompagnato la sua infanzia: Cristina, ministro degli Interni, è preposta alle faccende domestiche e alla cucina; Colomba, ministro dell'Agricoltura, si occupa dell'orto e delle attività agricole di famiglia; Paola infine, ministro degli Esteri, è impegnata professionalmente fuori casa e cura le relazioni con vicini e parenti. Le zie circondano il ragazzino di un affetto "rustico ma profumato", dettato dal buon senso ma ancora pregno di superstizioni, retaggio di una cultura popolare di altri tempi. Siamo infatti in un'Italia di provincia, negli anni Sessanta, dove ancora si parla il dialetto e "la saggezza si esprime in assiomi che non ammettono repliche". Dal racconto autobiografico di Andrea Vitali emerge uno spaccato di vita vissuta e di costume di grande suggestione, delicatamente nostalgico e al contempo ironico. Un autentico tuffo nel passato al quale contribuisce anche il ricettario della tradizione locale che affonda le radici nel territorio, tra le sponde del lago di Como e le valli retrostanti.

Le tre minestre

Vitali Andrea

Roma, aprile del 1944. L'archeologo Filippo Cavalcanti è incaricato dal Ministero di recarsi a Bressanone per controllare gli imballaggi di un carico di opere d'arte destinate alla Germania. Arrivato sul luogo, l'ormai anziano professore conosce Quintino, un intraprendente ragazzo ischitano spedito al confino in Alto Adige. Vista la situazione incerta in cui versa il Paese e il pericolo che minaccia entrambi, i due decidono di scappare insieme per riportare le opere d'arte a Roma. In un avventuroso viaggio da nord a sud, i due uomini, dalla personalità molto diversa, e nonostante la distanza sociale che li separa, avranno modo di conoscersi da vicino e veder crescere pian piano la stima reciproca. Grazie alle capacità pratiche di Quintino e alla saggezza di Cavalcanti, riusciranno a superare indenni diversi ostacoli ma vivranno anche momenti difficili incontrando sulla strada partigiani, fascisti e nazisti, come pure contadini, monaci e gente comune, disposti ad aiutarli nell'impresa. Giunti finalmente a Roma, che nel frattempo è stata liberata, si rendono conto che i pericoli non sono finiti e decidono così di proseguire il viaggio per mettere in salvo il prezioso carico tra imprevisti e nuove avventure. Paesaggi insoliti, valli fiorite e boschi, risvegliati dall'arrivo di una strana primavera, fanno da sfondo a questa vicenda sul valore dell'amicizia.

Non esistono posti lontani

Faggiani Franco

Sempre più spesso a chi si occupa di discipline umanistiche in Italia viene chiesto: «A cosa serve?». Dietro questa domanda agisce una vera e propria rete di metafore economiche usate per rappresentare la sfera della cultura e della creazione intellettuale («giacimenti culturali», «offerta formativa», «spendibilità dei saperi», «crediti», «debiti» e cosí via). A fronte di tanta pervasività di immagini economiche, sta il fatto che la storia testimonia un’immagine della creazione intellettuale decisamente rovesciata rispetto a quella che si va affermando oggi. La civiltà infatti è prima di tutto una questione di pazienza: e anche la nostra si è sviluppata proprio in relazione al fatto che alla creazione culturale non si è chiesto immediatamente «a che cosa servisse». Se si vuole mantenere viva la presenza della cultura classica in Italia, però, è indispensabile un vero e proprio cambiamento di paradigma nell’insegnamento delle materie classiche nelle nostre scuole.

A che servono i Greci e i Romani?

Bettini Maurizio

New York City, 1926. I vetri dei grattacieli risplendono dei bagliori di mille feste animate da balli sfrenati a ritmo di charleston e dal tintinnio delle perle sui vestiti luccicanti. L'alcol scorre a fiumi nonostante i divieti e, a giudicare dall'effervescenza di Manhattan, il mondo sembra destinato a un futuro radioso. È qui che in seguito all'ennesima eccentricità viene spedita dai genitori l'irriverente Evie O'Neill, una ragazza dell'Ohio che non aspetta altro che tuffarsi tra le infinite possibilità offerte dalla metropoli. A ospitarla è lo zio Will, un professore, parente dei Fitzgerald, che dirige il Museo Americano del Folklore, delle Superstizioni e dell'Occulto, detto anche Musco del Brivido: un luogo magico dal fascino decadente, che custodisce nelle sue teche e tra i suoi bui corridoi le tracce del retroterra misterioso dell'America. Ma quando lo sfolgorio della città viene oscurato da una serie di delitti a sfondo esoterico, New York precipita in un vortice di paura ed Evie, che da subito assiste lo zio nella consulenza alla polizia, è chiamata a collaborare alle indagini, anche per quel suo dono di vedere il passato delle persone toccando un oggetto a loro appartenuto. Muovendosi tra fumosi jazz club e bassifondi urbani, scintillanti negozi e sale spettrali, la ragazza s'inoltrerà insieme a molti compagni di strada in un gorgo di eventi evocato dal passato, e che nel passato dovrà essere ricacciato, pena il sopravvento di un antico male oscuro.

La stella nera di New York

Bray Libba