Narrativa

NON TUTTI I BASTARDI SONO DI VIENNA

Molesini Andrea

Descrizione: «Maggiore, la guerra è assassinio, sempre... voi ora volete solo dare un esempio: uccidere dei signori non è come uccidere dei contadini! Negando la grazia voi contribuite... sto dicendo voi, barone von Feilitzsch, perché qui ci siete voi... contribuite a distruggere la civiltà di cui voi ed io... e questo ragazzo... facciamo parte, e la civiltà è più importante del destino degli stessi Asburgo, o dei Savoia». Orgoglio, patriottismo, odio, amore: passioni pure e antiche si mescolano e si scontrano tra loro, intorbidate più che raffrenate dal senso, anch’esso antico, di reticenza e onore. Villa Spada, dimora signorile di un paesino a pochi chilometri dal Piave, nei giorni compresi tra il 9 novembre 1917 e il 30 ottobre 1918: siamo nell’area geografica e nell’arco temporale della disfatta di Caporetto e della conquista austriaca. Nella villa vivono i signori: il nonno Guglielmo Spada, un originale, e la nonna Nancy, colta e ardita; la zia Maria, che tiene in pugno l’andamento della casa; il giovane Paolo, diciassettenne, orfano, nel pieno dei furori dell’età; la giovane Giulia, procace e un po’ folle, con la sua chioma fiammeggiante. E si muove in faccende la servitù: la cuoca Teresa, dura come legno di bosso e di saggezza stagionata; la figlia stolta Loretta, e il gigantesco custode Renato, da poco venuto alla villa. La storia, che il giovane Paolo racconta, inizia con l’insediamento nella grande casa del comando militare nemico. Un crudo episodio di violenza su fanciulle contadine e di dileggio del parroco del villaggio, accende il desiderio di rivalsa. Un conflitto in cui tutto si perde, una cospirazione patriottica in cui si insinua lo scontro di psicologie, reso degno o misero dall’impossibilità di perdonare, e di separare amore e odio, rispetto e vittoria. E resta un senso di basso orizzonte, una claustrofobia, che persiste ironicamente nel contrasto con lo spazio immenso delle operazioni di guerra.

Categoria: Narrativa

Editore: Sellerio

Collana: La memoria

Anno: 2010

ISBN: 9788838925009

Trama

Le Vostre recensioni

Un caso ove dietro a un titolo che un po’ spiazza, anche se è sicuramente di richiamo, sta un gran bel romanzo. La stessa sensazione che ho provato, ad esempio, con il film “E’ simpatico … ma gli romperei il muso”: titolo da “spaghetti western” per un bel film drammatico di Sautet del 1972, ove l’interpretazione di Yves Montand & c. e l’estetica delle scene sull’isola di Noirmoutier sorprendono lo spettatore.

“Non tutti i bastardi sono di Vienna” è la frase che pronuncia Don Lorenzo, il parroco, quando … Scena sorprendente, connessione originale, merita di non essere svelata!

E veniamo al romanzo: impegnativo e ben documentato, garantisce al lettore la soddisfazione consapevole che procurano i piaceri più elaborati e non immediati. Ambientato durante la prima guerra mondiale, nel periodo tra la disfatta di Caporetto e la piena del Piave, si svolge in gran parte a Villa Spada ove una famiglia di buon lignaggio subisce l’occupazione degli invasori “magnaverze” dell’aquila bicipite.

La narrazione è affidata al nipote Paolo, orfano che – da giovane “di primo pelo” – vive gli eventi tragici dell’occupazione e un rapporto intenso con gli altri abitanti della villa, tutti ben caratterizzati: la nonna matriarca, la zia amante dei cavalli, il bizzarro nonno anticlericale e anticonformista, che si occupa anche dell’iniziazione erotica del nipote in un bordello. Intorno al nucleo familiare si muovono altri personaggi: il guardiano Renato, la procace Giulia, la cuoca Teresa e sua figlia Loretta. La famiglia è dedita a una forma di spionaggio artigianale, fatto di segnalazioni prodotte con il linguaggio delle imposte aperte o chiuse. Destinatario dei messaggi “degli scuri” è Brian, aviatore inglese: sorvola la zona con il suo velivolo che reca un martin pescatore sulla fusoliera e sarà causa della ritorsione austriaca nei confronti di Renato, di Paolo e di suo nonno.

In molte pagine ho rivissuto l’atmosfera neorealista (traslata quanto all’epoca dei fatti narrati: prima guerra mondiale, anziché seconda) di certi romanzi di Vittorini e Fenoglio e, forse, anche di Hemingway. Sto parlando delle pagine che condensano il sapore della guerra (che sa “di sterco secco, di cuoio fetido e di ferro”) o che esalano odore bellico (“Nelle strade c’era puzza di legno marcio, di sudore, di uomini, di muli … e c’era puzza di sangue rappreso nelle bende ….” “C’era odore di fenolo e il vento sapeva di carne bruciata”). Neorealistiche sono anche certe descrizioni dei fatti: i reiterati stupri, le impiccagioni e le vendette, la fusione delle campane per ricavarne armi, la progressiva scomparsa degli animali dalle strade (cani, gatti e topi finiscono arrostiti a tamponare la fame dilagante). Neoveristi sono i dialoghi in dialetto veneto e la parlata del popolani.

Fa da sfondo alla terza parte del romanzo la piena del Piave. Mentre la natura dei luoghi si allea agli italiani, la guerra – emettendo il canto del cigno – sferra le sue ultime bordate: travolge vite e affetti, la violenza esplode e di essa fa esperienza, in prima persona, anche Paolo, che tocca con mano l’orrore del conflitto e i meccanismi dell’odio. E’ a questo punto che le esecuzioni assumono la potenza scenica, e forse mi ripeto, della cinematografia “in bianco e nero” neorealista di film come “Roma città aperta” …

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Molesini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Molesini Andrea

Carlotta Cordelli - detta "la Gnoccolona", classe 1984, discendenza fieramente partenopea e borghese, ambizioni dichiaratamente filosofico-letterarie, un magma di pensieri onirico e torrenziale - sente di non essere adatta alla vita, ma non per questo rinuncia a vivere. Si sente brutta e sgraziata, ed è alla ricerca di "bellezza e amore" fino alle estreme conseguenze e fino al paradossale desiderio di essere molestata da un uomo. In un flusso di ricordi tumultuoso, Carlotta porta alla luce episodi che hanno segnato la sua esistenza: le suore cattive alle elementari, il sabato pomeriggio in discoteca, la sigaretta fumata di nascosto con l'amica nella villa di Porto Ercole, la vacanza ad Amsterdam e lo sballo con i funghi allucinogeni, la perdita della verginità in un'auto scomodissima con un ragazzo più grande, l'avventurosa gita scolastica ad Atene...

LA PANZANELLA

Villoresi Giulia

Vic Gamalero è un ragazzo nevrotico e geniale: ossessionato dal denaro, incapace di distinguere la linea che separa la gratuità dell'affetto dalla pervasiva presenza dei soldi, se ne fa prestare continuamente da genitori, amici, fidanzate, sconosciuti, provando ogni volta qualcosa di simile al sentimento amoroso. Imbastisce menzogne di ogni genere, inventa e veste molteplici identità (si improvvisa giornalista e impresario teatrale, si spaccia per architetto e consulente d'impresa), nessuna delle quali pare essere definitiva; nel frattempo, la sua natura camaleontica e la sua stupefacente capacità di entrare nelle vite degli altri lo portano a contatto con persone di ogni tipo: disadattati, miliardari, attori precari, recuperatrici di credito, giovani di buona famiglia, eroine del volontariato. Fino a quando, tra truffe e debiti accumulati in modo sempre più disordinato, Vic si ritroverà sull'orlo del baratro. Scritto con una lingua rapida e avvincente, tra dialoghi battenti, scene indimenticabili e squarci di pura comicità, “Il mio impero è nell'aria” è il ritratto di un formidabile antieroe italiano del terzo millennio: cattolico, borghese ma sempre ai margini della convivenza civile, il suo rapporto patologico col denaro lo conduce nelle viscere di un paese che proprio del denaro - il suo desiderio, la sua cronica mancanza o la sua scandalosa abbondanza - sembra aver fatto una malattia inguaribile.

IL MIO IMPERO E’ NELL’ARIA

Ricuperati Gianluigi

Pedro Páramo è un'opera al meno. È il lavoro della sottrazione continua.Una narrazione senza le astuzie del romanzo.Un brano di Storia senza date e senza eroi.Un tempo immobile.Una metafisica senza mondo. E anche per questo sta, come un sentiero di crinale, alla svolta della narrativa ispanoamericana del Novecento.

PEDRO PARAMO

Rulfo Juan

Il male non dimentica

Costantini Roberto