Giallo - thriller - noir

Non rompere niente

Giaquinta Marilina

Descrizione: Una notte arriva al 113 una segnalazione di urla provenienti da una villa. Nel frattempo, nell'ospedale civico giunge un ferito grave, di cui si sconosce l'identità. Il commissario Ventura, un lupo solitario, spedito ad aspettare la pensione su una tranquilla isoletta di povere case ai piedi di un vulcano, si ritrova così a indagare su una storia dove il delitto non è ancora stato compiuto. Gran lettore, ironico, con un solido senso della legalità e della giustizia, poliziotto di naturale gentilezza, Ventura si ritrova incalzato da tutti i personaggi che animano il suo commissariato, ma soprattutto dall'inarrestabile Maria Isola Lo Faro, ostinata cinefila, «appuntata» con il sogno di passare alla giudiziaria. Ed è proprio l'appuntato Maria, con la sua lingua stramba, con il suo incessante e inarrestabile divagare, la sua imprevedibilità e conoscenza dei chiacchiericci dell'isola che aiuterà il commissario a venire a capo di una storia complicata di trame familiari.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Euno Edizioni

Collana:

Anno: 2020

ISBN: 9788868591779

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Marilina Giaquinta, Non rompere niente, Euno edizioni 2020.

Marilina Giaquinta, dirigente superiore della Polizia di Stato in pensione, scrive Non rompere niente, un giallo che stupisce non tanto per la storia narrata, ma per la prosa molto vivace e per l’impianto narrativo molto particolare. Il romanzo è scritto utilizzando un siciliano perfettamente comprensibile.

La storia è ambientato su di un’isola, mai nominata e della quale viene fornito un unico riferinento (è di fronte alla Sicilia), dove regna incontrastato il silenzio, un “posto dove non succede niente, dove il silenzio è profondo come uno sbadiglio! In quest’isola, c’è l’unico silenzio al mondo che face rumore: il rumore dei pensieri che acchianano in testa, come l’olio quando va a finire dentro l’acqua, bolle di pensieri, molecole di idee fisse che non si mischiano, che non affondano e non si confondono.

Qui approda Anastasio Ventura, commissario, un uomo speciale, che si distingue, amante della solitudine e della pace, lettore vorace e compulsivo, misterioso, che “non aveva mai voluto essere al passato con quei tempi, aveva sempre rivendicato i suoi tempi, a volte esasperanti e lenti, a volte troppo veloci, a volte sospesi, a volte persi.”

Lo affianca Maria lo Faro, detta Isola, una donna esuberante, molto verace, procace ed estrosa. Insieme devono occuparsi di una strana indagine che riguarda una villa sperduta, abitata da una donna strana: lì in passato ci sono stati scandali e strani eventi. Si sono sentite grida provenienti da quel luogo intriso di mistero. Che cosa è accaduto veramente? Qual è il confine tra diceria e realtà? E tra la follia e l’amore?

La storia è torbida e sanguinosa,  il male e la tragedia sono protagonisti assoluti. La lettura non è del tutto semplice, per il linguaggio usato, ma risulta curiosa e intrigante. La vicenda è percorsa dal non detto, da un mistero che si percepisce, ma non si comprende mai del tutto. In definitiva è una lettura diversa, particolare, che stupisce.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marilina

Giaquinta

Libri dallo stesso autore

Intervista a Giaquinta Marilina

La prima raccolta di poesie di Sara Mancini

Questa sono io

Mancini Sara

La i-settimana dedicata a Pasolini

Thomas Lourdes, linguista di fama mondiale, si reca ad Alessandria d’Egitto per esaminare un’antichissima campana, sulla quale sono incise delle scritte in una lingua sconosciuta. Alla frustrazione di non riuscire a decifrare quel testo misterioso, però, ben presto si aggiunge la certezza di essere diventato l’obiettivo di un’organizzazione disposta a tutto pur di impossessarsi dello straordinario reperto archeologico. Perché quella campana è uno strumento di volontà divina…

IL CODICE ATLANTIDE

Brokav Charles

Giorgio Faletti si accomiata dai suoi lettori con la sua opera più bella, originale e dolente. Una favola morale, che accompagna il lettore attraverso le piccole, meschine, ignoranti bassezze degli uomini, sino a comprendere, attraverso il più innocente e semplice degli sguardi, il senso profondo delle cose. Del loro ruolo. E della fine. Seguiamo una piuma mentre traccia il suo invisibile sanscrito nel cielo, la vediamo posarsi sul tavolo dove il Re e il Generale tracciano i piani per la battaglia per la conquista di Mezzo Mondo, noncuranti di chi poi dovrà combatterla; ascoltiamo insieme a lei i tentativi del Curato di intercedere a favore dei contadini con il Cardinale privo di fede; attratti da una dissonante melodia volteggiamo dentro al Teatro, per assistere allo spettacolo meraviglioso e crudele della Ballerina dal cuore spezzato: il nostro volo ci porterà a conoscere altri, sventurati personaggi finché la piuma non incontrerà lo sguardo dell'unico che saprà capire quello che nessuno prima aveva compreso.

La piuma

Faletti Giorgio