Saggi

Odio sentirmi una vittima

Sontag Susan

Descrizione: Susan Sontag è stata una delle intellettuali americane più celebri, influenti e controverse della seconda metà del ventesimo secolo. Quest'opera svela la sua lucida visione del mondo e rivela l'ampiezza della sua intelligenza critica. Risoluta, intensa, testarda e provocatoria, con parole sofferte e prive di ogni retorica, Sontag riflette sugli argomenti più disparati: la malattia, l'amore e la morte, il sesso, la fotografia e la musica - Bill Haley & The Comets, Chuck Berry, Bob Dylan e Patti Smith -, l'approccio alla scrittura, la società americana, la filosofia, da Proust a Nietszche.

Categoria: Saggi

Editore: Il Saggiatore

Collana: La piccola cultura

Anno: 2016

ISBN: 9788842822424

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Nel 1978, il giornalista Jonathan Cott incontrò Susan Sontag nell’appartamento parigino della scrittrice che gli concesse un’intervista – “autorevole e diretta” – per la rivista Rolling Stone. Cinque mesi dopo, la conversazione proseguì nell’appartamento di New York della Sontag. La rivista pubblicò un terzo della conversazione, che Cott ha qui riproposto interamente e pubblicata in Italia da Il Saggiatore con la traduzione di Paolo Dilonardo e il lo Odio sentirmi una vittima.

L’intervista fu in realtà il pretesto per uno scambio, ad alti livelli, di azioni e rivelazioni su tanti argomenti che stavano a cuore alla scrittrice e regista statunitense. La letteratura, la scrittura, la malattia, ma anche le inquietudini e le passioni della Sontag si fanno strada tra le “mirate” domande del giornalista, fornendo al lettore degli spunti interessanti di riflessione.

La Sontag, come altri intellettuali e attivisti politici del secolo scorso, ha vissuto la sua epoca con l’impegno e l’attenzione che certi eventi (complessi e straordinari) richiedono, dedicando ai numerosi cambiamenti culturali e sociali del tempo quel coinvolgimento e quella passione necessari per poterli comprendere a fondo e raccontarli con responsabilità. Intellettuale che non disdegnava un approccio più umano e informale alla cultura (anche popolare), la Sontag conferma in queste pagine di preferire una “visione della vita della mente come vita di desiderio, di piena intelligenza e di piacere.” Desiderio e conoscenza vanno, anzi devono andare, di pari passo e la scrittura, confessa, è semplicemente “un abbraccio; un lasciarsi abbracciare.”

Con questo spirito, la Sontag si è sempre accostata all’oggetto del suo lavoro: i suoi saggi sulla letteratura, sull’arte e sulla fotografia sono carichi di visioni, di piacere e di estasi. C’è amore nel suo pensiero e nella sua lettura, libera da etichette o ghettizzazioni (fossero anche commerciali), della cultura.

Una delle battaglie che combatto da più tempo è quella contro la distinzione tra pensiero e sentimento, che è all’origine di ogni concezione anti-intellettualistica: cuore e testa, pensare e sentire, immaginazione e giudizio… Non credo affatto che tali contrapposizioni siano vere. Abbiamo più o meno gli stessi corpi, ma i nostri corpi sono molto diversi. Credo che per pensare ci serviamo molto di più degli strumenti forniti dalla cultura che di quelli offerti dal corpo, e nasce da qui la grandissima varietà di pensiero che esiste al mondo. Ho l’impressione che pensare sia una forma di sentimento e il sentire una forma di pensiero.

Dal buddhismo al rock and roll, passando da Chuck Berry, i Doors e Patti Smith a Dostoevskij, Dickinson e Barthes, tutto serve a formare il pensiero e a fornire gli strumenti per una comprensione più veritiera della realtà. Non si vive fuori dalla storia: ciò che siamo e facciamo risente inevitabilmente dagli eventi che, lo si voglia o no, contraddistinguono l’epoca in cui viviamo.

Gran parte delle cose che riteniamo naturali è prodotta dalla storia e ha delle radici […] e continuiamo sostanzialmente a fare i conti con attese e sentimenti formulati in quel periodo, come le idee sulla felicità, l’individualità, i mutamenti sociali radicali e il piacere. […] Perciò quando vado al Cbgb per assistere a un concerto di Patti Smith mi diverto, partecipo, apprezzo e sono più in sintonia perché ho letto Nietzsche.

Presupposto per vivere nella storia è affrontarla con gli strumenti giusti e non si può prescindere dalla conoscenza. Certo nulla di nuovo, ma la Sontag ci tiene a sottolineare come – nel proprio caso – è la lettura, insieme alla scrittura, ad aver rappresentato il centro di resistenza del proprio essere, come individuo e come intellettuale. Il poter scrivere di ciò che accadeva è stato per lei anche un modo per essere pienamente presente nella propria vita. Il suo Malattia come metafora nacque – ad esempio – proprio in un momento doloroso e terribilmente reale della sua esistenza, e la scrittura rappresentò, oltre che un tentativo disperato di esorcizzare la paura, un modo per sentirsi viva e in lotta con la vita stessa.

Io scrivo in parte per cambiare me stessa: una volta che ho scritto qualcosa, non devo più pensarci. Scrivere è in realtà un modo per liberarmi di certe idee.

Così la Sontag racconta anche le debolezze tutte umane e i sentimenti, a volte irragionevoli ma pur sempre legittimi, che accompagnano certe vicende. Il voler fuggire da se stessi è il tema che spesso ricorre nei suoi scritti, un desiderio comprensibile se si pensa ad esso come a un modo per poter diventare altro, migliorandosi, alla continua ricerca e crescita personale.

Mi piace non sapere dove sto andando e, allo stesso tempo, essermi già inoltrata lungo il cammino. Non mi piace trovarmi al punto di partenza, ma neppure vedere la fine.

La conversazione prosegue, ritmata, su svariati argomenti, con spunti decisamente interessanti su autori (passati e contemporanei) e tendenze (nella fotografia come nella comunicazione) per il lettore che abbia voglia di cogliere tutta la ricchezza di queste pagine. Come il passo della Lettera a Borges della Sontag che Cott cita al termine della prefazione e che riporto qui di seguito dall’edizione originale del 2013:

Some people think of reading only as a kind of escape: an escape from the “real” everyday world to an imaginary world, the world of books. Books are much more. They are a way of being fully human.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Susan

Sontag

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sontag Susan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Marcus Goldman ha conosciuto la gloria letteraria ma da qualche tempo è in piena crisi di ispirazione; per questo si rivolge a Harry Quebert, il suo anziano professore di letteratura che già anni prima l'aveva salvato da un percorso pericoloso, per chiedergli aiuto. Harry gli offre subito uno spunto narrativo: gli racconta infatti di una ragazza, Nola, con cui oltre trent'anni prima ebbe una storia tormentata (segnata dalla grande differenza d'età), che a un certo punto - era il 1975 - sparì all'improvviso. Pochi giorni dopo essere rientrato a New York, Marcus viene però a sapere che il cadavere della ragazzina è stato ritrovato proprio nel giardino di Harry e che quest'ultimo, accusato dell'omicidio, rischia ora la pena di morte. Ma Marcus non può credere a questa ipotesi e decide di indagare per scoprire la verità e scagionare il suo amico.

La verità sul caso Harry Quebert

Dicker Joël

Messico: Irma, diciannove anni, nata in Canada, vive tutta sola a un passo dal deserto. Suo padre, mennonita imbrigliato da un rigore bacchettone, l’ha ripudiata. Suo marito, spacciatore di basso rango, è sparito nel nulla. Ma Diego, regista-figo del film con cane filosofo, alle prese con un copione sperimentale e un cast internazionale, ingaggia Irma come interprete e tuttofare. L’atmosfera libertaria del gruppo, le chiacchiere notturne, i progetti artistici galvanizzano Irma. Galvanizzano anche la sorellina Aggie, che sogna di mollare mamma e papà, e viver con lei. Anzi, un bel giorno molla tutto davvero, e convince anche Irma a gettarsi in un’avventura a dir poco clamorosa...

MI CHIAMO IRMA VOTH

Toews Miriam

RIDE AND PREJUDICE – Jane Austen

Giovanni ha diciotto anni, trascorsi quasi tutti a Verona, dove è nato. Una vita tranquilla, qualche amico e, ogni giorno, i lunghi allenamenti in piscina per prepararsi alle gare. Anche a casa regna la quiete: Giovanni vive solo con suo padre, notaio, in quel genere di grande appartamento abitato da due uomini che ogni donna può immaginarsi. Selvaggia ha diciotto anni, molte amiche e diversi spasimanti, vive sul mare e assapora l'estate appena iniziata quando sua madre le sconvolge la vita: si trasferiranno per ragioni di lavoro. Selvaggia cambierà scuola, dovrà ricominciare tutto da capo e lo dovrà fare a Verona, la città dove è nata e da cui proprio la mamma, tanti anni prima, l'aveva portata via, separandola dal padre e dal fratello gemello. Quando Selvaggia varca per la prima volta la soglia della nuova casa, Giovanni è rintanato in camera sua. Gli basta la voce di lei per capire che nulla sarà più come prima. Giovanni scopre quella voce come un regalo, ma al tempo stesso la riconosce, è un suono che vive da sempre dentro di lui: Selvaggia, la sorella perduta, è tornata nella sua vita, per sempre. Lei a Verona non conosce nessuno: solo Johnny - come lo ha subito ribattezzato - può farle da guida e tenerle compagnia nei tre lunghi mesi che devono trascorrere prima della ripresa scolastica. Selvaggia è bellissima, piena di fascino ma anche capricciosa fino allo sfinimento, croce e delizia per il fratello ritrovato. Presto tra i due si sprigiona un'elettricità, un magnetismo, un'affinità che ha un solo nome, per loro impronunciabile: desiderio. Questo romanzo è la cronaca dell'amore tra due ragazzi che si affacciano alla vita, un amore meraviglioso e impossibile nel modo più crudele, perché non è la diversità a separare i due innamorati - non sono una sirenetta e un principe, un vampiro e una fanciulla - ma, proprio nella terra dei Montecchi e dei Capuleti, è la vicinanza assoluta a condannarli. Densissimo di echi letterari eppure diretto come il diario di un teenager, Le affinità alchemiche ha il candore e l'intensità per rinnovare nel nostro cuore un'emozione senza tempo, per ammaliarci ancora una volta con il miracolo e la tragedia della seduzione. Selvaggia e Johnny: ricordatevi questi nomi, la loro fiamma brucia alta nel cielo

LE AFFINITA’ ALCHEMICHE

Coltorti Gaia