Narrativa

Notizie dal paradiso

Lodge David

Descrizione: In che modo un viaggio organizzato alle Hawaii può trasformarsi in un moderno pellegrinaggio verso il Paradiso. Anche Bemard Walsh, ex prete di cattolicissima famiglia irlandese, fa parte del gruppo di turisti diretti a Honolulu, ma il suo non è un viaggio di piacere: deve accompagnare il vecchio padre al capezzale di una zia malata. Lo scenario si sposta quindi dalla grigia depressione provinciale di Rummidge al lussureggiante splendore dei mari del Sud, dove tutto è lecito. Dove persino Bernard riuscirà a liberarsi dai vincoli della gretta educazione cattolica e scoprire le delizie dell'amore. Alla vicenda di Bernard fanno da sfondo quelle dei personaggi minori... Alla fine, per tutti le assolate spiagge di Waikiki rappresenteranno il Paradiso perduto e ritrovato.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana:

Anno: 2000

ISBN: 9788845246869

Recensito da Caterina Ferraresi

Le Vostre recensioni

Dice la mia amica Donata, alla quale ho prestato “Notizie dal paradiso” di David Lodge:

“Carino” (Lei è un po’ compiacente con me). “Ma quando comincia a far ridere? Sono già a pagina 100!”. I libri di Lodge sono di quelli che non fanno ridere; solo succede che i muscoli della faccia, a tua insaputa, pian piano si distendano e dopo qualche pagina gli angoli della bocca tirano all’insù e cominci a ridacchiare tra te, provocando sguardi di disapprovazione tra i tuoi compagni di viaggio (Io leggo in treno e in autobus). E non solo Lodge fa quell’effetto ma anche…

Brevissimo (poi mi verranno in mente gli altri) elenco, alla maniera di Nick Hornby, degli autori che, invece di far ridere, ti fanno venire la faccina all’insù e devi nascondere il naso tra le pagine del libro per non farti prendere per matta.

·        COMPTON BURNETT: Tutto, in particolare “Madre e figlio“;

·        WODEHAUSE: Tutto, in particolare la serie di Jeeves;

·        MCCALL SMITH: Tutta la serie della agenzia investigativa della signora Precious;

·        WAUGH Evelyn: “Il caro estinto”, “Una manciata di polvere”.

Qui parlerò di “Notizie dal paradiso” di D.Lodge.

“Notizie dal paradiso” è il racconto di un viaggio, anzi del viaggio che l’irlandese Bernard, ex prete cattolico dalla ammuffita vita sentimentale, intraprende insieme al padre, partendo dalla triste Inghilterra alla volta di Honolulu, per andare a portare l’ultimo pio saluto alla zia moribonda. Pagina dopo pagina succede quello di cui parlo sopra: i muscoli si distendono e ci si accorge di ridacchiare per la delizia di questa scrittura sottile e cattiva.

La prima delizia sta nel carattere orribilmente disgustoso del padre che, appena sbarcato ad Honolulu, viene senza indugio investito, con grande sollievo del lettore.
La seconda sta nell’identità dell’investitore – che è un’investitrice! – colorata e vitale quanto il povero Bernard è grigio e corazzato contro i piaceri della vita.
La terza delizia ce la riserva la conoscenza della zia, che è sì moribonda, ma di gran lunga più vitale del fratello e del nipote e che terrà in mano fino alla fine i fili dei loro destini.

Tutti i personaggi del libro concorrono come perfetti pezzi di un puzzle a costruire un disegno coloratissimo e felice perché, come intitola un altro suo libro Lodge: “La felicità è di questo mondo.”

LODGE David nato a Londra nel 1935. Per oltre venticinque anni professore di Letteratura inglese all’Università di Birmingham. Scrittore prolifico, tra tutti si ricordano: È crollato il British Museum (1992), Scambi (1987), Quante volte, figliolo? (1996), Il professore va al congresso (1990), Ottimo lavoro, professore! (1991), Notizie dal Paradiso (1993), Fuori dal guscio (1994), La felicità è di questo mondo (1995), L’uomo che non voleva alzarsi e altri racconti (1997), Panni sporchi (2000), e Pensieri, pensieri (2002), Dura la vita dello scrittore (2006) e Il prof è sordo (2009).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

David

Lodge

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lodge David


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La storia di Brooke Shields, una delle donne più belle del mondo, che partorisce a 38 anni la piccola Rowan e non smette di piangere dal primo istante in cui gliela mettono in braccio e scivola in una tremenda depressione da cui si riprenderà solo molti mesi dopo, e quella di Valentina Vezzali, il "cobra", che dopo appena diciotto giorni dalla nascita del figlio Pietro riprende gli incontri di scherma e le bastano tre mesi di allenamento per vincere i campionati del mondo. La storia delle madri di Plaza de Mayo, a cui la dittatura argentina ha rubato i figli, capaci di un amore assoluto per le proprie creature scomparse, perché l'amore materno perfetto è solo quello per chi non c'è più, e quella di Mercè Anglada, ostetrica di 44 anni, che per aver dedicato l'intera vita a far nascere i figli degli altri non si è mai sposata e non ne ha mai avuti di propri. Storie di madri e di maternità, storie di amore e di paura, storie di gioia e di terribili depressioni. Concita De Gregorio compie un viaggio, attraverso venti racconti di maternità, in una realtà circondata da moltissimi luoghi comuni, per cercare di dare voce a una realtà silenziosa: la fatica di essere madri in un mondo in cui per le madri non c'è posto.

Una madre lo sa

De Gregorio Concita

"Questo breve e intenso primo libro di Erri De Luca porta già impressi in ogni frase - mi sembra - i segni di un vero scrittore: un tono di voce che appena si coglie diventa inconfondibile, e la integrità di uno sguardo che sa mettere nel giusto fuoco i pensieri e i sentimenti. Qui la memoria non è consolazione, ma è un dramma, e il tempo gioca un suo gioco crudele stabilendo distanze insormontabili tra chi narra e la materia del proprio racconto. Una luce bianca e densa come quella che filtra da nuvole alte bagna queste pagine. E la luce in cui il protagonista de "Il posto delle fragole" di Bergman vedeva i propri genitori ancor giovani intenti a pescare con la canna sulle rive di un lago. Leggendo questo libro che rievoca i momenti di un'infanzia trascorsa a Napoli e per sempre scomparsa, ho ripensato a quell'immagine struggente che dice con assoluta e trasparente immediatezza il dolore per la vita che tutto cancella e ci rende estranei a noi stessi e al nostro passato." (Raffaele La Capria)

NON ORA, NON QUI

De Luca Erri

"'Qui sono proprio io', scrive Roberto Vecchioni: e questo è davvero il suo libro piú intimo, piú autobiografico e urgente. Il libro in cui l'idea stessa della vita e della felicità, il senso del rotolare dei giorni, trova forma di racconto. Perché i momenti piú belli o piú intensi della nostra esistenza brillano nella memoria: sono luci che abbiamo dentro e che a un tratto sentiamo il bisogno di portare fuori. Magari per i nostri figli, e per tutti quelli che hanno voglia di ascoltare".

La vita che si ama

Vecchioni Roberto

Perché, poco prima delle Idi di marzo, il giorno fatidico in cui venne ucciso, Giulio Cesare rinunciò a essere accompagnato dalla scorta? E perché proprio Bruto e Decimo, gli uomini più vicini al dittatore, avrebbero dovuto desiderarne e organizzarne la fine? Perché, mentre si recava alla Curia, il dittatore di Roma ignorò tutti coloro che lo avvertivano che sarebbe stato vittima di un complotto? E infine perché, quando venne portato via dopo essere stato accoltellato a morte, un lembo della tonaca gli copriva il viso? Secondo Cicerone il dittatore avrebbe provato vergogna per le smorfie di dolore che gli contraevano il volto nel momento della morte, e si sarebbe coperto per nasconderle. Ma se la ragione fosse un'altra? Furono gli schiavi dello stesso Cesare a portare via il corpo del padrone, con il viso nascosto dalla toga. E solo dopo un certo tempo il medico Antistione dichiarò che Cesare era stato colpito da diciotto coltellate, di cui una mortale. Ai tanti enigmi che si affollano intorno alla più famosa congiura della storia, Franco Forte dà un'incredibile risposta nelle pagine di questo romanzo: e se Giulio Cesare non fosse affatto morto alle Idi di marzo? Forse la congiura non aveva la finalità di ucciderlo, ma di sottrarlo allo scomodo e gravoso incarico di padre-padrone di Roma. Offrendogli così la possibilità di tornare a dedicarsi a ciò che nella vita aveva sempre amato: essere alla testa di una legione, la Legio Caesaris, e combattere per la gloria personale e dell'Urbe. Con un ulteriore obiettivo, che solo una mente ambiziosa come quella di Cesare poteva escogitare: raggiungere i confini del mondo alla ricerca della dimora degli dèi, per strappare loro il segreto della vita eterna. Tra colpi di scena strabilianti e gustosissimi cammei di personaggi storici, Franco Forte ci regala la prima epica avventura di Cesare e della sua nuova legione.

Cesare l’immortale

Forte Franco