Fantasy

ODORE DI GUAI

Tomatis Marco

Descrizione: Cosa si prova a essere improvvisamente trasformati in uno specchio da una strana luce viola e ritrovarsi su un pianeta di una galassia lontana anni luce, di nome Catorcia, luogo in cui finiscono tutti gli oggetti che agli Umani non servono più ma che vogliono sfuggire alla discarica? E come combattere per salvare l’esistenza stessa di Catorcia, del mondo e dell’universo intero, dai piani malefici di Yvonne, un essere terribile che è concentrato di mille malvagità, di MorteaCredito, un enorme cannone reduce da infinite battaglie, e di una misteriosa banconota fuori corso? Sono loro tre, infatti, i capi dei terribili Ravanosi, gli umani che raccolgono gli oggetti usati per esporli nei mercatini delle pulci. Sarà Nico, una ragazza di dodici anni che vive con la nonna e i suoi 1748 specchi, ad affrontare questi temibili nemici; nella lotta, però, non sarà sola. Potrà contare infatti sull’aiuto di Abelardo, un vecchio frigo panciuto, dei Gialli e dei Rossi, quarantanove cartellini di quelli usati dagli arbitri per ammonire o espellere i giocatori durante le partite di calcio, di un Mattone, ma anche di Gualtiero, un wc a cui si “affezionerà molto”. Ognuno si dimostrerà un compagno pieno di sorprese e risorse inaspettate; ma soprattutto sarà prezioso il Dono di Nico, una qualità particolare e unica che ha acquisito a Catorcia e che le resterà per sempre.

Categoria: Fantasy

Editore: Fanucci

Collana: Tweens

Anno: 2010

ISBN: 9788834716359

Trama

Le Vostre recensioni

Cosa si nasconde dietro al mondo degli oggetti che ci circondano? Siamo ancora capaci di immaginare ciò che non si vede, di credere ad un pizzico di magia e che esista un mondo fantastico del quale solo pochi di noi possono fare parte?

La protagonista del romanzo di Marco Tomatis, l’undicenne Nicoletta, potrebbe rispondervi, un po’ sconcertata e timida, (e mi immedesimo al punto da immaginare le parole che userebbe) che in fondo la fantasia potrebbe anche superare la realtà, o almeno lei ci crede, e che insomma, se… Se un motociclista panzone, un water e un gruppo di vecchietti possono tentare di salvare il Pianeta Terra e il mondo degli oggetti,“Catorcia”, di cui ha appena appreso l’esistenza, beh… tutto sommato è possibile credere che il mondo reale si spinga ben oltre il conosciuto…

Odore di guai ha lo stile di una fiaba d’altri tempi, ricorda le storie di quando eravamo piccoli, ma strizza l’occhio con ironia al mondo adulto, facendo notare come, anche in un mondo fantastico, Armi, Bombe e Soldi molto spesso non stiano dalla parte del bene; con una narrazione diretta e semplice, capace di coinvolgere i ragazzi, l’autore può incantare anche i più ‘grandi’ che desiderino (ogni tanto) immergersi nell’atmosfera delle favole.

D’altra parte, senza avere la pretesa di far la morale, quest’opera esalta la semplicità scegliendo Nicoletta come paladina perché, parafrasando quel che le spiegano gli oggetti “è bella, ma non appariscente. E’ gentile, ma sa dire di no quando è necessario. E’ intelligente, ma non presuntuosa. E’ orgogliosa, ma non tanto da respingere l’aiuto degli altri. E’ la semplicità difficile da raggiungere. Quella che supera gli ostacoli con naturalezza”.

E con la stessa spontaneità, gli umani – oggetti (o Doppia forma, per dirlo con l’autore) accettano ed esaltano la diversità di un water che diventerà un eroe; in aggiunta,  è molto divertente il modo in cui questi fanno notare al gabinetto le sue peculiarità, osservando che è “una specie di trono su cui si può fare tutto, oltre naturalmente quello per cui” è “stato inventato. Leggere, risolvere giochi enigmistici, lavorare al computer, studiare l’esistenzialismo, sentire musica, rispondere al cellulare. Insomma, quello che vuoi”.

Il romanzo di Marco Tomatis si legge davvero d’un fiato e lascia per tutto il tempo il sorriso sul volto del lettore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Tomatis

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tomatis Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tiziano Ferro nasce a Latina il 21 febbraio del 1980. A cinque anni riceve come regalo di Natale una tastiera: con quella scrive e compone le sue prime canzoni, due delle quali saranno inserite nell'album Nessuno è solo. Durante l'adolescenza prende lezioni di chitarra, canto, pianoforte, batteria, entra nel Coro Gospel di Latina. A ottobre 2001 esce per la Emi il suo primo album Rosso relativo, lanciato dal singolo Xdono. Ottiene un successo pressoché immediato - anche a livello internazionale. Vince il Premio Italiano della Musica come Artista rivelazione del 2001 e nell'estate 2002 il premio come Miglior Artista Esordiente al Festivalbar. Nell'autunno 2003 esce il secondo album, anticipato dal singolo Xverso, dal titolo autobiografico di 111, che prende il nome dal peso del cantante raggiunto durante l'adolescenza. Grazie a numerosi singoli (tra cui Sere nere), ottiene risultati straordinari, rimanendo ai vertici della classifica italiana per quattordici mesi. Nell'estate 2004 un nuovo tour lo porta in giro per l'Italia, con il tutto esaurito. In quell'anno, vince il premio MTv Europe Music Awards come Miglior artista italiano, il Premios Oye! come Miglior cantante Pop latino maschile, riceve il premio Billboard Latin Music Awards come miglior brano Pop latino dell'anno. L'album Nessuno è solo esce nel giugno 2006: è preceduto dal brano Stop!Dimentica ed è pubblicato in quarantaquattro Paesi, sbancando le classifiche europee e sudamericane.

TRENT’ANNI E UNA CHIACCHIERATA CON PAPA’

Ferro Tiziano

Varsavia, 1940. Adam aveva nove anni ed era alto un metro e ventisei; misurare la sua altezza era uno dei passatempi con cui lui e lo zio ingannavano la monotonia della vita nel ghetto. È nel filo spinato che separa quell'isola dimenticata nel cuore della città dal mondo esterno che, all'alba di un gelido mattino d'inverno, viene ritrovato il suo corpo senza vita: nudo, la gamba destra amputata sotto il ginocchio. Poi è la volta di Anna, quindici anni: anche lei è stata gettata nel filo spinato, ma a mancarle è la mano destra. In entrambi i casi, nelle parti mutilate la pelle presentava macchie o strane anomalie. La lotta quotidiana per la sopravvivenza non dà il tempo di soffermarsi sulle analogie che legano i due delitti: quando l'orrore è all'ordine del giorno, analizzarne i dettagli è una pratica che può condurre alla follia. Eppure, proprio nei particolari si scorge la strada verso la verità, e solo la ricerca della verità può in qualche modo placare il dolore e il senso di colpa di Erik Cohen, zio di Adam nonché psichiatra nella precedente vita da uomo libero. Quando Adam è scomparso, era lui a doverlo tenere d'occhio; è stato lui, dietro tanta insistenza da parte del bambino, che si annoiava in casa, a dargli il permesso di uscire a giocare, facendogli promettere di non allontanarsi dalla strada, neanche se i marziani fossero atterrati sulla sinagoga e avessero chiesto a lui in persona di negoziare un trattato di pace. L'uomo inizia un'indagine personale.

Gli anagrammi di Varsavia

Zimler Richard

Storia d’amore con sorpresa

Al largo di Fjällbacka, nella nassa di un pescatore a caccia di aragoste rimane impigliato il corpo senza vita di una bambina. Nei suoi polmoni ci sono tracce d'acqua dolce e sapone: qualcuno l'ha annegata in una vasca da bagno prima di gettarla in mare. Mentre Erica, mamma da poche settimane, è completamente assorbita da una neonata che tutto le offre fuorché le "gioie deliranti della maternità" che si aspettava, Patrik guida le indagini. Ma chi può aver voluto la morte della piccola Sara? Il paese è alla ricerca di un capro espiatorio, la gente bisbiglia, i conflitti nutriti negli anni si fanno più aspri: dentro le case dalle facciate perfette affiorano drammi famigliari che il tempo non ha saputo placare. Al terzo romanzo della sua serie pubblicata in trentadue paesi, Camilla Làckberg, con occhio attento agli esseri umani e alla loro psicologia, intreccia le colpe del passato agli effetti devastanti sul presente, tracciando il ritratto lacerante di una psiche femminile sfrenata, affascinante, e mostruosa.

LO SCALPELLINO

Läckberg Camilla