Racconti

Oh, l’amore

Rea Domenico

Descrizione:

Categoria: Racconti

Editore: Guida

Collana:

Anno: 2009

ISBN: 9788860421609

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Uno dei sogni di chi nasce in una famiglia modesta è quello di elevarsi socialmente e dimostrare agli altri che, nonostante l’umiltà delle proprie origini e le difficoltà che essa comporta, si è conquistato uno status molto più che semplicemente rispettabile: addirittura invidiabile.

Tuttavia, quelli che crediamo sogni spesso sono solo miti, e ciò che siamo convinti di volere spesso non è altro che la trasposizione di desideri altrui.
A Martino Canoro, figlio di un tranviere, hanno spiegato che, per ottenere una posizione economica agiata, avrebbe dovuto dare prova del suo valore o sposare una fanciulla ricca. Così Martino, oltre a diventare un modello di virtù, ossia un ragazzo educato, credente e molto volenteroso, è riuscito anche a diventare un medico.

Cosa fare ora con Maria?

Martino è fidanzato con lei da dieci anni ma i medici, si sa, sono imparentati con le migliori famiglie, mentre Maria è solo la figlia di uno scrivano…

I genitori di Martino, naturalmente, gli consigliano di lasciarla (il loro figliolo medico può sicuramente aspirare a qualcosa di meglio!), eppure Maria è una ragazza perfetta: lava, stira e si occupa amorevolmente di tutti i Canoro, senza aspettarsi nulla in cambio e senza mai ricevere un “grazie”. Inoltre, è molto costumata e discreta e Martino, nonostante l’estrema gelosia che lo attanaglia, non ha mai riscontrato nella sua condotta scorrettezze o ambiguità.

Alla fine, però, basterà poco ad abbagliarlo: l’idea di un rassicurante matrimonio con Gilda, la figlia del commendatore Gigliolo…

In poche pagine, Domenico Rea riesce a presentare con immediatezza e semplicità la società napoletana e il sentimento dell’amore.

Martino è il classico buon partito, mediocre e pacato, totalmente dipendente dall’ambiente che lo circonda.

Da un lato, c’è Maria, da cui non è in grado di staccarsi perché la ragazza soddisfa ogni suo capriccio e, al tempo steso, gli si offre come un capro espiatorio, un parafulmine sul quale scaricare colpe e responsabilità. Dall’altro, c’è una famiglia che, decisa a fornirgli una felicità preconfezionata, lo porta a riconoscere in sé la presenza di un sentimento per la ricca Gilda che, in realtà, Martino non prova.

Ciò che lo spinge, finalmente, a prendere una decisione, non è un amore puro e sincero o una passione travolgente, bensì il sollievo di respirare un po’ di serenità dopo le tensioni e le paure di cui si è sentito ostaggio per tutta la vita. Ecco perché, pur non conoscendo ancora Gilda, gli è sufficiente vederla per restarne colpito; ecco perché, pur essendo ancora logorato tra il desiderio di raggiungere Maria (recatasi a Milano dal fratello malato) e la tentazione di abbandonarla, riesce poi a dimenticarla in un istante.

… Ma l’amore è un’altra cosa…

N.B. “Oh, l’amore” è stato pubblicato da Guida nella collana Clessidra. La particolarità dei titoli di questa collana è che racchiudono due opere distinte, scritte da due diversi autori. Il testo di Domenico Rea è associato al racconto surreale di Antonio Lubrano, “Boccarriso”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Domenico

Rea

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rea Domenico


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nella Germania della Seconda guerra mondiale, quando ogni cosa è in rovina, una bambina di nove anni, Liesel, inizia la sua carriera di ladra. All'inizio è la fame a spingerla, e il suo bottino consiste in qualche mela, ma poi il vero, prezioso oggetto dei suoi furti sono i libri. Perché rubarli significa salvarli, e soprattutto salvare se stessa. Liesel infatti sta fuggendo dalle rovine della sua casa e della sua famiglia, accompagnata dal fratellino più piccolo e diretta al paese vicino a Monaco dove l'aspetta la famiglia che li ha adottati. Nell'inverno gelido e bianco di neve, il bambino non ce la fa, ed è proprio vicino alla sua tomba che lei trova il primo libro. Il secondo, invece, lo salva dal fuoco di uno dei tanti roghi accesi dai nazisti. Col passare del tempo il numero dei libri cresce e le parole diventano compagne di viaggio, ciascuna testimone di eventi terribili ai quali la bambina sopravvive, protetta da quei suoi immortali, straordinari, amorevoli angeli custodi.

Storia di una ladra di libri

Zusak Markus

Le quarantanove prose di questo libro raccontano la graduale maturazione spirituale di un giovane uomo che, giorno dopo giorno, cerca di chiarire il proprio legame con se stesso, ma anche con la figura della madre e del padre, con la propria fidanzata, la città, il paese e lo Stato. In un periodo assai breve, ma come in un'illuminazione prolungata, egli tenta di radicarsi nella realtà in cui vive cercando di acquisire una solidità che nei tempi consumistici ed egotici di oggi sembra negata. È possibile rafforzare se stessi da se stessi? L'autore ci racconta quarantanove giorni della sua vita tentando di raggiungere ciò che il poeta Giorgio Caproni chiamava "quello stato profondo di sé che è di tutti", cercando di riportarlo alla realtà quotidiana, spingendo la poesia oltre il libro che la contiene.

Quarantanove giorni

Ricciardi Jacopo

Un ragazzo e quattro animali alla deriva nell'oceano Pacifico, unici superstiti di un tragico naufragio. La loro sfida è la sopravvivenza, nonostante la sete, la fame e la furia del mare. Tempo pochi giorni e, della zebra ferita, dell'orango e della iena non resta che qualche osso cotto dal sole. A farne piazza pulita è stata la tigre con cui Pi, giovane indiano senza più famiglia, è ora costretto a dividere i pochi metri di una scialuppa. Contro ogni logica, il ragazzo decide di ammaestrarla. Con l'ingegno, con la forza di uno spirito caparbio e visionario Pi affronta la sua grande avventura. Ed è un viaggio straordinario, appassionante e terribile, ispirato, spiazzante, ironico e violento, che trascina il lettore fino all'attimo in cui il sipario si leva sull'ultimo, agghiacciante colpo di scena. E se le cose non fossero andate affatto come Pi vuole farci credere? Acclamato come un nuovo classico dalla critica inglese e americana, Vita di Pi è un libro unico, miracolosamente sospeso tra realismo e magia, un po' romanzo di avventura e un po' favola surreale dall'inattesa e sconvolgente anima nera.

Vita di Pi

Martel Yann

Piccolo blu e piccolo giallo adorano giocare insieme. Ma quando si abbracciano diventano tutti verdi.

Piccolo blu e piccolo giallo

Lionni Leo