Narrativa

Notizie dal paradiso

Lodge David

Descrizione: In che modo un viaggio organizzato alle Hawaii può trasformarsi in un moderno pellegrinaggio verso il Paradiso. Anche Bemard Walsh, ex prete di cattolicissima famiglia irlandese, fa parte del gruppo di turisti diretti a Honolulu, ma il suo non è un viaggio di piacere: deve accompagnare il vecchio padre al capezzale di una zia malata. Lo scenario si sposta quindi dalla grigia depressione provinciale di Rummidge al lussureggiante splendore dei mari del Sud, dove tutto è lecito. Dove persino Bernard riuscirà a liberarsi dai vincoli della gretta educazione cattolica e scoprire le delizie dell'amore. Alla vicenda di Bernard fanno da sfondo quelle dei personaggi minori... Alla fine, per tutti le assolate spiagge di Waikiki rappresenteranno il Paradiso perduto e ritrovato.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana:

Anno: 2000

ISBN: 9788845246869

Recensito da Caterina Ferraresi

Le Vostre recensioni

Dice la mia amica Donata, alla quale ho prestato “Notizie dal paradiso” di David Lodge:

“Carino” (Lei è un po’ compiacente con me). “Ma quando comincia a far ridere? Sono già a pagina 100!”. I libri di Lodge sono di quelli che non fanno ridere; solo succede che i muscoli della faccia, a tua insaputa, pian piano si distendano e dopo qualche pagina gli angoli della bocca tirano all’insù e cominci a ridacchiare tra te, provocando sguardi di disapprovazione tra i tuoi compagni di viaggio (Io leggo in treno e in autobus). E non solo Lodge fa quell’effetto ma anche…

Brevissimo (poi mi verranno in mente gli altri) elenco, alla maniera di Nick Hornby, degli autori che, invece di far ridere, ti fanno venire la faccina all’insù e devi nascondere il naso tra le pagine del libro per non farti prendere per matta.

·        COMPTON BURNETT: Tutto, in particolare “Madre e figlio“;

·        WODEHAUSE: Tutto, in particolare la serie di Jeeves;

·        MCCALL SMITH: Tutta la serie della agenzia investigativa della signora Precious;

·        WAUGH Evelyn: “Il caro estinto”, “Una manciata di polvere”.

Qui parlerò di “Notizie dal paradiso” di D.Lodge.

“Notizie dal paradiso” è il racconto di un viaggio, anzi del viaggio che l’irlandese Bernard, ex prete cattolico dalla ammuffita vita sentimentale, intraprende insieme al padre, partendo dalla triste Inghilterra alla volta di Honolulu, per andare a portare l’ultimo pio saluto alla zia moribonda. Pagina dopo pagina succede quello di cui parlo sopra: i muscoli si distendono e ci si accorge di ridacchiare per la delizia di questa scrittura sottile e cattiva.

La prima delizia sta nel carattere orribilmente disgustoso del padre che, appena sbarcato ad Honolulu, viene senza indugio investito, con grande sollievo del lettore.
La seconda sta nell’identità dell’investitore – che è un’investitrice! – colorata e vitale quanto il povero Bernard è grigio e corazzato contro i piaceri della vita.
La terza delizia ce la riserva la conoscenza della zia, che è sì moribonda, ma di gran lunga più vitale del fratello e del nipote e che terrà in mano fino alla fine i fili dei loro destini.

Tutti i personaggi del libro concorrono come perfetti pezzi di un puzzle a costruire un disegno coloratissimo e felice perché, come intitola un altro suo libro Lodge: “La felicità è di questo mondo.”

LODGE David nato a Londra nel 1935. Per oltre venticinque anni professore di Letteratura inglese all’Università di Birmingham. Scrittore prolifico, tra tutti si ricordano: È crollato il British Museum (1992), Scambi (1987), Quante volte, figliolo? (1996), Il professore va al congresso (1990), Ottimo lavoro, professore! (1991), Notizie dal Paradiso (1993), Fuori dal guscio (1994), La felicità è di questo mondo (1995), L’uomo che non voleva alzarsi e altri racconti (1997), Panni sporchi (2000), e Pensieri, pensieri (2002), Dura la vita dello scrittore (2006) e Il prof è sordo (2009).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

David

Lodge

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lodge David

Una storia sul Risorgimento, dalle delusione del 1848 alla riscossa del '59, attraverso il dramma di un fervente cattolico modernista e di sua moglie, liberale e tiepida credente.

Piccolo mondo antico

Fogazzaro Antonio

Dopo il terribile inverno di Case Rosse, il commissario Roberto Serra ha lasciato l'Appennino emiliano per Termine, nel profondo Nord Est, sulle colline del Prosecco: quattro case, tre strade, una chiesa, un cimitero, e intorno solo vigneti, a perdita d'occhio. Lì, di sera, Roberto sfoga in incognito la sua passione per la cucina e per i vini nel piccolo ristorante ricavato nel chiostro di un antico monastero. Di giorno, invece, lavora nella questura della scintillante e perbenista Treviso. Una vita che scorre lenta, tra le sempre più rade visite della sua Alice e le sempre più frequenti chiacchierate con Susana, una bella sudamericana andata come lui a voltare pagina in quell'angolo di mondo. Sino a quando, un giorno d'inverno, il commissario non incontra Francesca, una ragazza eccentrica e disperata che cerca di convincerlo a occuparsi del caso di una giovane sparita nel nulla. Per quanto Roberto punti i piedi in nome della serenità ritrovata tra i vigneti di Termine - anche grazie ai farmaci che assume per non sprofondare nelle visioni angosciose che lo tormentano - davanti a lui si delinea una scia di scomparse misteriose: tutte donne, tutte giovanissime, tutte straniere. Invisibili per la procura, per la polizia, per la gente. Roberto non può più scappare. è costretto ad affrontare un'indagine che lo porterà a scrutare le acque nere dei laghi nascosti tra i vigneti, a scoprire che un passato irrisolto può allungare le sue dita fatali fino al nostro presente, a sondare gli abissi più oscuri della mente umana. Dormienza, pianto, allegagione, invaiatura... le fasi della vita delle vigne scandiscono la nuova indagine del commissario Serra, i cui occhi hanno la luce speciale di chi si sente, in ogni luogo, straniero - e proprio per questo vicino alla sofferenza delle vittime, alla disumanità dei carnefici. Con scrittura mobile, asciutta, a tratti intensamente poetica, Giuliano Pasini dà vita a un romanzo sull'amore e sull'odio, sul dolore e sulla redenzione. Un thriller -spumante, torbido e profumato- come un calice di Prosecco sur lie.

IO SONO LO STRANIERO

Pasini Giuliano

Elisa è felice: ha una vita perfetta e un futuro di certezze davanti a sé. Poi l'incontro fortuito con Luca, la passione mai sbocciata ai tempi dell'università che prende finalmente il sopravvento, una notte di amore intenso. Il mondo di Elisa è sconvolte, le vite di entrambi segnate per sempre. Elisa non sa darsi pace, mette in discussione tutto per comprendere l'inafferrabile essenza dell'amore: cosa fa scattare l'attrazione? Cosa trasforma due persone in amanti? L'amore romantico è possibile o esiste solo la chimica dei corpi? Una storia d'amore che è allo stesso tempo un romanzo sul desiderio, la passione e il mistero dell'amare.

Che cosa resta dell’amore

Romeo Rosita

A un giovane che affrontasse per la prima volta questo libro, si potrebbe forse dire: leggi anzitutto "Una disperata vitalità", e se da quel magma non ti senti alla fine stordito ed escluso, se riesci a cogliere il messaggio di angoscia ma anche di "disperata vitalità", appunto, che ne promana, allora potrai affrontare anche il resto, con la pazienza e la tenacia necessaria per accettarlo e capirlo; per rifiutarlo, anche, ma dopo averlo capito e dopo aver capito perché, nell'Italia del boom economico, ci si potesse sentire come un "gatto bruciato vivo", come "un serpe ridotto a poltiglia di sangue" e non solo per disposizione e situazione esclusivamente personale." (Dalla Prefazione di Edoardo Esposito).

Quel poeta profeticamente illeggibile

Pasolini Pier Paolo