Narrativa

PAESAGGIO CON INCENDIO

Aloia Ernesto

Descrizione: Dietro le sembianze di una sonnolenta località di villeggiatura dell'Appennino, il paese di Castagneto nasconde un enigma collettivo fatto di insanabili rivalità, odi non saziati, antichi amori mai sopiti, nuove e disperate passioni e cocenti solitudini. Vittorio, uno storico quarantenne impegnato in una ricerca sui campi di battaglia della Linea Gotica, vi giunge per due settimane di vacanza con la famiglia, ancora oppresso da un lutto recente che rischia di trasformarsi in una cupa ossessione di morte; Carla, sua moglie, nutre invece il bruciante desiderio di una seconda: maternità. Durante il trascorrere delle due settimane, la coppia senza quasi rendersene conto si troverà coinvolta nei conflitti in corso dietro la rassicurante facciata del paese: un vortice in cui Vittorio e Carla rischieranno di precipitare irrimediabilmente, finché una repentina esplosione di violenza degna di una tragedia elisabettiana non verrà a tracciare il confine tra i perduti e i salvati. Un romanzo che ha il respiro e la lingua di un piccolo classico e il cuore duro di un thriller, in cui il lettore viene risucchiato pagina dopo pagina.

Categoria: Narrativa

Editore: Minimum fax

Collana: Nichel

Anno: 2011

ISBN: 9788875212957

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Le facce, le riconoscevo tutte. Non c’erano discrepanze tra quello che erano e quello che erano state, come nelle loro vite non esistevano fratture – nessuna delle abiure che sembravano caratterizzare la vita in città. Amavano il proprio destino, o perlomeno riuscivano a sopportarlo. Anche se, con la scomparsa delle ultime generazioni che parlavano dialetto e custodivano una tradizione di storie locali, Castagneto vedeva rapidamente sbiadire la propria identità, in paese – e questo ai miei occhi metropolitani pareva davvero impressionante – nessuno mai diventava a tutti gli effetti un individuo: restavi sempre il figlio di Tizio o il nipote di Caio“.

Ogni estate, da quando è nata Giulia, Vittorio e la moglie Carla passano qualche settimana nella vecchia casa dei nonni, lontano dal lavoro e dalla vita frenetica della città. Il desiderio è di poter ritrovare la tranquillità dell’infanzia e della prima giovinezza, recuperare le energie immergendosi in un passato in cui tutto sembrava più facile, ma la verità è che anche a Castagneto il tempo scorre con la stessa rapidità …

Il paese, io l’avrei voluto immutabile. E invece ogni anno scoprivo qualche cambiamento – avevano ripavimentato la piazza, dove una volta c’era un bar ora c’era una banca, qua e là erano comparse fioriere di bronzo e sculture astratte, tutte cose che mi infastidivano

L’inverno è stato terribile… Nel giro di pochi mesi il cancro ha portato via sua madre e Vittorio ora vive con un occhio sempre rivolto alla morte. Per Carla, invece, è diverso: lei vorrebbe un altro bambino e non riesce a pensare ad altro…

La storia della coppia si intreccia con le vicende di un paese in cui il quieto vivere è solo una facciata che nasconde rimpianti e rancori mai sopiti. Restarne coinvolti è una cosa naturale, non occorre invadere l’intimità altrui o mettersi alla ricerca di intrighi e segreti: a Castagneto, tutti sanno tutto di tutti ( “Dal momento in cui venivi al mondo si stringevano vincoli ogni giorno più difficili da sciogliere“).

Vittorio, in particolare, viene suo malgrado trascinato dalla tragica follia di Pietro Abate, ex fidanzato della bella Stefania.

“Pietrino”, che “oltre il cartello Benvenuti a Castagneto si avventurava sempre controvoglia“, sebbene siano ormai passati diversi anni, non riesce ancora ad accettare di aver perso quella che credeva sarebbe stata la sua sposa, e la sua ossessione è alimentata soprattutto dall’esasperato desiderio di stabilità, dall’urgente esigenza di sicurezza che in un piccolo paese spesso rappresenta l’unica linea guida plausibile per la vita di ciascuno: fidanzamento – matrimonio – famiglia. Stefania, invece, li ha varcati presto quei confini, scegliendo di studiare, di viaggiare, di conoscere il mondo, e questo inevitabilmente ha portato le loro vite a dividersi.

La cronaca mondana che prende le mosse dal bar, passando per il macellaio e il fruttivendolo, fino ad arrivare al mercato, non si interessa più della fallita love story tra i due principi ereditari del paese, ma Pietrino non può dimenticare l’onta del rifiuto e continua imperterrito a perseguitare Stefania e la sua famiglia…

Permeando le sue pagine di tensione, Aloia lascia intuire sin da subito che “Paesaggio con incendio” non racconta solo di dubbi, scelte e sentimenti, ma racchiude in sé anche azione e colpi di scena, in un crescendo di follia e disillusione che incuriosisce il lettore e poi lo lascia col fiato sospeso. La narrazione, fluida e accattivante, è arricchita da un uso ricercato delle parole, e belle descrizioni accompagnano il racconto senza strappi e senza ridondanze. L’epilogo è meno originale, ma si tratta decisamente di un buon romanzo. Consigliato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ernesto

Aloia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Aloia Ernesto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Perché, poco prima delle Idi di marzo, il giorno fatidico in cui venne ucciso, Giulio Cesare rinunciò a essere accompagnato dalla scorta? E perché proprio Bruto e Decimo, gli uomini più vicini al dittatore, avrebbero dovuto desiderarne e organizzarne la fine? Perché, mentre si recava alla Curia, il dittatore di Roma ignorò tutti coloro che lo avvertivano che sarebbe stato vittima di un complotto? E infine perché, quando venne portato via dopo essere stato accoltellato a morte, un lembo della tonaca gli copriva il viso? Secondo Cicerone il dittatore avrebbe provato vergogna per le smorfie di dolore che gli contraevano il volto nel momento della morte, e si sarebbe coperto per nasconderle. Ma se la ragione fosse un'altra? Furono gli schiavi dello stesso Cesare a portare via il corpo del padrone, con il viso nascosto dalla toga. E solo dopo un certo tempo il medico Antistione dichiarò che Cesare era stato colpito da diciotto coltellate, di cui una mortale. Ai tanti enigmi che si affollano intorno alla più famosa congiura della storia, Franco Forte dà un'incredibile risposta nelle pagine di questo romanzo: e se Giulio Cesare non fosse affatto morto alle Idi di marzo? Forse la congiura non aveva la finalità di ucciderlo, ma di sottrarlo allo scomodo e gravoso incarico di padre-padrone di Roma. Offrendogli così la possibilità di tornare a dedicarsi a ciò che nella vita aveva sempre amato: essere alla testa di una legione, la Legio Caesaris, e combattere per la gloria personale e dell'Urbe. Con un ulteriore obiettivo, che solo una mente ambiziosa come quella di Cesare poteva escogitare: raggiungere i confini del mondo alla ricerca della dimora degli dèi, per strappare loro il segreto della vita eterna. Tra colpi di scena strabilianti e gustosissimi cammei di personaggi storici, Franco Forte ci regala la prima epica avventura di Cesare e della sua nuova legione.

Cesare l’immortale

Forte Franco

Scritto nel 1940, questo racconto, ora riproposto da solo, venne pubblicato solo nel 1949, nel volume dal titolo omonimo che comprendeva "Il diavolo sulle colline" e "Tra donne sole". È la storia di Ginia e, più in generale, della scoperta della vita da parte di un'adolescente. Dall'ambiente operaio al quale appartiene, Ginia entra in contatto con alcuni esponenti di una bohème pseudo-artistica e intellettuale: studenti, eccentrici perdigiorno e pittori dilettanti, che si incontrano nei caffè e abitano nelle soffitte. La ragazza si innamora di Guido, un pittore di origine contadina e, dopo aver vinto le resistenze interiori e i rimorsi residui, si lascia alla fine sedurre. È l'inizio della sua dolorosa maturazione come donna.

La bella estate

Pavese Cesare

L'ultimo anno e mezzo per Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, è stato il più intenso di tutta la vita. Si parte col successo delle date negli Stati Uniti, si passa per l'organizzazione del grande concerto benefico "Italia loves Emilia" e alla fine si arriva al grandioso tour di Backup 1987-2012, raccolta di greatest hits che celebra i venticinque anni di carriera. Insomma, un momento irripetibile. Ma chi è questo eterno ragazzo? Dagli esordi in radio fino a oggi, un libro per chi vuole essere a fianco di un vero e proprio fenomeno della musica italiana.

Jovanotti!

Monina Michele

Una madre e una figlia. La figlia tiene un diario e la madre lo legge. Alla storia di anaffettività, di sentimenti negati o traditi della giovane Mia, Giulia risponde con la propria storia segnata da quell'"essere di legno" che sembra la malattia, il tormento di entrambe. È come se madre e figlia si scrutassero da lontano, o si spiassero, immobilizzate da una troppo severa autocoscienza. Bisogna tornare indietro. E Giulia lo fa. Torna a riflettere sulla giovinezza ferita dall'egoismo e dalla prepotenza di una sorella falsamente perbenista, sul culto delle apparenze della madre e sul conforto che le viene da una giovane monaca peruviana, Sofia. Torna a rivivere i primi passi da medico, fra corsie e sale operatorie, il matrimonio con un primario, la lunga attesa di una maternità sofferta e desiderata. Più la storia di Giulia si snoda nel buio del passato, più affiorano misteri che chiedono di essere sciolti. E il legno si ammorbidisce. Ma per madre e figlia l'incontro può solo avvenire a costo di pagare il prezzo di una verità difficile, fuori da ogni finzione.

IO SONO DI LEGNO

Carcasi Giulia