Raccolte

IMPRONTE D’AMORE

AA.VV.

Descrizione: Il delicato incanto del primo bacio, il fascino antico delle lettere d'amore, la magica irruenza del colpo di fulmine, quegli imprevedibili giochi di sguardi, le dolci frasi che fan battere più forte il cuore. In una parola.. l'amore. L'amore che sboccia dolcemente come un fiore o ci coglie all'improvviso sconvolgendo la nostra vita; che va oltre ogni distanza o che deve nascondersi come se non fosse più amore; che ci riga il volto di lacrime o ci illumina di sorrisi; che ci pone di fronte a scelte difficili ma ci fa fare ciò che non avremmo mai osato fare; che ci dà una costante sensazione di vertigine e richiede sempre il coraggio di provarci. Dalla brughiera dello Yorkshire all'Italia, dalla California a Tokyo e alla Spagna. Dal romantico all'epistolare, dal passionale al drammatico. Dallo scoprire giovanile al rinascere della maturità fino all'amore senile. In ogni luogo, in ogni modo, ad ogni età& cosa c'è di più meravigliosamente irrinunciabile dell'amore?

Categoria: Raccolte

Editore: Butterfly Edizioni

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788897810148

Recensito da Daniela Frascati

Le Vostre recensioni

Butterflay edizioni è una piccola casa editrice che predilige storie di sentimenti e fa spazio agli autori esordienti. Una narrativa del cuore che ha sempre un pubblico pronto ad accoglierla.

Impronte d’Amore si muove in questo filone. È una raccolta di racconti nata da un concorso la cui tematica è appunto l’amore. E chi dell’amore ne volesse fare una scorpacciata si faccia avanti; ce n’è per tutti i gusti.

Un buon livello di scrittura e di articolazione narrativa dentro storie molto diverse tra loro,  ognuna con una propria originalità, stile e capacità d’emozionare.

Un libro fitto fitto a cui, forse, un impaginazione un po’ più snella – anche l’occhio del lettore, non solo il cuore, vuole la sua parte – avrebbe dato maggior leggerezza. Nell’insieme delle storie e della loro diversità il titolo coglie bene il senso che ciascuno degli autori e delle autrici vuole dare della parola amore. Infatti spesso sono proprio le impronte i segni di questo sentimento che ritroviamo in storie che raccontano anche d’altro.

Come in Verso l’ignoto, di Alessandro Mosconi, nel quale la protagonista, condannata da una malattia che lavora nel tempo e non perdona, segna e trattiene ogni traccia d’amore che incontra come un bene prezioso che non bisogna lasciar disperdere o soffocare dentro il dolore. O come la storia, Miraggio d’estate, di Grazia Gironella, dove l’amore leggero adolescenziale ha lasciato un segno difficile da dimenticare, del quale all’improvviso la protagonista ha consapevolezza rivedendo colui che quel segno aveva lasciato. Atre impronte d’amore hanno però segnato la vita del giovane, e queste ben più profonde e difficili da cancellare. Oppure ci sono le tracce dolorose, macchiate dall’abitudine e dall’indifferenza che la Casalinga del bel racconto L’ascensore, di Donatella Perullo, lava via da sé e dalla sua vita per tornare a respirare a pieni polmoni la propria libertà di donna.

Insomma le impronte dell’amore si ritrovano sempre e ovunque nella vita di ognuno, nella passione come nell’innamoramento, nel dramma come nella leggerezza del primo bacio.

Chi è innamorata/innamorato dell’amore e chi, in tempi tanto difficili e pieni di problemi, vuole abbandonarsi alle ragioni del cuore e dimenticare gli affanni del quotidiano, troverà in queste 34 storie il coinvolgimento e, chissà, anche la memoria di un’impronta d’amore che aveva dimenticata in un angolino buio della propria vita.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aa.vv.

Libri dallo stesso autore

Intervista a AA.VV.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Alcune storie per bambini, tra cui ve ne sono anche di inedite, di Elsa Morante raccolte da Giuseppe Pontremoli e illustrate dalla stessa autrice.

Le bellissime avventure di Caterí dalla trecciolina e altre storie

Morante Elsa

Questa è la storia di una bambina che perde entrambi i genitori a sei anni e viene affidata alle «cure» di nonni e prozii troppo bigotti per distinguere il confine tra la pedagogia e il sadismo, e che in seguito viene salvata da una coppia di nonni più affettuosi e bonari ma altrettanto severi nel loro conformismo sociale. È la storia di un’educazione rigida e di infiniti passaggi, da un collegio religioso all’altro, da Minneapolis a Seattle, da una famiglia cattolica a una protestante. Ma è anche una storia di scoperte e innamoramenti, di accesi litigi e comici malintesi: tra discussioni teologiche con i padri gesuiti sull’esistenza di Dio, recite scolastiche ambientate nell’antica Roma repubblicana, gite istruttive ai parchi naturalistici che si tramutano in rocamboleschi tour de force alcolici, vere o presunte iniziazioni sessuali, letture proibite e appuntamenti clandestini, la personalità della bambina lascia gradualmente il posto a quella di un’adolescente ribelle e infine a quella di una giovane donna lucida e coraggiosa, aliena alle convenzioni e a ogni forma di moralismo. Pubblicato originariamente nel 1957, Ricordi di un’educazione cattolica è un memoir appassionante come i migliori romanzi di formazione, che unisce il ritratto di un’epoca e la dolorosa confessione personale.

Ricordi di un’educazione cattolica

McCarthy Mary

È nel Sahara più profondo la soluzione all'enigma delle origini della civiltà egizia? È lì che bisogna andare per trovare le tracce delle conoscenze «soprannaturali» che gli egizi avevano in materia di astronomia e di astrologia? E quello che sostiene Robert Bauval che, sovvertendo le tesi dell’archeologia accademica, trova sorprendenti collegamenti fra gli antichi egizi e una popolazione nera che è vissuta nel Sahara migliaia di anni prima dell'ascesa dei faraoni e che ha edificato dei complessi megalitici misteriosi. La scoperta recente di località come Gilf Kebir, Uwainat e Nabta Playa dimostra, a differenza di quanto Hanno sempre ritenuto gli egittologi «ufficiali», che gli egizi si sono spinti a distanze «impossibili» e hanno intessuto relazioni con regni dell'Africa subsahariana di cui restano tracce nei geroglifici ritrovati nelle piramidi. Ma quale segreto condividevano queste popolazioni e quella egizia? Qual è il significato astronomico dei complessi megalitici e del posizionamento delle piramidi? Quale messaggio hanno voluto trasmettere ai posteri? Unendo storiografia, archeologia, linguistica, archeoastronomia e lo studio dell'allineamento dei grandi edifici egizi, Bauval scrive un capitolo affascinante e assolutamente inedito su una civiltà che ancora conserva molti misteri irrisolti.

Il mistero della genesi

Brophy Thomas

I dolori e gli amori della giovane Max. Inquieta, testarda, bellissima. Lasciata da Lili dopo otto anni, così all’improvviso, una mattina di gennaio: come puoi farmi questo per una che conosci da tre giorni? Corse, rincorse, morsi e affanni, la vita che sprofonda e Max che non si rassegna. Fino all’arrivo di Leo, il fuoco nei capelli e un uomo per compagno. Un’altra ventata d’amore, l’illusione che tutto possa ricominciare e la paura che tutto possa franare di nuovo. Un romanzo che è come la sua protagonista: un terremoto di sentimenti e di ironia.

IO SONO MAX

Survive I. W.