Poesia

Ogni parola un essere

Theophilo Marcia

Descrizione: Dizionario poetico-scientifico della foresta amazzonica. 100 esseri, 100 poesie di Marcia Theophilo. Con fotografie a colori e descrizione di ogni specie animale e vegetale.

Categoria: Poesia

Editore: Iride

Collana:

Anno: 2018

ISBN: 9788864920733

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

Ogni parola un essere è il dizionario poetico-scientifico composto da Marcia Theophilo sulla foresta amazzonica. Vi si trovano cento esseri, con illustrazione fotografica e interessanti indicazioni didascaliche, nonché cento poesie in italiano, con versione in portoghese e/o in tupi-guaranì.

Poesia, fotografia, botanica, zoologia, antropologia sono dita di una stessa mano, quella della poetessa, come quella immensa della foresta. Difficile distinguere il cuore dell’autrice da quello che batte negli alberi. Una è la gioia, uno il dolore.  Il canto di Inhambu e del Cujubim entrano nella gola e si fanno suono nei versi di chi scrive e una giovane risata accompagna l’allegria della cascata. Ė tutto un grande parto e il grembo è sempre gravido. La luce crea lo spazio e dentro fiorisce la vita, poliedrica e multiforme, in un insieme di elementi che si chiamano, che comunicano, che fanno parte di un Tutto. La piuma imita la foglia, sono occhi le bacche nere di Guaraná, sono rami piumati le ali di Gavião real – aquila arpia – e capelli i rami di Janiparindiba. In un unico corpo fluttuante che è terra – foresta – fiume, onda e oceano.

Per Marcia Theophilo non è possibile dimenticare l’aurora di un giorno così pieno, staccarsi da una radice che ha forza eterna. Lei è germoglio del Brasile e la sua presenza profuma di Tupiçaba. La sua anima appartiene alla foresta, ha stirpe antica, sapore di legno, semi alati come Janaùba, e temperatura di fuoco. E come una ninfa può fare, non riconsegna solo la realtà, ma anche la visione e il sogno.

Guabiròba 

Prima che la rugiada
evapori nel sole
Guabiròba, globuli tondi
a forma di ombelico
esala un odoroso aroma
e sfiora lievemente
i suoi piccoli seni.
Ė ancora una fanciulla
dovrà aspettare il rito
dell’iniziazione amorosa.
Con la sua mente vaga
nell’aria e fra le nuvole.
Guabiroba fa parte di questi esseri:
è dentro quel che sogna.
L’universo pulsa con lei. 

Ma l’autrice ama e bacia una foresta e una terra che altri minacciano. Ci sono strade di cenere, tortuose, vischiose, fatte d’insipido cemento che progettano morte e veleni. I fazendeiros devastano i villaggi. Avanza il deserto. Le acque hanno cambiato sapore e colore e i pesci impazziscono. Quanto potrà durare ancora l’incanto del fiume-mare, del letto profondo del sogno? Quante volte ancora il dio Boto – delfino rosa – partorirà al chiaro di luna?

Lo stesso vento che porta odori e suoni, è in lei parola, respiro e forza. Lei diventa la dea Giaguaro e i suoi occhi sono luce e memoria.

Onça-pintada 

È lei, la dea Giaguaro.
Come la foresta
antica è la sua vita
il suo respiro è il vento
porta nuvole e odori
sono gialli i suoi occhi
rotondi come il sole e la luna
sono fuochi notturni.
Immensi i suoi occhi
conoscono ogni albero
ogni seme che ha generato
ogni ramo, ogni foglia,
ogni animale conoscono
ogni storia
storia dell’acqua, di ogni goccia
ogni essere
ogni pietra.
È lei, la dea Giaguaro:
i suoi occhi sono luce
e memoria.

Il sito ufficiale di Marcia Theophilo

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcia

Theophilo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Theophilo Marcia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lidio Cervelli è figlio unico di madre vedova. Un bravo ragazzo, finché alla festa organizzata al Circolo della Vela non arriva Helga: bella, disinibita e abbastanza ubriaca. Lirica, la severa madre di Lidio, abile e ricca imprenditrice dell'edilizia, ha vedute molto diverse. Suo figlio deve trovare una moglie "made in Italy", una ragazza come si deve. Magari la nipote del professor Eugeo Cerretti, Eufemia, un ottimo partito con un piccolo difetto: è brutta da far venire il mal di pancia solo a guardarla. Ma forse Lidio ha trovato il modo per uscire dalla trappola e realizzare tutti i suoi sogni: durante un sopralluogo per un lavoro di ristrutturazione, in un muro maestro scova un gruzzolo di monete d'oro, nascosto chissà da chi e chissà quando. Intorno a questo quintetto e al tesoro di Lidio, un travolgente coro di comprimari. A cominciare dalle due donne più belle del paese: Olghina, giovane sposa del potente professor Cerretti, che fa innamorare Avano Degiurati, direttore della Banca del Mandamento; e Anita, la moglie del muratore Campesi, di cui si incapriccia Beppe Canizza, il focoso segretario della locale sezione del Partito. E poi l'Os de Mort, di professione "assistente contrario", cuochi e contrabbandieri, l'astuto prevosto e l'azzimato avvocato... Immancabili, a vigilare e indagare, i carabinieri guidati dal maresciallo Maccadò.

GALEOTTO FU IL COLLIER

Vitali Andrea

30 kg

Bravo Simona

Scritto nel 1940, "Don Giovanni in Sicilia" è la storia di Giovanni Percolla, scapolo impenitente logorato, come tutti i suoi concittadini, da un'inestinguibile sete sessuale. Decide però di imprimere una svolta alla propria vita quando sposa la giovane Maria Antonietta, che lo convince a trasferirsi a Milano. Il viaggio risulta un fallimento, e i due sposi decidono di tornare alle radici, dove Percolla riprecipita nella stessa inerzia fatta di gesti sterili e ripetitivi.

Don Giovanni in Sicilia

Brancati Vitaliano

Cesare è stato il primo della stirpe dei Cesari. Politico, letterato, condottiero, capo carismatico, dittatore. Geniale e determinato. Corruttore senza rimorsi. Grande oratore, amatore ancora più grande. Uomo d’azione e di pensiero, di crudeltà e di perdono. Un autentico conquistatore, ambizioso oltre ogni misura. Amato e temuto. Odiato. Non amava i limiti, di nessun genere. Ha voluto, fortissimamente, essere il Primo. Lo è diventato, grazie alla sua intelligenza, alla sua determinazione e, soprattutto, al suo coraggio. Al suo fascino, talvolta. Alla sua spregiudicatezza, non di rado. Senza dimenticare la Fortuna, dea che rispettava e onorava. I suoi assassini l’hanno reso immortale.

Giulio Cesare, il primo dei Cesari

Di Martino Antonella