Raccolte

UNA NOTTE SUL TRENO DELLA VIA LATTEA E ALTRI RACCONTI

Kenji Miyazawa

Descrizione: Sei fiabe in cui è raccolta tutta la poetica di Miyazawa Kenji, scienziato, buddista, agronomo e filosofo (1895-1993). Il racconto che dà il titolo alla raccolta ha ispirato numerose serie di telefilm, fumetti e cartoni animati di fantascienza.

Categoria: Raccolte

Editore: Marsilio

Collana:

Anno: 1994

ISBN: 9788831760331

Recensito da Stefania De Lucia

Le Vostre recensioni

Per chi come me ha trascorso la sua infanzia negli anni ‘80, la lettura di questa piccola raccolta di racconti brevi è stata come un piccolo tuffo nel passato. Poche pagine della storia che dà titolo al libro e, immediatamente, si è materializzato ai miei occhi il Galaxy Express 999, il treno che viaggiava nello spazio siderale del futuro per raggiungere il pianeta Andromeda. Lì, il giovane Masai, accompagnato dalla bellissima e triste Maisha, si recava alla ricerca del corpo meccanico che gli avrebbe consentito di sopravvivere alla distruzione del pianeta terra.

Non saprei dire con esattezza quanto il cartone animato si sia ispirato all’opera di Miyazawa Kenji per dare vita alla sua storia interstellare, ma è certo che Giovanni, il piccolo protagonista di Una notte sul treno della Via Lattea, dovrà compiere il suo viaggio nello spazio dei cieli più alti per capire, esattamente come Masai, di essere un privilegiato. In modo del tutto fortuito, la sera della Festa della Via Lattea, Giovanni si ritrova a bordo di un treno, con in tasca un biglietto assai prezioso che egli non ha mai acquistato:

Caspita,– griderà il cacciatore, compagno di scompartimento – è roba preziosa quella! Con un biglietto così si può arrivare nel più alto dei cieli! E non solo lassù. È un lasciapassare che permette di andare liberamente dappertutto. Con un biglietto del genere, potete arrivare dovunque senza limiti, su questo treno della Via Lattea, nello spazio fantastico e imperfetto a quattro dimensioni. Signori miei, tanto di cappello!

La locomotiva viaggia nello spazio, costeggiando galassie di astri e pianeti, superando di molto i confini del mondo a tre dimensioni, per dirigersi verso quella quarta dimensione alla quale agli uomini comuni è dato accedere solo nel momento del trapasso definitivo ad altra vita. Si tratta di un treno che, al pari della barca di Caronte nella Divina Commedia, è deputato a traghettare le anime di chi è in vita nel mondo dei morti. Novello Dante, a Giovanni sarà concesso di tornare sulla terra, dove tarderà poco a capire di essere già stato lo spettatore di un evento tragico e doloroso che sta per verificarsi nella vita del suo giovane amico Campanella.

Forse punta di diamante della raccolta, la fiaba di Giovanni si inserisce all’interno di un progetto narrativo più ampio, che nel suo complesso potremmo definire come un insieme di piccoli quadri di una falsa semplicità. Negli altri cinque dōwa (fiabe), che Giorgio Amitrano traduce con la sua consueta eleganza, il lettore- spettatore si muove in un mondo di rapporti umani, paesaggi lunari, marini e montani, sentimenti e introspezioni. Se da un lato, infatti, ci irretiscono le fitte conversazioni tra animali e piante parlanti, che hanno lo scopo di farci registrare il delicato equilibrio che si nasconde dietro l’apparente essenza inanimata delle cose, dall’altro, invece, ci si trova prigionieri in un mondo di cacciatori più o meno consapevoli del loro operato. Lo scopo è quello di spingerci a riflettere sulla natura dei rapporti di potere, dei meccanismi di prevaricazione sociale e culturale, del carattere illusorio di ogni azione e decisione dinnanzi alle leggi immutabili che regolano la nostra esistenza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Miyazawa

Kenji

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kenji Miyazawa


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Hector Cross non è un eroe: è soltanto un uomo. Ma quando un uomo come Hector Cross perde tutto quello che ha, il suo dolore e la sua furia possono essere devastanti. Una mano assassina ha spezzato la vita di Hazel Bannock, la donna che amava e che stava per dargli una figlia. Ora Hector è rimasto solo… E come unica compagna ha un’indomabile sete di vendetta e di giustizia. È il momento di riunire la squadra di un tempo, i membri della Cross Bow Security. È il momento di tornare nella terra del nemico, che sia il deserto dell’Africa nordorientale o la City di Londra. È il momento di combattere qualcuno che Hector credeva di aver sconfitto e che, invece, pare aver rialzato la coda velenosa come uno scorpione. Ma bastano pochi passi nella follia e nella violenza perché Cross capisca che il nemico ha molte facce. Volti nascosti in torbidi segreti di famiglia, che Hazel non ha mai avuto il coraggio di confessargli. Segreti che forse sono legati al Trust della famiglia Bannock, un fondo quasi inesauribile di denaro, un accordo nato a fin di bene ma che rischia di innescare un’incontrollabile spirale di crimine e di ingiustizia. Hector Cross ha una sola certezza: qualcuno è tornato dal passato per colpire lui e tutto ciò che gli è caro. Qualcuno affamato di potere e di denaro, ebbro di violenza e di perversioni, assetato di sangue. e di ingiustizia. Hector Cross ha una sola certezza: qualcuno è tornato dal passato per colpire lui e tutto ciò che gli è caro. Qualcuno affamato di potere e di denaro, ebbro di violenza e di perversioni, assetato di sangue.

VENDETTA DI SANGUE

Smith Wilbur

Forse non è cosí vero che l'istinto materno non sbaglia mai. A volte scegliamo di non dare peso a una piccola crepa, un'incrinatura impercettibile, che a poco a poco scalfisce, fino a squarciare. Cosí succede a Carlo, che all'improvviso si ritrova inerme «come chi è rimasto dalla parte sbagliata di un fiume dopo il crollo di un ponte». Perché Isabel, sua moglie, lotta contro i propri demoni nell'accanito inseguimento di una purezza assoluta. Che svuota, logora, annienta. Anche il loro bambino. Marco Franzoso ha scritto una storia attuale e sovversiva, che sfida molti luoghi comuni. Una storia dura raccontata in punta di penna, che non ti togli piú dalla testa. «Quando infine mi passarono il bambino, una fitta di felicità mi lacerò il petto. Respirai forte per non crollare. Lo tenni in braccio e pensai che ce l'avevamo fatta. Almeno fino a lí ce l'avevamo fatta».

IL BAMBINO INDACO

Franzoso Marco

Ariranha

La vita di Walter nel suo camminare, tra sogni e dolori, sorprese e risvegli, attraverso le tre fasi della sua esistenza fino alla scoperta dell'amore.

ANIMA MUNDI

Tamaro Susanna