Giallo - thriller - noir

Le notti di Reykjavik

Indridason Arnaldur

Descrizione: Reykjavik, estate 1976. L'agente Erlendur, ventottenne, presta servizio nella polizia stradale e passa le notti di pattuglia. La routine è sempre la stessa: incidenti stradali, piccoli furti, schiamazzi davanti ai locali, risse tra barboni. Ed è proprio in queste notti di lavoro che nel giovane Erlendur inizia a delinearsi l'interesse per le persone scomparse, per chi misteriosamente viene inghiottito dal nulla. Poi una notte, un caso diverso: alcuni ragazzini trovano il corpo senza vita di un barbone, annegato nelle acque basse di un canale. Erlendur è il primo a presentarsi sul posto e riconosce nel senzatetto una sua vecchia conoscenza, Hannibal, che aveva incontrato più volte durante i giri di pattuglia in centro e che l'aveva particolarmente colpito per la profonda disperazione. Ma quella stessa notte scompare anche una donna dei quartieri alti, una giovane moglie infelice. Due casi assolutamente diversi, senza nessun punto di contatto, se non per la cocciutaggine di Erlendur che inizia una sua indagine privata...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2014

ISBN: 9788823508842

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Arnaldur Indridason si colloca nel ricco filone dei gialli nordici che, dopo Stieg Larsson, hanno invaso il mercato della letteratura di genere. Con “Le notti di Reykjavik” ci spostiamo dalla Scandinavia all’estremo angolo nord-occidentale dell’Europa, in quell’Islanda che evoca immagini di geyser, ghiacciai ed eruzioni vulcaniche che compromettono il traffico aereo.
Al di là di questi stereotipi, il romanzo consente di toccare con mano scene di vita di un cantuccio d’Europa che forse soffre d’isolamento, ma sicuramente soggiace a  un clima impietoso e a stagioni che non conoscono quello che per noi è un dato di fatto scontato: l’alternanza tra il giorno e la notte…

Sarà anche per questo che l’alcolismo è così diffuso?
Sarà anche per questo che “Le notti di Reykjavick” sono “così stranamente limpide e luminose, così stranamente buie e fredde”…

Erlendur è un agente della polizia stradale, con un passato di pugile dilettante. La sua biografia lo induce a interessarsi ai casi di scomparsa (“Erlendur conosceva bene la vicenda della donna del Porskaffi. I casi di scomparsa gli interessavano molto, li seguiva con attenzione tramite i media”). Durante il servizio si è imbattuto in Hannibal, un senzatetto che ha colpito la sua attenzione: per l’umanità, per l’estrema scelta di vita che deriva da un fatto tragico.
Quando il clochard viene ritrovato senza vita, apparentemente affogato nell’acqua bassa e stagnante della  torbiera (“Lentamente il giaccone si girò, rivelando una testa umana, bianca, esangue, con ciocchi dei capelli incolori. Non avevano mai visto nulla di tanto terrificante”), Erlendur non crede al caso fortuito (“Secondo il medico legale, era annegato sul posto e le indagini della polizia portavano a determinare se fosse stato affogato da qualcuno, oppure se fosse annegato per altre cause”) e ha il forte sospetto che la morte sia in qualche modo ricollegabile alla scomparsa di Oddny, una donna il cui orecchino viene ritrovato proprio nel cavo del teleriscaldamento ove Hannibal dormiva.

Con mitezza, comprensione umana e un’insistenza che ricorda quella del tenente Colombo, Erlendur risolverà il caso, orientandosi tra i numerosi sospettati: Gustaf, il marito violento di Oddny; Isidor, l’amante; il fratello di Hannibal; alcuni “colleghi” senzatetto, come Berghmundur, geloso di Hannibal e ossessivamente innamorato di Purì; i  loschi fratelli Ellert e Vignir…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Arnaldur

Indridason

Libri dallo stesso autore

Intervista a Indridason Arnaldur


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

C'è una minaccia mortale da qualche parte a Empire City e Fixer ha solo fino all'alba per salvare la sua città... e il mondo come lo conosciamo. "Sacro terrore" racconta la disperata missione di un eroe costretto ad affrontare un esercito di fanatici per poter impedire un terribile crimine contro l'umanità.

Sacro terrore

Miller Frank

Gialla, veloce, imprendibile: un’Audi rubata semina il panico nelle strade del Nord Est. L’ispettore Stucky e la sua squadra le danno la caccia, ma il bolide sfreccia nella notte, sguscia tra le dita. Tra un inseguimento e l’altro Stucky frequenta (per ragioni di servizio!) bordelli cinesi e aiuta un’amica poliziotta in un’indagine spinosa: un collega ha ucciso la moglie e si è suicidato. Dietro questo gesto disperato, l’ombra di un uomo misterioso: colto, elegante, cinese. Ha un attico con vista su Porto Marghera, e conquista il Nord Est, pezzetto dopo pezzetto, come un giocatore di go. Quando siamo diventati così facili prede? si chiede Stucky. E si addentra pericolosamente nella rete. Sul filo della cronaca recente, l’avventura più ‘gialla’ con l’ispettore Stucky. Con contorno di vicine di casa belle e smaliziate, giovani colleghi di variegata simpatia, poliziotte notevoli in molti sensi, cani perfettamente all’altezza, uno zio persiano in crisi, alle prese con un innamoramento tardivo. Mentre il crimine finisce per porre le domande giuste, la vita si svela nelle chiacchiere notturne su un pavimento di legno, con l’odore di un alcolico pregiato che dura a lungo nelle narici. Un romanzo pieno di azione, di atmosfera, di spunti stimolanti sulla fragile realtà che ci circonda. Una lettura di piacere e di sostanza, tutta da gustare.

Pericolo giallo

Ervas Fulvio

Lolita

Nabokov Vladimir

Il piccolo libri del Natale; dal nascere al mondo e alla vita; l'enorme mistero della maternità. Una lettura della storia di Maria che restituisce alla madre di Gesù la meravigliosa semplicità di una femminilità coraggiosa, la grazia umana di un destino che la comprende e la supera.

In nome della madre

De Luca Erri