Narrativa

Oltre il limite

Vichi Marco

Descrizione: Cosa si è disposti a fare pur di conquistare la fama e il successo? Qual è il confine oltre il quale si perde, insieme alla dignità, anche se stessi? Un aspirante scrittore si troverà inaspettatamente di fronte a un bivio di faustiana memoria.

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Prosa contemporanea

Anno: 2020

ISBN: 9788823524064

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Marco Vichi abbandona per poco l’amato commissario Bordelli per scrivere Oltre il limite, un libro sulla scrittura che stupisce nel profondo. Un testo inusuale e differente, che induce una riflessione profonda.

Il libro è composto da due racconti lunghi. Il primo vede protagonista M. Ronzini, scrittore in erba ma dalle belle speranze: a lui viene fatta una proposta sorprendente. Da una non meglio precisata casa editrice che lo riceve in uno strano luogo chiamato genericamente “Uffici”. Gli si domanda di scrivere una sorta di Divina Commedia al contrario. Riuscirà lo scrittore a diventare un novello Dante Alighieri al nero? Che cosa si è disposti a fare per raggiungere un po’ di notorietà? Vendere l’anima al diavolo per amore della scrittura conduce alla serenità?

Nel secondo racconto due sono i personaggi: uno scrittore in crisi creativa e un paralitico. I due si incontrano al bar. Inizia così un’avventura e uno scontro al limite, che non può che sconvolgere il lettore.

Il tratto principale della narrazione è sicuramente l’ironia diffusa e dissacrante, che colpisce il lettore, pungendolo nel vivo. Un libro dissacrante dunque , che si legge tutto d’un fiato, che procede spedito verso la meta, (del resto l’opera è breve…). Un testo originale e diverso dal solito. Una profonda riflessione su di un mondo strano, in cui molto è da scoprire.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Vichi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vichi Marco

Andrea Pessina, un poeta milanese si racconta

Con le armi del grande narratore, Ermanno Rea conduce un’indagine in forma di diario sulle ragioni del suicidio di Francesca Spada, giornalista culturale de “l’Unità” e critico musicale. A ospitare la vicenda è una Napoli lacerata dalla guerra fredda. L’inchiesta è resa difficile dalla distanza temporale da eventi avvenuti oltre trent’anni prima, in un momento in cui le coscienze si confrontavano in modo ossessivo con la politica. Una stagione per certi versi drammatica in cui si intersecano le ragioni esistenziali dei protagonisti, il destino di una città come Napoli (il cui porto era controllato di fatto dagli americani), le incertezze di una generazione appena uscita dalla guerra, alle prese per di più con un Partito comunista ancora fortemente ancorato all’identità stalinista. A poco a poco, con un andamento concentrico, si fa luce sulla complessità dei fatti che spinge la giovane giornalista al suo atto estremo. Da storia privata quindi l’indagine si fa storia collettiva di un’intera classe politica, di una generazione, delle sue speranze e dei suoi valori. Il romanzo-inchiesta di Ermanno Rea, premio Viareggio 1996: forse il suo capolavoro.

Mistero napoletano

Rea Ermanno

«Chiamatemi Tiresia. Per dirla alla maniera dello scrittore Melville, quello di Moby Dick. Oppure Tiresia sono, per dirla alla maniera di qualcun altro…». Questo l’inizio folgorante della Conversazione su Tiresia, un racconto articolato che ricostruisce la storia del celebre indovino attraverso i secoli, con 63 versioni del mito declinato in età antica e moderna da scrittori, poeti, filosofi, drammaturghi. E discorrendo dell’indovino cieco Camilleri si abbandona al racconto, narra di miti e di dèi, di libri e scrittori, di uomini e donne, di teatro e personaggi, di sé e dell’oggi, di cecità e preveggenza, e lo fa nel modo mirabile che i lettori gli conoscono. Il destino di un protagonista letterario si snoda dalla tragedia greca - ben quattro raccontano la storia di Tiresia - a Omero, Dante, Eliot, Apollinaire, Primo Levi e tanti altri; persino Woody Allen lo fa apparire in un suo film. Indossando i panni di Tiresia Camilleri, con la potenza del mito e la forza della sua narrazione, conferma l’incrollabile passione per il teatro, la formidabile cultura, e ci regala un’opera unica, preziosa.

Conversazione su Tiresia

Camilleri Andrea

THE TWILIGHT SAGA

Meyer Stephenie