Narrativa

Novemila giorni e una sola notte

Brockmole Jessica

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Anno: 2013

ISBN: 9788842923329

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Viene definito come “il romanzo più romantico dell’anno”.

Sul piano obiettivo è stato “venduto in 21 paesi in meno di una settimana”.

Io l’ho letto anche cercando di capire quale sia il desiderio di fondo che alimenta fenomeni editoriali come questo. Il che equivale a rispondere alla domanda: perché ai nostri giorni c’è tanta “voglia di tenerezza”, per parafrasare il titolo di un film da Oscar?

Il romance ai tempi di sms, FB e chat. Il romance ai tempi delle lettere.

Novemila giorni e una sola notte” di Jessica Brockmole è un romanzo scritto in forma epistolare. Proprio come una famosa opera medioevale, che i protagonisti Elspeth e David citano esplicitamente: “Le lettere di Abelardo ed Eloisa. Però promettimi che la nostra storia non finirà in modo così tragico: non potrei sopportare di vivere in un convento.”

La forma narrativa dunque rappresenta una particolarità piuttosto inconsueta e ci riporta indietro nel tempo, a riassaporare il piacere dello scriversi ai ritmi lenti della posta transoceanica dei primi decenni del XX secolo. Quando una lettera impiegava settimane per raggiungere il destinatario. Mentre i nostri rapporti odierni sono travolti dalla velocità istantanea di connessioni simultanee. E si consumano nei linguaggi contratti di sigle, simboli, slang abbreviati e fonemi condensati in acronimi.

Ma è curioso rilevare, tra le righe del romanzo, come molti meccanismi siano pressoché invariati e possano benissimo caratterizzare anche un rapporto virtuale dei nostri giorni.
Così Elspeth non si presenta al primo appuntamento per una paura ancestrale, che ben potrebbe attanagliare anche due persone che si sono conosciute in chatroom o in un social network: “Il timore che, se ci fossimo incontrati, sarebbe svanito il mistero. Forse non saremmo andati d’accordo come sulla carta, non saremmo riusciti a discorrere come siamo abituati a fare…”

E l’enigma sulle identità – o la potenza dell’immaginazione – alimenta un sentimento forte, che cresce giorno dopo giorno, lettera dopo lettera: “Sei la ragione che mi spinge ad alzarmi al mattino … Mi hai spinto a scrivere di nuovo quando credevo che l’ispirazione mi avesse abbandonato.”

“Io non ti chiedo altro. Solo di esserci.”
Una storia a distanza. Una storia contrastata.
I protagonisti della storia d’amore vivono lontani.

Elspeth Dunn, detta Sue, è una poetessa: il suo “primo libro, Le onde di Peinchorran” colpisce, su tutti, un lettore. Nei versi di Sue si trovano “gioia, sole, mare… Impeto d’amore, mancanza d’amore… Amore dilaniante… fantasmi.” Perché lei vive a Skye: “Skye si trova al largo della costa nord-occidentale della Scozia. È un’isola verde, selvaggia e incontaminata, di una bellezza tale che non potrei immaginare di vivere altrove.”

David Graham è l’ammiratore. Scrive una lettera, poi non si ferma più.
Abita nell’Illinois, “quanto di più diverso esista dall’isola di Skye. Di montagne, neanche l’ombra. Non appena si esce dal campus… c’è solo granturco, a perdita d’occhio.”
Ed è uno “la cui impresa più illustre contemplava un sacco pieno di scoiattoli.”
Sogna di fare il ballerino (“Il mondo ha bisogno di ballerini. Almeno tanto quanto di studiose di geologia.”)
Poi decide di partire per la Francia, ai tempi della prima grande guerra. “C’è una bella differenza tra gettarsi nella mischia armati di baionetta, pronti a uccidere, e concentrare la propria energia nel salvare vite umane.”

Il viaggio transoceanico è anche l’occasione per incontrare Sue…

Ma l’amore a distanza deve fare i conti con la vita reale di ciascuno dei due.

Perché David sta per sposarsi: “Dovrei spazzolare il frac e provare il mio discorso, perchè il giorno del matrimonio si avvicina… e io che faccio invece? Me ne sto qui seduto a scriverti.” Mentre Sue è già sposata: “Ricevo più lettere da un uomo che non ho mai visto che da mio marito”.

La tecnica narrativa.  La narrazione è condotta lungo due linee temporali che corrispondono alle due grandi guerre.
Il primo filone narrativo decorre dal 1913 ed è composto dalle lettere tra i due innamorati.
Il secondo epistolario comincia nel 1940 e ha per protagonista Margaret, la figlia di Sue, giovane donna alla ricerca della verità sulle sue origini (“Lei non si è mai lasciata sfuggire nemmeno una parola su mio padre, sottraendosi a ogni domanda, trincerandosi dietro frasi come il passato è passato.”) e sulla famiglia della madre (“Cos’ha fatto mia madre – una donna che ama la natura, una donna che va a rifugiarsi in chiesa – per mandare in frantumi una famiglia?”).
Il romanzo può costituire una gradevole occasione per gli appassionati di romance, che avranno modo di gustare una modalità narrativa alternativa rispetto al romanzo classico. Per tutti rappresenta uno spunto per riflettere su modalità comunicative e relazionali a partire da “una corrispondenza durata anni, facendo emergere tracce d’amore tra le righe e le macchie d’inchiostro; un ardore alimentato dalla posta, anziché dalla luna e dalle maree.”

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jessica

Brockmole

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brockmole Jessica

«Mi chiamo Vince Corso. Ho quarantacinque anni, sono orfano e per campare prescrivo libri alla gente». Insegnante precario e lettore come pochi, si è inventato un nuovo lavoro, quello di biblioterapeuta; ha casa e ufficio in via Merulana, un monolocale con soppalco e angolo cottura più da studente fuorisede che da medico delle anime, dove accoglie le sue pazienti - sì, sono donne in prevalenza. Vince le ascolta e poi trova per loro il libro adatto, le pagine che possono lenire, la letteratura insomma come medicina dell’anima e, perché no?, anche del corpo. A rivolgersi al suo pronto soccorso letterario un giorno arriva Giovanna; il fratellastro Fabrizio, sinologo, collezionista di libri, esperto di lingue e di molto altro, ha smarrito il senno e ricoverato in una casa di riposo per malati di Alzheimer ripete ossessivamente poche e smozzicate frasi, sempre le stesse. La donna è convinta di un possibile miglioramento del fratello se solo potesse ritrovare il libro da cui quelle parole sono tratte: sembra proprio il terreno in cui Vince Corso si trova più a suo agio. Così accetta la sfida e visita la biblioteca del professore, ma si trova ben presto a indossare i panni dell’investigatore, a svelare l’enigma che si cela dietro quel labirinto di volumi, una autentica biblioteca di Babele. Un libro sulla memoria, sull’importanza del ricordo, sulla lettura come terapia.

Ogni coincidenza ha un’anima

Stassi Fabio

Da Jose Arcadio ad Aureliano Babilonia, dalla scoperta del ghiaccio alle pergamene dello zingaro Melquìades finalmente decifrate: Cent'anni di solitudine di una grande famiglia i cui componenti vengono al mondo, si accoppiano e muoiono per inseguire un destino ineluttabile, in attesa della nascita di un figlio con la coda di porco. Pubblicato nel 1967, scritto in diciotto mesi, ma "meditato" per più di tre lustri, Cent'anni di solitudine rimane un capolavoro insuperato e insuperabile, che nel 1982 valse al suo autore I'assegnazione del premio Nobel. Un libro tumultuoso con i toni della favola, sorretto da una tensione narrativa fondata su un portentoso linguaggio e su un'invidiabile fantasia. Garcia Marquez ha saputo rifondare la realtà e creare Macondo, il paradigma della solitudine, una situazione mentale e un destino più che un villaggio. Lo ha costretto a crescere avvinghiato alla famiglia Buendia. Lo ha trasformato in una città degli specchi e lo ha fatto spianare dal vento. In questo universo di solitudini incrociate, impenetrabili ed eterne, galleggia una moltitudine di eroi predestinati alla sconfitta, cui fanno da contraltare la solidità e la sensatezza dei personaggi femminili. Su tutti domina la figura del colonnello Aureliano Buendia, il primo uomo nato a Macondo, colui che promosse trentadue insurrezioni senza riuscire in nessuna, che ebbe diciassette figli maschi e glieli uccisero tutti, che sfuggì a quattordici attentati, a settantatre imboscate e a un plotone di esecuzione per finire i suoi giorni chiuso in un laboratorio a fabbricare pesciolini d'oro.

Cent’anni di solitudine

Márquez Gabriel García

Un inno alla leggerezza. E non a quella che fa rima con frivolezza, ma un invito a sgravarsi, a liberarsi dei troppi pesi che ci mettiamo addosso. Perché di insostenibile c'è soltanto l'affanno per voler essere diversi da ciò che si è. Poesie che hanno la forza di un'esortazione e sono agili come canzoni pop. Parlano dell'accettarsi, nel bene e (soprattutto) nel male. Dell'avere dubbi e sbagliare, nella vita come in amore. Questo libro è un elogio dell'imperfezione, dell'errore, dello sbaglio, parole per esseri imperfetti perché vivi. E dell'equivoco, dell'errore, dell'approssimazione, ci si veste con fierezza. Alessandra Racca si dimagrisce il passo per essere leggera al mondo e poggiarci sopra, camminando, l'essenziale: la luminosa trasparenza dell'imperfezione.

Consigli di volo per bipedi pesanti

Racca Alessandra

Angelo è appena arrivato in una nuova città e deve iniziare la terza media. E che terza media! In classe sua, tra gli altri, c'è Capa Gialla, pluriripetente e facile alle mazzate, c'è Giusy che è carina e vorrebbe fare il meccanico da grande, ma c'è anche Federico il pazzo, che poi si chiama Francesco, e ha un sacco di strane idee per la testa. Se non fosse per Capa Gialla e la sua gang di bulli, ci sarebbe quasi da divertirsi...

Federico il pazzo

Rinaldi Patrizia