Letteratura giapponese

Norwegian Wood. Tokyo blues

Murakami Haruki

Descrizione: Uno dei più clamorosi successi letterari giapponesi di tutti i tempi è anche il libro più intimo, introspettivo di Murakami, che qui si stacca dalle atmosfere oniriche e surreali che lo hanno reso famoso, per esplorare il mondo in ombra dei sentimenti e della solitudine. Norwegian Wood è anche un grande romanzo sull'adolescenza, sul conflitto tra il desiderio di essere integrati nel mondo degli "altri" per entrare vittoriosi nella vita adulta e il bisogno irrinunciabile di essere se stessi, costi quel costi. Come il giovane Holden, Toru è continuamente assalito dal dubbio di aver sbagliato o poter sbagliare nelle sue scelte di vita e di amore, ma è anche guidato da un ostinato e personale senso della morale e da un'istintiva avversione per tutto ciò che sa di finto e costruito. Diviso tra due ragazze, Naoko e Midori, che lo attirano entrambe con forza irresistibile, Toru non può fare altro che decidere. O aspettare che la vita (e la morte) decidano per lui.

Categoria: Letteratura giapponese

Editore: Einaudi

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788806225513

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Norwegian Wood” alias “Tokyo blues” è l’opera nella quale Haruki Murakami riproduce le atmosfere del ’68 studentesco giapponese (“Durante le vacanze estive l’università chiese l’intervento della polizia, che buttò giù le barricate e arrestò gli studenti che si erano asserragliati all’interno”), calandole su protagonisti diciottenni e universitari.

Toru Watanabe forma un trio con Naoko e Kizuki: questi ultimi sono tra loro legati da una relazione sentimentale (“Per noi tu significavi il legame che ci metteva in rapporto col mondo esterno”) che si interrompe per l’improvviso suicidio di Kizuki. Il trio patisce sotterranee inquietudini (“Era la storia del pozzo… in quel buco si annida il buio, un buio così fitto che sembra concentrare tutte le varietà di tenebra che esistono nel mondo”) che in Naoko si manifestano con segnali (“Non riesco a parlare molto bene – disse Naoko – Ho questo problema già da un po’ di tempo”) e sintomi come il sonnambulismo (“Ma chi era allora la Naoko della notte scorsa?”). Dopo il lutto, destinato a segnare profondamente la già provata psiche di Naoko (“Naoko mi raccontò della sorella morta”), Toru intensifica la frequentazione della ragazza (“E quando veniva la domenica passavo la giornata con la ragazza del mio amico morto”). Il rapporto culmina in un incontro d’amore nel giorno del compleanno e, nell’occasione, Naoko manifesta il suo disagio che la porta ad allontanarsi da Toru. Questi intercala la vita universitaria al lavoro in un negozio di dischi. L’amicizia con il compagno gaudente Nagasawa consente a Toru di sperimentare una pluralità di rapporti sessuali per lo più insoddisfacenti. Intanto Naoko si rifà viva e propone all’innamorato un incontro nel centro terapeutico di Kyoto (“Ma è il fatto stesso di stare in terapia da diversi mesi, come è il mio caso, che fa diventare analitici, lo si voglia o no”) ove la ragazza vive a stretto contatto con la chitarrista Reiko (“Abbiamo questa regola: ogni volta che richiedo Norwegian wood devo mettere cento yen qui dentro – spiegò Naoko – Lo faccio per questa canzone, perché è la mia preferita. Più che una richiesta è una preghiera”) e ove si sperimenta una nuova formula di terapia che privilegia la vita comunitaria e il contatto con la natura e con gli animali.

I due ragazzi rimangono in contatto epistolare. Nel frattempo Toru conosce e frequenta Midori, una ragazza esuberante e sessualmente disinibita. Toru si trova dinnanzi a un bivio: da Kyoto giungono tragiche notizie (“Verso la metà di giugno arrivò una lettera di Reiko”) e Reiko raggiunge Toru dopo che questi, schiacciato dagli eventi (“E io ero completamente solo. Naoko, Midori, Nagasawa, tutti per un motivo o per l’altro si erano allontanati da me”), ha trascorso alcuni mesi da vagabondo.

Impregnato del clima sessantottino, più per le affermazioni della libertà sessuale e per il sottofondo musicale (“La foto dell’iceberg rimase alla parete ancora per un po’ di tempo, ma infine un giorno la staccai e al suo posto misi delle foto di Jim Morrison e Miles Davis”) o culturale (“A scrivere che non bisogna fidarsi delle persone che dicono di essere comuni non era stato il tuo amato Francis Scott Fitzgerald?”) che per le istanze rivoluzionarie (“Pensai che il vero nemico di questa gente non era il potere del governo ma la loro mancanza di immaginazione”), il romanzo propone con potenza drammaturgica i temi della difficoltà esistenziale (“E mi chiedo dove siamo andati a finire noi due. Come è potuto succedere?”) e della scelta (“Ti difenderei dal buio e dai brutti sogni, e quando stai male potrei abbracciarti come fa Reiko”), dell’incapacità di vivere (“Come sarebbero andate le cose… Io normale, tu normale – come d’altra parte sei sempre stato – e se Kizuki non fosse esistito”) e della morte (“La morte non è l’opposto della vita, ma una sua parte integrante”) con impatti emotivi ben visibili (“A ogni stagione la distanza che mi separava dai morti aumentava. Kizuki aveva diciassette anni, Naoko ventuno. Per l’eternità”) rispetto agli stilemi più compassati di molta letteratura giapponese.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Haruki

Murakami

Libri dallo stesso autore

Intervista a Murakami Haruki


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Altissime, insuperabili montagne di liscia pietra cingono d'ogni lato il paesino di K. e la Valle delle Montagne Chiuse in cui esso si trova. Al di là di esse non c'è mondo né vita. È questo ciò che ha sempre sentito ripetere Basin, un ragazzino la cui storia sarà al centro delle vicende narrate. Chiuso dal padre nella casa di Cardelio, sommo Maestro delle "Lettere d'eleganza", lo vedremo impegnato nel lungo, disorientante e ipnotico cammino per divenirne il successore. Nel paesino c'è un'unica osteria. E si mormora che lì, ogni notte, si riuniscano certi misteriosi vegliardi dall'incredibile, ottima salute. E che proprio di questo ogni notte fantastichino: spazi senza fine al di là degli insormontabili bastioni. Si dice anche che a volte, seduti attorno al grande camino, pronuncino in un soffio il nome, proibitissimo, delle mitiche Terre Rosse e quello, addirittura blasfemo, del Capitano di Bastur...

Alvigini vince il premio Città di Como 2019

Alvigini Claudio

Fabio ha sei anni, due genitori e una decina di nonni. Sì, perché è l'unico bimbo della famiglia Mancini, e i tanti fratelli del suo vero nonno - uomini impetuosi e pericolosamente eccentrici - se lo contendono per trascinarlo nelle loro mille imprese, tra caccia, pesca e altre attività assai poco fanciullesche. Così Fabio cresce senza frequentare i suoi coetanei, e il primo giorno di scuola sarà per lui un concentrato di sorprese sconvolgenti: è incredibile, ma nel mondo esistono altri bambini della sua età, che hanno tanti amici e pochissimi nonni, e si divertono tra loro con giochi misteriosi dai nomi assurdi - nascondino, rubabandiera, moscacieca. Ma la scoperta più allarmante è che sulla sua famiglia grava una terribile maledizione: tutti i maschi che arrivano a quarant'anni senza sposarsi impazziscono. I suoi tanti nonni strambi sono lì a testimoniarlo. Per fortuna accanto a lui c'è anche un padre affettuoso, che non parla mai ma con le mani sa aggiustare le cose rotte del mondo. E poi la mamma, intenzionata a proteggere Fabio dalle delusioni della vita, una nonna che comanda tutti e una ragazzina molto saggia che va in giro travestita da coccinella. Una famiglia caotica e gigantesca che pare invincibile, finché qualcosa di totalmente inatteso la travolge. Giorno dopo giorno, dalle scuole elementari fino alle medie, il protagonista cerca di crescere nel precario equilibrio tra un mondo privato pieno di avventure e smisurato come l'immaginazione, e il mondo là fuori, stretto da troppe regole e dominato dalla legge del più forte...

Il mare dove non si tocca

Genovesi Fabio

Ambientato in una borghesia ricca e annoiata, Un anno fa domani si apre con un incidente d’auto in cui la moglie di Vittorio Congedo, medico affermato e protagonista della storia, muore. Molti dubbi restano sulle dinamiche dell’avvenimento che trasformerà completamente la vita del dottore: oltre a scoprire un’inattesa eredità milionaria lasciata dalla moglie, infatti, molto presto Vittorio si risposerà con una giovanissima paziente dalla quale avrà una figlia. Attorno a questo personaggio ossessionato e cinico si intrecceranno storie di sesso e amanti, denaro e lusso, di uomini imprigionati in un’infelicità dorata in cui la famiglia ha perso ogni valore consolatorio. La vicenda, che alterna al racconto principale le immagini delle vite dei suoi protagonisti, si snoda su più livelli temporali, animando un brillante mosaico in cui la capacità di scrittura di Mondadori affonda la lama nelle ipocrisie dei nostri giorni.

UN ANNO FA DOMANI

Mondadori Sebastiano

Come nei primi due romanzi di Laurent Mauvignier, Lontano da loro e La camera bianca, anche in questo volume, i monologhi in prima persona ruotano intorno a un evento drammatico e doloroso: lo stupro subito da Claire, che però non viene mai nominato. Mauvignier preferisce definirlo per confine, tramite la descrizione di due vite di solitudine e sofferenza narrate a voci alterne: da una parte la vicina di casa e amica di Claire e dall’altra l’uomo che ha violentato Claire una sera di ritorno dalla piscina.

I passanti

Mauvignier Laurent