Raccolte

IMPRONTE D’AMORE

AA.VV.

Descrizione: Il delicato incanto del primo bacio, il fascino antico delle lettere d'amore, la magica irruenza del colpo di fulmine, quegli imprevedibili giochi di sguardi, le dolci frasi che fan battere più forte il cuore. In una parola.. l'amore. L'amore che sboccia dolcemente come un fiore o ci coglie all'improvviso sconvolgendo la nostra vita; che va oltre ogni distanza o che deve nascondersi come se non fosse più amore; che ci riga il volto di lacrime o ci illumina di sorrisi; che ci pone di fronte a scelte difficili ma ci fa fare ciò che non avremmo mai osato fare; che ci dà una costante sensazione di vertigine e richiede sempre il coraggio di provarci. Dalla brughiera dello Yorkshire all'Italia, dalla California a Tokyo e alla Spagna. Dal romantico all'epistolare, dal passionale al drammatico. Dallo scoprire giovanile al rinascere della maturità fino all'amore senile. In ogni luogo, in ogni modo, ad ogni età& cosa c'è di più meravigliosamente irrinunciabile dell'amore?

Categoria: Raccolte

Editore: Butterfly Edizioni

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788897810148

Recensito da Daniela Frascati

Le Vostre recensioni

Butterflay edizioni è una piccola casa editrice che predilige storie di sentimenti e fa spazio agli autori esordienti. Una narrativa del cuore che ha sempre un pubblico pronto ad accoglierla.

Impronte d’Amore si muove in questo filone. È una raccolta di racconti nata da un concorso la cui tematica è appunto l’amore. E chi dell’amore ne volesse fare una scorpacciata si faccia avanti; ce n’è per tutti i gusti.

Un buon livello di scrittura e di articolazione narrativa dentro storie molto diverse tra loro,  ognuna con una propria originalità, stile e capacità d’emozionare.

Un libro fitto fitto a cui, forse, un impaginazione un po’ più snella – anche l’occhio del lettore, non solo il cuore, vuole la sua parte – avrebbe dato maggior leggerezza. Nell’insieme delle storie e della loro diversità il titolo coglie bene il senso che ciascuno degli autori e delle autrici vuole dare della parola amore. Infatti spesso sono proprio le impronte i segni di questo sentimento che ritroviamo in storie che raccontano anche d’altro.

Come in Verso l’ignoto, di Alessandro Mosconi, nel quale la protagonista, condannata da una malattia che lavora nel tempo e non perdona, segna e trattiene ogni traccia d’amore che incontra come un bene prezioso che non bisogna lasciar disperdere o soffocare dentro il dolore. O come la storia, Miraggio d’estate, di Grazia Gironella, dove l’amore leggero adolescenziale ha lasciato un segno difficile da dimenticare, del quale all’improvviso la protagonista ha consapevolezza rivedendo colui che quel segno aveva lasciato. Atre impronte d’amore hanno però segnato la vita del giovane, e queste ben più profonde e difficili da cancellare. Oppure ci sono le tracce dolorose, macchiate dall’abitudine e dall’indifferenza che la Casalinga del bel racconto L’ascensore, di Donatella Perullo, lava via da sé e dalla sua vita per tornare a respirare a pieni polmoni la propria libertà di donna.

Insomma le impronte dell’amore si ritrovano sempre e ovunque nella vita di ognuno, nella passione come nell’innamoramento, nel dramma come nella leggerezza del primo bacio.

Chi è innamorata/innamorato dell’amore e chi, in tempi tanto difficili e pieni di problemi, vuole abbandonarsi alle ragioni del cuore e dimenticare gli affanni del quotidiano, troverà in queste 34 storie il coinvolgimento e, chissà, anche la memoria di un’impronta d’amore che aveva dimenticata in un angolino buio della propria vita.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aa.vv.

Libri dallo stesso autore

Intervista a AA.VV.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Da bambina Lucy Nelson vede il padre alcolista finire in galera. Da quel giorno ha cercato di redimere qualunque uomo le capitasse intorno, per la rovina sua e dei suoi amanti. Quando Roy e Lucy iniziano a uscire insieme, lui lo fa perché sta cercando se stesso, lei perché non sopporta più una madre remissiva e un padre ubriacone. Si innamorano, o cosi credono. Quando Lucy cede alle estenuanti insistenze, alle canzoni romantiche e alle parole rassicuranti di Roy e "va fino in fondo", rimane incinta. Da quel momento in avanti, come in una tragedia greca in cui, qualunque cosa si faccia, non si può sfuggire al destino, tutto precipita. Lucy non vuole ripercorrere le orme della madre, non vuole diventare la moglie di un uomo egoista, debole e fallito, ma si convince di essere già quel tipo di donna, trascinando il matrimonio - e se stessa - alla rovina. Uscito subito prima del Lamento dì Portnoy, questo terzo romanzo di Philip Roth contiene già tutto il sarcasmo, l'ironia tagliente, l'inquietudine morale delle opere della maturità. Ma possiede una caratteristica che lo rende una stella preziosa: è l'unico romanzo del maestro di Newark ad avere per protagonista una donna. Con Lucy, Roth consegna alla storia della letteratura un personaggio agghiacciante e commovente, incarnazione di una donna che lotta per non sprofondare nella propria follia.

Quando lei era buona

Roth Philip

"Io sono per il finale aperto. Diciamo che sono uno strenuo difensore dei puntini sospensivi. [...] Sono perle predisposte a diventare girocollo e ruota panoramica da Luna Park quando gli scrittori si incontrano nello stesso libro, anche se alcune storie puzzano di zolfo prevale l'essenza di zucchero filato. Un'essenza che passando per le narici arriva 'dritto al cuore'. [...] Puntini sospensivi non sono solo canzonette questi racconti. Se scrivi solo di 'testa' ti può venire un'emicrania, se scrivi di 'pancia' rischi la pancreatite, se scrivi di 'cuore' hai un fine, non una fine." (dalla prefazione di Andrea G. Pinketts) "Molti potranno pensare che sia di cattivo gusto pubblicare racconti di morti, delitti e misteri a favore dei bambini, ma abbiamo voluto indirizzare l'antologia non a chi conosce e vive l'Ospedale Bambino Gesù, ma ai lettori accaniti di un genere che non ha età. Non ci interessa che siano i genitori dei supereroi ad acquistare una copia di Dritto al Cu ore, ma speriamo che siano soprattutto i lettori che non hanno idea di cosa significhi vivere mesi e anni nell'attesa che la medicina risponda a silenziose domande di speranza." (dall'introduzione di Sira Terramano)

Dritto al cuore

Autori vari

La promessa di un viaggio è sempre la speranza di una rinascita. Non serve andare troppo lontano. Per riscoprirsi a volte basta solo staccarsi un po' da sé stessi. Due donne e un uomo, estranei l'uno all'altro eppure indissolubilmente legati, incroceranno i loro destini sulle orme di un padre fantastico da chi odiato, da chi sognato, da chi semplicemente amato come Natura vuole che il figlio ami il padre in giro fra la vecchia Europa e i sogni che non hanno confini. Solo così rinasceranno una seconda volta. Solo così saranno liberi.

IL VIAGGIO DI JOËLLE

Sacco Vanessa

Walt è un povero orfano senza futuro nella St.Louis degli anni Venti, ma possiede un dono naturale, e trova qualcuno deciso a sfruttarlo. Maestro Yehudi, mezzo stregone e mezzo ciarlatano, è l'ebreo ungherese che in tanti anni di duro tirocinio gli insegnerà la meravigliosa arte di volare facendo di lui un'attrazione da circo. Nelle sue peregrinazioni il bambino volante si ritrova tra incursioni del Ku Klux Klan, storie di gangster, giocatori di baseball e, nella Chicago degli anni Trenta, finisce con l'aprire un locale destinato a diventare famoso, il Mr Vertigo. Finché un giorno Walt ritorna normale e smette di essere un fenomeno. Ed è allora che il destino si compie in tutta la sua grandezza: riconoscendo nella storia di Dizzie Dean, campione in declino che non sa smettere di giocare, la propria storia, Walt comprende che importante non è solo volare ma anche capire quando si deve tornare a terra e vivere con dignità la vita di ogni uomo, del più anonimo e banale degli uomini.

Mr Vertigo

Auster Paul