Saggi

Osso la lupa

Rubini Matteo Antonio

Descrizione: Un romanzo, adatto a tutti, sull'incredibile avventura del naturale ritorno del lupo sulle Alpi. Un libro attraverso cui divertirsi…

Categoria: Saggi

Editore: Youcanprint

Collana:

Anno: 2021

ISBN: 9791220336291

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

Osso la lupa di Matteo Antonio Rubini – Un romanzo, adatto a tutti, sull’incredibile avventura del naturale ritorno del lupo sulle Alpi. Un libro attraverso cui divertirsi e – allo stesso tempo – imparare qualcosa di più su questo animale, che da millenni è anche un simbolo di libertà e orgoglio, amato e odiato. Una storia ricca di colpi di scena che consente di immergersi nei principi di base dell’etologia della specie e di conoscere i comportamenti tipici dell’animale: le sue doti naturali di coraggio, intelligenza e circospezione; l’identificazione delle tracce e dei segni di presenza; il miracolo della dispersione e la magia della formazione di un nuovo branco. Un racconto dei giorni nostri, un lupo misterioso, inafferrabile e sfuggente e una valle che si trova, suo malgrado, a dover fare i conti con lui e i suoi consimili. Una storia sulla convivenza possibile tra animali destinati a incontrarsi: il lupo e l’uomo.

Questo libro – suo malgrado – è stato contestato nel corso di una presentazione.

Campanacci, striscioni, volantini contro la presenza dei lupi vicino ai pascoli. Un gruppo di allevatori, stanchi delle razzie dei lupi in montagna, ha fatto irruzione alla presentazione del libro presso il museo dell’alpeggio di Alpe Devero, località dell’Ossola. Matteo Antonio Rubino, autore di Osso la lupa ha dovuto annullare l’evento e ha denunciato di essere stato intimidito con minacce. Per contro, i manifestanti – che fanno parte del Comitato Salvaguardia allevatori ossolani –  hanno ritenuto la presentazione del libro di Rubino una provocazione: il romanzo per ragazzi, che sostiene la campagna Io non ho paura del lupo ed è ambientato in una valle dove un predatore misterioso torna a colpire, “idealizza ed esalta il lupo e denigra gli allevatori“.

Alla contestazione l’autore ha risposto su Facebook: “Il mio libro non è provocatorio… né mi sono ritrovato al tavolo con ‘pochi fan lupisti’, bensì con famiglie e bambini a cui era destinato il volume (libro per bambini, ripeto). Esistono libri da censurare? Come in dittatura? Non credo. Forse esistono idee diverse, ognuna con la sua dignità di manifestazione. Fino a che la mia libertà non viene limitata dall’arroganza altrui: quello è il limite. Che qui si è passato”.

Dopo oltre un’ora di confronto con gli allevatori l’autore ha deciso di sospendere la presentazione. Gli allevatori dell’Ossola sono convinti che il contenuto del libro di Rubino sia denigratorio “degli allevatori e di personaggi che li sostengono, presentando il lupo in forme antropomorfe atte a suscitare lupofilia indotta ed essendo chiaramente impostato sull’Ossola (a partire dal titolo Osso la lupa)…”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonio

Matteo

Rubini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rubini Matteo Antonio

In una particolarissima casa di appuntamenti, attempati gentiluomini si concedono il piacere di giacere accanto a splendide giovani donne addormentate. Un raffinato e inquietante racconto erotico che sa cogliere i profondi misteri dell'anima con tocchi luminosi e leggeri. Il romanzo più delicato e suggestivo di Kawabata (1899-1972), premio Nobel per la letteratura 1968.

LA CASA DELLE BELLE ADDORMENTATE

Kawabata Yasunari

"[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Il cappotto blu (prima parte)

Balzano Anna Maria

La detective ipovedente Blanca e i suoi colleghi, il commissario Martusciello, l’agente scelto Carità, Liguori e Micheli, si ritrovano a dover risolvere due casi che sembrano scollegati: il traffico di animali illegali provenienti dall’estero e la morte di una donna, apparentemente avvenuta a causa del morso di un ragno, rarissimo e letale. Nel primo caso, delle circostanze fortuite porteranno a galla indizi che provocheranno la morte di due veterinari, mentre il secondo caso sembra opera di un assassino seriale che usa i ragni come armi, ma le vittime non sono collegate in alcun modo. Nel commissariato regna l’anarchia, ognuno conosce solamente un pezzo dell’indagine e spesso lo nasconde agli altri, il puzzle fatica a comporsi fino all’ultimo perché le vicende private dei personaggi si ergono come muri tra di loro: ognuno come un animale ferito cerca con le proprie forze di aprirsi la strada verso la verità, senza accorgersi di essere mutilato lontano dal resto della squadra. Blanca si dibatte nei suoi sentimenti per Liguori e cerca un riparo nell’amore di Micheli, pur non ricambiandolo. Di tutte le bestie che abitano questo romanzo è proprio Blanca la più selvatica.

La danza dei veleni

Rinaldi Patrizia

Sergio Scozzacane è un impresario musicale. Lo chiamano "lo squalo" per la forma a pinna del suo naso. Un soprannome, ma anche un destino da carnivoro: è il proprietario della casa discografica Musica Blue Records, che produce dischi a pagamento vendendo illusioni a cantanti privi di talento. Alloggiato in una pensione d'infimo ordine e sommerso dai debiti contratti con la camorra, lo squalo progetta una improbabile uscita di scena. Ma quando tutto sembra perduto, una speranza si riaccende: Mattia, un giovane cantante che ha ancora sotto contratto per due mesi, vince un talent show televisivo, e portarlo a cantare a Sanremo sembra l'occasione di riscatto della sua vita da agente fallito e per salvare la pelle. Ma anche il "viaggio della speranza" nella città dei fiori, che lo squalo affronta assieme a Mattia (bella voce ma leggermente autistico) e alla sorella Sofia (cieca, bellissima e determinata), con la camorra alle costole, si rivela l'ennesimo buco nell'acqua.

IL FIUTO DELLO SQUALO

Solla gianni