Racconti

Oh, l’amore

Rea Domenico

Descrizione:

Categoria: Racconti

Editore: Guida

Collana:

Anno: 2009

ISBN: 9788860421609

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Uno dei sogni di chi nasce in una famiglia modesta è quello di elevarsi socialmente e dimostrare agli altri che, nonostante l’umiltà delle proprie origini e le difficoltà che essa comporta, si è conquistato uno status molto più che semplicemente rispettabile: addirittura invidiabile.

Tuttavia, quelli che crediamo sogni spesso sono solo miti, e ciò che siamo convinti di volere spesso non è altro che la trasposizione di desideri altrui.
A Martino Canoro, figlio di un tranviere, hanno spiegato che, per ottenere una posizione economica agiata, avrebbe dovuto dare prova del suo valore o sposare una fanciulla ricca. Così Martino, oltre a diventare un modello di virtù, ossia un ragazzo educato, credente e molto volenteroso, è riuscito anche a diventare un medico.

Cosa fare ora con Maria?

Martino è fidanzato con lei da dieci anni ma i medici, si sa, sono imparentati con le migliori famiglie, mentre Maria è solo la figlia di uno scrivano…

I genitori di Martino, naturalmente, gli consigliano di lasciarla (il loro figliolo medico può sicuramente aspirare a qualcosa di meglio!), eppure Maria è una ragazza perfetta: lava, stira e si occupa amorevolmente di tutti i Canoro, senza aspettarsi nulla in cambio e senza mai ricevere un “grazie”. Inoltre, è molto costumata e discreta e Martino, nonostante l’estrema gelosia che lo attanaglia, non ha mai riscontrato nella sua condotta scorrettezze o ambiguità.

Alla fine, però, basterà poco ad abbagliarlo: l’idea di un rassicurante matrimonio con Gilda, la figlia del commendatore Gigliolo…

In poche pagine, Domenico Rea riesce a presentare con immediatezza e semplicità la società napoletana e il sentimento dell’amore.

Martino è il classico buon partito, mediocre e pacato, totalmente dipendente dall’ambiente che lo circonda.

Da un lato, c’è Maria, da cui non è in grado di staccarsi perché la ragazza soddisfa ogni suo capriccio e, al tempo steso, gli si offre come un capro espiatorio, un parafulmine sul quale scaricare colpe e responsabilità. Dall’altro, c’è una famiglia che, decisa a fornirgli una felicità preconfezionata, lo porta a riconoscere in sé la presenza di un sentimento per la ricca Gilda che, in realtà, Martino non prova.

Ciò che lo spinge, finalmente, a prendere una decisione, non è un amore puro e sincero o una passione travolgente, bensì il sollievo di respirare un po’ di serenità dopo le tensioni e le paure di cui si è sentito ostaggio per tutta la vita. Ecco perché, pur non conoscendo ancora Gilda, gli è sufficiente vederla per restarne colpito; ecco perché, pur essendo ancora logorato tra il desiderio di raggiungere Maria (recatasi a Milano dal fratello malato) e la tentazione di abbandonarla, riesce poi a dimenticarla in un istante.

… Ma l’amore è un’altra cosa…

N.B. “Oh, l’amore” è stato pubblicato da Guida nella collana Clessidra. La particolarità dei titoli di questa collana è che racchiudono due opere distinte, scritte da due diversi autori. Il testo di Domenico Rea è associato al racconto surreale di Antonio Lubrano, “Boccarriso”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Domenico

Rea

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rea Domenico

Un anno volge al termine e uno nuovo sta per cominciare, carico di speranze, buoni propositi e qualche rimpianto. Mentre cerca un po' di pace nella bellissima Villa Sans-souci a Paraggi, che ha ricevuto in eredità dalla nonna materna, Maria Sole ripensa al grande inganno che ha determinato la fine del suo matrimonio poche settimane prima. Si chiede come abbia fatto a non accorgersi che suo marito non era quello che sembrava, pur conoscendolo sin dall'infanzia, e come i genitori di entrambi, che sospettavano da sempre, abbiano potuto tacere. Ripercorrendo i ricordi racchiusi nelle stanze della villa, la giovane donna si rende conto che la sua famiglia è sempre vissuta di segreti, per non sporcare l'immagine della propria rispettabilità. Ma ora Maria Sole vuole scrollarsi di dosso tante ipocrisie e riprendere in mano la vita, anche per amore del suo bambino. Per fortuna, ha accanto le sue tre amiche soccorrevoli: Carlotta, Andreina e Gloria, pronte a sostenersi vicendevolmente nei momenti di difficoltà. Ognuna delle quattro «amiche del giovedì» - così le chiama la proprietaria del ristorante dove s'incontrano una volta a settimana - si affaccia al nuovo anno con una sfida da affrontare: chi un ritorno di fiamma, chi una gravidanza inattesa, chi una scelta d'amore che sconvolge ogni certezza. Di fronte a quelle svolte, la loro forza sarà il legame che le unisce come sorelle. Come una famiglia sincera. Le protagoniste di "Festa di famiglia" tornano in questo romanzo. Una storia di nuovi inizi e di affetti da custodire come tesori preziosi.

Segreti e ipocrisie

Casati Modignani Sveva

Harry Potter è un predestinato: ha una cicatrice a forma di saetta sulla fronte e provoca strani fenomeni, come quello di farsi ricrescere in una notte i capelli inesorabilemte tagliati dai perfidi zii. Ma solo in occasione del suo undicesimo compleanno gli si rivelano la sua natura e il suo destino, e il mondo misterioso cui di diritto appartiene. Un mondo dove regna la magia; un universo popolato da gufi portalettere, scope volanti, caramelle al gusto di cavolini di Bruxelles, ritratti che scappano. Età di lettura: da 8 anni.

HARRY POTTER

Rowling J. K.

"Mio caro Marwan..." È l'inizio della lettera che un padre scrive al suo bambino, di notte, su una spiaggia buia, con persone che parlano "lingue che non conosciamo". I ricordi di un passato fatto di semplici sicurezze, la fattoria dei nonni, i campi costellati di papaveri, le passeggiate nelle strade di Homs si mescolano a un futuro incerto, alla ricerca di una nuova casa, dove "nessuno ci ha invitato", dove chi la abita ci ha detto di "portare altrove le nostre disgrazie". Un futuro di attesa e di terrore, che comincerà al sorgere del sole, quando dovranno affrontare quel mare, vasto e indifferente. Questa lettera è un grande atto d'amore e nelle parole che la compongono c'è la vita. Speranza e paura, felicità e dolore. Impossibile non riconoscersi, non pensare che al posto di quel padre e quel bambino potremmo esserci noi. Impossibile non sapere che tutto questo, comunque, ci riguarda.

Preghiera del mare

Hosseini Khaled

La silloge poetica vincitrice del Premio Casinò di Sanremo 2018

Costellazioni di Ilaria Spes

Spes Ilaria