Saggi

Odio sentirmi una vittima

Sontag Susan

Descrizione: Susan Sontag è stata una delle intellettuali americane più celebri, influenti e controverse della seconda metà del ventesimo secolo. Quest'opera svela la sua lucida visione del mondo e rivela l'ampiezza della sua intelligenza critica. Risoluta, intensa, testarda e provocatoria, con parole sofferte e prive di ogni retorica, Sontag riflette sugli argomenti più disparati: la malattia, l'amore e la morte, il sesso, la fotografia e la musica - Bill Haley & The Comets, Chuck Berry, Bob Dylan e Patti Smith -, l'approccio alla scrittura, la società americana, la filosofia, da Proust a Nietszche.

Categoria: Saggi

Editore: Il Saggiatore

Collana: La piccola cultura

Anno: 2016

ISBN: 9788842822424

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Nel 1978, il giornalista Jonathan Cott incontrò Susan Sontag nell’appartamento parigino della scrittrice che gli concesse un’intervista – “autorevole e diretta” – per la rivista Rolling Stone. Cinque mesi dopo, la conversazione proseguì nell’appartamento di New York della Sontag. La rivista pubblicò un terzo della conversazione, che Cott ha qui riproposto interamente e pubblicata in Italia da Il Saggiatore con la traduzione di Paolo Dilonardo e il lo Odio sentirmi una vittima.

L’intervista fu in realtà il pretesto per uno scambio, ad alti livelli, di azioni e rivelazioni su tanti argomenti che stavano a cuore alla scrittrice e regista statunitense. La letteratura, la scrittura, la malattia, ma anche le inquietudini e le passioni della Sontag si fanno strada tra le “mirate” domande del giornalista, fornendo al lettore degli spunti interessanti di riflessione.

La Sontag, come altri intellettuali e attivisti politici del secolo scorso, ha vissuto la sua epoca con l’impegno e l’attenzione che certi eventi (complessi e straordinari) richiedono, dedicando ai numerosi cambiamenti culturali e sociali del tempo quel coinvolgimento e quella passione necessari per poterli comprendere a fondo e raccontarli con responsabilità. Intellettuale che non disdegnava un approccio più umano e informale alla cultura (anche popolare), la Sontag conferma in queste pagine di preferire una “visione della vita della mente come vita di desiderio, di piena intelligenza e di piacere.” Desiderio e conoscenza vanno, anzi devono andare, di pari passo e la scrittura, confessa, è semplicemente “un abbraccio; un lasciarsi abbracciare.”

Con questo spirito, la Sontag si è sempre accostata all’oggetto del suo lavoro: i suoi saggi sulla letteratura, sull’arte e sulla fotografia sono carichi di visioni, di piacere e di estasi. C’è amore nel suo pensiero e nella sua lettura, libera da etichette o ghettizzazioni (fossero anche commerciali), della cultura.

Una delle battaglie che combatto da più tempo è quella contro la distinzione tra pensiero e sentimento, che è all’origine di ogni concezione anti-intellettualistica: cuore e testa, pensare e sentire, immaginazione e giudizio… Non credo affatto che tali contrapposizioni siano vere. Abbiamo più o meno gli stessi corpi, ma i nostri corpi sono molto diversi. Credo che per pensare ci serviamo molto di più degli strumenti forniti dalla cultura che di quelli offerti dal corpo, e nasce da qui la grandissima varietà di pensiero che esiste al mondo. Ho l’impressione che pensare sia una forma di sentimento e il sentire una forma di pensiero.

Dal buddhismo al rock and roll, passando da Chuck Berry, i Doors e Patti Smith a Dostoevskij, Dickinson e Barthes, tutto serve a formare il pensiero e a fornire gli strumenti per una comprensione più veritiera della realtà. Non si vive fuori dalla storia: ciò che siamo e facciamo risente inevitabilmente dagli eventi che, lo si voglia o no, contraddistinguono l’epoca in cui viviamo.

Gran parte delle cose che riteniamo naturali è prodotta dalla storia e ha delle radici […] e continuiamo sostanzialmente a fare i conti con attese e sentimenti formulati in quel periodo, come le idee sulla felicità, l’individualità, i mutamenti sociali radicali e il piacere. […] Perciò quando vado al Cbgb per assistere a un concerto di Patti Smith mi diverto, partecipo, apprezzo e sono più in sintonia perché ho letto Nietzsche.

Presupposto per vivere nella storia è affrontarla con gli strumenti giusti e non si può prescindere dalla conoscenza. Certo nulla di nuovo, ma la Sontag ci tiene a sottolineare come – nel proprio caso – è la lettura, insieme alla scrittura, ad aver rappresentato il centro di resistenza del proprio essere, come individuo e come intellettuale. Il poter scrivere di ciò che accadeva è stato per lei anche un modo per essere pienamente presente nella propria vita. Il suo Malattia come metafora nacque – ad esempio – proprio in un momento doloroso e terribilmente reale della sua esistenza, e la scrittura rappresentò, oltre che un tentativo disperato di esorcizzare la paura, un modo per sentirsi viva e in lotta con la vita stessa.

Io scrivo in parte per cambiare me stessa: una volta che ho scritto qualcosa, non devo più pensarci. Scrivere è in realtà un modo per liberarmi di certe idee.

Così la Sontag racconta anche le debolezze tutte umane e i sentimenti, a volte irragionevoli ma pur sempre legittimi, che accompagnano certe vicende. Il voler fuggire da se stessi è il tema che spesso ricorre nei suoi scritti, un desiderio comprensibile se si pensa ad esso come a un modo per poter diventare altro, migliorandosi, alla continua ricerca e crescita personale.

Mi piace non sapere dove sto andando e, allo stesso tempo, essermi già inoltrata lungo il cammino. Non mi piace trovarmi al punto di partenza, ma neppure vedere la fine.

La conversazione prosegue, ritmata, su svariati argomenti, con spunti decisamente interessanti su autori (passati e contemporanei) e tendenze (nella fotografia come nella comunicazione) per il lettore che abbia voglia di cogliere tutta la ricchezza di queste pagine. Come il passo della Lettera a Borges della Sontag che Cott cita al termine della prefazione e che riporto qui di seguito dall’edizione originale del 2013:

Some people think of reading only as a kind of escape: an escape from the “real” everyday world to an imaginary world, the world of books. Books are much more. They are a way of being fully human.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Susan

Sontag

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sontag Susan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una vasta insurrezione si estende dagli Stati Uniti all’America Centrale a un epicentro maghrebino. Effetto collaterale di un mondo occidentale che “col pretesto del controllo” ha istituito ovunque stati di polizia, i “ragazzi selvaggi” si evolvono presto in una fantasmagorica sottospecie umanoide: ragazzi con pistole-laser, ragazzi-gatto con artigli “curvi e cavi imbottiti di pasta di cianuro”, ragazzi-serpente, ragazzi che si spostano su alianti, su biciclette alate, su pattini a propulsione. In un romanzo che suona oggi di allarmante forza profetica, ancora una volta Burroughs incenerisce processi e mutamenti storici al rogo della sua immaginazione e della sua allucinata, inconfondibile scrittura.

I ragazzi selvaggi

Burroughs William S.

Holly Golightly, la protagonista di questo estroso romanzo breve, è una cover-girl di New York, attrice cinematografica mancata, generosa di sé con tutti, consolatrice di carcerati, eterna bambina chiassosa e scanzonata. È un personaggio incantevole, dotato di una sorprendente grazia poetica. Intorno a lei ruotano tipi bizzarri come Sally Tomato, paterno gangster ospite del penitenziario di Sing Sing, O.J. Berman, il potente agente dei produttori di Hollywood, il "vecchio ragazzo" Rusty Trawler, Joe Bell, proprietario di bar e timido innamorato...

Colazione da Tiffany

Capote Truman

Sospettando che ci sia qualcosa di strano nella sepoltura del padre, l'adolescente Kenneth Tyler e sua sorella Corrie fanno una terribile scoperta: la bara è stata profanata. Ma scoperchiando altre tombe, capiscono che c'è di peggio: cadaveri evirati, morti composti in fogge oscene. A dedicarsi alle perverse pratiche necrofile è l'impresario funebre, Fenton Breece. Mentre sua sorella vorrebbe ricattare il becchino, Tyler è invece ossessionato dall'idea di consegnarlo al giudizio della legge e degli uomini. Deve però sfuggire a Granville Sutter, un criminale assunto da Fenton Breece per recuperare - ad ogni costo - le prove incriminanti raccolte dal ragazzo. Comincia così l'avventurosa fuga per la salvezza del giovane Tyler, un inseguimento per le tortuose lande dell'Harrikin, oscura terra di nessuno e di confine.

CREPUSCOLO

Gay William

Ontano, Canada, 1915. Bess è la figlia diciassettenne e spensierata del direttore della centrale idroelettrica delle Cascate del Niagara. Quando il padre perde il lavoro e una serie di sventure si abbattono sulla sua famiglia, solo l'amore di Tom le impedisce di lasciarsi andare. Un amore osteggiato dalla madre, perché Tom - l'uomo del fiume - non è esattamente un buon partito. Ma Bess vede nei suoi occhi verdi un uomo che ama e protegge la Natura, come amerà e proteggerà lei per tutta la vita. E vede un eroe che ha salvato molte persone dalla furia delle acque, perché Tom ha con il fiume e le cascate un legame ancestrale che gli permette di coglierne i capricci e ogni minima variazione.

NEI TUOI OCCHI VERDI COME IL FIUME

Buchanan Cathy Marie