Narrativa

NON CI SONO SOLO LE ARANCE

Winterson Jeanette

Descrizione: In una cittadina della provincia inglese, presso una famiglia bigotta che l'ha adottata, Jeanette vive la sua "diversità" che la spinge ad amare una coetanea senza alcuna malizia. Ma la gente si chiede: sfortunata vittima o creatura malvagia? Il primo romanzo della Winterson, al quale è stato assegnato il prestigioso premio letterario Whitebread Award.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Piccola Biblioteca Oscar

Anno: 1999

ISBN: 9788804466536

Trama

Le Vostre recensioni

La vicenda, una sorta di romanzo di formazione, percorre la storia della vita di una bambina,

Jaenette, omonima e alter ego dell’autrice, che viene adottata all’età di sette anni da una coppia di
evangelisti.
 
La ragazzina cresce e scopre l’amore, quello omosessuale, ed è costretta a viverlo come un peccato all’interno della comunità bigotta e fanaticamente religiosa frequentata dalla famiglia.
Il nucleo familiare viene delineato fin dalle prime righe. “Come quasi tutti ho vissuto a lungo con
mio padre e mia madre. A mio padre piaceva guardare la lotta, a mia madre piaceva farla.
 
Mentre ilpadre, che guarda in silenzio la TV, ha un ruolo pressoché nullo, la madre, soldato di Cristo, è una presenza ingombrante, ossessiva e paranoica.
Per evitare che la bambina venga “condotta alla perdizione”, viene mandata a scuola, il “Vivaio”, solo in un secondo momento, dopo che “un grosso plico di carta marrone piombò improvvisamentenella cassetta della posta”, e fino ad allora è la madre ad impartirle lezioni.
 
La donna vuole fare della figlia “assegnatale dal Signore” una missionaria, scambia la sua sordità per estasi mistica, pretende di “curare” la sua omosessualità con un esorcismo e pensa di poter ovviare a tutti i problemi di una Jaenette adolescente offrendole delle arance.
Il rapporto con la madre è prevedibilmente conflittuale ma, nonostante tutto, s’instaura tra le due una sorta di complicità e solidarietà femminile che porterà la protagonista a raccontarci di lei, fino alla fine della storia, con tenerezza e senza rancore.
 
Nel testo leggiamo spesso frasi del tipo “Non c’è nulla come le arance” o “E’ l’unica frutta buona” ma, lo vediamo già dal titolo, le arance, simbolo di omologazione, non sono l’unico frutto possibile.
La comunità non riuscirà a “purificare” Jaenette, si ribadisce più volte nel corso della storia che ci sono più modi di amare, non solo quello eterosessuale, e più modi di rapportarsi alla divinità, non unicamente la subordinazione cieca alle parole del pastore Spratt.
 
Ci sono tante forme di passione e di affetto; ci sono persone che vivono insieme tutta la vita senza neppure conoscere i loro nomi. […] L’amore romantico è stato stemperato in un’infinità di romanzi rosa e ha venduto milioni di copie. Da qualche parte esiste ancora l’originale, scritto su tavole di pietra.” Traspare un’idea di fiducia nell’amore assoluto che certamente esiste ma che non è palpabile e raggiungibile.
 
Il romanzo è suddiviso in otto parti, di cui le prime cinque portano il nome dei libri della Legge, che ci danno un input di quello che sarà il contenuto del capitolo. La narrazione è intervallata da fiabe che sono parallele alla vicenda, vi si agganciano tematicamente ed è possibile ricavarne, alla vecchia maniera, una morale.
 
La storia è narrata in forma davvero originale, anche se in un linguaggio semplice, e segue i dettami della letteratura postmoderna ma, credo, in base alla mia esperienza personale di lettrice, che non permetta appieno l’identificazione con il personaggio principale.

Punto di forza (o più grande neo, punti di vista) è che nonostante la profondità del tema trattato, risulta un libro leggero, anche da sfogliare in treno o alla fermata dell’autobus.

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jeanette

Winterson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Winterson Jeanette


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Franco Scelsit, cinquantenne, vizioso e appassionato di bolidi anni '60 (che compra e distrugge in bizzarre gare amatoriali) è convinto di essere uno scrittore di talento incompreso. Il riconosci-mento economico e letterario arriverà quando, sotto pseudonimo, comincerà a pubblicare thriller da autogrill, Potrebbe finalmente scappare da Milano, dalla madre rompiballe e dal fratello artista con cui vive, ma un infarto improvviso stravolge ogni piano. Da un ospedale di periferia Franco si ritrova a dover ripensare la propria vita. Con lui, un agguerrita gruppo di infartuati di diversa età ed estrazione con cui instaura un rapporto di cameratismo ed accettazione della condizione umana. Un romanzo egregiamente scritto per chi nella vita non riesce a sfondare, anche per cause "contingenti". Perché solo uno spirito illuminato sa scherzare sulla propria morte.

Grandi momenti

Krauspenhaar Franz

Un giorno, uno scrittore famoso scopre che la moglie, corrispondente di guerra, lo ha abbandonato senza lasciare traccia e senza alcuna spiegazione plausibile. Nonostante il successo e un nuovo amore, il pensiero dell'assenza della donna continua a tormentarlo e gli invade la mente fino a gettarlo in un totale smarrimento. E' stata rapita, ricattata, o semplicemente si è stancata del matrimonio? L'inquietudine che gli deriva è tanto forte quanto l'attrazione che lei continua a esercitare su di lui. La ricerca di lei - e del significato della propria vita - porta lo scrittore dalla Francia alla Spagna e alla Croazia, sino a raggiungere gli affascinanti paesaggi desolati dell'Asia Centrale. E ancora di più, lo allontana dalla sicurezza del suo mondo verso un cammino completamente sconosciuto, alla ricerca di un nuovo modo di intendere la natura dell'amore e il potere ineludibile del destino.

Lo Zahir

Coelho Paulo

Un incidente di macchina. Una giovane donna è stata investita. Eppure, ai medici appare subito evidente come le ferite che offendono quel corpo non possano essere dovute solo all’impatto contro il veicolo. Qualcuno, prima dell’incidente, deve averle inflitto sofferenze impensabili: una mente malata che forse, in quello stesso istante, sta scegliendo un terreno di caccia, una potenziale vittima, un nuovo corpo da seviziare. Starà all’agente speciale Will Trent, con l’aiuto del medico Sara Linton, scoprire l’atroce verità, nascosta in una camera degli orrori incuneata nel buio dei sotterranei della città...

GENESI

Slaughter Karin

New York, 1871. Nella casa delle vergini, dove Miss Everett provvede all'educazione di prostituire giovanissime, Moth cerca di sottrarre il proprio corpo e la propria anima al suo ineluttabile destino.

La casa delle vergini

McKay Ami