Narrativa

NON CI SONO SOLO LE ARANCE

Winterson Jeanette

Descrizione: In una cittadina della provincia inglese, presso una famiglia bigotta che l'ha adottata, Jeanette vive la sua "diversità" che la spinge ad amare una coetanea senza alcuna malizia. Ma la gente si chiede: sfortunata vittima o creatura malvagia? Il primo romanzo della Winterson, al quale è stato assegnato il prestigioso premio letterario Whitebread Award.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Piccola Biblioteca Oscar

Anno: 1999

ISBN: 9788804466536

Trama

Le Vostre recensioni

La vicenda, una sorta di romanzo di formazione, percorre la storia della vita di una bambina,

Jaenette, omonima e alter ego dell’autrice, che viene adottata all’età di sette anni da una coppia di
evangelisti.
 
La ragazzina cresce e scopre l’amore, quello omosessuale, ed è costretta a viverlo come un peccato all’interno della comunità bigotta e fanaticamente religiosa frequentata dalla famiglia.
Il nucleo familiare viene delineato fin dalle prime righe. “Come quasi tutti ho vissuto a lungo con
mio padre e mia madre. A mio padre piaceva guardare la lotta, a mia madre piaceva farla.
 
Mentre ilpadre, che guarda in silenzio la TV, ha un ruolo pressoché nullo, la madre, soldato di Cristo, è una presenza ingombrante, ossessiva e paranoica.
Per evitare che la bambina venga “condotta alla perdizione”, viene mandata a scuola, il “Vivaio”, solo in un secondo momento, dopo che “un grosso plico di carta marrone piombò improvvisamentenella cassetta della posta”, e fino ad allora è la madre ad impartirle lezioni.
 
La donna vuole fare della figlia “assegnatale dal Signore” una missionaria, scambia la sua sordità per estasi mistica, pretende di “curare” la sua omosessualità con un esorcismo e pensa di poter ovviare a tutti i problemi di una Jaenette adolescente offrendole delle arance.
Il rapporto con la madre è prevedibilmente conflittuale ma, nonostante tutto, s’instaura tra le due una sorta di complicità e solidarietà femminile che porterà la protagonista a raccontarci di lei, fino alla fine della storia, con tenerezza e senza rancore.
 
Nel testo leggiamo spesso frasi del tipo “Non c’è nulla come le arance” o “E’ l’unica frutta buona” ma, lo vediamo già dal titolo, le arance, simbolo di omologazione, non sono l’unico frutto possibile.
La comunità non riuscirà a “purificare” Jaenette, si ribadisce più volte nel corso della storia che ci sono più modi di amare, non solo quello eterosessuale, e più modi di rapportarsi alla divinità, non unicamente la subordinazione cieca alle parole del pastore Spratt.
 
Ci sono tante forme di passione e di affetto; ci sono persone che vivono insieme tutta la vita senza neppure conoscere i loro nomi. […] L’amore romantico è stato stemperato in un’infinità di romanzi rosa e ha venduto milioni di copie. Da qualche parte esiste ancora l’originale, scritto su tavole di pietra.” Traspare un’idea di fiducia nell’amore assoluto che certamente esiste ma che non è palpabile e raggiungibile.
 
Il romanzo è suddiviso in otto parti, di cui le prime cinque portano il nome dei libri della Legge, che ci danno un input di quello che sarà il contenuto del capitolo. La narrazione è intervallata da fiabe che sono parallele alla vicenda, vi si agganciano tematicamente ed è possibile ricavarne, alla vecchia maniera, una morale.
 
La storia è narrata in forma davvero originale, anche se in un linguaggio semplice, e segue i dettami della letteratura postmoderna ma, credo, in base alla mia esperienza personale di lettrice, che non permetta appieno l’identificazione con il personaggio principale.

Punto di forza (o più grande neo, punti di vista) è che nonostante la profondità del tema trattato, risulta un libro leggero, anche da sfogliare in treno o alla fermata dell’autobus.

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jeanette

Winterson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Winterson Jeanette

È ancora una donna la protagonista del nuovo libro di Paolo Cognetti, un romanzo composto da nove racconti autonomi che la accompagnano lungo trent’anni di storia: dall’infanzia in una famiglia borghese apparentemente normale, ma percorsa da sotterranee tensioni, all’adolescenza tormentata da disturbi psicologici, alla liberatoria scoperta del sesso e della passione per il teatro, al momento della maturità e dei bilanci.

SOFIA SI VESTE SEMPRE DI NERO

Cognetti Paolo

Tutto ha inizio quando la protagonista regala ad un mendicante un diario al posto della solita moneta. E qui si apre l'universo di una ragazza che potrebbe essere definita una "giovane Werther del XXI secolo", ma molto innamorata della vita al punto da volerla afferrare nella sua pienezza. "L'uomo ha infinitamente bisogno dell'uomo". Questo è il messaggio forte che Meri ci vuole dare, ed è il messaggio che tutti dovrebbero avere bene in mente, senza finire per dividere ciò che va unito.

IL MENDICANTE DI PENSIERI

Nigro Meri

Un sacerdote assiste alla sanguinosa fine di un matrimonio: Lena, esile ma intimamente feroce, si fa sposare con l’inganno da Alberto, che è innamorato di un’altra donna, Eva. Dopo anni di umiliazioni, Alberto uccide Lena e corre da Eva. Il sacerdote sospetta qualcosa e segue i due amanti nel loro viaggio disperato di albergo in albergo, (la loro luna di miele), sperando di riuscire in qualche modo a salvarli. Ma i due, sempre più immersi in un rapporto morboso, sensuale e rovente, sono inseguiti dal fantasma di Lena. Un romanzo psicologico che racconta “il male che nasce in due anime buone”.

Luna di miele

Scerbanenco Giorgio

Delfina è una ragazza in coma a seguito di un incidente, chiusa in quello stato che i medici definiscono minimal responsive. Attorno a lei i personaggi che fanno parte della sua esistenza: la madre, donna ingombrante e perfezionista; un padre lontano, mite e un po' egoista; un fidanzato inconsistente che nasconde una colpa terribile; la fisioterapista; le amiche. Una girandola di amici e parenti che si affolla sul guscio apparentemente vuoto della protagonista e, nel bene e nel male, porta avanti la sua vita. Eppure ognuno di loro è prima di tutto a se stesso che parla, mettendo a nudo le meschinerie e le paure che stanno a fondamento di ogni relazione, in una rappresentazione della normalità che sconfina pericolosamente con il suo opposto, quella sottile e banale follia del quotidiano in cui è immersa la nostra vita. Fuori Delfina, un succedersi di storie e di colpi di scena. Dentro, l'inquieto vaneggiare di Delfina in attesa del risveglio. Ma se fosse proprio lei a non voler aprire gli occhi?

NUDA VITA

Frascati Daniela