Narrativa

Novemila giorni e una sola notte

Brockmole Jessica

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Anno: 2013

ISBN: 9788842923329

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Viene definito come “il romanzo più romantico dell’anno”.

Sul piano obiettivo è stato “venduto in 21 paesi in meno di una settimana”.

Io l’ho letto anche cercando di capire quale sia il desiderio di fondo che alimenta fenomeni editoriali come questo. Il che equivale a rispondere alla domanda: perché ai nostri giorni c’è tanta “voglia di tenerezza”, per parafrasare il titolo di un film da Oscar?

Il romance ai tempi di sms, FB e chat. Il romance ai tempi delle lettere.

Novemila giorni e una sola notte” di Jessica Brockmole è un romanzo scritto in forma epistolare. Proprio come una famosa opera medioevale, che i protagonisti Elspeth e David citano esplicitamente: “Le lettere di Abelardo ed Eloisa. Però promettimi che la nostra storia non finirà in modo così tragico: non potrei sopportare di vivere in un convento.”

La forma narrativa dunque rappresenta una particolarità piuttosto inconsueta e ci riporta indietro nel tempo, a riassaporare il piacere dello scriversi ai ritmi lenti della posta transoceanica dei primi decenni del XX secolo. Quando una lettera impiegava settimane per raggiungere il destinatario. Mentre i nostri rapporti odierni sono travolti dalla velocità istantanea di connessioni simultanee. E si consumano nei linguaggi contratti di sigle, simboli, slang abbreviati e fonemi condensati in acronimi.

Ma è curioso rilevare, tra le righe del romanzo, come molti meccanismi siano pressoché invariati e possano benissimo caratterizzare anche un rapporto virtuale dei nostri giorni.
Così Elspeth non si presenta al primo appuntamento per una paura ancestrale, che ben potrebbe attanagliare anche due persone che si sono conosciute in chatroom o in un social network: “Il timore che, se ci fossimo incontrati, sarebbe svanito il mistero. Forse non saremmo andati d’accordo come sulla carta, non saremmo riusciti a discorrere come siamo abituati a fare…”

E l’enigma sulle identità – o la potenza dell’immaginazione – alimenta un sentimento forte, che cresce giorno dopo giorno, lettera dopo lettera: “Sei la ragione che mi spinge ad alzarmi al mattino … Mi hai spinto a scrivere di nuovo quando credevo che l’ispirazione mi avesse abbandonato.”

“Io non ti chiedo altro. Solo di esserci.”
Una storia a distanza. Una storia contrastata.
I protagonisti della storia d’amore vivono lontani.

Elspeth Dunn, detta Sue, è una poetessa: il suo “primo libro, Le onde di Peinchorran” colpisce, su tutti, un lettore. Nei versi di Sue si trovano “gioia, sole, mare… Impeto d’amore, mancanza d’amore… Amore dilaniante… fantasmi.” Perché lei vive a Skye: “Skye si trova al largo della costa nord-occidentale della Scozia. È un’isola verde, selvaggia e incontaminata, di una bellezza tale che non potrei immaginare di vivere altrove.”

David Graham è l’ammiratore. Scrive una lettera, poi non si ferma più.
Abita nell’Illinois, “quanto di più diverso esista dall’isola di Skye. Di montagne, neanche l’ombra. Non appena si esce dal campus… c’è solo granturco, a perdita d’occhio.”
Ed è uno “la cui impresa più illustre contemplava un sacco pieno di scoiattoli.”
Sogna di fare il ballerino (“Il mondo ha bisogno di ballerini. Almeno tanto quanto di studiose di geologia.”)
Poi decide di partire per la Francia, ai tempi della prima grande guerra. “C’è una bella differenza tra gettarsi nella mischia armati di baionetta, pronti a uccidere, e concentrare la propria energia nel salvare vite umane.”

Il viaggio transoceanico è anche l’occasione per incontrare Sue…

Ma l’amore a distanza deve fare i conti con la vita reale di ciascuno dei due.

Perché David sta per sposarsi: “Dovrei spazzolare il frac e provare il mio discorso, perchè il giorno del matrimonio si avvicina… e io che faccio invece? Me ne sto qui seduto a scriverti.” Mentre Sue è già sposata: “Ricevo più lettere da un uomo che non ho mai visto che da mio marito”.

La tecnica narrativa.  La narrazione è condotta lungo due linee temporali che corrispondono alle due grandi guerre.
Il primo filone narrativo decorre dal 1913 ed è composto dalle lettere tra i due innamorati.
Il secondo epistolario comincia nel 1940 e ha per protagonista Margaret, la figlia di Sue, giovane donna alla ricerca della verità sulle sue origini (“Lei non si è mai lasciata sfuggire nemmeno una parola su mio padre, sottraendosi a ogni domanda, trincerandosi dietro frasi come il passato è passato.”) e sulla famiglia della madre (“Cos’ha fatto mia madre – una donna che ama la natura, una donna che va a rifugiarsi in chiesa – per mandare in frantumi una famiglia?”).
Il romanzo può costituire una gradevole occasione per gli appassionati di romance, che avranno modo di gustare una modalità narrativa alternativa rispetto al romanzo classico. Per tutti rappresenta uno spunto per riflettere su modalità comunicative e relazionali a partire da “una corrispondenza durata anni, facendo emergere tracce d’amore tra le righe e le macchie d’inchiostro; un ardore alimentato dalla posta, anziché dalla luna e dalle maree.”

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jessica

Brockmole

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brockmole Jessica


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Si può sfuggire allo scorrere del tempo, come scrive l'autore di LA SCIENZA DI VIVERE PER SEMPRE? Esiste una connessione profonda tra la presenza di uno strano essere a Dartmoor, una nave in bottiglia, il tracciato di un ricamo all'uncinetto che rappresenta il mondo intero e le fate di Cottingley? Tra una recensione da consegnare e un libro da scrivere, Meg Carpenter non se la passava né troppo bene né troppo male. Aveva un ragazzo che era il classico inetto, certo. Arrivare alla fine del mese non era proprio una passeggiata, certo. E i libri erano tutta la sua vita, si potrebbe dire. Almeno fino a quando, tra le pagine di un testo di pseudoscienza, Meg non ha cominciato a guardare il suo tragico universo con occhi diversi. Tra psicologia e tarocchi, enigmi buddisti e teoremi di fisica, antiche cosmologie e leggende fatate, Meg si è messa alla ricerca delle risposte definitive a tutte le domande sul senso della vita e su come le relazioni nascano, crescano e poi, miseramente, muoiano. Mescolando filosofia e humour, ironia e colpi di genio, con IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO Scarlett Thomas ci regala un altro giro di giostra nella migliore letteratura: quella che fa sognare e riflettere senza soluzione di continuità.

IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO

Thomas Scarlett

L’America come la conosciamo non esiste più. Le macchine si sono fermate, la popolazione è stata decimata da una misteriosa epidemia, il terreno contaminato da tossine, e in questo scenario di morte e dolore è cominciata la grande emigrazione: i sopravvissuti si muovono verso est, verso la speranza e la possibilità di un imbarco per l'Europa. Ferrytown è una stazione di transito, che sopravvive proprio su questo incessante, disperato flusso migratorio. Ed è qui che arrivano Franklin Lopez e suo fratello Jackson, pellegrini verso l'oceano. Franklin ha un dolore a un ginocchio e si ferma sulle colline, mentre il fratello scende a Ferrytown per vedere di guadagnare qualcosa. In una casupola sulle colline Franklin incontra una donna, Margaret, febbricitante e isolata da tutti. Insieme i due intraprenderanno il cammino attraverso quest'America distrutta, aiutandosi a vicenda e trovando anche la forza di un amore inaspettato.

TUTTO CIO’ CHE ABBIAMO AMATO

Crace Jim

È una fredda, grigia, nebbiosa giornata di novembre degli anni Trenta a Londra e Miss Pettigrew, il cappotto di un indefinibile, orrendo marrone, l'aria di una spigolosa signora di mezza età e un'espressione timida e frustrata negli occhi, è alla porta di un appartamento al 5 di Onslow Mansions, in uno dei quartieri più eleganti della capitale inglese. Stamani si è presentata come sempre al collocamento e l'impiegata le ha dato l'indirizzo di Onslow Mansions e un nome: Miss LaFosse. L'edificio in cui si trova l'appartamento è tanto esclusivo e ricercato da metterle soggezione. Miss Pettigrew coi suoi abiti logori, il suo mesto decoro e il coraggio perduto nelle settimane trascorse con lo spauracchio dell'ospizio dei poveri, suona ripetutamente prima che la porta si spalanchi e appaia sulla soglia una giovane donna. È una creatura così incantevole da richiamare subito alla mente le bellezze del cinematografo. Miss Pettigrew sa tutto delle dive del cinematografo: ogni settimana per oltre due ore vive nel mondo fatato del cinema, dove non ci sono genitori prepotenti e orridi pargoli a vessarla. Miss LaFosse la fa entrare e poi scompare nella camera da letto, per ricomparire poco dopo seguita da un uomo in veste da camera, di una seta dalle tinte così abbaglianti che Miss Pettigrew deve socchiudere gli occhi. In preda all'ansia, stringendo la borsetta fra le dita tremanti, Miss Pettigrew si sente sconfitta e abbandonata prima ancora che la battaglia per l'assunzione cominci, ma anche elettrizzata.

UN GIORNO DI GLORIA PER MISS PETTIGREW

Watson Winifred

È il 2 maggio del 1945. Martin Bormann, braccio destro di Adolf Hitler, scompare per le strade di Berlino durante l'avanzata sovietica. Vent'anni dopo, fonti prossime alla CIA lo identificano come Martin Weisberg, finanziatore eccentrico e pacifista della rock band The Love's White Rabbits vicina al Movimento radicale. Da qui ha inizio una caccia all'uomo che coinvolgerà settori deviati dei servizi segreti americani e israeliani, uno scovanazisti italiano, un attore cieco fan di Charles Bronson, un reduce dal Vietnam fuori di testa. La vicenda è ambientata prevalentemente negli Stati Uniti, con incursioni fra Città del Guatemala, Singapore, Saigon. Sullo sfondo il clima esplosivo dell'estate del '68. Storia, cronaca e finzione si rincorrono fondendosi dalla prima all'ultima pagina di questo originale romanzo dal ritmo incalzante e dal finale al cardiopalma. Così accade che una spia in gonnella semini il Caos. Uno scheletro sia perdutamente innamorato di Anita Garibaldi. Una chitarra racconti la Beat generation. Una scultrice plasmi marijuana e hashish. Uno spietato killer del Mossad adori indossare scarpe rosa coi tacchi a spillo. E mentre scorrono fiumi di limonata all'LSD, esplode la questione nera, le università sono in rivolta, la musica psichedelica spopola tra i giovani e gli agenti dell'FBI reprimono le proteste.

Quando le chitarre facevano l’amore

Mazzoni Lorenzo