Poesia

Ogni parola un essere

Theophilo Marcia

Descrizione: Dizionario poetico-scientifico della foresta amazzonica. 100 esseri, 100 poesie di Marcia Theophilo. Con fotografie a colori e descrizione di ogni specie animale e vegetale.

Categoria: Poesia

Editore: Iride

Collana:

Anno: 2018

ISBN: 9788864920733

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

Ogni parola un essere è il dizionario poetico-scientifico composto da Marcia Theophilo sulla foresta amazzonica. Vi si trovano cento esseri, con illustrazione fotografica e interessanti indicazioni didascaliche, nonché cento poesie in italiano, con versione in portoghese e/o in tupi-guaranì.

Poesia, fotografia, botanica, zoologia, antropologia sono dita di una stessa mano, quella della poetessa, come quella immensa della foresta. Difficile distinguere il cuore dell’autrice da quello che batte negli alberi. Una è la gioia, uno il dolore.  Il canto di Inhambu e del Cujubim entrano nella gola e si fanno suono nei versi di chi scrive e una giovane risata accompagna l’allegria della cascata. Ė tutto un grande parto e il grembo è sempre gravido. La luce crea lo spazio e dentro fiorisce la vita, poliedrica e multiforme, in un insieme di elementi che si chiamano, che comunicano, che fanno parte di un Tutto. La piuma imita la foglia, sono occhi le bacche nere di Guaraná, sono rami piumati le ali di Gavião real – aquila arpia – e capelli i rami di Janiparindiba. In un unico corpo fluttuante che è terra – foresta – fiume, onda e oceano.

Per Marcia Theophilo non è possibile dimenticare l’aurora di un giorno così pieno, staccarsi da una radice che ha forza eterna. Lei è germoglio del Brasile e la sua presenza profuma di Tupiçaba. La sua anima appartiene alla foresta, ha stirpe antica, sapore di legno, semi alati come Janaùba, e temperatura di fuoco. E come una ninfa può fare, non riconsegna solo la realtà, ma anche la visione e il sogno.

Guabiròba 

Prima che la rugiada
evapori nel sole
Guabiròba, globuli tondi
a forma di ombelico
esala un odoroso aroma
e sfiora lievemente
i suoi piccoli seni.
Ė ancora una fanciulla
dovrà aspettare il rito
dell’iniziazione amorosa.
Con la sua mente vaga
nell’aria e fra le nuvole.
Guabiroba fa parte di questi esseri:
è dentro quel che sogna.
L’universo pulsa con lei. 

Ma l’autrice ama e bacia una foresta e una terra che altri minacciano. Ci sono strade di cenere, tortuose, vischiose, fatte d’insipido cemento che progettano morte e veleni. I fazendeiros devastano i villaggi. Avanza il deserto. Le acque hanno cambiato sapore e colore e i pesci impazziscono. Quanto potrà durare ancora l’incanto del fiume-mare, del letto profondo del sogno? Quante volte ancora il dio Boto – delfino rosa – partorirà al chiaro di luna?

Lo stesso vento che porta odori e suoni, è in lei parola, respiro e forza. Lei diventa la dea Giaguaro e i suoi occhi sono luce e memoria.

Onça-pintada 

È lei, la dea Giaguaro.
Come la foresta
antica è la sua vita
il suo respiro è il vento
porta nuvole e odori
sono gialli i suoi occhi
rotondi come il sole e la luna
sono fuochi notturni.
Immensi i suoi occhi
conoscono ogni albero
ogni seme che ha generato
ogni ramo, ogni foglia,
ogni animale conoscono
ogni storia
storia dell’acqua, di ogni goccia
ogni essere
ogni pietra.
È lei, la dea Giaguaro:
i suoi occhi sono luce
e memoria.

Il sito ufficiale di Marcia Theophilo

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcia

Theophilo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Theophilo Marcia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Maya Vidal, l’adolescente protagonista del nuovo romanzo di Isabel Allende, caduta nel circuito dell’alcol e della droga riesce a riemergere dai bassifondi di Las Vegas e in fuga da spacciatori e agenti dell’Fbi approda nell’incontaminato arcipelago di Chiloé, nel sud del Cile. Amori difficili, frammenti di storia cilena ancora carichi di sofferenza, famiglie disgregate, disagio giovanile, marginalità e degrado trovano come contraltare il valore delle tradizioni locali, il rispetto per l’ambiente e un modello di vita comunitaria nell’affermazione del valore della diversità e del rispetto reciproco. Isabel Allende torna a raccontare la vita di una grande donna, la storia di Maya, in un romanzo che affronta con grande delicatezza le relazioni umane: le amicizie incondizionate, le storie d’amore palpabili come quelle più invisibili, gli amori adolescenziali e quelli lunghi una vita. Un ritmo incalzante, una prosa disincantata e ironica per questa nuova prova narrativa che si tinge di noir e per l’ennesima eccezionale galleria di donne volitive e uomini capaci di amare.

IL QUADERNO DI MAYA

Allende Isabel

Bernie Gladhart è un mite venditore d’auto di Chicago che nel tempo libero si diletta, con scarso successo, a fare lo scrittore. Un giorno la moglie, impressionata dalla storia di Cabot Wright – giovane finanziere di Wall Street, autore di circa trecento violenze carnali – lo spinge a recarsi a new york per cercarlo e, basandosi sulla sua vicenda, a scrivere finalmente il Grande romanzo Americano. L’industria culturale, che nella vicenda intravede il soggetto ideale per un bestseller, punta immediatamente gli occhi su Cabot e il libro di Bernie. Inizia così una caccia all’uomo tra i grattacieli di new york – con Bernie accompagnato dalla zelante zoe Bickle, affiancatagli dall’editore – in cerca del «personaggio Cabot»; ma questi, una volta rintracciato, non ricorda più nulla: il «suo» romanzo resterà incompiuto, ma vedere la sua storia scritta lo spingerà a cercare la propria verità, che non ha nulla a che vedere con quella che vorrebbero attribuirgli, per motivi diversi, l’editore e il mondo che lo circonda. Un libro divertente e grottesco. Una descrizione precisa dei meccanismi perversi dell’industria culturale e un’esplorazione inedita dell’ambiguo gioco tra realtà e finzione.

Cabot Wright ci riprova

Purdy James

I due protagonisti – e autori – sono fratelli, ma non si frequentano molto, forse nemmeno si sopportano. Adesso però gli tocca stare insieme, almeno per qualche ora: devono dare un’ultima occhiata alla casa di villeggiatura della loro infanzia – la casa nel bosco – prima di consegnare le chiavi al nuovo proprietario. Qui ha inizio un viaggio nella memoria, un inventario buffo e struggente di oggetti, luoghi, odori, storie, sapori: qui ha inizio la riconciliazione. Un memoir a quattro mani che racconta di amicizie perdute, di amori rubati, di vecchi fumetti e di torte di ricotta. Un ricettario, non solo metaforico, dell’infanzia, dell’adolescenza e di un’età adulta ancora capace di riservare sorprese.

La casa nel bosco

Carofiglio Gianrico e Francesco

Mimì, dodici anni, occhiali, parlantina da sapientone e la fissa per i fumetti, gli astronauti e Karate Kid, abita in uno stabile del Vomero, a Napoli, dove suo padre lavora come portiere. Passa le giornate sul marciapiede insieme al suo migliore amico Sasà, un piccolo scugnizzo, o nel bilocale che condivide con i genitori, la sorella adolescente e i nonni. Nel 1985, l’anno in cui tutto cambia, Mimì si sta esercitando nella trasmissione del pensiero, architetta piani per riuscire a comprarsi un costume da Spiderman e cerca il modo di attaccare bottone con Viola convincendola a portare da mangiare a Morla, la tartaruga che vive sul grande balcone all’ultimo piano. Ma, soprattutto, conosce Giancarlo, il suo supereroe. Che, al posto della Batmobile, ha una Mehari verde. Che non vola né sposta montagne, ma scrive. E che come armi ha un’agenda e una biro, con cui si batte per sconfiggere il male. Giancarlo è Giancarlo Siani, il giornalista de “Il Mattino” che cadrà vittima della camorra proprio quell’anno e davanti a quel palazzo. Nei mesi precedenti al 23 settembre, il giorno in cui il giovane giornalista verrà ucciso, e nel piccolo mondo circoscritto dello stabile del Vomero (trenta piastrelle di portineria che proteggono e soffocano al tempo stesso), Mimì diventa grande. E scopre l’importanza dell’amicizia e dei legami veri, i palpiti del primo amore, il valore salvifico delle storie e delle parole. Perché i supereroi forse non esistono, ma il ricordo delle persone speciali e le loro piccole grandi azioni restano.

Un ragazzo normale

Marone Lorenzo