Letteratura giapponese

Norwegian Wood. Tokyo blues

Murakami Haruki

Descrizione: Uno dei più clamorosi successi letterari giapponesi di tutti i tempi è anche il libro più intimo, introspettivo di Murakami, che qui si stacca dalle atmosfere oniriche e surreali che lo hanno reso famoso, per esplorare il mondo in ombra dei sentimenti e della solitudine. Norwegian Wood è anche un grande romanzo sull'adolescenza, sul conflitto tra il desiderio di essere integrati nel mondo degli "altri" per entrare vittoriosi nella vita adulta e il bisogno irrinunciabile di essere se stessi, costi quel costi. Come il giovane Holden, Toru è continuamente assalito dal dubbio di aver sbagliato o poter sbagliare nelle sue scelte di vita e di amore, ma è anche guidato da un ostinato e personale senso della morale e da un'istintiva avversione per tutto ciò che sa di finto e costruito. Diviso tra due ragazze, Naoko e Midori, che lo attirano entrambe con forza irresistibile, Toru non può fare altro che decidere. O aspettare che la vita (e la morte) decidano per lui.

Categoria: Letteratura giapponese

Editore: Einaudi

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788806225513

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Norwegian Wood” alias “Tokyo blues” è l’opera nella quale Haruki Murakami riproduce le atmosfere del ’68 studentesco giapponese (“Durante le vacanze estive l’università chiese l’intervento della polizia, che buttò giù le barricate e arrestò gli studenti che si erano asserragliati all’interno”), calandole su protagonisti diciottenni e universitari.

Toru Watanabe forma un trio con Naoko e Kizuki: questi ultimi sono tra loro legati da una relazione sentimentale (“Per noi tu significavi il legame che ci metteva in rapporto col mondo esterno”) che si interrompe per l’improvviso suicidio di Kizuki. Il trio patisce sotterranee inquietudini (“Era la storia del pozzo… in quel buco si annida il buio, un buio così fitto che sembra concentrare tutte le varietà di tenebra che esistono nel mondo”) che in Naoko si manifestano con segnali (“Non riesco a parlare molto bene – disse Naoko – Ho questo problema già da un po’ di tempo”) e sintomi come il sonnambulismo (“Ma chi era allora la Naoko della notte scorsa?”). Dopo il lutto, destinato a segnare profondamente la già provata psiche di Naoko (“Naoko mi raccontò della sorella morta”), Toru intensifica la frequentazione della ragazza (“E quando veniva la domenica passavo la giornata con la ragazza del mio amico morto”). Il rapporto culmina in un incontro d’amore nel giorno del compleanno e, nell’occasione, Naoko manifesta il suo disagio che la porta ad allontanarsi da Toru. Questi intercala la vita universitaria al lavoro in un negozio di dischi. L’amicizia con il compagno gaudente Nagasawa consente a Toru di sperimentare una pluralità di rapporti sessuali per lo più insoddisfacenti. Intanto Naoko si rifà viva e propone all’innamorato un incontro nel centro terapeutico di Kyoto (“Ma è il fatto stesso di stare in terapia da diversi mesi, come è il mio caso, che fa diventare analitici, lo si voglia o no”) ove la ragazza vive a stretto contatto con la chitarrista Reiko (“Abbiamo questa regola: ogni volta che richiedo Norwegian wood devo mettere cento yen qui dentro – spiegò Naoko – Lo faccio per questa canzone, perché è la mia preferita. Più che una richiesta è una preghiera”) e ove si sperimenta una nuova formula di terapia che privilegia la vita comunitaria e il contatto con la natura e con gli animali.

I due ragazzi rimangono in contatto epistolare. Nel frattempo Toru conosce e frequenta Midori, una ragazza esuberante e sessualmente disinibita. Toru si trova dinnanzi a un bivio: da Kyoto giungono tragiche notizie (“Verso la metà di giugno arrivò una lettera di Reiko”) e Reiko raggiunge Toru dopo che questi, schiacciato dagli eventi (“E io ero completamente solo. Naoko, Midori, Nagasawa, tutti per un motivo o per l’altro si erano allontanati da me”), ha trascorso alcuni mesi da vagabondo.

Impregnato del clima sessantottino, più per le affermazioni della libertà sessuale e per il sottofondo musicale (“La foto dell’iceberg rimase alla parete ancora per un po’ di tempo, ma infine un giorno la staccai e al suo posto misi delle foto di Jim Morrison e Miles Davis”) o culturale (“A scrivere che non bisogna fidarsi delle persone che dicono di essere comuni non era stato il tuo amato Francis Scott Fitzgerald?”) che per le istanze rivoluzionarie (“Pensai che il vero nemico di questa gente non era il potere del governo ma la loro mancanza di immaginazione”), il romanzo propone con potenza drammaturgica i temi della difficoltà esistenziale (“E mi chiedo dove siamo andati a finire noi due. Come è potuto succedere?”) e della scelta (“Ti difenderei dal buio e dai brutti sogni, e quando stai male potrei abbracciarti come fa Reiko”), dell’incapacità di vivere (“Come sarebbero andate le cose… Io normale, tu normale – come d’altra parte sei sempre stato – e se Kizuki non fosse esistito”) e della morte (“La morte non è l’opposto della vita, ma una sua parte integrante”) con impatti emotivi ben visibili (“A ogni stagione la distanza che mi separava dai morti aumentava. Kizuki aveva diciassette anni, Naoko ventuno. Per l’eternità”) rispetto agli stilemi più compassati di molta letteratura giapponese.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Haruki

Murakami

Libri dallo stesso autore

Intervista a Murakami Haruki

Un ufficiale che diserta e intraprende un viaggio attraverso l'Italia devastata dalla guerra. Una ragazza di buona famiglia che diventa una partigiana pronta a uccidere un fascista dopo l'altro. Un ingegnere aeronautico che si nasconde in attesa che passi la bufera. Matteo, sua sorella Adele, il cognato Aldo: sono i personaggi di "In territorio nemico", tre giovani separati dalla guerra che, dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, cercano di ritrovarsi in un paese in preda al caos. Nei venti mesi terribili dell'occupazione nazista, i tre protagonisti faranno esperienza della battaglia, dell'isolamento, dell'amore, del conflitto con se stessi, fino ad affrontare la prova più difficile: scegliere da che parte stare mentre la morte li minaccia a ogni passo. "In territorio nemico" è una nuova epica della Resistenza. Un'epopea corale resa possibile dal lavoro di oltre cento scrittori e ispirata alle testimonianze di chi la guerra l'ha vissuta e non ha cessato di raccontarla. Un romanzo vivo e toccante che, tenendo ben presente l'eredità di Fenoglio, Malaparte e Calvino, apre una rinnovata prospettiva sull'esperienza tragica e fondativa della seconda guerra mondiale in Italia.

In territorio nemico

Proprio mentre i giornali annunciano che Joào Ubaldo Ribeiro sta scrivendo un libro sulla lussuria, lo scrittore riceve un manoscritto. Sono gli originali del testo che viene pubblicato e permettono al pubblico di conoscere la storia di un personaggio eccezionale in tutti i sensi: CLB, una donna di 68 anni di Rio de Janeiro che nella sua vita non si è mai tirata indietro quando si è trattato dei piaceri e delle infinite possibilità del sesso. Impudico e provocatore, Joào Ubaldo Ribeiro (1941), il grande maestro della letteratura brasiliana, il celebre autore tradotto in più di sedici paesi, ha dedicato un libro alla lussuria, provando che sotto l’Equatore il peccato non esiste.

LUSSURIA

Ribeiro João Ubaldo

Giorgio Faletti si accomiata dai suoi lettori con la sua opera più bella, originale e dolente. Una favola morale, che accompagna il lettore attraverso le piccole, meschine, ignoranti bassezze degli uomini, sino a comprendere, attraverso il più innocente e semplice degli sguardi, il senso profondo delle cose. Del loro ruolo. E della fine. Seguiamo una piuma mentre traccia il suo invisibile sanscrito nel cielo, la vediamo posarsi sul tavolo dove il Re e il Generale tracciano i piani per la battaglia per la conquista di Mezzo Mondo, noncuranti di chi poi dovrà combatterla; ascoltiamo insieme a lei i tentativi del Curato di intercedere a favore dei contadini con il Cardinale privo di fede; attratti da una dissonante melodia volteggiamo dentro al Teatro, per assistere allo spettacolo meraviglioso e crudele della Ballerina dal cuore spezzato: il nostro volo ci porterà a conoscere altri, sventurati personaggi finché la piuma non incontrerà lo sguardo dell'unico che saprà capire quello che nessuno prima aveva compreso.

La piuma

Faletti Giorgio

Cliff (il nipote di Boyd e Alma) è un giovane soldato sul fronte della guerra di Corea, la cui improvvisa scomparsa piomba a turbare il sonnolento paesino dove viveva con gli zii. Scossa dall'accaduto, Alma tenterà di ricostruire la vera personalità di un nipote con cui da sempre ha avuto un rapporto contrastato e che in fondo non ha mai conosciuto davvero, coinvolgendo nella sua indagine gli altri abitanti della cittadina. Romanzo sull'assenza, Il nipote è un'appassionata opera corale in cui lo stile visionario e ribelle di Purdy cede il passo alla rappresentazione piana ma acutissima della provincia americana di quegli anni, mostrando come anche sotto la placida immobilità della campagna si nascondano incomunicabilità, segreti, bugie e pregiudizi propri del nostro tempo.

Il nipote

Purdy James