Narrativa

Notizie dal paradiso

Lodge David

Descrizione: In che modo un viaggio organizzato alle Hawaii può trasformarsi in un moderno pellegrinaggio verso il Paradiso. Anche Bemard Walsh, ex prete di cattolicissima famiglia irlandese, fa parte del gruppo di turisti diretti a Honolulu, ma il suo non è un viaggio di piacere: deve accompagnare il vecchio padre al capezzale di una zia malata. Lo scenario si sposta quindi dalla grigia depressione provinciale di Rummidge al lussureggiante splendore dei mari del Sud, dove tutto è lecito. Dove persino Bernard riuscirà a liberarsi dai vincoli della gretta educazione cattolica e scoprire le delizie dell'amore. Alla vicenda di Bernard fanno da sfondo quelle dei personaggi minori... Alla fine, per tutti le assolate spiagge di Waikiki rappresenteranno il Paradiso perduto e ritrovato.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana:

Anno: 2000

ISBN: 9788845246869

Recensito da Caterina Ferraresi

Le Vostre recensioni

Dice la mia amica Donata, alla quale ho prestato “Notizie dal paradiso” di David Lodge:

“Carino” (Lei è un po’ compiacente con me). “Ma quando comincia a far ridere? Sono già a pagina 100!”. I libri di Lodge sono di quelli che non fanno ridere; solo succede che i muscoli della faccia, a tua insaputa, pian piano si distendano e dopo qualche pagina gli angoli della bocca tirano all’insù e cominci a ridacchiare tra te, provocando sguardi di disapprovazione tra i tuoi compagni di viaggio (Io leggo in treno e in autobus). E non solo Lodge fa quell’effetto ma anche…

Brevissimo (poi mi verranno in mente gli altri) elenco, alla maniera di Nick Hornby, degli autori che, invece di far ridere, ti fanno venire la faccina all’insù e devi nascondere il naso tra le pagine del libro per non farti prendere per matta.

·        COMPTON BURNETT: Tutto, in particolare “Madre e figlio“;

·        WODEHAUSE: Tutto, in particolare la serie di Jeeves;

·        MCCALL SMITH: Tutta la serie della agenzia investigativa della signora Precious;

·        WAUGH Evelyn: “Il caro estinto”, “Una manciata di polvere”.

Qui parlerò di “Notizie dal paradiso” di D.Lodge.

“Notizie dal paradiso” è il racconto di un viaggio, anzi del viaggio che l’irlandese Bernard, ex prete cattolico dalla ammuffita vita sentimentale, intraprende insieme al padre, partendo dalla triste Inghilterra alla volta di Honolulu, per andare a portare l’ultimo pio saluto alla zia moribonda. Pagina dopo pagina succede quello di cui parlo sopra: i muscoli si distendono e ci si accorge di ridacchiare per la delizia di questa scrittura sottile e cattiva.

La prima delizia sta nel carattere orribilmente disgustoso del padre che, appena sbarcato ad Honolulu, viene senza indugio investito, con grande sollievo del lettore.
La seconda sta nell’identità dell’investitore – che è un’investitrice! – colorata e vitale quanto il povero Bernard è grigio e corazzato contro i piaceri della vita.
La terza delizia ce la riserva la conoscenza della zia, che è sì moribonda, ma di gran lunga più vitale del fratello e del nipote e che terrà in mano fino alla fine i fili dei loro destini.

Tutti i personaggi del libro concorrono come perfetti pezzi di un puzzle a costruire un disegno coloratissimo e felice perché, come intitola un altro suo libro Lodge: “La felicità è di questo mondo.”

LODGE David nato a Londra nel 1935. Per oltre venticinque anni professore di Letteratura inglese all’Università di Birmingham. Scrittore prolifico, tra tutti si ricordano: È crollato il British Museum (1992), Scambi (1987), Quante volte, figliolo? (1996), Il professore va al congresso (1990), Ottimo lavoro, professore! (1991), Notizie dal Paradiso (1993), Fuori dal guscio (1994), La felicità è di questo mondo (1995), L’uomo che non voleva alzarsi e altri racconti (1997), Panni sporchi (2000), e Pensieri, pensieri (2002), Dura la vita dello scrittore (2006) e Il prof è sordo (2009).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

David

Lodge

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lodge David

I morti tentano di consolarci/ ma il loro tentativo è incomprensibile;/ sono i lapsus, gli inciampi, l’indicibile/ della conversazione. Sanno amarci/ con una mano – e l’altra all’Invisibile.

In che luce cadranno

Galloni Gabriele

Un bambino di undici anni e sua madre di venticinque vivono nella campagna francese in roulotte. Joss è una madre troppo giovane e non ha tempo per occuparsi del piccolo Tom: la sera esce, va a ballare e si innamora sempre di ragazzi sbagliati. Tom, figlio, amico, compagno di vita, è invece un ragazzino che ha imparato per necessità a essere autonomo, a trascorrere le serate in solitudine, a correggere il francese della madre che studia per prendere la maturità. “Tom piccolo Tom” racconta un universo di fatiche, indigenza e mancanza di sicurezze, ma allo stesso tempo di piccole fortune (e virtù), di quelle gioie che possono restituire il gusto di un'esistenza leggera.

TOM, PICCOLO TOM

Constantine Barbara

È sabato mattina e Rosie e Jonathan sono a letto in un momento di intimità, quando il telefono inizia a squillare senza tregua. Sul display compare un numero sconosciuto. Ancora non sanno che quella telefonata di per sé insignificante manderà all'aria tutta la loro vita. Più che quarantenni, Rosie e Jonathan sono gli unici fra i loro amici a non aver messo su famiglia e a vivere da eterni fidanzati in un quadrilocale che sembra arredato da due studenti. Impossibile immaginare che a pochi giorni da quel sabato Jonathan si inginocchierà davanti a Rosie chiedendole di sposarlo e seguirlo in California! La prima a storcere il naso di fronte all'improvvisa proposta è l'energica nonna Soapie: sognatrice, anticonformista, irriverente, Soapie ha sempre spronato Rosie a osare nella vita, a coltivare le sue passioni e seguire i suoi desideri. Per questo non capisce cosa spinga la nipote sull'altra sponda dell'oceano, dietro a un ragazzotto con la passione per le tazzine di porcellana. Ma il destino è sempre pronto a stuzzicarci e quando Rosie sarà messa di fronte a un'altra scelta cruciale, dovrà per forza decidere quale partita giocare. Perché la grande regola della vita è che non è mai troppo tardi per correggere il tiro e la felicità è sempre più vicina di quanto immaginiamo. Basta ricordarselo.

Non c’è niente che non va, almeno credo

Dawson Maddie

Trascorsi tre anni dalla Sciagura che ha distrutto la civiltà, nel piccolo borgo di Piedimulo, una comunità di contadini sopravvissuti vive nascosta, protetta dai grandi massi di una frana. Oltre il villaggio, verso l'alta montagna, c'è il ruscello e oltre ancora i lupi. Scampata dalla metropoli in fiamme, Nina ha dodici anni. Persi i genitori durante gli anni della ferocia, ora vive con i nonni. Ma la ragazzina riconosce i segnali nel cielo e sa che un oscuro nemico sta bussando di nuovo alle porte. Nina sarà costretta a crescere in fretta, a vivere tra i lupi e - dopo la riconquista del villaggio caduto in mano a una falange di mercenari - a essere la protagonista della rinascita di quella comunità autarchica e pacifica.

NINA DEI LUPI

Bertante Alessandro