Racconti

Oh, l’amore

Rea Domenico

Descrizione:

Categoria: Racconti

Editore: Guida

Collana:

Anno: 2009

ISBN: 9788860421609

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Uno dei sogni di chi nasce in una famiglia modesta è quello di elevarsi socialmente e dimostrare agli altri che, nonostante l’umiltà delle proprie origini e le difficoltà che essa comporta, si è conquistato uno status molto più che semplicemente rispettabile: addirittura invidiabile.

Tuttavia, quelli che crediamo sogni spesso sono solo miti, e ciò che siamo convinti di volere spesso non è altro che la trasposizione di desideri altrui.
A Martino Canoro, figlio di un tranviere, hanno spiegato che, per ottenere una posizione economica agiata, avrebbe dovuto dare prova del suo valore o sposare una fanciulla ricca. Così Martino, oltre a diventare un modello di virtù, ossia un ragazzo educato, credente e molto volenteroso, è riuscito anche a diventare un medico.

Cosa fare ora con Maria?

Martino è fidanzato con lei da dieci anni ma i medici, si sa, sono imparentati con le migliori famiglie, mentre Maria è solo la figlia di uno scrivano…

I genitori di Martino, naturalmente, gli consigliano di lasciarla (il loro figliolo medico può sicuramente aspirare a qualcosa di meglio!), eppure Maria è una ragazza perfetta: lava, stira e si occupa amorevolmente di tutti i Canoro, senza aspettarsi nulla in cambio e senza mai ricevere un “grazie”. Inoltre, è molto costumata e discreta e Martino, nonostante l’estrema gelosia che lo attanaglia, non ha mai riscontrato nella sua condotta scorrettezze o ambiguità.

Alla fine, però, basterà poco ad abbagliarlo: l’idea di un rassicurante matrimonio con Gilda, la figlia del commendatore Gigliolo…

In poche pagine, Domenico Rea riesce a presentare con immediatezza e semplicità la società napoletana e il sentimento dell’amore.

Martino è il classico buon partito, mediocre e pacato, totalmente dipendente dall’ambiente che lo circonda.

Da un lato, c’è Maria, da cui non è in grado di staccarsi perché la ragazza soddisfa ogni suo capriccio e, al tempo steso, gli si offre come un capro espiatorio, un parafulmine sul quale scaricare colpe e responsabilità. Dall’altro, c’è una famiglia che, decisa a fornirgli una felicità preconfezionata, lo porta a riconoscere in sé la presenza di un sentimento per la ricca Gilda che, in realtà, Martino non prova.

Ciò che lo spinge, finalmente, a prendere una decisione, non è un amore puro e sincero o una passione travolgente, bensì il sollievo di respirare un po’ di serenità dopo le tensioni e le paure di cui si è sentito ostaggio per tutta la vita. Ecco perché, pur non conoscendo ancora Gilda, gli è sufficiente vederla per restarne colpito; ecco perché, pur essendo ancora logorato tra il desiderio di raggiungere Maria (recatasi a Milano dal fratello malato) e la tentazione di abbandonarla, riesce poi a dimenticarla in un istante.

… Ma l’amore è un’altra cosa…

N.B. “Oh, l’amore” è stato pubblicato da Guida nella collana Clessidra. La particolarità dei titoli di questa collana è che racchiudono due opere distinte, scritte da due diversi autori. Il testo di Domenico Rea è associato al racconto surreale di Antonio Lubrano, “Boccarriso”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Domenico

Rea

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rea Domenico


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

ome si gioca a nascondino da soli? Un bambino ricerca un riparo dalla morte del padre e trova nell'aria le voci dei matti, degli animali, dei vecchi e delle donne che popolano i luoghi marginali di una sperduta valle di montagna. Riti collettivi di addio all'inverno, campane ferme, racconti orali, cadute, incantamenti e ossessioni animano il romanzo d'esordio di Sergio Peter che, ispirandosi alla lezione del Celati di "Narratori delle pianure" e del Calvino delle "Città invisibili", dà vita a un ritorno a casa che è anche viaggio iniziatico nei territori della memoria.

Dettato

Peter Sergio

John Henry Mackay, poeta scozzese, dedicò molti anni della sua vita alla ricerca di tutte le fonti possibili, sia testimoniali che documentarie, per realizzare una biografia, l'unica a tutt'oggi attendibile, del filosofo tedesco Max Stirner. Ne curò tre successive edizioni, negli anni 1898, 1910, 1914. Quest'ultima viene qui utilizzata per la prima traduzione pubblicata in lingua italiana, che colma una lacuna e apre un velo più "umano" rispetto alla imponente bibliografia stirneriana, incentrata quasi esclusivamente su studi e ricerche di preminente carattere filosofico.

Max Stirner. Vita e opere

Mackay John Henry

Dall’incipit del libro: Una dedicatoria a un becchino? — E perchè no? Non è egli forse un uomo come un altro e — non ve l’abbiate a male — non può egli essere un galantuomo par vostro e mio? Anzi — e sarei pronto a giurarlo sul Vangelo —, ei valeva assai più di tanti e tanti che han titolo di baccelliere, e magari di dottore, i quali col nastrino all’occhiello dell’abito, sono saliti tant’alto da credere che gli onesti non li ravvisino più per quel ch’e’sono: barattieri solenni. Dico perciò che, se aveste conosciuto quel povero becchino, lo avreste, come me, amato e, aggiungo anche, onorato. Io, allora, ero quasi fanciullo; ma quando il brav’uomo morì, portavo già i peli del labbro superiore arricciati dispettosamente all’insù con quella boria de’ vent’anni, che sarebbe molto ridicola, se non fosse altrettanto innocente. Di quel tempo certi fumi si guardan con occhio benevolo, avvegnachè, più o meno, li abbiamo avuti tutti, quei fumi; e, invero, quella è proprio l’età delle leggerezze e delle scappatelle, le quali — ove non passino la misura o il segno — meritano sempre benevolo perdono. A quei giorni io credo che Tomaso Giona, soprannominato il Griso, andasse oltre i sessant’anni; e tuttavia quel numero di pasque se le portava bene.

La leggenda del Buranco

Maineri Baccio Emanuele

Si incontreranno per tre volte, ma ogni volta sarà l’unica, e la prima, e l’ultima. Tre storie. Tre incontri. Tre episodi in cui scivolano personaggi che si incrociano, per sfasature temporali, in età diverse, sullo sfondo della hall di un hotel. L’albeggiare che annuncia, per tre volte, l’insistenza di un sentimento.

TRE VOLTE ALL’ALBA

Baricco Alessandro