Narrativa

Non esistono posti lontani

Faggiani Franco

Descrizione: Roma, aprile del 1944. L'archeologo Filippo Cavalcanti è incaricato dal Ministero di recarsi a Bressanone per controllare gli imballaggi di un carico di opere d'arte destinate alla Germania. Arrivato sul luogo, l'ormai anziano professore conosce Quintino, un intraprendente ragazzo ischitano spedito al confino in Alto Adige. Vista la situazione incerta in cui versa il Paese e il pericolo che minaccia entrambi, i due decidono di scappare insieme per riportare le opere d'arte a Roma. In un avventuroso viaggio da nord a sud, i due uomini, dalla personalità molto diversa, e nonostante la distanza sociale che li separa, avranno modo di conoscersi da vicino e veder crescere pian piano la stima reciproca. Grazie alle capacità pratiche di Quintino e alla saggezza di Cavalcanti, riusciranno a superare indenni diversi ostacoli ma vivranno anche momenti difficili incontrando sulla strada partigiani, fascisti e nazisti, come pure contadini, monaci e gente comune, disposti ad aiutarli nell'impresa. Giunti finalmente a Roma, che nel frattempo è stata liberata, si rendono conto che i pericoli non sono finiti e decidono così di proseguire il viaggio per mettere in salvo il prezioso carico tra imprevisti e nuove avventure. Paesaggi insoliti, valli fiorite e boschi, risvegliati dall'arrivo di una strana primavera, fanno da sfondo a questa vicenda sul valore dell'amicizia.

Categoria: Narrativa

Editore: Fazi

Collana: Le strade

Anno: 2020

ISBN: 9788893257640

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Non esistono posti lontani

Franco Faggiani, giornalista, ha pubblicato La manutenzione dei sensi e Il guardiano della collina dei ciliegi. Ora torna alla narrativa con Non esistono posti lontani. Un libro molto raffinato e colto sull’amicizia, sui viaggi, sul mondo dell’arte e dell’archeologia.

Siamo a Roma nell’aprile del 1944 quando l’archeologo Filippo Cavalcanti viene mandato a Bressanone per controllare un carico di opere d’arte, in predicato d’essere trafugate in Germania. Siamo in pieno periodo bellico: i fascisti e i tedeschi sono quasi allo stremo, la povertà è ovunque. Giunto a Bressanone, l’archeologo fa la conoscenza di uno strano giovane: tale Quintino, “era poco più che un adolescente, con un’infanzia e una gioventù travagliate, nonostante il sostegno che gli aveva dato la marchesa.

Napoletano, poco acculturato, ma abile stratega, Quintino è abituato a sopravvivere. Tra i due, seppur così diversi e così lontani, nasce un’immediata simpatia, destinata a diventare una solida amicizia. Con notevole sprezzo del pericolo, i due – insieme – decidono di riportare le opere d’arte a Roma. Quintino “aveva progettato le cose perbene, con una certa visione strategica. Forse avrei dovuto nutrire un po’ più di fiducia verso di lui, anche se ogni sua prospettiva continuava a terrorizzarmi.

Inizia in questo modo un avventuroso e pericoloso viaggio lungo tutta la penisola, nella fase finale della guerra, tra fascisti, nazisti, partigiani, ma anche contadini, persone umili e affamate, preti e laici corrotti e non.

La vicenda è delicata e toccante, descritta con una prosa lieve eppur profonda, colta e particolareggiata. I personaggi sono descritti minuziosamente, ma il fulcro della narrazione è rappresentato dai paesaggi, descritti nella loro intima essenza e particolarità. Dunque, una storia di amicizia e di viaggi che colpisce il lettore nell’intimo per raffinatezza e sagacia letteraria. La lettura conduce ad amare sempre di più il nostro bel Paese.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Franco

Faggiani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Faggiani Franco

La testimonianza storica di un'esperienza unica e devastante, quale fu per l'esercito italiano la campagna di Russia, e insieme la storia autobiografica di un uomo che in quella prova lotta per non perdere la propria dignità.

Il sergente nella neve

Stern Mario Rigoni

Un figlio determinato a riuscire dove il padre ha fallito e pronto a tutto per annientare gli Shadowhunters...

Shadowhunters 5. Città delle anime perdute

Clare Cassandra

Città reali scomposte e trasformate in chiave onirica, e città simboliche e surreali che diventano archetipi moderni in un testo narrativo che raggiunge i vertici della poeticità.

Le città invisibili

Calvino Italo

Germania, 1943. Hans Heigel, ufficiale di complemento delle SS nella piccola cittadina di Osnabrück, non comprende né condivide l'aggressività con cui il suo Paese si è rialzato dalla prima guerra mondiale; eppure, il timore di ritorsioni sulla propria famiglia e la vita nel piccolo centro, lontana dagli orrori del fronte e dei campi di concentramento, l'hanno convinto a tenere per sé i suoi pensieri, sospingendolo verso una silenziosa convivenza anche con le politiche più aberranti del Reich. Più importante è occuparsi della moglie Ingrid e, soprattutto, dell'amatissima figlia Hanne. Fino a che punto un essere umano può, però, mettere da parte i propri valori per un grigio quieto vivere? Hans lo scopre quando la più terribile delle tragedie che possono capitare a un padre si abbatte su di lui, e contemporaneamente scopre di essere stato destinato al campo di sterminio di Sobibór. Chiudere gli occhi di fronte ai peccati terribili di cui la Germania si sta macchiando diventa d'un tratto impossibile... soprattutto quando tra i prigionieri destinati alle camere a gas incontra Leah, una bambina ebrea che somiglia come una goccia d'acqua a sua figlia Hanne. Fino a che punto un essere umano può spingersi pur di proteggere chi gli sta a cuore? Giorno dopo giorno, Hans si ritrova a escogitare sempre nuovi stratagemmi pur di strappare una prigioniera a un destino già segnato, ingannando i suoi commilitoni, prendendo decisioni terribili, destinate a perseguitarlo per sempre, rischiando la sua stessa vita... Tutto, pur di non perdere un'altra volta ciò che di più caro ha al mondo...

La bambina e il nazista

Forte Franco, Bonfiglioli Scilla