Giallo - thriller - noir

OPERAZIONE MADONNINA

Ferrari Andrea

Descrizione: Milano, 1973. Sono gli anni della grande industria cinematografica italiana, dell'Austerity, della cronaca nera prestata alla politica, della criminalità da far west, della Polizia con le mani legate, dell'imprenditoria gangster, delle grandi penne del giornalismo. Travolti da questi sconvolgimenti epocali e dalla sfortuna del quotidiano, un funambolo della pubblicità col vizio del gioco contrae un debito di troppo, un oste milanese dalle mani grandi fronteggia lo sfratto della bocciofila che gestisce, un fiorista ciociaro raccoglie i frantumi del proprio chiosco devastato dagli stuntmen di un film con Alain Delon. La morte di un loro vecchio collega, di quando scavavano i tunnel della metropolitana, li riunisce al cimitero. Da qui in poi, il terzetto ne penserà di ogni per risolvere i guai di ciascuno, fino a scegliere di mettere in pratica la più assurda delle idee: rubare il simbolo più alto di Milano, per riscattare i soldi e se stessi. Da un'idea di Luca Crovi, un noir a tre penne, una commedia che al sorriso combina la tensione drammatica ed emotiva dell'Italia degli anni Settanta, gli anni che ci hanno insegnato che l'assurdo non è una sciocchezza, ma l'impossibile che si fa reale.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Frilli

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788875638481

Trama

Le Vostre recensioni

Anni Settanta, Milano, la città che dà il pane.

Tre uomini, un gagà, un oste e un fioraio cassinese sono sull’orlo del fallimento.

Sono accomunati da una dolorosa esperienza e un nuovo incontro fa sì che si sentano di nuovo uniti, di nuovo complici. In un momento di disperazione, quando tutto sembra perduto, decidono di provare il grande colpo. Guardano su, in alto, e vedono la Madonnina. Chi oserebbe rubare il simbolo della città?

Da quel momento parte il progetto ambiziosissimo del colpo del secolo e i tre protagonisti, pur di trovare dei soldi per riscattarsi, ne combineranno di tutti i colori.

Un noir brillante, divertente a suo modo, che scava nei meandri degli anni Settanta e della povertà nonostante tutto. Nonostante si abbia sempre lavorato duramente, nonostante si sia stati sempre onesti, nonostante gli insulti, nonostante i chilometri messi tra se stessi e la propria casa, nonostante uno slogan di successo, una bocciofila che va benino, nonostante Milano, che cresce, pompa, costruisce, porta persone e persone a lavorare per lei, ma che tradisce appena può.

Un libro pieno di citazioni, con un omaggio anche al grande Buzzati in veste di cronista di nera. Un libro che sembra un film, il che rende facile la lettura anche a chi coi libri non è che vada molto d’accordo.

A scriverlo sono stati in tre e c’è da dire che differenze assolutamente non si notano. Ho avuto il piacere di conoscere i tre autori durante la manifestazione “Letti di notte a Milano” e, ancor prima di leggere il libro, solo sentendoli parlare, divertire il proprio pubblico con la storia di come “Operazione Madonnina” sia nata e sia stata costruita, sapevo già che il libro non sarebbe stata una delusione.

Un libro da leggere per chi ama il noir, ma anche no; per chi ama gli anni Settanta a Milano, quando tutto poteva accadere, nel bene e nel male; per chi ama Milano, perché ci è nato, perché ci è cresciuto, perché volente e nolente è stato acolto da questa città che regala, toglie, nutre, ma soprattutto insegna. E per chi, ogni volta che alza gli occhi e vede la Madonnina non può fare a meno di pensare alla sua immensità, alla sua posizione e al suo sbrilluccichio.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Ferrari

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ferrari Andrea

Andrea Pessina, un poeta milanese si racconta

Abitavamo in un bosco di querce

Guglielmi Marilena

Dalla nascita palermitana alla formazione torinese, fino al definitivo trasferimento a Roma, Sandra Petrignani ripercorre la vita di una grande protagonista del panorama culturale italiano. Ne segue le tracce visitando le case che abitò, da quella siciliana di nascita alla torinese di via Pallamaglio – la casa di Lessico famigliare – all’appartamento dell’esilio a quello romano in Campo Marzio, di fronte alle finestre di Italo Calvino. Incontra diversi testimoni, in alcuni casi ormai centenari, della sua avventura umana, letteraria, politica, e ne rilegge sistematicamente l’opera fin dai primi esercizi infantili. Un lavoro di studio e ricerca che restituisce una scrittrice complessa e per certi aspetti sconosciuta, cristallizzata com’è sempre stata nelle pagine autobiografiche, ma reticenti, dei suoi libri più famosi. Accanto a Natalia – così la chiamavano tutti, semplicemente per nome – si muovono prestigiosi intellettuali che furono suoi amici e compagni di lavoro: Calvino appunto, Giulio Einaudi e Cesare Pavese, Elsa Morante e Alberto Moravia, Adriano Olivetti e Cesare Garboli, Carlo Levi e Lalla Romano e tanti altri. Perché la Ginzburg non è solo l’autrice di un libro-mito o la voce – corsara quanto quella di Pasolini – di tanti appassionati articoli che facevano opinione e suscitavano furibonde polemiche. Narratrice, saggista, commediografa, infine parlamentare, Natalia è una “costellazione” e la sua vicenda s’intreccia alla storia del nostro paese (dalla grande Torino antifascista dove quasi per caso, in un sottotetto, nacque la casa editrice Einaudi, fino al progressivo sgretolarsi dei valori resistenziali e della sinistra). Un destino romanzesco e appassionante il suo: unica donna in un universo maschile a condividere un potere editoriale e culturale che in Italia escludeva completamente la parte femminile. E donna vulnerabile, e innamorata di uomini problematici. A cominciare dai due mariti: l’eroe e cofondatore della Einaudi, Leone Ginzburg, che sacrificò la vita per la patria, lasciandola vedova con tre figli in una Roma ancora invasa dai tedeschi, e l’affascinante, spiritoso anglista e melomane Gabriele Baldini che la traghettò verso una brillante mondanità: uomini fuori dall’ordinario ai quali ha dedicato nei suoi libri indimenticabili ritratti.

La corsara. Ritratto di Natalia Ginzburg

Petrignani Sandra

Per il detesctive Harry Bosch della polizia di Los Angeles un caso irrisolto è una ferita aperta. Per questo, quando sulle colline intorno a Hollywood raffiorono le ossa di un bambino, ucciso brutalmente venti anni prima, Bosch sente di dover scoprire l'assassino a ogni costo. Con un'indagine difficile, che porta alla luce storie sepolte da tempo, Bosch riesce a scoprire l'identità del bambino e a ricostruire la vita spezzata. Sfidando l'indifferenza della polizia, già pronta ad archiviare il caso e lottando contro i fantasmi che quella vicenda suscita in lui, Bosch annaspa tra indizi contraddittori, finché, in un crescendo di colpi di scena, la verità viene a galla. In tutto il suo inimmaginabile orrore.

LA CITTA’ DELLE OSSA

Connelly Michael