Saggi

Osso la lupa

Rubini Matteo Antonio

Descrizione: Un romanzo, adatto a tutti, sull'incredibile avventura del naturale ritorno del lupo sulle Alpi. Un libro attraverso cui divertirsi…

Categoria: Saggi

Editore: Youcanprint

Collana:

Anno: 2021

ISBN: 9791220336291

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

Osso la lupa di Matteo Antonio Rubini – Un romanzo, adatto a tutti, sull’incredibile avventura del naturale ritorno del lupo sulle Alpi. Un libro attraverso cui divertirsi e – allo stesso tempo – imparare qualcosa di più su questo animale, che da millenni è anche un simbolo di libertà e orgoglio, amato e odiato. Una storia ricca di colpi di scena che consente di immergersi nei principi di base dell’etologia della specie e di conoscere i comportamenti tipici dell’animale: le sue doti naturali di coraggio, intelligenza e circospezione; l’identificazione delle tracce e dei segni di presenza; il miracolo della dispersione e la magia della formazione di un nuovo branco. Un racconto dei giorni nostri, un lupo misterioso, inafferrabile e sfuggente e una valle che si trova, suo malgrado, a dover fare i conti con lui e i suoi consimili. Una storia sulla convivenza possibile tra animali destinati a incontrarsi: il lupo e l’uomo.

Questo libro – suo malgrado – è stato contestato nel corso di una presentazione.

Campanacci, striscioni, volantini contro la presenza dei lupi vicino ai pascoli. Un gruppo di allevatori, stanchi delle razzie dei lupi in montagna, ha fatto irruzione alla presentazione del libro presso il museo dell’alpeggio di Alpe Devero, località dell’Ossola. Matteo Antonio Rubino, autore di Osso la lupa ha dovuto annullare l’evento e ha denunciato di essere stato intimidito con minacce. Per contro, i manifestanti – che fanno parte del Comitato Salvaguardia allevatori ossolani –  hanno ritenuto la presentazione del libro di Rubino una provocazione: il romanzo per ragazzi, che sostiene la campagna Io non ho paura del lupo ed è ambientato in una valle dove un predatore misterioso torna a colpire, “idealizza ed esalta il lupo e denigra gli allevatori“.

Alla contestazione l’autore ha risposto su Facebook: “Il mio libro non è provocatorio… né mi sono ritrovato al tavolo con ‘pochi fan lupisti’, bensì con famiglie e bambini a cui era destinato il volume (libro per bambini, ripeto). Esistono libri da censurare? Come in dittatura? Non credo. Forse esistono idee diverse, ognuna con la sua dignità di manifestazione. Fino a che la mia libertà non viene limitata dall’arroganza altrui: quello è il limite. Che qui si è passato”.

Dopo oltre un’ora di confronto con gli allevatori l’autore ha deciso di sospendere la presentazione. Gli allevatori dell’Ossola sono convinti che il contenuto del libro di Rubino sia denigratorio “degli allevatori e di personaggi che li sostengono, presentando il lupo in forme antropomorfe atte a suscitare lupofilia indotta ed essendo chiaramente impostato sull’Ossola (a partire dal titolo Osso la lupa)…”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonio

Matteo

Rubini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rubini Matteo Antonio

Siamo nel VI secolo d.C.: Artú è morto da qualche tempo ormai e la terra della futura Inghilterra, dilaniata per decenni dalla guerra intestina fra britanni, romanizzati e cristianizzati, e sassoni, indigeni e pagani, gode ora di relativa pace. Ma uno strano fenomeno interessa entrambe le popolazioni: una nebbia diffusa sovrasta le genti e causa una labilità della memoria di breve e anche di lungo periodo, che impedisce loro di capire le ragioni del presente. Beatrice e Axl, ormai in tarda età, partono alla ricerca del figlio che ricordano vagamente di aver avuto. Per la strada si uniscono a loro un ragazzino morso da un demone, Edwin, un guerriero senza paura, Wistan, e un cavaliere della tavola rotonda, Gawain, ormai vecchissimo e male in arnese, a suo dire incaricato da Artú di uccidere la draghessa Querig, responsabile della nebbia che porta via la memoria. Sotto la veste del romanzo d’avventura, pur ricco d’inventiva e avvincente com’è, Il gigante sepolto nasconde un tema di piú lungo e profondo respiro: il contrasto fra ricordo e perdono, fra il dovere e la peculiarità umana della memoria, da un lato, e l’ostacolo che essa rappresenta all’appianamento dei conflitti, dall’altro. È la memoria il gigante sepolto e semimorto del libro, e la risposta individuale del lettore alle domande che esso pone non può essere né univoca né prevedibile.

Il gigante sepolto

Ishiguro Kazuo

Fred e Mick, due amici alla soglia degli ottanta, trascorrono una vacanza in un hotel di lusso sulle Alpi. Fred è un direttore d’orchestra in pensione, Mick un regista ancora in attività. Sanno che il loro futuro si va esaurendo e decidono di affrontarlo insieme. Guardano con tenerezza alla vita confusa dei loro figli, a quanti sembrano poter disporre di un tempo che a loro non è dato. E mentre Mick si affanna a concludere la sceneggiatura di quello che sarà il suo ultimo e più significativo film, Fred, che da anni ha rinunciato alla musica, non intende assolutamente tornare sui propri passi. Ma c’è chi vuole ad ogni costo vederlo dirigere ancora una volta e ascoltare le sue composizioni.

Youth – La giovinezza

Sorrentino Paolo

Nel 1832 mentre il colera imperversa a New York, un uomo si aggira per la città fantasma, lottando contro gli spettri del proprio passato, mentre la morte si avvicina a passi felpati...Nel 1859, la vita del giovane rampollo di una ricca famiglia di Manhattan viene sconvolta dalla fulminante apparizione e dalla misteriosa sparizione di una modella irlandese... Nel 2001, una donna perseguitata dal fantasma dell'amante, morto negli attacchi contro le Torri gemelle, intreccia un'ambigua relazione con un avvocato nella cui mente si annidano pericolose turbe... Dal maestro delle atmosfere gotiche, tre raccontiche comunicano, attraverso enigmatici echi sotterranei, tre amori che sconfinano nella follia, uno sguardo inquieto sul volto segreto di New York.

La città fantasma

McGrath Patrick

Anno del Signore 1205. Padre Vivïen de Narbonne viene braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede un libro molto prezioso, che non vuole cedere agli inseguitori. Tentando di fuggire, precipita in un burrone. Tredici anni dopo Ignazio da Toledo, di ritorno da un esilio in Terrasanta, viene convocato a Venezia da un facoltoso patrizio per compiere una missione: dovrà recuperare un libro molto raro intitolato "Uter Ventorum", lo stesso libro posseduto da Vivïen. Il manoscritto in questione conterrebbe precetti derivati dalla cultura talismanica caldaico-persiana e sembrerebbe in grado di evocare gli angeli, per poter partecipare della loro sapienza. Ignazio si metterà alla ricerca del libro, che secondo le indicazioni è tenuto in custodia nella Chiusa di San Michele presso Torino. Ma alla Chiusa di San Michele, anziché trovare il libro, Ignazio si imbatte in un mistero: l'"Uter Ventorum" è stato smembrato in quattro parti nascoste in Linguadoca e in Castiglia. La curiosità di scoprire il contenuto di quelle pagine lo sprona a proseguire nella ricerca, nonostante il pericolo. Riuscirà svelare tutti gli enigmi che il libro contiene e a evocare gli angeli e la loro sapienza?

Il mercante di libri maledetti

Simoni Marcello