Giallo - thriller - noir

Non rompere niente

Giaquinta Marilina

Descrizione: Una notte arriva al 113 una segnalazione di urla provenienti da una villa. Nel frattempo, nell'ospedale civico giunge un ferito grave, di cui si sconosce l'identità. Il commissario Ventura, un lupo solitario, spedito ad aspettare la pensione su una tranquilla isoletta di povere case ai piedi di un vulcano, si ritrova così a indagare su una storia dove il delitto non è ancora stato compiuto. Gran lettore, ironico, con un solido senso della legalità e della giustizia, poliziotto di naturale gentilezza, Ventura si ritrova incalzato da tutti i personaggi che animano il suo commissariato, ma soprattutto dall'inarrestabile Maria Isola Lo Faro, ostinata cinefila, «appuntata» con il sogno di passare alla giudiziaria. Ed è proprio l'appuntato Maria, con la sua lingua stramba, con il suo incessante e inarrestabile divagare, la sua imprevedibilità e conoscenza dei chiacchiericci dell'isola che aiuterà il commissario a venire a capo di una storia complicata di trame familiari.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Euno Edizioni

Collana:

Anno: 2020

ISBN: 9788868591779

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Marilina Giaquinta, Non rompere niente, Euno edizioni 2020.

Marilina Giaquinta, dirigente superiore della Polizia di Stato in pensione, scrive Non rompere niente, un giallo che stupisce non tanto per la storia narrata, ma per la prosa molto vivace e per l’impianto narrativo molto particolare. Il romanzo è scritto utilizzando un siciliano perfettamente comprensibile.

La storia è ambientato su di un’isola, mai nominata e della quale viene fornito un unico riferinento (è di fronte alla Sicilia), dove regna incontrastato il silenzio, un “posto dove non succede niente, dove il silenzio è profondo come uno sbadiglio! In quest’isola, c’è l’unico silenzio al mondo che face rumore: il rumore dei pensieri che acchianano in testa, come l’olio quando va a finire dentro l’acqua, bolle di pensieri, molecole di idee fisse che non si mischiano, che non affondano e non si confondono.

Qui approda Anastasio Ventura, commissario, un uomo speciale, che si distingue, amante della solitudine e della pace, lettore vorace e compulsivo, misterioso, che “non aveva mai voluto essere al passato con quei tempi, aveva sempre rivendicato i suoi tempi, a volte esasperanti e lenti, a volte troppo veloci, a volte sospesi, a volte persi.”

Lo affianca Maria lo Faro, detta Isola, una donna esuberante, molto verace, procace ed estrosa. Insieme devono occuparsi di una strana indagine che riguarda una villa sperduta, abitata da una donna strana: lì in passato ci sono stati scandali e strani eventi. Si sono sentite grida provenienti da quel luogo intriso di mistero. Che cosa è accaduto veramente? Qual è il confine tra diceria e realtà? E tra la follia e l’amore?

La storia è torbida e sanguinosa,  il male e la tragedia sono protagonisti assoluti. La lettura non è del tutto semplice, per il linguaggio usato, ma risulta curiosa e intrigante. La vicenda è percorsa dal non detto, da un mistero che si percepisce, ma non si comprende mai del tutto. In definitiva è una lettura diversa, particolare, che stupisce.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marilina

Giaquinta

Libri dallo stesso autore

Intervista a Giaquinta Marilina

Nella Germania della Seconda guerra mondiale, quando ogni cosa è in rovina, una bambina di nove anni, Liesel, inizia la sua carriera di ladra. All'inizio è la fame a spingerla, e il suo bottino consiste in qualche mela, ma poi il vero, prezioso oggetto dei suoi furti sono i libri. Perché rubarli significa salvarli, e soprattutto salvare se stessa. Liesel infatti sta fuggendo dalle rovine della sua casa e della sua famiglia, accompagnata dal fratellino più piccolo e diretta al paese vicino a Monaco dove l'aspetta la famiglia che li ha adottati. Nell'inverno gelido e bianco di neve, il bambino non ce la fa, ed è proprio vicino alla sua tomba che lei trova il primo libro. Il secondo, invece, lo salva dal fuoco di uno dei tanti roghi accesi dai nazisti. Col passare del tempo il numero dei libri cresce e le parole diventano compagne di viaggio, ciascuna testimone di eventi terribili ai quali la bambina sopravvive, protetta da quei suoi immortali, straordinari, amorevoli angeli custodi.

Storia di una ladra di libri

Zusak Markus

1944. In un’Italia spaccata in due, in mano per metà alle forze alleate e per l’altra metà all’oppressione nazifascista, ci si arrabatta per portare a casa la pelle. E Orvieto, dichiarata città aperta per preservare la ricchezza del suo patrimonio artistico, si trova malgrado ciò a fronteggiare la furia distruttrice dei bombardamenti che ne dilaniano il territorio, arrivando a sfiorare l’altissima rupe di tufo. Ma per quale ragione, in una di quelle terribili notti di guerra, qualcuno decide di sfidare il coprifuoco aggirandosi tremante fra lapidi e croci? Cosa sotterra di così prezioso da rischiare la vita mentre dal cielo imperversa una pioggia fatale di spezzoni incendiari? E come mai, a distanza di più di sessant’anni, quel vecchio episodio sconosciuto torna a incidere sulla piccola comunità orvietana di cui la libraia Matilde Ferraris è entrata stabilmente a far parte?

LA LIBRAIA DI ORVIETO. L’ULTIMA EREDITA’

Pattavina Valentina

Mandragola

Machiavelli Niccolò

Cosa si prova a essere improvvisamente trasformati in uno specchio da una strana luce viola e ritrovarsi su un pianeta di una galassia lontana anni luce, di nome Catorcia, luogo in cui finiscono tutti gli oggetti che agli Umani non servono più ma che vogliono sfuggire alla discarica? E come combattere per salvare l’esistenza stessa di Catorcia, del mondo e dell’universo intero, dai piani malefici di Yvonne, un essere terribile che è concentrato di mille malvagità, di MorteaCredito, un enorme cannone reduce da infinite battaglie, e di una misteriosa banconota fuori corso? Sono loro tre, infatti, i capi dei terribili Ravanosi, gli umani che raccolgono gli oggetti usati per esporli nei mercatini delle pulci. Sarà Nico, una ragazza di dodici anni che vive con la nonna e i suoi 1748 specchi, ad affrontare questi temibili nemici; nella lotta, però, non sarà sola. Potrà contare infatti sull’aiuto di Abelardo, un vecchio frigo panciuto, dei Gialli e dei Rossi, quarantanove cartellini di quelli usati dagli arbitri per ammonire o espellere i giocatori durante le partite di calcio, di un Mattone, ma anche di Gualtiero, un wc a cui si “affezionerà molto”. Ognuno si dimostrerà un compagno pieno di sorprese e risorse inaspettate; ma soprattutto sarà prezioso il Dono di Nico, una qualità particolare e unica che ha acquisito a Catorcia e che le resterà per sempre.

ODORE DI GUAI

Tomatis Marco