Poesia

Ogni parola un essere

Theophilo Marcia

Descrizione: Dizionario poetico-scientifico della foresta amazzonica. 100 esseri, 100 poesie di Marcia Theophilo. Con fotografie a colori e descrizione di ogni specie animale e vegetale.

Categoria: Poesia

Editore: Iride

Collana:

Anno: 2018

ISBN: 9788864920733

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

Ogni parola un essere è il dizionario poetico-scientifico composto da Marcia Theophilo sulla foresta amazzonica. Vi si trovano cento esseri, con illustrazione fotografica e interessanti indicazioni didascaliche, nonché cento poesie in italiano, con versione in portoghese e/o in tupi-guaranì.

Poesia, fotografia, botanica, zoologia, antropologia sono dita di una stessa mano, quella della poetessa, come quella immensa della foresta. Difficile distinguere il cuore dell’autrice da quello che batte negli alberi. Una è la gioia, uno il dolore.  Il canto di Inhambu e del Cujubim entrano nella gola e si fanno suono nei versi di chi scrive e una giovane risata accompagna l’allegria della cascata. Ė tutto un grande parto e il grembo è sempre gravido. La luce crea lo spazio e dentro fiorisce la vita, poliedrica e multiforme, in un insieme di elementi che si chiamano, che comunicano, che fanno parte di un Tutto. La piuma imita la foglia, sono occhi le bacche nere di Guaraná, sono rami piumati le ali di Gavião real – aquila arpia – e capelli i rami di Janiparindiba. In un unico corpo fluttuante che è terra – foresta – fiume, onda e oceano.

Per Marcia Theophilo non è possibile dimenticare l’aurora di un giorno così pieno, staccarsi da una radice che ha forza eterna. Lei è germoglio del Brasile e la sua presenza profuma di Tupiçaba. La sua anima appartiene alla foresta, ha stirpe antica, sapore di legno, semi alati come Janaùba, e temperatura di fuoco. E come una ninfa può fare, non riconsegna solo la realtà, ma anche la visione e il sogno.

Guabiròba 

Prima che la rugiada
evapori nel sole
Guabiròba, globuli tondi
a forma di ombelico
esala un odoroso aroma
e sfiora lievemente
i suoi piccoli seni.
Ė ancora una fanciulla
dovrà aspettare il rito
dell’iniziazione amorosa.
Con la sua mente vaga
nell’aria e fra le nuvole.
Guabiroba fa parte di questi esseri:
è dentro quel che sogna.
L’universo pulsa con lei. 

Ma l’autrice ama e bacia una foresta e una terra che altri minacciano. Ci sono strade di cenere, tortuose, vischiose, fatte d’insipido cemento che progettano morte e veleni. I fazendeiros devastano i villaggi. Avanza il deserto. Le acque hanno cambiato sapore e colore e i pesci impazziscono. Quanto potrà durare ancora l’incanto del fiume-mare, del letto profondo del sogno? Quante volte ancora il dio Boto – delfino rosa – partorirà al chiaro di luna?

Lo stesso vento che porta odori e suoni, è in lei parola, respiro e forza. Lei diventa la dea Giaguaro e i suoi occhi sono luce e memoria.

Onça-pintada 

È lei, la dea Giaguaro.
Come la foresta
antica è la sua vita
il suo respiro è il vento
porta nuvole e odori
sono gialli i suoi occhi
rotondi come il sole e la luna
sono fuochi notturni.
Immensi i suoi occhi
conoscono ogni albero
ogni seme che ha generato
ogni ramo, ogni foglia,
ogni animale conoscono
ogni storia
storia dell’acqua, di ogni goccia
ogni essere
ogni pietra.
È lei, la dea Giaguaro:
i suoi occhi sono luce
e memoria.

Il sito ufficiale di Marcia Theophilo

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcia

Theophilo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Theophilo Marcia

Uno dei più clamorosi successi letterari giapponesi di tutti i tempi è anche il libro più intimo, introspettivo di Murakami, che qui si stacca dalle atmosfere oniriche e surreali che lo hanno reso famoso, per esplorare il mondo in ombra dei sentimenti e della solitudine. Norwegian Wood è anche un grande romanzo sull'adolescenza, sul conflitto tra il desiderio di essere integrati nel mondo degli "altri" per entrare vittoriosi nella vita adulta e il bisogno irrinunciabile di essere se stessi, costi quel costi. Come il giovane Holden, Toru è continuamente assalito dal dubbio di aver sbagliato o poter sbagliare nelle sue scelte di vita e di amore, ma è anche guidato da un ostinato e personale senso della morale e da un'istintiva avversione per tutto ciò che sa di finto e costruito. Diviso tra due ragazze, Naoko e Midori, che lo attirano entrambe con forza irresistibile, Toru non può fare altro che decidere. O aspettare che la vita (e la morte) decidano per lui.

Norwegian Wood. Tokyo blues

Murakami Haruki

Tre bambini crescono insieme in un collegio immerso nel verde della campagna inglese. Non hanno genitori, ma non sono neppure orfani. La loro vita verrà accompagnata dalla musica dei sentimenti: l'amicizia e l'amore come uniche armi contro un mondo che nasconde egoismo e crudeltà.

Non lasciarmi

Ishiguro Kazuo

Marco ha studiato filosofia e ha smesso. Ha lavorato nelle toilette di un autogrill e ha smesso. Ha convissuto con una ragazza e ha smesso. Ha voluto una famiglia e ha smesso di volerla. Ora lavora in una pizzeria e già non ne può più. Cerca casa e la trova in condivisione con Chiara, una giovane senz'arte né parte ma con molti, troppi amici e soprattutto con una spiccata propensione a consumare in una notte, con l'ingenuità di un cuore facile, un grande amore dopo l'altro. È allora che a Marco viene l'idea: e se questi "grandi amori" glieli procurassi io, dietro adeguato compenso? Detto, fatto. Ma Marco è veramente un pappone? E Chiara è veramente una prostituta?

Vent’anni che non dormo

Archetti Marco

Spagna, località di Las Marinas. La luce si è ritirata verso qualche luogo nel cielo. Il buio della notte avvolge le viuzze del paese e il mare è nero come la pece. Julia ha perso la strada di casa: è circondata dal silenzio e sente solo la voce del vento che soffia dal mare, e profuma di sale e di fiori. Non ricorda cosa sia successo: era uscita a prendere il latte per suo figlio, ma sulla strada del ritorno all'improvviso si è ritrovata in macchina senza soldi, documenti e cellulare. In pochi minuti quella che doveva essere una vacanza da sogno si è trasformata in un incubo. Per le strade non c'è nessuno, le case sulla spiaggia sembrano tutte uguali e Julia non riesce a ritrovare l'appartamento nel quale l'attendono il marito Felix e il figlio di pochi mesi. Prova a contattarli da un telefono pubblico, ma la linea è sempre occupata. Tutto, intorno a lei, è così familiare eppure così stranamente irreale. Tra le vie oscure e labirintiche c'è solo una luce, quella di un locale notturno. A Julia non resta altra scelta che raggiungerlo, nella speranza di trovare qualcuno che l'aiuti. Qui, quasi ad aspettarla, c'è un uomo, un tipo affascinante, con la barba incolta e l'accento dell'Est Europa, che sembra sapere tante, troppe cose su di lei. Si chiama Marcus: Julia ha la sensazione di averlo già incontrato da qualche parte. Fidarsi di lui è facile. Eppure Marcus non è quello che sembra e nasconde qualcosa.

LA VOCE INVISIBILE DEL VENTO

Sanchez Clara