Giallo - thriller - noir

Le notti di Reykjavik

Indridason Arnaldur

Descrizione: Reykjavik, estate 1976. L'agente Erlendur, ventottenne, presta servizio nella polizia stradale e passa le notti di pattuglia. La routine è sempre la stessa: incidenti stradali, piccoli furti, schiamazzi davanti ai locali, risse tra barboni. Ed è proprio in queste notti di lavoro che nel giovane Erlendur inizia a delinearsi l'interesse per le persone scomparse, per chi misteriosamente viene inghiottito dal nulla. Poi una notte, un caso diverso: alcuni ragazzini trovano il corpo senza vita di un barbone, annegato nelle acque basse di un canale. Erlendur è il primo a presentarsi sul posto e riconosce nel senzatetto una sua vecchia conoscenza, Hannibal, che aveva incontrato più volte durante i giri di pattuglia in centro e che l'aveva particolarmente colpito per la profonda disperazione. Ma quella stessa notte scompare anche una donna dei quartieri alti, una giovane moglie infelice. Due casi assolutamente diversi, senza nessun punto di contatto, se non per la cocciutaggine di Erlendur che inizia una sua indagine privata...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2014

ISBN: 9788823508842

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Arnaldur Indridason si colloca nel ricco filone dei gialli nordici che, dopo Stieg Larsson, hanno invaso il mercato della letteratura di genere. Con “Le notti di Reykjavik” ci spostiamo dalla Scandinavia all’estremo angolo nord-occidentale dell’Europa, in quell’Islanda che evoca immagini di geyser, ghiacciai ed eruzioni vulcaniche che compromettono il traffico aereo.
Al di là di questi stereotipi, il romanzo consente di toccare con mano scene di vita di un cantuccio d’Europa che forse soffre d’isolamento, ma sicuramente soggiace a  un clima impietoso e a stagioni che non conoscono quello che per noi è un dato di fatto scontato: l’alternanza tra il giorno e la notte…

Sarà anche per questo che l’alcolismo è così diffuso?
Sarà anche per questo che “Le notti di Reykjavick” sono “così stranamente limpide e luminose, così stranamente buie e fredde”…

Erlendur è un agente della polizia stradale, con un passato di pugile dilettante. La sua biografia lo induce a interessarsi ai casi di scomparsa (“Erlendur conosceva bene la vicenda della donna del Porskaffi. I casi di scomparsa gli interessavano molto, li seguiva con attenzione tramite i media”). Durante il servizio si è imbattuto in Hannibal, un senzatetto che ha colpito la sua attenzione: per l’umanità, per l’estrema scelta di vita che deriva da un fatto tragico.
Quando il clochard viene ritrovato senza vita, apparentemente affogato nell’acqua bassa e stagnante della  torbiera (“Lentamente il giaccone si girò, rivelando una testa umana, bianca, esangue, con ciocchi dei capelli incolori. Non avevano mai visto nulla di tanto terrificante”), Erlendur non crede al caso fortuito (“Secondo il medico legale, era annegato sul posto e le indagini della polizia portavano a determinare se fosse stato affogato da qualcuno, oppure se fosse annegato per altre cause”) e ha il forte sospetto che la morte sia in qualche modo ricollegabile alla scomparsa di Oddny, una donna il cui orecchino viene ritrovato proprio nel cavo del teleriscaldamento ove Hannibal dormiva.

Con mitezza, comprensione umana e un’insistenza che ricorda quella del tenente Colombo, Erlendur risolverà il caso, orientandosi tra i numerosi sospettati: Gustaf, il marito violento di Oddny; Isidor, l’amante; il fratello di Hannibal; alcuni “colleghi” senzatetto, come Berghmundur, geloso di Hannibal e ossessivamente innamorato di Purì; i  loschi fratelli Ellert e Vignir…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Arnaldur

Indridason

Libri dallo stesso autore

Intervista a Indridason Arnaldur


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Profondamente turbata dagli oscuri segreti del giovane e inquieto imprenditore Christian Grey, Anastasia Steele ha messo fine alla loro relazione e ha deciso di iniziare un nuovo lavoro in una casa editrice. Ma l'irresistibile attrazione per Grey domina ancora ogni suo pensiero e quando lui le propone di rivedersi, lei non riesce a dire di no. Pur di non perderla, Christian è disposto a ridefinire i termini del loro accordo e a svelarle qualcosa in più di sé, rendendo così il loro rapporto ancora più profondo e coinvolgente. Quando finalmente tutto sembra andare per il meglio, i fantasmi del passato si materializzano prepotentemente e Ana si trova a dover fare i conti con due donne che hanno avuto un ruolo importante nella vita di Christian. Di nuovo, il loro rapporto è minacciato e a questo punto Ana deve affrontare la decisione più importante della sua vita, e può prenderla soltanto lei... Questo è il secondo attesissimo volume della trilogia Cinquanta sfumature, il cui successo senza precedenti è iniziato grazie al passaparola delle donne che ne hanno fatto un vero e proprio cult ponendolo al primo posto in tutte le classifiche del mondo.

Cinquanta sfumature di nero

James E. L.

Una donna, ormai anziana, mostra i primi segni della malattia che le toglie i ricordi, l’identità, il senso stesso dell’esistenza. È tempo per la figlia di prendersi cura di lei e aiutarla a ricostruire la sua storia, la loro storia. Inizia così il racconto quotidiano di piccoli e grandi avvenimenti, a partire dalla nascita della mamma, Esperia, e delle sue cinque sorelle, nate da un reduce tornato comunista dalla Grande Guerra e da una contadina dritta ed elegante, malgrado le fatiche della campagna, degli animali e della casa. I fili delle loro esistenze si svolgono dagli anni Quaranta fino ai nostri giorni, in un Abruzzo “luminoso e aspro”, che affiora tra le pagine quasi fosse una terra mitologica e lontana. Giorno dopo giorno sfilano i personaggi della famiglia, gli abitanti del piccolo paesino ancora senza acqua né luce; personaggi talmente legati a una terra avara, da tollerare a malapena trasferimenti a breve distanza – la ricerca di un lavoro, l’occasione di poter frequentare una scuola “in città” – partenze che si trasformano in vere emigrazioni con il solo scopo del ritorno. Sono ricordi dolcissimi e crudeli, pieni di vita e di verità, che ricostruiscono la storia di un rapporto e di un’Italia apparentemente così lontana eppure ancora presente nella storia di ognuno di noi.

MIA MADRE E’ UN FIUME

Di Pietrantonio Donatella

Viaggiatrice nel passato suo malgrado per un dono di famiglia, Gwen, giovane londinese che vorrebbe avere a che fare con i problemi tipici della sua età e dei suoi compagni di scuola, si trova catapultata da un secolo all'altro con una pericolosa missione da compiere. Peccato che non sappia di chi può fidarsi, dei Guardiani del Tempo o del terribile Conte di Saint Germain, dell'affascinante ma scostante Gideon o dell'invidiosa cugina Charlotte. A un certo punto l'unico vero amico sembra essere Xemerius... un gargoyle col muso di gatto.

BLUE

Gier Kerstin

Un ufficiale che diserta e intraprende un viaggio attraverso l'Italia devastata dalla guerra. Una ragazza di buona famiglia che diventa una partigiana pronta a uccidere un fascista dopo l'altro. Un ingegnere aeronautico che si nasconde in attesa che passi la bufera. Matteo, sua sorella Adele, il cognato Aldo: sono i personaggi di "In territorio nemico", tre giovani separati dalla guerra che, dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, cercano di ritrovarsi in un paese in preda al caos. Nei venti mesi terribili dell'occupazione nazista, i tre protagonisti faranno esperienza della battaglia, dell'isolamento, dell'amore, del conflitto con se stessi, fino ad affrontare la prova più difficile: scegliere da che parte stare mentre la morte li minaccia a ogni passo. "In territorio nemico" è una nuova epica della Resistenza. Un'epopea corale resa possibile dal lavoro di oltre cento scrittori e ispirata alle testimonianze di chi la guerra l'ha vissuta e non ha cessato di raccontarla. Un romanzo vivo e toccante che, tenendo ben presente l'eredità di Fenoglio, Malaparte e Calvino, apre una rinnovata prospettiva sull'esperienza tragica e fondativa della seconda guerra mondiale in Italia.

In territorio nemico