Narrativa

Ogni coincidenza ha un’anima

Stassi Fabio

Descrizione: «Mi chiamo Vince Corso. Ho quarantacinque anni, sono orfano e per campare prescrivo libri alla gente». Insegnante precario e lettore come pochi, si è inventato un nuovo lavoro, quello di biblioterapeuta; ha casa e ufficio in via Merulana, un monolocale con soppalco e angolo cottura più da studente fuorisede che da medico delle anime, dove accoglie le sue pazienti - sì, sono donne in prevalenza. Vince le ascolta e poi trova per loro il libro adatto, le pagine che possono lenire, la letteratura insomma come medicina dell’anima e, perché no?, anche del corpo. A rivolgersi al suo pronto soccorso letterario un giorno arriva Giovanna; il fratellastro Fabrizio, sinologo, collezionista di libri, esperto di lingue e di molto altro, ha smarrito il senno e ricoverato in una casa di riposo per malati di Alzheimer ripete ossessivamente poche e smozzicate frasi, sempre le stesse. La donna è convinta di un possibile miglioramento del fratello se solo potesse ritrovare il libro da cui quelle parole sono tratte: sembra proprio il terreno in cui Vince Corso si trova più a suo agio. Così accetta la sfida e visita la biblioteca del professore, ma si trova ben presto a indossare i panni dell’investigatore, a svelare l’enigma che si cela dietro quel labirinto di volumi, una autentica biblioteca di Babele. Un libro sulla memoria, sull’importanza del ricordo, sulla lettura come terapia.

Categoria: Narrativa

Editore: Sellerio

Collana: La memoria

Anno: 2018

ISBN: 9788838938047

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Ogni coincidenza ha un’anima di Fabio Stassi

Vince Corso svolge una professione inconsueta: è biblioterapeuta (“Di mestiere curo la gente con i romanzi!”).
L’anziano Fabrizio Baldini è stato sinologo (“Il vecchio conosceva tutte le lingue”).
Le loro vite s’intersecano perché Vince viene ingaggiato dalla sorellastra del vecchio afflitto dall’Alzheimer (“Qui le ho trascritto l’elenco di queste parole misteriosamente riaffiorate sulla sua bocca”).

Tra una seduta e l’altra con clienti spesso originali (“Esiste un libro che possa far diventare intonati?”), Vince conduce la propria indagine a partire da un’intuizione iniziale (“Così sconnesse e isolate su quel foglio, mi fecero pensare alla tecnica del caviardage”): le frasi appartengono a un libro misterioso (“Se lei lo trovasse, potrei leggerglielo ad alta voce, qualche pagina al giorno”) e l’individuazione del libro è la chiave d’accesso alla vita di un uomo che ha investito nella letteratura e nella linguistica molte risorse ed energia.

Vince incontra l’anziano nella casa di cura. Dal suo incontro e dalla conoscenza di una lettrice cinese nomofoba (“Feng è la fenice, l’uccello che è capace di guardare tutto, dall’alto”) trae nuovi indizi.

Poi subentra il sospetto che l’incarico gli sia stato commissionato per denaro (“Sembra che il vecchio abbia messo da parte molti soldi, ma nessuno sa dove”).

Le visite alla biblioteca di Baldini – un universo sterminato che somiglia alla torre di Babele – sono una miniera di sorprese (“Stoner… Che ci faceva un romanzo americano nel settore della Cina?”) e rivelano un mondo sommerso (“Questo luogo non è soltanto il registro fedele di tutte le sue avventure, ma un percorso iniziatico, un viaggio nella conoscenza, una geografia possibile dello scibile umano”), ormai ermeticamente chiuso dalla demenza senile (“Fabrizio è stato più ingegnoso del morbo che lo ha attaccato. Sapeva che ogni amore è destinato prima o poi all’afasia…”).

Sullo sfondo di una società sempre più intollerante (“Il lembo di un manifesto che incitava all’odio razziale sbatteva al vento… Lo tirai via per sentire che rumore… fa la realtà quando si strappa”), Vince penetra il mistero, ma riesce a preservarne i contenuti prodotti dall’amore per i libri e per la lettura.

Il romanzo è ricco, imbastito di consigli di letture, disseminato di riflessioni sulla cultura letteraria (“L’unico interrogativo ragionevole che un lettore dovrebbe porsi di fronte a quello che legge è chiedersi sempre come suona”) e di spunti interessanti (“Ma ogni destino è riconoscibile sul volto degli uomini molti anni prima che si compia… persino il suicidio o la demenza”).
È un’opera da leggere, non può mancare a chi – come Vince – ama i libri (“La mia memoria è alluvionata da indici, frontespizi, quarte di copertina”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fabio

Stassi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stassi Fabio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Alice, una poliziotta francese, si risveglia su una panchina di Central Park ammanettata a Gabriel, un pianista jazz. Non si conoscono, in tasca non hanno documenti e Alice si trova in tasca un’arma carica. Non hanno ricordi di cosa è successo e come sono arrivati lì. L’incontro con personaggi bizzarri porterà Alice a ricordare molto, forse troppo: dalla sua memoria emergono dettagli sfocati, la cattura di un serial killer, la morte del marito e del figlio, un padre in prigione. In fuga nella sua stessa città, Alice cerca di spiegarsi il legame misterioso con l’enigmatico e silenzioso Gabriel.

Central Park

Musso Guillaume

Oltre cinquant’anni di sogni annotati, dal 1875 al 1931. È libera e ondivaga la scrittura di Arthur Schnitzler, descrittiva e autoriflessiva, intima e quotidiana. Nei residui diurni ritrovati dal sogno compaiono scenari insoliti, abitati da contemporanei illustri, animatori della Vienna fin de siècle: Freud, Klimt, von Hofmannsthal, Mahler e molti altri. Sogni che registrano le mode dell’epoca, gli spettacoli di successo, le malattie più comuni del bel mondo, e con brevità magnetica rivelano i desideri, le paure, i turbamenti dello scrittore che sogna. Un libro dei sogni raccolto da un genio attento ai moti della propria anima, ma anche alla forza surreale della narrazione onirica. Pubblicato in versione integrale, introdotto da un saggio di Agnese Grieco e Vittorio Lingiardi su Schnitzler, sulla vita onirica e la psicoanalisi, Sogni è il diario notturno di un’epoca inquieta, l’autobiografia inconscia del primo Novecento europeo.

SOGNI 1875-1931

Schnitzler Arthur

Prendendo spunto dalle Storie di Erodoto, A. Cortese ci conduce su uno tra i più antichi terreni di scontro tra Oriente e Occidente, tra imperialismo e anelito alla libertà: le Guerre Persiane. L'invenzione narrativa si mescola alla verità storica e si volge indietro, fino a guardare negli occhi la follia di Cambise, Gran Re dei Persiani, tra oscuri malefici, inganni e rivolte. Quindi cavalca la salita al potere di Dario, in una fame di potere che schiaccia e distrugge. E così è anche per Serse e i suoi fantasmi. Tra fautori e detrattori della guerra, in Grecia come in Persia, la narrazione si spinge sino alle acque schiumose della Battaglia di Salamina e alla definitiva disfatta persiana a Platea. Ma è nel periodo tra l'agosto e il settembre dell'anno 480 a.C. il suo apogeo, quando, con Serse, l'Ellade si trova a dover respingere un nuovo attacco da Oriente. Intimorite dalla marcia apparentemente inarrestabile dell'esercito persiano, molte città greche si lasciano corrompere o comprare. Tuttavia, in trecento si riuniscono a Sparta, e quando si viene a sapere che re Leonida condurrà i suoi guerrieri a combattere, a quelli si aggiungeranno altri...

Polimnia

Cortese Alessandro

SELEZIONE NATURALE. Storie di premi letterari – a cura di Gabriele Merlini