Classici

LA NOVELLA DEGLI SCACCHI

Stefan Zweig

Descrizione: Stefan Zweig scrisse Novella degli scacchi nel 1941, pochi mesi prima di suicidarsi, insieme con la seconda moglie, nella città brasiliana di Petropolis, il 22 febbraio 1942. La notizia della sua morte fu soffocata da quelle provenienti dai fronti di guerra e così anche la sua ultima, disperata protesta, non fu che un flebile grido, quasi inudibile nel frastuono di quegli anni. Nella Novella degli scacchi lo stato d'animo di abbandono, di infinita stanchezza, di rinuncia alla lotta, che portò l'autore al suicidio, è prefigurato nella sconfitta di colui che rappresenta la sensibilità, l'intelligenza, la cultura per opera di un semianalfabeta, ottuso uomo-robot. E, a rendere ancora più crudele la disfatta dello spirito, Zweig scelse come terreno dello scontro una scacchiera. Dallo sfacelo della sua «geistigen Heimat Europa», della sua patria spirituale, l'Europa, Zweig non vuole salvare nemmeno il gioco degli scacchi, ormai appannaggio non più di uomini dotati di talento, estro, passione, ma di «campioni» come Czentovic, un rozzo quanto prodigioso accumulo di facoltà puramente meccaniche.

Categoria: Classici

Editore: Garzanti

Collana: Gli Elefanti Narrativa

Anno: 2004

ISBN: 9788811682028

PRIMA EDIZIONE

LA NOVELLA DEGLI SCACCHI

Editore:

Anno: 1941

Info:

Recensito da Michele Nenna

Le Vostre recensioni

A bordo di una nave che percorre il tragitto da New York a Buenos Aires, si sfidano in una partita di scacchi due uomini molto diversi tra loro.

Da un lato troviamo Mirko Czentovič, da tutti acclamato come il campione mondiale in carica; dall’altro c’è uno sconosciuto Dr. B, che sembra tenere testa alla magistrale bravura dell’astuto ventenne di origini slave.

Ripercorriamo insieme le vicende che hanno condotto i due a sfidarsi dinanzi agli altri passeggeri presenti a bordo della nave.

La voce narrante, affiancata da un suo conoscente, sa che a bordo della nave c’è il famoso giocatore di scacchi di fama mondiale Czentovič, nonché campione mondiale in carica. Attratto da questo enorme ragazzo dagli atteggiamenti riservati e poco garbati, il narratore riesce a strappargli un minimo d’attenzione attraverso l’aiuto – agonistico ed economico – di un facoltoso uomo d’affari, il signor McConnor. Quest’ultimo paga la disponibilità del giovane campione e si cimenta nella sfida su di una scacchiera appositamente allestita.

In seguito alle prime sconfitte, una folla di curiosi accerchia il tavolo da gioco. Tra questi c’è proprio il Dr. B che,  suggerendo una mossa al magnate McConnor, decreta il finale di partita in pareggio per poi allontanarsi dalla sala.

Giunti all’esterno, sul ponte, il dottore cede alle richieste del narratore e decide di riportargli nei minimi particolari le vicende che hanno segnato il suo passato.

Il Dr. B era un modesto avvocato e con l’aiuto di suo padre aveva gestito per parecchio tempo le finanze della corona austriaca, sino al giorno della cattura e dell’invasione da parte dei nazisti. Questi lo avevano rinchiuso in una camera ben curata ma priva di oggetti.

Dopo qualche settimana di prigionia, il Dr. B era riuscito a sottrarre dal cappotto di un militare un manuale che riportava le tecniche e le regole del gioco degli scacchi e nella sua più completa solitudine era riuscito ad imparare tutte le mosse possibili, utilizzando una scacchiera immaginaria e schierandosi in contemporanea sia dalla parte dei bianchi che dalla parte dei neri, fino al giorno in cui – in preda ad una crisi nervosa – era stato trasferito in un ospedale. 

Convinto dal narratore, il Dr. B accetta di sfidare Czentovič, immergendosi completamente nei propri calcoli e cedendo nuovamente alla follia…

Considerato un capolavoro della letteratura del ‘900, questo racconto fu scritto da Stefan Zweig (Vienna, 1882 – Petròpolis, 1942) nel 1941 durante il soggiorno in Brasile, pochi mesi prima del suicidio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Zweig

Stefan

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stefan Zweig


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La giornata della terra di i-libri.com

Non si può certo dire che Sebastian Rudd sia un avvocato come tutti gli altri. Non possiede uno studio vero e proprio, ma il suo ufficio si trova a bordo di un grande furgone nero blindato dotato di vari comfort – wi-fi, un frigorifero pieno di superalcolici, delle comode poltrone e un buon equipaggiamento di armi. Non ha soci in affari, ma accanto a lui c'è sempre un uomo, che lui chiama Partner, armato fino ai denti, che gli fa da autista, guardia del corpo, confidente, impiegato e caddy, quando gioca a golf. Sebastian ha anche una ex moglie che non smette mai di procurargli guai e un figlio piccolo che non vede tanto quanto vorrebbe. Sebastian Rudd difende i peggiori criminali, i casi disperati, in poche parole tutte quelle persone che nessun avvocato si sognerebbe di avvicinare. Insomma, fa il lavoro sporco. Ritiene che ognuno abbia diritto ad avere un processo equo, anche a rischio di diventare lui stesso il bersaglio dei suoi assistiti e di essere costretto a sua volta a usare metodi poco ortodossi. Sebastian odia le ingiustizie, detesta i poteri forti e si prende gioco delle istituzioni.

L’avvocato canaglia

Grisham John

Mimì, dodici anni, occhiali, parlantina da sapientone e la fissa per i fumetti, gli astronauti e Karate Kid, abita in uno stabile del Vomero, a Napoli, dove suo padre lavora come portiere. Passa le giornate sul marciapiede insieme al suo migliore amico Sasà, un piccolo scugnizzo, o nel bilocale che condivide con i genitori, la sorella adolescente e i nonni. Nel 1985, l’anno in cui tutto cambia, Mimì si sta esercitando nella trasmissione del pensiero, architetta piani per riuscire a comprarsi un costume da Spiderman e cerca il modo di attaccare bottone con Viola convincendola a portare da mangiare a Morla, la tartaruga che vive sul grande balcone all’ultimo piano. Ma, soprattutto, conosce Giancarlo, il suo supereroe. Che, al posto della Batmobile, ha una Mehari verde. Che non vola né sposta montagne, ma scrive. E che come armi ha un’agenda e una biro, con cui si batte per sconfiggere il male. Giancarlo è Giancarlo Siani, il giornalista de “Il Mattino” che cadrà vittima della camorra proprio quell’anno e davanti a quel palazzo. Nei mesi precedenti al 23 settembre, il giorno in cui il giovane giornalista verrà ucciso, e nel piccolo mondo circoscritto dello stabile del Vomero (trenta piastrelle di portineria che proteggono e soffocano al tempo stesso), Mimì diventa grande. E scopre l’importanza dell’amicizia e dei legami veri, i palpiti del primo amore, il valore salvifico delle storie e delle parole. Perché i supereroi forse non esistono, ma il ricordo delle persone speciali e le loro piccole grandi azioni restano.

Un ragazzo normale

Marone Lorenzo

Otto capitoli, otto storie, un ritratto unico dell'Italia di oggi firmato dall'autore del bestseller internazionale Gomorra. Roberto Saviano scava dentro alcune delle ferite vecchie e nuove che affliggono il nostro Paese. Il mancato riconoscimento del valore dell'Unità nazionale, il subdolo meccanismo della macchina del fango, l’espansione della criminalità organizzata al Nord, l'infinita emergenza rifiuti a Napoli, le troppe tragedie annunciate. Accanto alla denuncia c’è anche il racconto – commosso e ammirato – di vite vissute con onestà e coraggio: la sfida senz'armi di don Giacomo Panizza alla ’ndrangheta calabrese, la lotta di Piergiorgio Welby in nome della vita e del diritto, la difesa della Costituzione di Piero Calamandrei. Esempi su cui possiamo ancora contare per risollevarci e costruire un’Italia diversa. Ideato e condotto da Roberto Saviano e Fabio Fazio, Vieni via con me è stato l'evento televisivo dell’anno, più seguito delle partite di Champions League e dei reality show. Ora Vieni via con me è un libro che rende di nuovo accessibili al pubblico queste storie in una forma ampiamente rivista e arricchita. Facendole diventare, ancora una volta, storie di tutti.

Vieni via con me

Saviano Roberto