Oh…

Djian Philippe

Descrizione: Un titolo enigmatico che ha il sapore di un'amara liberazione, o magari forse di una resa. Michele è una produttrice cinematografica di successo con un figlio, un matrimonio fallito alle spalle, una madre tutta rifatta e un padre che marcisce in galera. Una sera viene violentata da uno sconosciuto in passamontagna mentre rientra a casa e inizia così la sua lenta e inesorabile discesa agli inferi. Uno straordinario ritratto di donna, un romanzo politicamente scorretto, il racconto di una società che non merita salvezza.

Categoria:

Editore: Voland

Collana: Intrecci

Anno: 2017

ISBN: 9788862431392

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Oh… – Philippe Djian dimostra di sapere cogliere le nevrosi e le fragilità dei nostri tempi in questo romanzo dal titolo emblematico: Oh… che rappresenta forse un grido di dolore, o forse di liberazione, di godimento. Michèle, la protagonista femminile, è una donna apparentemente forte e determinata, che si è costruita una carriera come produttrice cinematografica, ma ha alle spalle un passato piuttosto tumultuoso e burrascoso. Intorno a lei ruotano alcune presenze: un padre odiato assassino bruto e violento, finito in galera per avere compiuto una strage di bambini, una madre anziana che non vuole assolutamente invecchiare e ha un’intensa vita sessuale, un ex marito con il quale trascina stancamente un rapporto di amore-odio, un figlio ribelle e immaturo che vive una relazione travagliata con una donna messa incinta da un altro uomo, un amante che è tra l’altro il marito della sua migliore amica nonché socia in affari. A queste ingombranti figure si aggiunge quella di Patrick, il vicino di casa  affetto da disturbo ossessivo compulsivo, da uno sdoppiamento di personalità con un  lato oscuro che si manifesta attraverso una condotta sessuale violenta esercitata nei confronti di Michèle. Tuttavia quello che inizialmente appare come uno stupro col tempo si trasforma in un gioco di ruolo erotico tra presunta vittima e carnefice. La complicità tra i due amanti rivela l’esistenza di personalità ambigue, a testimonianza del fatto che ognuno di noi ha i propri scheletri nell’armadio, le proprie pulsioni, che conducono a stati animaleschi di esaltazione, quasi di possessione in cui la riflessione della stessa protagonista appare tutt’altro che infondata (“Il demonio si impossessa di un corpo ventiquattr’ore su ventiquattro o vi penetra solo a momenti?”).

La narrazione è volutamente piuttosto claustrofobica, disordinata e rende l’idea della confusione e del disagio dei personaggi coinvolti. Il libro infatti non è diviso in capitoli, non ci sono stacchi, né paragrafi: il lettore si lascia trascinare e travolgere dal verificarsi degli eventi e, in qualche modo, ne rimane profondamente colpito, quasi ipnotizzato.

________________________________________________________

La pagina web di Voland dedicata a Philippe Djian

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Philippe

Djian

Libri dallo stesso autore

Intervista a Djian Philippe


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Questa è la storia di una bambina che perde entrambi i genitori a sei anni e viene affidata alle «cure» di nonni e prozii troppo bigotti per distinguere il confine tra la pedagogia e il sadismo, e che in seguito viene salvata da una coppia di nonni più affettuosi e bonari ma altrettanto severi nel loro conformismo sociale. È la storia di un’educazione rigida e di infiniti passaggi, da un collegio religioso all’altro, da Minneapolis a Seattle, da una famiglia cattolica a una protestante. Ma è anche una storia di scoperte e innamoramenti, di accesi litigi e comici malintesi: tra discussioni teologiche con i padri gesuiti sull’esistenza di Dio, recite scolastiche ambientate nell’antica Roma repubblicana, gite istruttive ai parchi naturalistici che si tramutano in rocamboleschi tour de force alcolici, vere o presunte iniziazioni sessuali, letture proibite e appuntamenti clandestini, la personalità della bambina lascia gradualmente il posto a quella di un’adolescente ribelle e infine a quella di una giovane donna lucida e coraggiosa, aliena alle convenzioni e a ogni forma di moralismo. Pubblicato originariamente nel 1957, Ricordi di un’educazione cattolica è un memoir appassionante come i migliori romanzi di formazione, che unisce il ritratto di un’epoca e la dolorosa confessione personale.

Ricordi di un’educazione cattolica

McCarthy Mary

Artur Paz Semedo, impiegato di una storica fabbrica d'armi, le Produzioni Bellona s.a., e intenditore di film bellici, viene profondamente colpito da alcune commoventi immagini de "L'espoir", di André Malraux, cui assiste casualmente. La successiva lettura del libro, che pare già provocare un'impercettibile incrinatura nelle sue certezze di amante appassionato delle armi da fuoco e, poco dopo, il suggerimento della ex moglie Felícia, una pacifista convinta, di investigare negli archivi dell'azienda per scoprire se le Produzioni Bellona s.a. abbiano mai venduto armamenti ai fascisti lo avviano verso un'avventura...

Alabarde, alabarde

Saramago José

Fece la sua apparizione nel 1932, facendo conoscere un grande scrittore capace di esprime le tensioni, la complessita, gli orrori e le smorfie in una forma sbalorditiva e con uno stile da subito unico e inconfondibile. Affresco di un'epoca, grido anarchico di rivolta, ma anche libro comico, in cui farsa e tragedia si mescolano in continuazione.

Viaggio al termine della notte

Céline Louis-Ferdinand

Nel 1960 Celia Taylor è una giovane ereditiera americana che, dopo aver sposato l’aristocratico inglese Richard Marsdon, decide di andare a vivere nell’antico maniero dei Marsdon nel Sussex, in Inghilterra. Il tempo di sistemarsi in un’ala del castello che bizzarri fenomeni cominciano ad accadere. Richard si comporta in una maniera decisamente fuori dell’ordinario e Celia comincia a soffrire di strani accessi di follia e visioni. Lily Taylor, la madre di Celia, chiede allora aiuto al dottor Akananda, un guru indiano suo amico, che scopre quello che non va nella giovane coppia. Le angustie del presente possono essere superate solo ponendo fine a una tragedia accaduta in un lontanissimo passato. Precisamente quattro secoli prima, quando in Inghilterra regnava Edoardo VI, e la giovane affascinante Celia de Bohun si innamorò del cappellano Stephen Marsdon, che spasimava ardentemente per lei, ma non voleva rompere il suo voto di castità.

Verde oscurità

Seton Anya