Classici

LA NOVELLA DEGLI SCACCHI

Stefan Zweig

Descrizione: Stefan Zweig scrisse Novella degli scacchi nel 1941, pochi mesi prima di suicidarsi, insieme con la seconda moglie, nella città brasiliana di Petropolis, il 22 febbraio 1942. La notizia della sua morte fu soffocata da quelle provenienti dai fronti di guerra e così anche la sua ultima, disperata protesta, non fu che un flebile grido, quasi inudibile nel frastuono di quegli anni. Nella Novella degli scacchi lo stato d'animo di abbandono, di infinita stanchezza, di rinuncia alla lotta, che portò l'autore al suicidio, è prefigurato nella sconfitta di colui che rappresenta la sensibilità, l'intelligenza, la cultura per opera di un semianalfabeta, ottuso uomo-robot. E, a rendere ancora più crudele la disfatta dello spirito, Zweig scelse come terreno dello scontro una scacchiera. Dallo sfacelo della sua «geistigen Heimat Europa», della sua patria spirituale, l'Europa, Zweig non vuole salvare nemmeno il gioco degli scacchi, ormai appannaggio non più di uomini dotati di talento, estro, passione, ma di «campioni» come Czentovic, un rozzo quanto prodigioso accumulo di facoltà puramente meccaniche.

Categoria: Classici

Editore: Garzanti

Collana: Gli Elefanti Narrativa

Anno: 2004

ISBN: 9788811682028

PRIMA EDIZIONE

LA NOVELLA DEGLI SCACCHI

Editore:

Anno: 1941

Info:

Recensito da Michele Nenna

Le Vostre recensioni

A bordo di una nave che percorre il tragitto da New York a Buenos Aires, si sfidano in una partita di scacchi due uomini molto diversi tra loro.

Da un lato troviamo Mirko Czentovič, da tutti acclamato come il campione mondiale in carica; dall’altro c’è uno sconosciuto Dr. B, che sembra tenere testa alla magistrale bravura dell’astuto ventenne di origini slave.

Ripercorriamo insieme le vicende che hanno condotto i due a sfidarsi dinanzi agli altri passeggeri presenti a bordo della nave.

La voce narrante, affiancata da un suo conoscente, sa che a bordo della nave c’è il famoso giocatore di scacchi di fama mondiale Czentovič, nonché campione mondiale in carica. Attratto da questo enorme ragazzo dagli atteggiamenti riservati e poco garbati, il narratore riesce a strappargli un minimo d’attenzione attraverso l’aiuto – agonistico ed economico – di un facoltoso uomo d’affari, il signor McConnor. Quest’ultimo paga la disponibilità del giovane campione e si cimenta nella sfida su di una scacchiera appositamente allestita.

In seguito alle prime sconfitte, una folla di curiosi accerchia il tavolo da gioco. Tra questi c’è proprio il Dr. B che,  suggerendo una mossa al magnate McConnor, decreta il finale di partita in pareggio per poi allontanarsi dalla sala.

Giunti all’esterno, sul ponte, il dottore cede alle richieste del narratore e decide di riportargli nei minimi particolari le vicende che hanno segnato il suo passato.

Il Dr. B era un modesto avvocato e con l’aiuto di suo padre aveva gestito per parecchio tempo le finanze della corona austriaca, sino al giorno della cattura e dell’invasione da parte dei nazisti. Questi lo avevano rinchiuso in una camera ben curata ma priva di oggetti.

Dopo qualche settimana di prigionia, il Dr. B era riuscito a sottrarre dal cappotto di un militare un manuale che riportava le tecniche e le regole del gioco degli scacchi e nella sua più completa solitudine era riuscito ad imparare tutte le mosse possibili, utilizzando una scacchiera immaginaria e schierandosi in contemporanea sia dalla parte dei bianchi che dalla parte dei neri, fino al giorno in cui – in preda ad una crisi nervosa – era stato trasferito in un ospedale. 

Convinto dal narratore, il Dr. B accetta di sfidare Czentovič, immergendosi completamente nei propri calcoli e cedendo nuovamente alla follia…

Considerato un capolavoro della letteratura del ‘900, questo racconto fu scritto da Stefan Zweig (Vienna, 1882 – Petròpolis, 1942) nel 1941 durante il soggiorno in Brasile, pochi mesi prima del suicidio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Zweig

Stefan

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stefan Zweig

L’esordio di un nuovo, straordinario personaggio destinato a restare a lungo nel cuore e nella mente dei lettori: il detective Carl Mørk. «Buon compleanno, Merete. Oggi sono centoventisei giorni che sei qui, e questo è il nostro regalo per te. Lasceremo la luce accesa per un anno, a meno che tu non sia capace di rispondere a una domanda. Perché ti abbiamo rinchiusa?» In una bella giornata d’inverno, la giovane parlamentare Merete Lynggaard scompare senza lasciare tracce. I media si lanciano avidamente sulla storia e le ipotesi si avvicendano nei titoli: dal suicidio all’omicidio, dal tragico incidente al rapimento, fi no alla sparizione volontaria. La polizia mette in campo tutte le forze, ma senza risultato. Merete Lynggaard sembra inghiottita dalla terra. Solo quando Carl Mørk, un poliziotto tenace e polemico, decide anni dopo di impegnarsi nel caso con la sua sezione Q, il reparto speciale per i casi irrisolti, le indagini fanno un decisivo passo in avanti. Carl e il suo misterioso assistente siriano, Assad, si lanciano in una battaglia contro il tempo e contro il disegno delirante di un criminale folle.

LA DONNA IN GABBIA

Adler-Olsen Jussi

Arturo Bandini, immigrato, attaccabrighe, ribelle, megalomane, sprezzante, sempre in lite con tutti, è in cerca della donna giusta. "La strada per Los Angeles" è il primo capolavoro di Fante. Arturo Bandini è alle prese per la prima volta con quelli che poi i lettori si abitueranno a riconoscere come i suoi eterni problemi: essere amato dalle donne e diventare un grande scrittore. Ma una cosa è la realtà, un'altra i sogni, e il romanzo, nonostante il tono spassoso, è anche un bruciante documento autobiografico, il resoconto di una difficilissima gavetta artistica e sentimentale. Poco piú che adolescente, è costretto, per sopravvivere, a lavori umilianti e faticosi, Arturo è armato solo della forza dei suoi desideri. Rifiutato dagli editori per i contenuti sessuali che, a metà degli anni Trenta, rendevano rischiosa la pubblicazione, il romanzo rimase sepolto in un cassetto fin dopo la morte di Fante, e venne pubblicato solo nel 1985. Oggi "La strada per Los Angeles" è considerato, dai lettori e dai critici, uno dei vertici dell'arte comica di John Fante, e un tassello indispensabile della saga di Bandini.

La strada per Los Angeles

Fante John

Il volume raccoglie testi di: Cristina Babino, Maria Angela Bedini, Allì Caracciolo, Alessandra Carnaroli, Elena Frontaloni, Maria Lenti, Enrica Loggi, Maria Grazia Maiorino, Franca Mancinelli, Caterina Morgantini, Renata Morresi, Natalia Paci, Anuska Pambianchi, Daniela Simoni, Eleonora Tamburrini, Lucia Tancredi, Luana Trapè.

Femminile plurale. Le donne scrivono le Marche

a cura di Babino Cristina

La storia di una tragica assenza e di un coraggioso ritorno. Dopo trent'anni, Murid al-Barghuthi racconta i ricordi della sua giovinezza a Ramallah, poi il giorno in cui ha dovuto abbandonare tutto, senza sapere che non sarebbe tornato. Un reportage sulla diaspora palestinese lontano dai comuni percorsi dell'odio.

Ho visto Ramallah

Al-Barghuthi Murid