Raccolte

UNA NOTTE SUL TRENO DELLA VIA LATTEA E ALTRI RACCONTI

Kenji Miyazawa

Descrizione: Sei fiabe in cui è raccolta tutta la poetica di Miyazawa Kenji, scienziato, buddista, agronomo e filosofo (1895-1993). Il racconto che dà il titolo alla raccolta ha ispirato numerose serie di telefilm, fumetti e cartoni animati di fantascienza.

Categoria: Raccolte

Editore: Marsilio

Collana:

Anno: 1994

ISBN: 9788831760331

Recensito da Stefania De Lucia

Le Vostre recensioni

Per chi come me ha trascorso la sua infanzia negli anni ‘80, la lettura di questa piccola raccolta di racconti brevi è stata come un piccolo tuffo nel passato. Poche pagine della storia che dà titolo al libro e, immediatamente, si è materializzato ai miei occhi il Galaxy Express 999, il treno che viaggiava nello spazio siderale del futuro per raggiungere il pianeta Andromeda. Lì, il giovane Masai, accompagnato dalla bellissima e triste Maisha, si recava alla ricerca del corpo meccanico che gli avrebbe consentito di sopravvivere alla distruzione del pianeta terra.

Non saprei dire con esattezza quanto il cartone animato si sia ispirato all’opera di Miyazawa Kenji per dare vita alla sua storia interstellare, ma è certo che Giovanni, il piccolo protagonista di Una notte sul treno della Via Lattea, dovrà compiere il suo viaggio nello spazio dei cieli più alti per capire, esattamente come Masai, di essere un privilegiato. In modo del tutto fortuito, la sera della Festa della Via Lattea, Giovanni si ritrova a bordo di un treno, con in tasca un biglietto assai prezioso che egli non ha mai acquistato:

Caspita,– griderà il cacciatore, compagno di scompartimento – è roba preziosa quella! Con un biglietto così si può arrivare nel più alto dei cieli! E non solo lassù. È un lasciapassare che permette di andare liberamente dappertutto. Con un biglietto del genere, potete arrivare dovunque senza limiti, su questo treno della Via Lattea, nello spazio fantastico e imperfetto a quattro dimensioni. Signori miei, tanto di cappello!

La locomotiva viaggia nello spazio, costeggiando galassie di astri e pianeti, superando di molto i confini del mondo a tre dimensioni, per dirigersi verso quella quarta dimensione alla quale agli uomini comuni è dato accedere solo nel momento del trapasso definitivo ad altra vita. Si tratta di un treno che, al pari della barca di Caronte nella Divina Commedia, è deputato a traghettare le anime di chi è in vita nel mondo dei morti. Novello Dante, a Giovanni sarà concesso di tornare sulla terra, dove tarderà poco a capire di essere già stato lo spettatore di un evento tragico e doloroso che sta per verificarsi nella vita del suo giovane amico Campanella.

Forse punta di diamante della raccolta, la fiaba di Giovanni si inserisce all’interno di un progetto narrativo più ampio, che nel suo complesso potremmo definire come un insieme di piccoli quadri di una falsa semplicità. Negli altri cinque dōwa (fiabe), che Giorgio Amitrano traduce con la sua consueta eleganza, il lettore- spettatore si muove in un mondo di rapporti umani, paesaggi lunari, marini e montani, sentimenti e introspezioni. Se da un lato, infatti, ci irretiscono le fitte conversazioni tra animali e piante parlanti, che hanno lo scopo di farci registrare il delicato equilibrio che si nasconde dietro l’apparente essenza inanimata delle cose, dall’altro, invece, ci si trova prigionieri in un mondo di cacciatori più o meno consapevoli del loro operato. Lo scopo è quello di spingerci a riflettere sulla natura dei rapporti di potere, dei meccanismi di prevaricazione sociale e culturale, del carattere illusorio di ogni azione e decisione dinnanzi alle leggi immutabili che regolano la nostra esistenza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Miyazawa

Kenji

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kenji Miyazawa

Solo in cucina Ginny riesce a esprimere se stessa e a ritrovare i sapori di una vita che dopo la morte dei genitori le sembra diventata incomprensibile. E mentre dai fornelli si leva il profumo corposo e piccante della zuppa della nonna, davanti le appare il fantasma della nonna stessa che le sussurra una frase sibillina: Non lasciarglielo fare. Chissà che cosa voleva dire, chissà se ha a che fare con il fatto che la prepotente sorella maggiore di Ginny vuole vendere la casa. Una casa che ha ancora tanti segreti da svelare...

LA CUCINA DEGLI INGREDIENTI MAGICI

McHenry Jael

Bernie Gladhart è un mite venditore d’auto di Chicago che nel tempo libero si diletta, con scarso successo, a fare lo scrittore. Un giorno la moglie, impressionata dalla storia di Cabot Wright – giovane finanziere di Wall Street, autore di circa trecento violenze carnali – lo spinge a recarsi a new york per cercarlo e, basandosi sulla sua vicenda, a scrivere finalmente il Grande romanzo Americano. L’industria culturale, che nella vicenda intravede il soggetto ideale per un bestseller, punta immediatamente gli occhi su Cabot e il libro di Bernie. Inizia così una caccia all’uomo tra i grattacieli di new york – con Bernie accompagnato dalla zelante zoe Bickle, affiancatagli dall’editore – in cerca del «personaggio Cabot»; ma questi, una volta rintracciato, non ricorda più nulla: il «suo» romanzo resterà incompiuto, ma vedere la sua storia scritta lo spingerà a cercare la propria verità, che non ha nulla a che vedere con quella che vorrebbero attribuirgli, per motivi diversi, l’editore e il mondo che lo circonda. Un libro divertente e grottesco. Una descrizione precisa dei meccanismi perversi dell’industria culturale e un’esplorazione inedita dell’ambiguo gioco tra realtà e finzione.

Cabot Wright ci riprova

Purdy James

La porta di Allah

L’esordio di un nuovo, straordinario personaggio destinato a restare a lungo nel cuore e nella mente dei lettori: il detective Carl Mørk. «Buon compleanno, Merete. Oggi sono centoventisei giorni che sei qui, e questo è il nostro regalo per te. Lasceremo la luce accesa per un anno, a meno che tu non sia capace di rispondere a una domanda. Perché ti abbiamo rinchiusa?» In una bella giornata d’inverno, la giovane parlamentare Merete Lynggaard scompare senza lasciare tracce. I media si lanciano avidamente sulla storia e le ipotesi si avvicendano nei titoli: dal suicidio all’omicidio, dal tragico incidente al rapimento, fi no alla sparizione volontaria. La polizia mette in campo tutte le forze, ma senza risultato. Merete Lynggaard sembra inghiottita dalla terra. Solo quando Carl Mørk, un poliziotto tenace e polemico, decide anni dopo di impegnarsi nel caso con la sua sezione Q, il reparto speciale per i casi irrisolti, le indagini fanno un decisivo passo in avanti. Carl e il suo misterioso assistente siriano, Assad, si lanciano in una battaglia contro il tempo e contro il disegno delirante di un criminale folle.

LA DONNA IN GABBIA

Adler-Olsen Jussi