Fantasy

ODORE DI GUAI

Tomatis Marco

Descrizione: Cosa si prova a essere improvvisamente trasformati in uno specchio da una strana luce viola e ritrovarsi su un pianeta di una galassia lontana anni luce, di nome Catorcia, luogo in cui finiscono tutti gli oggetti che agli Umani non servono più ma che vogliono sfuggire alla discarica? E come combattere per salvare l’esistenza stessa di Catorcia, del mondo e dell’universo intero, dai piani malefici di Yvonne, un essere terribile che è concentrato di mille malvagità, di MorteaCredito, un enorme cannone reduce da infinite battaglie, e di una misteriosa banconota fuori corso? Sono loro tre, infatti, i capi dei terribili Ravanosi, gli umani che raccolgono gli oggetti usati per esporli nei mercatini delle pulci. Sarà Nico, una ragazza di dodici anni che vive con la nonna e i suoi 1748 specchi, ad affrontare questi temibili nemici; nella lotta, però, non sarà sola. Potrà contare infatti sull’aiuto di Abelardo, un vecchio frigo panciuto, dei Gialli e dei Rossi, quarantanove cartellini di quelli usati dagli arbitri per ammonire o espellere i giocatori durante le partite di calcio, di un Mattone, ma anche di Gualtiero, un wc a cui si “affezionerà molto”. Ognuno si dimostrerà un compagno pieno di sorprese e risorse inaspettate; ma soprattutto sarà prezioso il Dono di Nico, una qualità particolare e unica che ha acquisito a Catorcia e che le resterà per sempre.

Categoria: Fantasy

Editore: Fanucci

Collana: Tweens

Anno: 2010

ISBN: 9788834716359

Trama

Le Vostre recensioni

Cosa si nasconde dietro al mondo degli oggetti che ci circondano? Siamo ancora capaci di immaginare ciò che non si vede, di credere ad un pizzico di magia e che esista un mondo fantastico del quale solo pochi di noi possono fare parte?

La protagonista del romanzo di Marco Tomatis, l’undicenne Nicoletta, potrebbe rispondervi, un po’ sconcertata e timida, (e mi immedesimo al punto da immaginare le parole che userebbe) che in fondo la fantasia potrebbe anche superare la realtà, o almeno lei ci crede, e che insomma, se… Se un motociclista panzone, un water e un gruppo di vecchietti possono tentare di salvare il Pianeta Terra e il mondo degli oggetti,“Catorcia”, di cui ha appena appreso l’esistenza, beh… tutto sommato è possibile credere che il mondo reale si spinga ben oltre il conosciuto…

Odore di guai ha lo stile di una fiaba d’altri tempi, ricorda le storie di quando eravamo piccoli, ma strizza l’occhio con ironia al mondo adulto, facendo notare come, anche in un mondo fantastico, Armi, Bombe e Soldi molto spesso non stiano dalla parte del bene; con una narrazione diretta e semplice, capace di coinvolgere i ragazzi, l’autore può incantare anche i più ‘grandi’ che desiderino (ogni tanto) immergersi nell’atmosfera delle favole.

D’altra parte, senza avere la pretesa di far la morale, quest’opera esalta la semplicità scegliendo Nicoletta come paladina perché, parafrasando quel che le spiegano gli oggetti “è bella, ma non appariscente. E’ gentile, ma sa dire di no quando è necessario. E’ intelligente, ma non presuntuosa. E’ orgogliosa, ma non tanto da respingere l’aiuto degli altri. E’ la semplicità difficile da raggiungere. Quella che supera gli ostacoli con naturalezza”.

E con la stessa spontaneità, gli umani – oggetti (o Doppia forma, per dirlo con l’autore) accettano ed esaltano la diversità di un water che diventerà un eroe; in aggiunta,  è molto divertente il modo in cui questi fanno notare al gabinetto le sue peculiarità, osservando che è “una specie di trono su cui si può fare tutto, oltre naturalmente quello per cui” è “stato inventato. Leggere, risolvere giochi enigmistici, lavorare al computer, studiare l’esistenzialismo, sentire musica, rispondere al cellulare. Insomma, quello che vuoi”.

Il romanzo di Marco Tomatis si legge davvero d’un fiato e lascia per tutto il tempo il sorriso sul volto del lettore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Tomatis

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tomatis Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Calabretto ricostruisce L’Histoire du soldat

Buenos Aires, 2001. Perla Correa è sempre riuscita a ingannare tutti quelli che la circondano. Ogni mattina si sveglia e lucida la sua superficie di studentessa modello, bella ragazza radiosa, irreprensibile figlia di buona famiglia. Sua madre è avvolta di bellezza e foulard importati e suo padre è un uomo forte e fiero nella sua uniforme militare perfettamente stirata. Perla è sempre stata considerata molto fortunata ad averli come genitori. Eppure questa è solo una maschera che la ragazza indossa per nascondere il dubbio che le si agita dentro, e sul quale invano tenta di chiudere gli occhi. Un dubbio che si nutre di mezze frasi delle compagne di classe, sguardi impauriti dei vicini, libri di storia sui "desaparecidos" che suo padre le ha tassativamente proibito di leggere. Ma una notte, mentre è sola in casa, un uomo entra nel suo salotto. Sembra solo, disperato e affamato. È lì per raccontarle una storia. Una storia che narra di due ragazzi giovani che si amavano, di pesanti stivali neri che sfondano la porta di casa, di un carcere senza scampo e di un ultimo volo sul Rio de La Piata. E che incendia la vita perfetta di Perla riducendola in fumo. Inizia così un viaggio che la costringe a confrontarsi con la vera sé stessa e con la storia più dolorosa del suo paese. Dove solo il fuoco del coraggio che ha sempre nascosto tra le pieghe di una falsa tranquillità l'aiuterà a rinascere una seconda volta dalle sue ceneri.

LA RAGAZZA DAI CAPELLI DI FIAMMA

De Robertis Carolina

Nella luce di un giugno radioso e sfacciato, Viola sente crescere il vuoto delle sue giornate. Ha quarantatré anni, e per metà della vita è stata moglie devota di un acclamato direttore d’orchestra e madre di una figlia avuta da giovanissima. Nient’altro, nessuna concessione a se stessa, nessun inciampo, nemmeno ora che, con la morte improvvisa del marito e una figlia ormai adulta, le sue giornate sono scandite dalla solitudine. Il pomeriggio del solstizio d’estate, durante un concerto in memoria del marito, Viola conosce un uomo e qualcosa accade dentro di lei: una breccia nel muro, un’infiltrazione d’acqua nelle crepe, un punto di sutura che si dissolve. Mentre nel chiostro assolato risuonano le note di Bach, un’impacciata Viola in abito da cocktail, il filo di perle al collo e i capelli raccolti, lascia il concerto e fugge in macchina con lui. La tentazione è quella di abbandonarsi, di lasciarsi portare dalla corrente, ma l’autocontrollo è la disciplina in cui Viola eccelle e quello che sta succedendo non è solo sconveniente: è assurdo. Eppure è tardi per tornare indietro, perché il viaggio è iniziato, e con quell’uomo lei sta andando esattamente dove desiderava da tempo: lontano. Lontano da tutto per avvicinarsi alla sua verità, semplice e scandalosa.

IL TEMPO TAGLIATO

Longo Silvia

Davide ha nove anni e proprio non ne vuole sapere di andare a comprare le cose per la scuola : la mamma insiste e quel banale tragitto tra la casa e il negozio si rivelerà fatale. In coma,tra il sonno e la veglia in cui è costretto, Davide sente e “vede” le persone, distraendosi con le storie degli altri: storie di ospedale, di infermiere e lotte fra medici, come quel “dottore antipatico” che tenterà l’impossibile per salvarlo. Un rapporto speciale fatto di empatia e sensazioni che superano l’apparenza si formerà fra il medico e il ragazzino. Eppure il primo è un uomo schivo, scorbutico, un dio nel proprio lavoro ma incapace di gestire i rapporti umani; l’altro è immobile sul un letto, in condizioni disperate.

MANI CALDE

Zucca Giovanna