Narrativa

PAESAGGIO CON INCENDIO

Aloia Ernesto

Descrizione: Dietro le sembianze di una sonnolenta località di villeggiatura dell'Appennino, il paese di Castagneto nasconde un enigma collettivo fatto di insanabili rivalità, odi non saziati, antichi amori mai sopiti, nuove e disperate passioni e cocenti solitudini. Vittorio, uno storico quarantenne impegnato in una ricerca sui campi di battaglia della Linea Gotica, vi giunge per due settimane di vacanza con la famiglia, ancora oppresso da un lutto recente che rischia di trasformarsi in una cupa ossessione di morte; Carla, sua moglie, nutre invece il bruciante desiderio di una seconda: maternità. Durante il trascorrere delle due settimane, la coppia senza quasi rendersene conto si troverà coinvolta nei conflitti in corso dietro la rassicurante facciata del paese: un vortice in cui Vittorio e Carla rischieranno di precipitare irrimediabilmente, finché una repentina esplosione di violenza degna di una tragedia elisabettiana non verrà a tracciare il confine tra i perduti e i salvati. Un romanzo che ha il respiro e la lingua di un piccolo classico e il cuore duro di un thriller, in cui il lettore viene risucchiato pagina dopo pagina.

Categoria: Narrativa

Editore: Minimum fax

Collana: Nichel

Anno: 2011

ISBN: 9788875212957

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Le facce, le riconoscevo tutte. Non c’erano discrepanze tra quello che erano e quello che erano state, come nelle loro vite non esistevano fratture – nessuna delle abiure che sembravano caratterizzare la vita in città. Amavano il proprio destino, o perlomeno riuscivano a sopportarlo. Anche se, con la scomparsa delle ultime generazioni che parlavano dialetto e custodivano una tradizione di storie locali, Castagneto vedeva rapidamente sbiadire la propria identità, in paese – e questo ai miei occhi metropolitani pareva davvero impressionante – nessuno mai diventava a tutti gli effetti un individuo: restavi sempre il figlio di Tizio o il nipote di Caio“.

Ogni estate, da quando è nata Giulia, Vittorio e la moglie Carla passano qualche settimana nella vecchia casa dei nonni, lontano dal lavoro e dalla vita frenetica della città. Il desiderio è di poter ritrovare la tranquillità dell’infanzia e della prima giovinezza, recuperare le energie immergendosi in un passato in cui tutto sembrava più facile, ma la verità è che anche a Castagneto il tempo scorre con la stessa rapidità …

Il paese, io l’avrei voluto immutabile. E invece ogni anno scoprivo qualche cambiamento – avevano ripavimentato la piazza, dove una volta c’era un bar ora c’era una banca, qua e là erano comparse fioriere di bronzo e sculture astratte, tutte cose che mi infastidivano

L’inverno è stato terribile… Nel giro di pochi mesi il cancro ha portato via sua madre e Vittorio ora vive con un occhio sempre rivolto alla morte. Per Carla, invece, è diverso: lei vorrebbe un altro bambino e non riesce a pensare ad altro…

La storia della coppia si intreccia con le vicende di un paese in cui il quieto vivere è solo una facciata che nasconde rimpianti e rancori mai sopiti. Restarne coinvolti è una cosa naturale, non occorre invadere l’intimità altrui o mettersi alla ricerca di intrighi e segreti: a Castagneto, tutti sanno tutto di tutti ( “Dal momento in cui venivi al mondo si stringevano vincoli ogni giorno più difficili da sciogliere“).

Vittorio, in particolare, viene suo malgrado trascinato dalla tragica follia di Pietro Abate, ex fidanzato della bella Stefania.

“Pietrino”, che “oltre il cartello Benvenuti a Castagneto si avventurava sempre controvoglia“, sebbene siano ormai passati diversi anni, non riesce ancora ad accettare di aver perso quella che credeva sarebbe stata la sua sposa, e la sua ossessione è alimentata soprattutto dall’esasperato desiderio di stabilità, dall’urgente esigenza di sicurezza che in un piccolo paese spesso rappresenta l’unica linea guida plausibile per la vita di ciascuno: fidanzamento – matrimonio – famiglia. Stefania, invece, li ha varcati presto quei confini, scegliendo di studiare, di viaggiare, di conoscere il mondo, e questo inevitabilmente ha portato le loro vite a dividersi.

La cronaca mondana che prende le mosse dal bar, passando per il macellaio e il fruttivendolo, fino ad arrivare al mercato, non si interessa più della fallita love story tra i due principi ereditari del paese, ma Pietrino non può dimenticare l’onta del rifiuto e continua imperterrito a perseguitare Stefania e la sua famiglia…

Permeando le sue pagine di tensione, Aloia lascia intuire sin da subito che “Paesaggio con incendio” non racconta solo di dubbi, scelte e sentimenti, ma racchiude in sé anche azione e colpi di scena, in un crescendo di follia e disillusione che incuriosisce il lettore e poi lo lascia col fiato sospeso. La narrazione, fluida e accattivante, è arricchita da un uso ricercato delle parole, e belle descrizioni accompagnano il racconto senza strappi e senza ridondanze. L’epilogo è meno originale, ma si tratta decisamente di un buon romanzo. Consigliato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ernesto

Aloia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Aloia Ernesto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Per il famoso scrittore di libri gialli Gian Claudio Vasco, il nuovo romanzo si rivela un'impresa quasi impossibile. Perché questa volta non c'è finzione, deve scrivere di un'indagine vera. Anzi, di una vita intera passata a seguire tracce, a smascherare intrighi criminali. La vita di Bacci Pagano. L'investigatore dei carruggi ha un conto aperto con la morte. L'ultima indagine l'ha messo in pericolo al punto che ora è costretto a casa in una convalescenza forzata e complicata. Ma i suoi amici, il senatore Almansi e l'avvocato Gina Aliprandi, non si sono dimenticati di lui e hanno pensato fosse arrivato il momento di rendere onore a un'esistenza trascorsa a cercare la verità a ogni costo. E Vasco è l'uomo giusto per raccontarla. Eppure il giallista deve faticare non poco per convincerlo. Bacci Pagano non ha nessuna intenzione di finire in un libro. Fino a quando il suo intuito infallibile non gli dice di fidarsi di quello scrittore che fa poche domande e con cui trova un'intesa inaspettata. I due scavano nel passato di Bacci Pagano, tra rimpianti, rimorsi e donne a cui ha spezzato il cuore. E piano piano arrivano a ricostruire quel fatidico giorno in cui qualcuno ha tentato di ucciderlo, per toglierlo di mezzo. Bacci Pagano deve sapere. E se non può indagare di persona, in Vasco ha trovato un valido alleato. Un alleato che a sue spese scopre che il male esiste davvero, che gli incubi peggiori a volte si avverano.

Un conto aperto con la morte (dialogando con l’autore)

Morchio Bruno

Un vocabolario che comincia con un "abbraccio" e prosegue con "cuore", "dedica", "incontro", "notte", e "piangere" in cui Barthes interviene con il suo sottile ingegno di linguista a collezionare tutti questi discorsi spuri in un unico soliloquio. Per il grande pensatore francese l'amore è un discorso sconvolgente ed egli lo ripercorre attraverso un glossario dove recupera i momenti della "sentimentalità", opposta alla "sessualità", traendoli dalla letteratura occidentale, da Platone a Goethe, dai mistici a Stendhal. Si realizza così un repertorio suffragato da calzanti riferimenti letterari e da obbligati riferimenti psicanalitici sul lessico in uso nell'iniziazione amorosa.

Frammenti di un discorso amoroso

Barthes Roland

"Se veramente un giorno riusciremo a sapere quale opinione hanno di noi gli animali, sono certo che non ci resterà da fare altro che sparire dalla faccia del pianeta, sconvolti dalla vergogna. Sempre che, tra cinquant'anni, gli uomini saranno ancora in grado di provare questo sentimento. Io, fortunatamente, non ci sarò. Ma vorrei che qualche mio pronipote consegnasse agli animali una copia di questo libretto perché di me, e di moltissimi altri come me, possano avere un'opinione sia pure leggermente diversa". (Andrea Camiller). Lo zoo personale di Andrea Camilleri è fatto di animali e di storie che entreranno nella nostra vita per sempre. Sono ritratti en plein air: impossibile leggerli e vederli senza sentire dentro qualcosa di fortissimo, perché sono pieni di affetto, confondono il confine tra la coscienza umana e quella degli animali e sono sempre a favore di questi ultimi, nel senso di un'armonia della vita solo nel rispetto di tutte le specie viventi. Cani, gatti, cardellini, ma anche volpi, serpenti e tigri sono descritti come portatori di uno spirito ricco di amore e di intelligenza, molto più complesso e profondo di quanto pensiamo: una 'magaria' inesauribile. Ciascuno di loro sembra comprendere la logica degli uomini, che di volta in volta sfrutta a suo favore o prova a sconfiggere con varie strategie, sempre vincenti: dalla dignità dei tacchini al canto riconoscente di un cardellino, dall'astuzia di un lepro alla commovente compostezza di un gatto innamorato, dalla mite bellezza di una capra alla puntualità discreta di un serpente...

I tacchini non ringraziano

Camilleri Andrea

In un momento di grande attenzione all’alimentazione, alla salute e alla cucina, la confessione denuncia di Christophe Brusset è insieme un pugno nello stomaco e un invito a essere sempre vigili. Brusset è un veterano del settore agroalimentare, ha lavorato nelle principali multinazionali del cibo e qui ha deciso di svelare il suo allucinante funzionamento. Ne esce un ritratto spietato in cui nessuna preoccupazione per la salute di chi consumerà il cibo riesce a oscurare l’imperativo principale: smerciare qualsiasi tipo di prodotto o materia prima, in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo, ottenendone il maggior margine di guadagno possibile. Così nel cibo può finire di tutto: escrementi, antibiotici, diserbanti, ecc. Ancora più impressionante la descrizione della lunga catena che porta a tutto questo: cibo che viaggia per tutto il pianeta, che viene lavorato in luoghi diversi, società intermediarie fittizie, impossibilità per chi lo acquista di sapere da dove venga realmente. Ma grazie ai suoi consigli si può imparare a fare acquisti più oculati e addirittura a orientare l’operato delle multinazionali.

Siete pazzi a mangiarlo

Brusset Christophe