Narrativa

Non esistono posti lontani

Faggiani Franco

Descrizione: Roma, aprile del 1944. L'archeologo Filippo Cavalcanti è incaricato dal Ministero di recarsi a Bressanone per controllare gli imballaggi di un carico di opere d'arte destinate alla Germania. Arrivato sul luogo, l'ormai anziano professore conosce Quintino, un intraprendente ragazzo ischitano spedito al confino in Alto Adige. Vista la situazione incerta in cui versa il Paese e il pericolo che minaccia entrambi, i due decidono di scappare insieme per riportare le opere d'arte a Roma. In un avventuroso viaggio da nord a sud, i due uomini, dalla personalità molto diversa, e nonostante la distanza sociale che li separa, avranno modo di conoscersi da vicino e veder crescere pian piano la stima reciproca. Grazie alle capacità pratiche di Quintino e alla saggezza di Cavalcanti, riusciranno a superare indenni diversi ostacoli ma vivranno anche momenti difficili incontrando sulla strada partigiani, fascisti e nazisti, come pure contadini, monaci e gente comune, disposti ad aiutarli nell'impresa. Giunti finalmente a Roma, che nel frattempo è stata liberata, si rendono conto che i pericoli non sono finiti e decidono così di proseguire il viaggio per mettere in salvo il prezioso carico tra imprevisti e nuove avventure. Paesaggi insoliti, valli fiorite e boschi, risvegliati dall'arrivo di una strana primavera, fanno da sfondo a questa vicenda sul valore dell'amicizia.

Categoria: Narrativa

Editore: Fazi

Collana: Le strade

Anno: 2020

ISBN: 9788893257640

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Non esistono posti lontani

Franco Faggiani, giornalista, ha pubblicato La manutenzione dei sensi e Il guardiano della collina dei ciliegi. Ora torna alla narrativa con Non esistono posti lontani. Un libro molto raffinato e colto sull’amicizia, sui viaggi, sul mondo dell’arte e dell’archeologia.

Siamo a Roma nell’aprile del 1944 quando l’archeologo Filippo Cavalcanti viene mandato a Bressanone per controllare un carico di opere d’arte, in predicato d’essere trafugate in Germania. Siamo in pieno periodo bellico: i fascisti e i tedeschi sono quasi allo stremo, la povertà è ovunque. Giunto a Bressanone, l’archeologo fa la conoscenza di uno strano giovane: tale Quintino, “era poco più che un adolescente, con un’infanzia e una gioventù travagliate, nonostante il sostegno che gli aveva dato la marchesa.

Napoletano, poco acculturato, ma abile stratega, Quintino è abituato a sopravvivere. Tra i due, seppur così diversi e così lontani, nasce un’immediata simpatia, destinata a diventare una solida amicizia. Con notevole sprezzo del pericolo, i due – insieme – decidono di riportare le opere d’arte a Roma. Quintino “aveva progettato le cose perbene, con una certa visione strategica. Forse avrei dovuto nutrire un po’ più di fiducia verso di lui, anche se ogni sua prospettiva continuava a terrorizzarmi.

Inizia in questo modo un avventuroso e pericoloso viaggio lungo tutta la penisola, nella fase finale della guerra, tra fascisti, nazisti, partigiani, ma anche contadini, persone umili e affamate, preti e laici corrotti e non.

La vicenda è delicata e toccante, descritta con una prosa lieve eppur profonda, colta e particolareggiata. I personaggi sono descritti minuziosamente, ma il fulcro della narrazione è rappresentato dai paesaggi, descritti nella loro intima essenza e particolarità. Dunque, una storia di amicizia e di viaggi che colpisce il lettore nell’intimo per raffinatezza e sagacia letteraria. La lettura conduce ad amare sempre di più il nostro bel Paese.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Franco

Faggiani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Faggiani Franco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il diario del ritorno sul palco di un giovane musicista dopo un periodo di lontananza dai riflettori. Un diario sincero e fragile, scandito a ritmo di musica, di poche settimane destinate a segnare l'esistenza del protagonista. Poche settimane vissute fra la quotidianità di un lavoro qualunque, le serate in sala prove o in tour con i compagni di una vita e la ricerca di una stabilità emotiva. Costantemente in bilico fra le inquietudini di un passato in eterno ritorno e l'esigenza di un nuovo equilibrio e nuovi lampi di serenità. Un romanzo crudo e diretto, figlio del caos di questi anni senza identità.

SUONANDO PEZZI DI VETRO

Bonfanti Roberto

I quattro Re

Giancarlo Galletti

Walt è un povero orfano senza futuro nella St.Louis degli anni Venti, ma possiede un dono naturale, e trova qualcuno deciso a sfruttarlo. Maestro Yehudi, mezzo stregone e mezzo ciarlatano, è l'ebreo ungherese che in tanti anni di duro tirocinio gli insegnerà la meravigliosa arte di volare facendo di lui un'attrazione da circo. Nelle sue peregrinazioni il bambino volante si ritrova tra incursioni del Ku Klux Klan, storie di gangster, giocatori di baseball e, nella Chicago degli anni Trenta, finisce con l'aprire un locale destinato a diventare famoso, il Mr Vertigo. Finché un giorno Walt ritorna normale e smette di essere un fenomeno. Ed è allora che il destino si compie in tutta la sua grandezza: riconoscendo nella storia di Dizzie Dean, campione in declino che non sa smettere di giocare, la propria storia, Walt comprende che importante non è solo volare ma anche capire quando si deve tornare a terra e vivere con dignità la vita di ogni uomo, del più anonimo e banale degli uomini.

Mr Vertigo

Auster Paul

Londra. Un bambino dai capelli rossi è scomparso: il caso è su tutti i giornali, con tanto di dettagli macabri e orribili illazioni; la polizia è impotente; l'opinione pubblica è scossa. Frieda Klein, giovane psicanalista londinese, non potrebbe essere più lontana da tanto clamore. Il suo lavoro è già fin troppo intenso, con tutto il male di cui deve farsi carico esplorando la mente di persone turbate. La cronaca può aspettare. Finché arriva da lei un nuovo paziente, Alan. A quel punto, Frieda deve fare i conti con l'orrore della realtà più vera. Perché Alan, tormentato da inquietanti visioni, continua a vedere proprio il viso di un bambino dai capelli rossi...

IL PAZIENTE

French Nicci