Giallo - thriller - noir

Le notti di Reykjavik

Indridason Arnaldur

Descrizione: Reykjavik, estate 1976. L'agente Erlendur, ventottenne, presta servizio nella polizia stradale e passa le notti di pattuglia. La routine è sempre la stessa: incidenti stradali, piccoli furti, schiamazzi davanti ai locali, risse tra barboni. Ed è proprio in queste notti di lavoro che nel giovane Erlendur inizia a delinearsi l'interesse per le persone scomparse, per chi misteriosamente viene inghiottito dal nulla. Poi una notte, un caso diverso: alcuni ragazzini trovano il corpo senza vita di un barbone, annegato nelle acque basse di un canale. Erlendur è il primo a presentarsi sul posto e riconosce nel senzatetto una sua vecchia conoscenza, Hannibal, che aveva incontrato più volte durante i giri di pattuglia in centro e che l'aveva particolarmente colpito per la profonda disperazione. Ma quella stessa notte scompare anche una donna dei quartieri alti, una giovane moglie infelice. Due casi assolutamente diversi, senza nessun punto di contatto, se non per la cocciutaggine di Erlendur che inizia una sua indagine privata...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2014

ISBN: 9788823508842

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Arnaldur Indridason si colloca nel ricco filone dei gialli nordici che, dopo Stieg Larsson, hanno invaso il mercato della letteratura di genere. Con “Le notti di Reykjavik” ci spostiamo dalla Scandinavia all’estremo angolo nord-occidentale dell’Europa, in quell’Islanda che evoca immagini di geyser, ghiacciai ed eruzioni vulcaniche che compromettono il traffico aereo.
Al di là di questi stereotipi, il romanzo consente di toccare con mano scene di vita di un cantuccio d’Europa che forse soffre d’isolamento, ma sicuramente soggiace a  un clima impietoso e a stagioni che non conoscono quello che per noi è un dato di fatto scontato: l’alternanza tra il giorno e la notte…

Sarà anche per questo che l’alcolismo è così diffuso?
Sarà anche per questo che “Le notti di Reykjavick” sono “così stranamente limpide e luminose, così stranamente buie e fredde”…

Erlendur è un agente della polizia stradale, con un passato di pugile dilettante. La sua biografia lo induce a interessarsi ai casi di scomparsa (“Erlendur conosceva bene la vicenda della donna del Porskaffi. I casi di scomparsa gli interessavano molto, li seguiva con attenzione tramite i media”). Durante il servizio si è imbattuto in Hannibal, un senzatetto che ha colpito la sua attenzione: per l’umanità, per l’estrema scelta di vita che deriva da un fatto tragico.
Quando il clochard viene ritrovato senza vita, apparentemente affogato nell’acqua bassa e stagnante della  torbiera (“Lentamente il giaccone si girò, rivelando una testa umana, bianca, esangue, con ciocchi dei capelli incolori. Non avevano mai visto nulla di tanto terrificante”), Erlendur non crede al caso fortuito (“Secondo il medico legale, era annegato sul posto e le indagini della polizia portavano a determinare se fosse stato affogato da qualcuno, oppure se fosse annegato per altre cause”) e ha il forte sospetto che la morte sia in qualche modo ricollegabile alla scomparsa di Oddny, una donna il cui orecchino viene ritrovato proprio nel cavo del teleriscaldamento ove Hannibal dormiva.

Con mitezza, comprensione umana e un’insistenza che ricorda quella del tenente Colombo, Erlendur risolverà il caso, orientandosi tra i numerosi sospettati: Gustaf, il marito violento di Oddny; Isidor, l’amante; il fratello di Hannibal; alcuni “colleghi” senzatetto, come Berghmundur, geloso di Hannibal e ossessivamente innamorato di Purì; i  loschi fratelli Ellert e Vignir…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Arnaldur

Indridason

Libri dallo stesso autore

Intervista a Indridason Arnaldur


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Come raccontare Napoli attraverso le storie di altri. Di coloro cioè che, pur non essendoci più continuano a popolarla. E così le voci dei protagonisti, le anime, confondono la morte con la vita e si raccontano, nelle loro storie malinconiche e profondamente umane, accomunate dalla condanna della perdita dell’amore.

Gli altri

Di Virgilio Alessandro

Elisa è felice: ha una vita perfetta e un futuro di certezze davanti a sé. Poi l'incontro fortuito con Luca, la passione mai sbocciata ai tempi dell'università che prende finalmente il sopravvento, una notte di amore intenso. Il mondo di Elisa è sconvolte, le vite di entrambi segnate per sempre. Elisa non sa darsi pace, mette in discussione tutto per comprendere l'inafferrabile essenza dell'amore: cosa fa scattare l'attrazione? Cosa trasforma due persone in amanti? L'amore romantico è possibile o esiste solo la chimica dei corpi? Una storia d'amore che è allo stesso tempo un romanzo sul desiderio, la passione e il mistero dell'amare.

Che cosa resta dell’amore

Romeo Rosita

Tutto ha inizio con una lista di nomi. Non sono nomi qualunque, ma quelli di pericolosi terroristi che minacciano la sicurezza internazionale tanto da dover essere eliminati uno a uno. Solo sette persone nelle segrete stanze di Washington conoscono l¿esistenza della "lista nera", tra queste il presidente degli Stati Uniti. La minaccia è reale, ma deve rimanere top secret o si scatenerà il panico. Il primo di questi nomi è anche il più temibile: "il Predicatore", un fondamentalista islamico senza scrupoli che ha come unico scopo la distruzione degli infedeli. Incita all'odio attraverso messaggi che diffonde tramite il web e riesce a raccogliere attorno a sé una folla di proseliti che scatenano una serie incontrollabile di eventi mortali. Gli omicidi si moltiplicano, non solo negli Stati Uniti ma anche sul territorio inglese, dove cadono altre vittime. Troppe. Solo un uomo può compiere quella che sembra una missione impossibile: l'ex marine Kit Carson, soprannominato "il Segugio", che viene prontamente incaricato di trovare e uccidere il responsabile di quell'inferno. Kit, però, non sa che faccia abbia il suo nemico, dove si nasconda e quale sia il suo vero nome. Sarà un giovane ed espertissimo hacker a rintracciare per lui le postazioni del Predicatore e dei suoi complici utilizzando solo la tecnologia. Si scatena così una guerra tra due schieramenti, totalmente diversi tra loro ma con un obiettivo comune: la distruzione dell'avversario. Con La lista nera Frederick Forsyth si riconferma un maestro del genere firmando un thriller che non lascia scampo, in cui attualità e fiction si mescolano grazie a un eccellente lavoro di documentazione che svela i retroscena dei servizi segreti britannici, americani, pachistani e israeliani.

LA LISTA NERA

Forsyth Frederick

La rivoluzione del prosciutto