Narrativa

Non c’è dolcezza

Ibrahimi Anilda

Descrizione: Arlind non è ancora nato che già la vita si prende gioco di lui. Sua madre Lilla ha sognato che partorirà un'altra femmina, la quarta. Perciò ha promesso di darla in adozione alla cognata Eleni, che non può avere figli. Ma quando nascerà un maschio, Arlind, Lilla rinuncerà lo stesso a lui, perché in un villaggio albanese venir meno alla parola data attira la cattiva sorte. Arlind cresce con un profondo senso di smarrimento, che diventa a poco a poco dolore, e poi odio profondo. Unico punto di riferimento, il nonno Kristo che gli insegna "il discreto rumore del perdono". Nel frattempo un'onda travolge il mondo attorno a lui: il crollo dei regimi dell'Est. Cambia il mondo dei vivi, ma anche quello dei morti: e chi è stato creduto morto, si scopre essere vivo.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Coralli

Anno: 2012

ISBN: 9788806209117

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Un’amicizia che attraversa il tempo, un patto scellerato e un Paese nel pieno dei suoi cambiamenti politici e sociali.

Sono questi gli ingredienti del terzo romanzo della scrittrice albanese Anilda Ibrahimi, già autrice dei due libri di successo Rosso come una sposa (2008) e L’amore e gli stracci del tempo(2009), sempre editi da Einaudi.

Lila ed Eleni crescono insieme nel piccolo villaggio di Urta, nella campagna albanese. Condividono sogni e amori, come quello per il giovane Andrea, destinato però ad un’altra donna.

Dopo la partenza di Lila per la capitale, l’insegnamento in una scuola elementare, il matrimonio con Niko, il fratello di Andrea, e tre gravidanze, le loro esistenze prendono direzioni diverse. Eleni rimane infatti nel villaggio, aggrappata ai proprio sogni irrealizzati e con un occhio alla capitale, dove la sua amica sembra aver invece trovato la sua strada. Nonostante il matrimonio con Andrea, rimasto nel frattempo vedovo e ancora legato alla moglie perduta, Eleni non riesce a rimanere incinta.

Così Lila, in attesa di quella che lei crede essere la quarta femmina, decide – in uno slancio di generosità per l’amica di un tempo – di “donare” la propria bambina ad Eleni e al cognato Andrea.

Il giorno della nascita, però, Lila scopre che il nascituro è un bambino a cui darà il nome di Arlind. Nello stesso istante in cui il piccolo si attacca al seno di sua madre, qualcosa si spezza dentro Lila che scopre di non essere pronta a cedere il proprio bambino. Per tenere fede alla promessa fatta, la donna, dopo tre mesi in cui accudirà e allatterà il figlio, accompagnerà però Arlind ad Urta per consegnarlo ai suoi nuovi genitori.

La scelta di Lila rappresenterà per le donne la condanna ad una condivisione forzata, quella di Arlind, da cui Lila non riuscirà mai a staccarsi e di cui Eleni non si sentirà mai veramente madre.

Lila rimane vittima della sua stessa scelta, avventata e innaturale, privandosi di un figlio solo per tenere fede ad un patto senza senso. Eleni pagherà a caro prezzo il suo desiderio di maternità, accettando di accogliere tra le sue braccia il figlio dell’amica.

Quando si stacca dal figlio, Lila si guarda intorno impaurita. Allunga le mani e con gli occhi prega Eleni di ridarglielo indietro. Eleni la esaudisce, poggia delicatamente il bambino su quelle braccia scheletriche. Lila lo avvicina al viso e lo annusa sul collo, dietro l’orecchio, la nuca. Cerca di conservarne l’odore. Quando Eleni riprende il bambino, Lila si accascia a terra e alza le mani vuote verso il cielo […]. Le braccia di Lila non sono più la sua culla, d’ora in poi lei sarà solo una zia, una zia che vive nella capitale e che viene in visita come tutti gli zii del mondo. Arlind non dovrà sapere del suo dolore. Quel dolore che ora la sviscera […] Un filo che la lega al suo bambino, e alla vita […] Arlind si sveglia, piange. Eleni lo prende in braccio. Timida, amorevole. Lui cerca il seno. Lei lo allontana con dolcezza e gli offre il biberon pieno di latte. Lui lo rifiuta e tenta di attaccarsi al seno come ha sempre fatto.

Una trama decisamente “tagliente”: il passaggio di mani del bambino tra le due madri è qualcosa di tremendamente doloroso e crudele. Il pianto inconsolabile del bambino che cerca il seno di sua madre assente e la disperazione impotente di Eleni che prova, invano, a sostituirsi a Lila è straziante. L’autrice riesce, con poche e incisive righe, a dare forma al dramma che ha tutto il sapore di una tragedia classica, inevitabile, terrificante, maledetta. Il legame di sangue, insuperabile anche dall’affetto più profondo, diventa per due donne – per chi lo ha tradito e per chi lo ha ignorato – la condanna all’infelicità.

La scrittura, nel complesso, risulta ingenua e acerba, a tratti poco credibile. Dialoghi approssimativi e risvolti spesso retorici della trama.

Il libro riesce, se pur a fatica, a decollare, complice la forza degli argomenti trattati.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Anilda

Ibrahimi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ibrahimi Anilda


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ascolta solo la mia voce e nient’altro. Presto inizierò il conto alla rovescia… Entrerai in casa. La vedrai. E non avrai paura. Si chiama Erik Maria Bark ed è l’ipnotista più famoso di Svezia. È a lui che si rivolge la polizia quando un testimone è sotto shock e non parla. Adesso c’è un paziente che ha bisogno di lui: Björn è l’unico a sapere cos’è successo veramente in casa sua, cosa è accaduto a sua moglie, Susanna, e quali siano le tracce che lui stesso ha inavvertitamente cancellato. Sa tutto, ma non riesce a ricordare. E Björn deve ricordare, in fretta. Perché Susanna è solo l’ultima vittima di un killer che sta terrorizzando Stoccolma e che presto colpirà di nuovo. Il killer osserva, assedia. Filma tutto e invia il video alla polizia, come per sfidare le forze dell’ordine. Poi entra in casa, insegue le vittime stanza dopo stanza, e uccide. Perché è la morte in persona, e ha la certezza di essere inafferrabile. Erik Maria Bark è l’unica persona in grado di scovare, nella mente di Björn, degli indizi che permettano di fermare la strage. Quello che Erik non sa è che durante l’ipnosi emergeranno dei dettagli che lo riguardano. Dettagli del suo passato. Dettagli incriminanti. Quello che Erik non sa è che l’unica persona che si fidava di lui, l’unico poliziotto capace di raccogliere la sfida del killer, non può più aiutarlo. Il poliziotto si chiama Joona Linna ed è scomparso nel nulla da un anno. È stato dichiarato morto dalle autorità. E l’ipnotista deve affrontare da solo l’orrore che si annida nella sua stessa mente.

Nella mente dell’ipnotista

Kepler Lars

Spesso considerata, con tono benevolo e sprezzante, "un reportage", il capolavoro della Serao ha la forza della verità che si fa letteratura, del rifiuto per quella "retorichetta a base di golfo e colline fiorite che serve per quella parte di pubblico che non vuole essere seccata con racconti di miserie". La sua denuncia resta, a un secolo di distanza, di straordinaria attualità: "Questo ventre di Napoli, se non lo conosce il governo, chi lo deve conoscere? A che sono buoni tutti questi impiegati alti e bassi, questo immenso ingranaggio burocratico che ci costa tanto?"

Il ventre di Napoli

Serao Matilde

E' un libro, un semplice libro antico. Ma custodisce un segreto. Un segreto che è stato scritto col sangue nel 1297, da innumerevoli scrivani coi capelli rossi e con gli occhi verdi, forse toccati dalla grazia divina, forse messaggeri del diavolo. Che è riapparso nel 1334, in una lettera vergata da un abate ormai troppo anziano per sopportare il peso di quel mistero. Che, nel corso del XVI secolo, ha illuminato la strada di un teologo, i sogni di un visionario e le parole di un genio. È un libro, un semplice libro antico. Ma sta per scatenare l'inferno. Perché quel libro dovrebbe trovarsi nella Biblioteca dei Morti, la sconfinata raccolta di volumi in cui è riportata la data di nascita e di morte di tutti gli uomini vissuti dall'VIII secolo in poi. E, dopo essere rimasto sepolto sotto la polvere della Storia per oltre settecento anni, adesso è riemerso ed è diventato un'ossessione per Will Piper, deciso a cancellare il dolore che la Biblioteca ha portato nella sua vita; per Henry Spence, che ha dedicato la sua esistenza alla soluzione dell'enigma e che ormai ha i giorni contati; per Malcolm Frazier, il capo della sicurezza della Biblioteca, determinato a uccidere pur d'impedire al mondo di conoscere la verità. Un'ossessione che inevitabilmente porta altro dolore, altri enigmi, altro sangue. È un libro, un semplice libro antico. Ma è il Libro delle Anime. E il suo segreto è il nostro destino.

IL LIBRO DELLE ANIME

Cooper Glenn

Lorenzo, padre Pizzarro, Quèlo, il Massone, Vulvia, Aniene e le memorabili interpretazioni di Tremonti, Venditti e Rutelli; queste e altre le voci, vecchie e nuove, di Corrado Guzzanti, raccolte in un unico volume animato da ironia corrosiva e raffinata comicità. Un viaggio satirico attraverso gli ultimi vent'anni di storia italiana, uno specchio del paese immerso nella crisi, un ritratto della sua classe dirigente e dei "mostri" che ne popolano l'apparente normalità, una riflessione sui vizi e i difetti degli italiani attraverso personaggi dall'irresistibile ironia. Una guida completa ai testi dei personaggi di Corrado Guzzanti che contiene il testo completo di "Aniene 2. Molto rigore per nulla" e il meglio delle battute storiche di uno degli attori di satira più amati in Italia.

PAROLA DI CORRADO

Guzzanti Corrado