Narrativa

Di notte si vede più lontano

Pezzolla Indro

Descrizione: Che cos'è la verità? Pensi davvero di avere la risposta ad una domanda così apparentemente banale? Quella che leggerai è la storia di un uomo che un tempo era e aveva tutto ciò che desiderava per poi perdere ogni cosa macchiandosi delle colpe e dei crimini più gravi. Attraverso pezzi di quel passato e dei suoi sentimenti mescolati ad un presente senza speranza, ripercorrerai la sua storia finché troverà la chiave per riprendere in mano la sua vita. A quel punto, però, per la seconda volta si troverà di fronte ad una domanda che rimetterà tutto in discussione: che cos'è la verità? E Aidan capirà che trovare quella risposta, come spesso avviene con tutte le domande più importanti, non rappresenta affatto la fine della ricerca, ma solo l'inizio.

Categoria: Narrativa

Editore: La Memoria del Mondo

Collana: Contemporanea

Anno: 2014

ISBN: 9788898414451

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Dopo “Dreamland”, viaggio semi-fiabesco nel paese della felicità, una sorta di Shangri-là occidentale, con “Di notte si vede più lontanoIndro Pezzolla approda in selve più oscure raccontando la storia di Aidan, giovane uomo già perso che, freddo e cinico, racconta la sua vita con molte luci e altrettante ombre.
Intorno a lui vi sono tre donne : Mya, che rappresenta l’amore , Elettra la consigliera e Cheyenne, l’anima nera, la passione ma anche il dubbio. E un amico, Simion, che è anche suo rivale con l’enigmatica Cheyenne.

La storia è narrata a ritroso, dopo un incipit in medias res, attraverso tasselli che, ad uno ad uno, compongono i pezzi di vita del tormentato Aidan fino alla risoluzione.

Ė un giallo? Ė una storia d’amore o è la storia di un’anima (titolo di un romanzo abbozzato, ma mai scritto, da Giacomo Leopardi)? E Cheyenne è davvero la dark lady che da sempre sconvolge i sogni degli uomini?
La ricerca della verità è lunga e complessa, Aidan si pone l’eterno quesito su cosa sia la verità, quesito che Pilato pose a Cristo senza ricevere una risposta, perché non vi è una veritas unica e univoca.

L’intreccio, tra mezze frasi e caselle che devono comporsi, attrae il lettore compulsivamente, perché ogni personaggio ha molte sfaccettature. La frase che dà il titolo al romanzo è di Cheyenne: “Di notte si vede più lontano“. Il buio non è cupo, ma offre a chi guarda la possibilità di scrutare a distanza per ritrovare la luce e uscire dal baratro, perché ognuno ha diritto alla speranza e l’aura incantata di “Dreamland” lascia ancora la sua scia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Indro

Pezzolla

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pezzolla Indro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ancora oggi successo a teatro, Chi ha paura di Virginia Woolf? fu così schoccante per l'America di allora che non Vinse mai il meritatissimo premio Pulitzer, che invece Albee ottenne per ben tre volte con A delicate balance nel '67, Seascape nel '75 e il bellissimo Three tall women, tre figure femminili e un figlio diseredato in quanto gay (l'opera più autobiografica). Molti altri premi hanno costellato la lunga carriera di Albee, onoreficenze che gli permisero di aprire una Fondazione a suo nome nel '94 per sostenere il "William Flanagan Creative Persons Center", una colonia di scrittori ed artisti di Montauk.

Chi ha paura di Virginia Woolf?

Albee Edward

Montechiasso è un borgo toscano arroccato sulle colline: nelle giornate di cielo nitido, scarno di nubi e con l'aria frizzante e pulita, si scorgono le vette delle Apuane, il mar Tirreno, le colline Metallifere, gli Appennini tosco-emiliani, il Casentino. Lì vive Sara, diciannove anni, figlia di Attilio, un tempo militante comunista nonché voce e chitarra del gruppo rock I Timidi. Ma a Montechiasso sono arrivati anche nuovi abitanti: per esempio il suo amico Averroè, giovane promessa dell'atletica nonché figlio dell'imam. Tutto sembra andare per il meglio, finché non arriva la notizia bomba: nel paese verrà costruita una gigantesca moschea, un'astronave aliena edificata tra le vigne e i campanili. Verranno tutti coinvolti in una discussione che rischia di degenerare, tra razzismi e idealismi, solidarietà e diffidenze: anziani con il pannolone e casalinghe disperate, preti troppo intraprendenti e affaristi senza scrupoli, politicanti di provincia e giornalisti ficcanaso, vecchi militanti e giovani rampanti, sciampiste pettegole e commesse della Coop.

Le querce non fanno limoni

Calamini Cosimo

C'è una piccola isola tra la Toscana e la Corsica, simile a una lancia di granito, che fora il Mediterraneo e punta minacciosa il cielo. Su quell'isola si sogna. Un uomo che ha perso l'amore e desidera solo lasciarsi morire. Un gruppo di persone che fanno della sopravvivenza il loro credo. Un clandestino cresciuto nelle fogne di Bucarest. Uno scienziato visionario e uno strano esperimento. Un delitto orribile, tra le rovine degli antichi Druidi. E la Fine del Mondo. Il libro di Morgan Perdinka, scritto nel 2003 - quattro anni prima del misterioso suicidio dell'autore -, pubblicato riscoperto e presentato dal maestro Danilo Arona.

MALAPUNTA

Perdinka Morgan

La guerra è conclusa e Clary è tornata a New York, intenzionata a diventare una Cacciatrice di demoni a tutti gli effetti. E finalmente può dire al mondo che Jace è il suo ragazzo. Ma ogni cosa ha un prezzo. C'è qualcuno che si diverte a uccidere gli Shadowhunters, e ciò causa fra Nascosti e Cacciatori tensioni che potrebbero portare a una seconda, sanguinosa guerra. Simon, il migliore amico di Clary, non può aiutarla. Sua madre ha scoperto che è un vampiro e lui non ha più una casa. E come se non bastasse, esce con due ragazze bellissime e pericolose, nessuna delle quali sa dell'altra. Quando anche Jace si allontana senza darle spiegazioni, Clary si trova costretta a penetrare nel cuore di un mistero che teme di svelare fino in fondo: forse è stata lei a mettere in moto la terribile catena di eventi che potrebbe farle perdere tutto ciò che ama. Jace compreso. Amore. Sangue. Tradimento. Vendetta. La posta in gioco non è mai stata così alta per gli Shadowhunters... Età di lettura: da 12 anni.

Shadowhunters. Città degli angeli caduti

Clare Cassandra